Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Pilotta

Pilotta: informazioni della città di Parma

MoVimento 5 Stelle di Parma: IL PD HA MESSO LE MANI SULLA SANITÀ PUBBLICA. LA NOSTRA DENUNCIA A PARTIRE DA UN FILM INCHIESTA

IL PD HA MESSO LE MANI SULLA SANITÀ PUBBLICA. LA NOSTRA DENUNCIA A PARTIRE DA UN FILM INCHIESTA

Parma, 28 maggio 2017

Un film-inchiesta girato in diversi mesi attraverso  tre regioni italiane (Toscana, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia), considerate all’avanguardia nel settore sanitario pubblico ma che oggi scontano, come altrove, il progressivo taglio di risorse e servizi, che vengono sempre di più ridotti o affidati a gruppi privati. Nasce così il documentario “Mani sulla sanità: la rivolta”, diretto da Giuliano Bugani e Daniele Marzeddu, che verrà proiettato anche a Parma, martedì sera alle ore 20,30, alla sala civica di via Marchesi 35/a. 

Rete Ambiente Parma: secco no di sindaci e popolazione alla cassa Aipo sul Baganza

Giovedì scorso a Felino l’assemblea per discutere della cassa di espansione sul Baganza

Positiva assemblea giovedì 25 al cinema di Felino: tanta gente, tanti sindaci della val Baganza, politici come il deputato Giuseppe Romanini del Pd ed anche Cesare Azzali dell'Upi.

Ma, soprattutto, interventi veri sulla cassa d'espansione, sul torrente Baganza, sull’alveo disastrato e sui problemi della valle, dei suoi versanti boscati.

Organizzata dal Comitato del Casale, da Rete Ambiente Parma e dall'opposizione di sinistra in consiglio comunale, l’incontro ha messo subito al centro la discrepanza tra un manufatto così impattante sul territorio e un'asta di torrente abbandonata a se stessa nella sua parte montana.

Come volere testardamente mettere insieme una scarpa e una ciabatta.

Come se l'alluvione non fosse arrivata proprio dai pendii, da quei versanti ripidi e soggetti a taglio raso, da quel profilo di torrente il cui alveo si è abbassato lasciando terrazzi pensili non più inondabili dalle piene, in cui si è costruito e sottratto spazio all'acqua.

Quello che manca nel progetto Aipo è proprio l’assenza della valutazione dell'impatto territoriale dell’opera.
Gli ingegneri ci hanno frastornato di dati, slides e numeri per raccontarci quanto sia perfetto il loro manufatto, la loro cattedrale nel deserto, ma il problema vero è che non hanno messo nel progetto la riqualificazione dell'alveo del torrente.

Non hanno spiegato come ripristinarlo per metterlo in grado di affrontare le piene di un futuro in cui il cambiamento climatico si farà sentire.

Non hanno tenuto conto minimamente della gente, della necessità di informarla e consultarla in corso d'opera, mentre cresceva l'impianto progettuale.

La Commissione Audit sul debito del Comune di Parma e sue Partecipate risponde alle dichiarazioni di Marco Vagnozzi fatte a TVPARMA il 23 maggio 2017

Marco Vagnozzi

Il presidente del Consiglio comunale di Parma, Marco Vagnozzi, ha mosso obiezioni alla Lettera aperta sul debito pubblico di Parma pubblicata nei giorni scorsi dalla Commissione Audit [LINK], tacciandola d’incompetenza, negligenza, sciatteria, falsità, malafede.

Le contestazioni toccano i seguenti punti:

1) Secondo Vagnozzi, sono errati i dati da noi riportati sulla diminuzione del patrimonio netto dell’azienda ASP-Ad personam, di cui il Comune di Parma detiene il 91%; sostiene infatti che il patrimonio netto di ASP era di euro «27.117.897 al 31/12/2015, mentre loro scrivono che è di 24.677.000. Quindi in realtà è di 2.440.897 superiore».

Rispondiamo: la cifra indicata da Vagnozzi di € 27.117.897 al 31/12/2015 è il Patrimonio Netto Totale, non il 91% spettante al Comune di Parma, corrispondente appunto a € 24.677.286, come esplicitamente indicato nella tabella 1 della nostra «Lettera aperta», che è il dato significativo per ragionare della situazione finanziaria pubblica. Attenendoci a tale dato, il Patrimonio netto di ASP in quota del Comune è calato dal 2011 al 2015 di € 2.135.980. Qualora si volesse adottare il Patrimonio Netto Totale, preferito da Vagnozzi, allora la perdita patrimoniale di ASP dal 2011 al 2015 sarebbe ovviamente maggiore, ossia di € 2.347.230.

Suolo in pericolo: incontro pubblico sul disegno di legge urbanistaca regionale lunedì 29 maggio 2017 ore 21 Centro Bizzozero di Parma

Suolo in pericolo

Lo storico dell’arte Tomaso Montanari sostiene che: “se questa legge dovesse passare, i comuni verrebbero programmaticamente espropriati della facoltà di decidere il futuro del loro territorio: una possibilità interamente conferita ai privati. Dalla (pessima) urbanistica contrattata si passerebbe così alla (esiziale) urbanistica privatizzata: esattamente il contrario di ogni idea di piano

Parma, SCUOLA PER L'EUROPA: MOLTE QUESTIONI ANCORA LONTANE DALLA SOLUZIONE

Scuola Europea di Parma

Qualche giorno fa mi hanno chiesto di definire con un aggettivo Parma e ho risposto "europea", cioè aperta, colta, bella, democratica, efficiente, solidale.

Tra le grandi potenzialità della nostra città c'è appunto la Scuola Europea di Parma, che dalla sua nascita è stata purtroppo travagliata da vicende che, ad oggi, nonostante le numerose promesse, non sono state superate.

L’inaugurazione a settembre del nuovo edificio coinciderà con una disponibilità limitata degli spazi promessi: dopo tanti anni mensa, palestra e auditorium non saranno probabilmente pronti. Il nuovo bando per la ricerca di insegnanti, appena pubblicato, rischia di generare nuovamente ricorsi e successivi esborsi con grave perdita di denaro pubblico dell’ordine milioni di euro (peraltro nessun bilancio è visibile sul sito dell’istituto, nonostante gli obblighi di trasparenza della pubblica amministrazione). Infine la questione delle rette imposte alle famiglie dal Consiglio di Amministrazione (dovute, non dovute? nessuno lo ha ancora capito esattamente) si trascina da tempo, con conseguenze non chiare (chi non paga sarà messo alla porta? Dove andrà?).

Palestra, forniture per la mensa, auditorium, dopo più di 30 milioni di euro stanziati per questo edificio, dovranno inoltre essere pagati con nuovo esborso di denaro pubblico preso dal bilancio scolastico, a fronte di un numero ridottissimo di nuovi iscritti.

ARMONIE CELESTI: Musica sacra alla Steccata di Parma

Il terzo concerto domenica 28 maggio con il Duo Davide Burani (arpa) e Federica Vercalli (violino)

Le corde del violino di Federica Vercalli e quelle dell'arpa di Davide Burani, si uniscono per un concerto ricco di melodie ancestrali e di suoni delicati e intensi. In programma serenate, elegie, romanze per un duo di strumenti di assoluto incanto. Saranno loro ad interpretare il terzo dei cinque concerti in programma alla Basilica della Steccata che compongono il calendario di primavera  della nuova edizione, ArmonieCelesti, la proposta musicale della Fondazione Arturo Toscanini, organizzata con la collaborazione dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio e della Rettoria della Basilica della Steccata. Domenica 28 maggio alle 17.30 – con ingresso gratuito - i due artisti presenteranno un programma di grande attrattiva musicale ma anche di profondo segno spirituale che inizierà con la Sonata op.8 n.3 per violino e arpa di Jean-Baptiste Krumpholtz, compositore e arpista ceco vissuto tra il 1742 e il 1790 e morto tragicamente a Parigi. Seguiranno l’Andante religioso per violino e arpa  di Henriette Renié, la celebre arpista francese spesso penalizzata per le sue profonde credenze religiose, la  Promènade à l’automne e i Deux Préludes Romantiques per violino e arpa di Marcel Tournier, altro celebre membro della scuola francese, e Spring, per arpa sola, del celebre virtuoso gallese John Thomas. A seguire, sempre di Thomas, la Romanza per violino e arpa. Concluderanno il programma due opere di Luigi Maurizio Tedeschi, la Serenade op.28 e l’Elegia per violino e arpa.

Roberto Ghiretti annuncia la denuncia al Corecom del candidato Sindaco Pizzarotti per violazione regole democratiche di campagna elettorale

Sono convinto che in campagna elettorale si debba pensare principalmente alle proprie proposte e non stare a guardare a quello che fanno gli altri, ma quando qualcuno viola apertamente le regole democratiche qualcosa bisogna pur fare.

Mi riferisco al sindaco uscente Pizzarotti che, a dispetto di norme molto precise sulla comunicazione istituzionale, continua ad utilizzare impropriamente il proprio ruolo per promuovere sé stesso e i suoi assessori.

E sì che la legge, articolo 9 della 28/2000, mi pare abbastanza chiara: “Dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l'efficace assolvimento delle proprie funzioni”.

Come si possa immaginare che i numerosi inviti che l'amministrazione comunale sta mandando per incontri alla presenza del Sindaco e dell'assessore Alinovi possano rispettare tale precetto è per me fonte di mistero assoluto. Solo oggi ho ricevuto messaggi dal Comune nei quali mi si informava che i due presenzieranno a “pose della prima pietra” al parco di Vigatto e al Circolo Fulgor Rondine, ma nelle scorse settimane ci sono stati altri episodi simili in giro per la città.

A prescindere dal fatto che credo che gli elettori siano ben vaccinati da questi trucchetti da vecchia, vecchissima politica, il rispetto delle regole democratiche è un principio rispetto al quale non si ammettono deroghe. Per questo motivo rendo pubblico il fatto che ho depositato un esposto al Corecom affinché vigili sul corretto svolgimento di questa competizione elettorale. 

Roberto Ghiretti

Paolo Scarpa: PUNTARE SULLO SPORT PER SALVAGUARDARE I NOSTRI GIOVANI

Non è che lo sport dia grandi esempi di questi tempi. Ahimè, anche nelle forme dilettantistiche. LB

Veniamo da anni in cui i tagli comunali hanno colpito duramente lo sport, mettendo in difficoltà numerose realtà della nostra città da sempre all'avanguardia nel settore della pratica e dell'educazione sportiva. Dobbiamo mettere a punto un nuovo modello gestionale: lo strumento principe saranno gli Stati generali dello sport, un momento assembleare di ascolto durante il quale ragionare del futuro con le società. Perché non esiste un solo modello sportivo ma ne esistono decine, ognuno con proprie regole ed esigenze. L'amministrazione comunale ha il dovere di occuparsi dei movimenti minori dove, grazie al volontariato diffuso, alla partecipazione delle famiglie ed alla rara filantropia di qualche imprenditore, ci si occupa dello sport vero, quello che non appare ma rappresenta la prima barriera al degrado sociale ed il più grande veicolo di civiltà e cultura di una comunità. Si deve favorire la pratica sportiva familiare attraverso meccanismi di defiscalizzazione o di conferimento di borse sportive per le famiglie a basso reddito con ragazzi praticanti lo sport. Contrariamente a quanto afferma l’amministrazione uscente gli interventi effettuati sulla Cittadella coprono solo una parte delle necessità. Occorre un serio intervento per dotare il parco di spogliatoi e docce adeguati alle necessità. La vocazione di tempio dello sport libero deve essere salvaguardata attraverso una generale manutenzione degli impianti e il “modello Cittadella” deve essere esportato in altri parchi cittadini incentivando al massimo la pratica sportiva libera.

La lista dei candidati della Nuova Voce di Parma. Candidata Sindaco Pia Russo.

PIA RUSSO SINDACO 

CANDIDATI ALLA CARICA DI CONSIGLIERE COMUNALE PER

LA LISTA CIVICA “LA NUOVA VOCE DI PARMA” 

 

N.

COGNOME

NOME

LUOGO E DATA DI NASCITA

1

PENNACCHIETTI

DINO

PARMA 24/05/1969

2

MARTINELLI

GUGLIELMO

PARMA 09/09/1948

3

RUTELLI

FRANCESCO

PARMA 11/12/1978

4

NIKIFOROVNA IVANOVSKAIA

TATIANA

SIMIPALATINSK (URSS)

07/12/1954

5

FRONDONI

ANNAMARIA

PARMA 23/04/1946

6

MINARI

FRANCO

Elezioni 2017 a Parma, sondaggio Ixè: Pizzarotti e Scarpa avanti su tutti

A poche settimane dal primo turno delle elezioni amministrative di giugno, in programma l'11 giugno 2017, il sindaco uscente di Parma, Federico Pizzarotti è accreditato del 36,9% delle intenzioni di voto.

Secondo un sondaggio Ixè per Agorà (Raitre), alle spalle di Pizzarotti (candidato di Effetto Parma non più sostenuto dal Movimento 5 Stelle), c'è Paolo Scarpa, candidato del Pd (centrosinistra), dal 20,8% al 35,6%

A seguire Laura Cavandoli (candidata leghista che ha unito il centrodestra) con il 6,4% e Daniele Ghirarduzzi (M5S) al 2,4%.

Debito Pubblico Comune di Parma e sue Partecipate

Palazzo Comune di Parma

- il debito bancario delle Società partecipate è aumentato di 12.751.000 euro;

- il patrimonio netto delle partecipate ha subito una perdita di quasi 14.900.000 euro;

-il Comune ha trasferito alle Partecipate tra il 2012 e il 2015 ben 162 milioni di euro, pari al 27% delle tasse versate dai cittadini;

-Il Comune di Parma nel quadriennio 2012-2015 ha incassato in tutto 597,5 milioni di euro attraverso tasse e imposte comunali: nel 2014 ogni cittadino ha corrisposto ben 941 euro di tasse, la leva fiscale più alta in assoluto di tutti i Comuni dell’Emilia-Romagna fra i 50.000 e i 200.000 abitanti e ben al di sopra della media nazionale (650 euro pro capite). Nel 2011, con 474 euro pro capite, erano invece i meno tassati in assoluto fra i cittadini dei Comuni equiparabili in Regione.

- il Comune di Parma ha ceduto patrimonio immobiliare e soprattutto azioni IREN 18 milioni di azioni sono passate dalle mani pubbliche a quelle delle grandi banche che, per pubblica ammissione dell’amministratore delegato di STT, «non ci hanno rimesso quasi nulla». Bella ristrutturazione del debito! Le tasse dei cittadini sono invece aumentate in quattro anni del 100%.

-La Commissione Audit sul debito pubblico di Parma chiede che venga istituita una COMMISSIONE DI INCHIESTA pubblica e popolare sul debito

La Commissione Elettorale Comunale ha scelto gli scrutatori per le Elezioni Amministrative del 11 giugno 2017

"La Commissione Elettorale Comunale ha scelto gli scrutatori per le Elezioni Amministrative del 11 giugno 2017"

Parma, 18 Maggio 2017. Mercoledì 17 maggio, la Commissione Elettorale Comunale, ha scelto gli scrutatori, tra gli iscritti all'Albo apposito e nel rispetto della Legge di riforma elettorale n. 270 del 21 dicembre 2005, per le elezioni del 11 giugno. Quest’anno sono pervenute al Comune 1280 dichiarazioni di disponibilità da parte di cittadini per il ruolo di scrutatore e tra questi la Commissione Elettorale ha scelto quelli necessari a comporre i seggi.

SEZIONI ELETTORALI

Le sezioni sono 207, più 9 sezioni speciali.

Paolo Scarpa SU CANILE E GATTILE di Parma

Cane in canile

Quando mai da Presidente del Borgo, Scarpa ha fatto qualcosa a favore degli animali? Perché non ha mai chiamato a un incontro con il suo Borgolab l'ex parlamentare europeo Andrea Zanoni ? L'unico politico Italiano in Europa che si è adoperato per i diritti degli animali e dell'ambiente.

Stt, collocate sul mercato azioni Iren per 18 milioni di euro

Stt Holding, la società partecipata interamente controllata dal Comune di Parma, ha collocato sul mercato azioni Iren per un valore di 18 milioni di euro. L'operazione è stata seguita da Unicredit Corporate & Investment banking, come sole bookrunner, in collaborazione con Kepler Cheuvreux.

Il collocamento, con procedura di accelerated bookbuilding rivolto ad investitori istituzionali, si è chiuso ad un prezzo finale di 1,98 euro per azione. Il Comune di Parma detiene il 2,6% di azioni Iren. Stessa operazione, pe run valore di 7,7 milioni di azioni, ha fatto il Comune di Reggio che detiene il 7,7% dell'azienda.

La cessione di quote, già annunciata da Iren e dal Comune di Parma, serve a garantire la copertura del debito maturato dalla holding. 17/05/2017

Fonte Link parma.repubblica.it

Dichiarazione del senatore Giorgio Pagliari sulle dimissioni del rettore Loris Borghi

Le dimissioni del professor Borghi, di cui rispetto la sofferenza personale, sono meritorie perché tolgono alibi alle strumentalizzazioni e agli evidenti tentativi di distrarre l’attenzione dell'opinione pubblica da uno scandalo correlato ad un  sistema di potere consolidatosi (in particolare) nell'era dell’ultimo centrodestra a danno dell'intera città. Sotto questo profilo, le dimissioni sono più che mai un atto responsabile perché ora lo scandalo è “nudo”. E davvero c’è da augurarsi che la giustizia inquirente e quella decidente siano celeri ad assicurare verità e giustizia. Fermo restando che il giudizio politico è già pronunciabile: fuori i mercanti dalla sanità  e da Parma. 

Ciò detto, è certamente “nuda” anche la crisi di Parma, che troppi colpi ha ricevuto e che ora subisce un altro danno di immagine dall'attacco a due suoi gioielli: l’Università e la sanità pubblica.

La sintesi mediatica, infatti e purtroppo, è questa.

Per tale motivo, voglio esprimere la mia solidarietà al personale dell'Università e a quello operante nell’Azienda Ospedaliero-Universitaria, che è  nella massima misura onesto e professionale e che ha contribuito alla riconosciuta credibilità delle strutture di appartenenza.

Ora la crisi va aggredita senza ritardi e concretamente: il rilancio è più che possibile, ma davvero non c’è tempo da perdere.

PRIMA STAGIONE ESTIVA FONDAZIONE TEATRO DUE e inaugurazione Arena Shakespeare 2017 di Parma

Teatro musicale, Teatro Classico, Poesia, Danza un programma trasversale con prime nazionali e ospiti internazionali di grande prestigio per la prima Stagione Estiva di Fondazione Teatro Due che, dal 22 giugno al 17 luglio 2017 inaugurerà la grande Arena Shakespeare di Parma, spazio unico in Italia.

Con l’apertura dell’ Arena Shakespeare e gli spazi ad essa collegati arrivano a dieci i luoghi di rappresentazione di Fondazione Teatro Due, completando la configurazione di una delle fabbriche teatrali contemporanee più articolate e versatili del nostro paese e all’avanguardia nel panorama europeo.

 

Il primo appuntamento, in corrispondenza con il solstizio estivo è Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, realizzato grazie alla collaborazione di Fondazione Arturo Toscanini e Fondazione Teatro Due con la direzione musicale di Loris Borgogelli e la direzione teatrale di Walter Le Moli, uno dei più importanti esempi di incidental music che fonde il verso recitato e il canto, intrecciando con sapienza e raffinatezza le splendide musiche di scena per Soli, Coro e Orchestra op. 61 di Felix Mendelssohn Bartholdy.

STELLE VAGANTI 2017 – quarta edizione- Auditorium Paganini di Parma

Stelle Vaganti 2017 Fondazione Arturo Toscanini

STELLE VAGANTI 2017 – IV edizione- il programma

Auditorium Paganini, Parma

mercoledì 28 giugno 2017 ore 21.30

IN VIAGGIO CONTROVENTO

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Alpesh Chauhan direttore

sabato 8 luglio 2017 ore 21.30
I GRANDI SUCCESSI DI SANREMO

ORCHESTRA SINFONICA DI SANREMO

Roberto Molinelli direttore

con i finalisti del concorso Area Sanremo

venerdì 14 luglio 2017 ore 21.30

IL CINEMA DI BUSTER KEATON

FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Timothy Brock direttore

giovedì 20 luglio 2017 ore 21.30

VINICIO CAPOSSELA

Operazione contro l'Ndrangheta, fermato a Parma l'armiere del clan Arena

Arrestato Antonio Pompeo, legato alla cosca che controllava il Cara di Crotone

Il Cara di Crotone, uno dei più grandi d'Europa era in mano alla 'ndrangheta. Da dieci anni. Su 103 milioni di euro di fondi Ue, che lo Stato ha girato dal 2006 al 2015 per la gestione del centro dei richiedenti asilo di Crotone, 36 sono finiti alla cosca degli Arena.

Questo racconta l'ultima inchiesta della direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, in base alla quale questa mattina sono state fermate 68 persone, molte appartenenti appunto al clan Arena.

Tra gli arrestati Antonio Pompeo, 49enne originario d’Isola Capo Rizzuto, ma fermato a Parma, dove veniva spesso per vedere la fidanzata. Secondo la testimonianza di un collaboratore di giustizia era l’armiere del clan Arena. Nel corso delle indagini in Calabria, nella sua abitazione a Isola Capo Rizzuto, sono state sequestrate diverse armi e numerose munizioni, insieme a un paio di detonatori elettrici. 

La pax mafiosa - 

 L'inchiesta "Johnny" del procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri e dell'aggiunto Vincenzo Luberto ha inoltre scoperto che proprio l’elevato flusso di finanziamenti pubblici riservati all’emergenza migranti ha finito per costituire la principale motivazione della pax mafiosa tra le cosche Arena e Dragone contrapposte ai Nicoscia e Grande Aracri, quest’ultima già protagonista dell’indagine Aemilia , che ha coinvolto anche il parmense. 15 maggio 2017

FonTe Link parma.repubblica.it 

Inchiesta Sanità a Parma, rettore Borghi si dimette: "Lo faccio per l'ateneo"

A una settimana dall'inchiesta Pasimafi in cui risulta indagato per abuso d'ufficio

Il rettore dell'università di Parma, Loris Borghi, si è dimesso.

La decisione arriva a una settimana dall'inchiesta Pasimafi avviata dalla Procura di Parma che ha portato a 19 arresti e 75 indagati tra cui lo stesso rettore, coinvolto nell'indagine per abuso d'ufficio.

Nei giorni seguenti all'inchiesta, le pressioni nei suoi confronti, da parte della politica e dei rappresentanti degli studenti, erano costantemente aumentate perché lasciasse l'incarico.

Roberto Ghiretti sull'utilizzo improprio del Wopa da parte di Effetto Parma

Foto di Roberto Ghiretti:Wopa utilizzato da Effetto Parma Foto di Roberto Ghiretti:Wopa utilizzato da Effetto Parma

Che la commistione pubblico-privato nella gestione del Wopa potesse generare qualche confusione nell'immaginario del candidato sindaco Pizzarotti lo avevo messo in preventivo, ma mai mi sarei aspettato di veder utilizzato uno spazio pubblico di fatto come sede elettorale per la campagna elettorale di Effetto Parma.

Le foto che allego sono state scattate ieri sera al Wopa nel corso di una manifestazione e testimoniano come una struttura pubblica data in concessione all'ordine degli architetti e in gestione ad una associazione, viene usata come ripostiglio per mezzi che di sicuro saranno utilizzati nei prossimi giorni per promuovere la rielezione di un sindaco che evidentemente non ha le idee chiare sul confine tra pubblico e privato.

Una confusione di ruoli e competenze certo non semplificata dal fatto che il presidente dell'Ordine degli Architetti, nonché membro del consiglio dell'associazione “Workout Pasubio” che ha in gestione il Wopa, è uno dei 32 candidati che compongono la lista di Pizzarotti.

Su questa faccenda nei prossimi giorni chiederemo tutti i chiarimenti del caso a chi di dovere, per il momento lascio ai cittadini la libertà di valutare se questa spregiudicata gestione di beni che sono pur sempre pubblici sia o meno accettabile. 

Roberto Ghiretti

Leggere tra le ruspe: incontri con le liste elettorali

Parma, 14 maggio 2017 - In questi giorni siamo stati contattati dai rappresentanti di alcune liste candidate alle prossime elezioni amministrative, per incontri di carattere informativo sui temi che da anni affrontiamo: la crisi delle Biblioteche Comunali, le minacce al Centro Cinema, il futuro dell'Ospedale Vecchio, le politiche culturali indirizzate alla popolazione.

Nulla cambia, per noi, rispetto alla campagna elettorale del 2012: come comitato di utenti delle Biblioteche, non appoggeremo nessuna lista.

Ovviamente le esperienze portano alcuni insegnamenti: denunciavamo gli sfaceli prodotti dalla Giunta Vignali e dell'assessorato Sommi; partecipavamo agli incontri dei comitati col commissario Ciclosi; eravamo presenti ai dibattiti sulla cultura a Parma durante la campagna elettorale 2012; assistevamo increduli alla seduta di Commissione Cultura del 18 settembre 2014, quando l'assessore Ferraris disconosceva, in sostanza, lo stesso programma elettorale del partito che l'aveva scelta.

La crisi delle Biblioteche dura da troppi anni: ogni volta che assistiamo agli eventi culturali così pubblicizzati, pensiamo alle pietose cifre dei prestiti bibliotecari, al trattamento riservato a tante istituzioni culturali di Parma (Emeroteca, Centro Cinema, Biblioteche Bizzozero, Balestrazzi, ecc.); pensiamo al continuo ricorso alle esternalizzazioni, alle scelte improvvisate (sede della Biblioteca di Alice), allo svilimento del lavoro bibliotecario.

I problemi della cultura a Parma hanno trovato, con poche eccezioni, scarso interesse da parte dei soggetti politici rappresentati in Consiglio.
Vale comunque la pena, a nostro avviso, lavorare affinché queste tematiche trovino maggiore spazio nella campagna elettorale.

Parma, chiusura ricezione liste elettorali 2017

Parma, 13 Maggio 2017- Alle ore 12.00 si sono conclusi i lavori di ricezione delle liste elettorali che parteciperanno alle Elezioni del Sindaco e del Consiglio Comunale di Parma previste per il giorno 11 giugno 2017, con eventuale turno di ballottaggio il giorno 25 giugno. 
Elenco PDF delle liste presentate presso questo Comune. Le liste verranno ora rimesse alla Commissione Elettorale Circondariale per la verifica e la definitiva approvazione che consente l'ammissione al voto. Al termine dei lavori, verrà effettuato il sorteggio dell’ordine in base al quale saranno riprodotti, sul manifesto e sulle schede, i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e, accanto ad essi, l’ordine con cui saranno riportati i contrassegni delle liste collegate.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti