Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - 2007

January 1st

Messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

- 31 dicembre 2007 -

A voi che mi ascoltate, e a tutti gli italiani, in patria e all'estero, sento di dovere una risposta, insieme con il più sincero, cordiale augurio. Una risposta alla domanda che più ci inquieta : come dobbiamo guardare all'anno che sta per iniziare, con quali preoccupazioni e con quali motivi di speranza e di fiducia? E' una domanda non facile, alla quale vorrei provarmi a rispondere partendo da quel che dell'Italia ho visto e ho potuto intendere lungo tutto il 2007, attraverso un gran numero di visite e di incontri.

Ho visto, dal Sud al Nord - la mia più recente, intensa tappa è stata Milano - aspetti eloquenti dell'Italia che vuole crescere, divenire più moderna e più giusta, e che sa come per non perdere terreno in Europa e nel mondo debba vincere competizioni e sfide difficili. Ho colto - nelle situazioni più diverse, anche se non dovunque nella stessa misura - segni concreti di dinamismo e di capacità innovativa, prendendo visione di realizzazioni e progetti audaci. Mi si è presentata in questa luce la realtà dell'economia, delle imprese e del lavoro produttivo ; e la realtà di istituzioni indubbiamente vitali. Ho visitato, in particolare, Istituti di ricerca e di alta formazione che possono ben vantare il titolo di centri di eccellenza.

MORTO SOTTSASS, L'ARCHITETTO CHE AMAVA DISEGNARE DI TUTTO

(ansa.it) ROMA - La sua Valentine, la mitica macchina da scrivere portatile disegnata per Olivetti nel '70, è un'icona del design, famosa in tutto il mondo, amata e usata da giornalisti e scrittori di fama, esposta al Moma di New York. Ma nella sua lunga e felice carriera di architetto, 'figlio di architetto', come amava ripetere lui, Ettore Sottsass, novant'anni compiuti lo scorso 14 settembre, ha spaziato in tanti campi, dal disegno industriale, alla fotografia, persino i gioielli. Intellettuale inquieto e voracemente curioso, artista, ma in primo luogo e sempre architetto, protagonista di assoluto rilievo con i suoi progetti del Novecento italiano. Lucido e in forma, ha lavorato fino all'ultimo, partecipando anche all'allestimento della mostra 'Vorrei sapere perche'' che fino al 2 marzo ne celebra il genio a Trieste, nel Salone degli incanti della ex pescheria. "Penso ad una piccola mostra ma molto emozionante - spiegava - mi piacerebbe che i visitatori uscissero piangendo , cioé con un'emozione". Nato in Austria, a Innsbruck nel 1917, Sottsass ha studiato architettura al Politecnico di Torino, dove si è laureato nel 1939. Nel '47 ha aperto il suo primo studio a Milano. Dal 1958 inizia la collaborazione con Olivetti, che durera' 30 anni. Nel '59 grazie al progetto per il computer Mainframe Elea 9003 vince il Compasso D'Oro. Dal '75 collabora anche con Artemide. Come artista ha partecipato al Mac (movimento arte concreta) e allo Spazialismo negli anni '40-'50, ma dalla fine degli anni '70, prima col gruppo Alchimia e poi fondando nel 1981 Memphis (al quale partecipavano amici e colleghi di fama mondiale), si fa promotore del nuovo design italiano.

A CAMPIGLIO IN FIAMME HOTEL DES ALPES

(ansa.it) TRENTO - Paura, ma nessun ferito nel rogo dell'Hotel Des Alpes a Madonna di Campiglio. I vigili del fuoco hanno dichiarato rientrato l'allarme per l'incendio che ha interessato l'albergo, costringendo i 400 ospiti a lasciare la struttura e a radunarsi all'interno del PalaWroom. Trecento trascorreranno la nottata nella struttura in centro a Campiglio, mentre un altro centinaio di turisti sta lasciando la località di vacanza del Trentino perché impossibilitati a trovare altri alloggi a causa del tutto esaurito.

Ospite dell'albergo anche Gianni Ippoliti, che stasera avrebbe dovuto condurre lo spettacolo di Capodanno. "E' andato tutto bene - il suo comento-. Certo vi sono dei danni alla struttura ma si può ricostruire tutto. Immaginiamo se invece una persona avesse avuto un problema serio o avesse rischiato la vita. Sarebbe stato ben peggio".

Le fiamme hanno interessato anche il tetto del Salone Hofer, lo storico salone delle feste dove la leggenda indica che abbia ballato anche la principessa Sissi. Nessuna persona è rimasta ferita. Secondo le prime indiscrezioni a causare il rogo sarebbe stato un cortocircuito. Nelle scorse settimane era andata fuoco la discoteca Zangola, locale cult della località trentina. In quel caso le fiamme erano subito apparse di natura dolosa

DI CHE SEGNO SEI? PREVISIONI 2007 UN DISASTRO

(ansa.it) MILANO - Amore, successo, lavoro, denaro, politica, salute. Sono questi i giorni delle previsioni da parte di sensitivi, astrologi, maghi di ogni genere e a vario titolo. Televisioni, radio, rotocalchi dedicano grande spazio alle previsioni. E anche le persone più scettiche non resistono a gettare un'occhiata al loro segno zodiacale. In fin dei conti, che c'é di male? Nulla, "se resta un gioco" sottolinea il Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sul paranormale (Cicap), organizzazione fondata nel 1989 da Piero Angela tra i cui membri vi sono tra gli altri Silvio Garattini, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Carlo Rubbia e Umberto Eco. Sì, astrologi e oroscopi non sono granché affidabili.

Il Cicap anche quest'anno ha messo a confronto le previsioni per l'anno trascorso con quanto poi realmente accaduto. Un vera delusione. Sarkozy perdente alle elezioni politiche (Horus sul Venerdì di Repubblica). Carla Bruni innamorata di Raphael Enthoven (astrologa Barbara Massimo). Sistema televisivo che si risolleva da settembre in poi ( Franca Mazzei). Un 2007 facile da gestire per Prodi ( Grazia Bordoni su Sirio). Simone Cristicchi non ha gli astri favorevoli (astrologa Sirio). La coppia Buffon-Seredova senza figli (sensitivo Solange). Borse in tenuta per tutto l'anno (Grazia Mirti). Sono solo alcuni esempi di illuminata preveggenza.

Di che segno sei? La vita affettiva sta a cuore a tutti. Sognare è bello. Ma è bene tenere presente che David Voas, dell'università di Manchaster, ha preso in esame più di un milione di coppie e ha concluso che " non esiste alcun rapporto tra segni zodiacali e l'intesa di coppia". Facciamocene una ragione.

LA STORIA DELL'ORSO KNUT SARA' UN CARTONE

(ansa.it) ROMA - La storia dell'orso polare Knut, star dello Zoo di Berlino, che ha compiuto un anno il 5 dicembre, diventerà probabilmente un cartone animato: Ash R. Shah, produttore di Hollywood, che ha nel suo passato tra l'altro 'Garfield', ha fatto un'offerta per assicurarsela. Lo Zoo ha avuto a suo tempo l'accortezza di depositare il nome di Knut come marchio commerciale e ha già lanciato prodotti e gadget a lui collegati. Knut è diventato il beniamino dei visitatori dello zoo di Berlino grazie alla sua storia sfortunata, cominciata con il dramma dell'abbandono da parte della madre Tosca e la morte del fratello gemello. 12 mesi dopo non c'é più però traccia tristezza nel popolare orso bianco, che da batuffolo di 810 grammi è arrivato a pesare 115 Kg. Shah si è detto pronto a versare 100 mila dollari (68 mila euro) subito e nella sua offerta parla di proventi per lo zoo di "approssimativamente 5 milioni di dollari (3,8 milioni di euro) nell'arco di due anni". Il direttore dello zoo, Bernhard Blaskiewitz, conferma che la trattativa è in corso e che i soldi servirebbero a ingrandire lo spazio destinato a Knut oltre a finanziare altre interventi.

BERTOLUCCI: STELLA D'ORO SUL SUNSET BOULEVARD

(ansa.it) CAPRI - La stella di Bernardo Bertolucci illuminerà Hollywood. L'amministrazione di Los Angeles, accogliendo una proposta dell'Istituto Capri nel mondo, dedicherà al grande regista italiano la prestigiosa stella sul marciapiede del Chinese Theatre sul Sunset Boulevard dove unico nome italiano è ad oggi Sofia Loren. Lo ha annunciato il presidente della Camera di Commercio di Hollywood Leron Gluber a Capri,Hollywood in corso in questi giorni. La cerimonia ha già una data: il 19 febbraio, durante la settimana di Los Angeles,Italia, il festival del cinema italiano alla terza edizione, che sarà presentato ufficialmente domani a Capri. La notizia è nuova anche per Bernardo Bertolucci che sta trascorrendo questi giorni di festa in Giamaica.

Amato: 2007, difficolta' e grandi successi

(ansa.it) ROMA - Il 2007 è stato un "anno difficile", cominciato con la "terribile tragedia" dell'uccisione di Filippo Raciti, ma anche un anno di "grandi successi nella lotta alla criminalità, e di questo a tutti voi il Paese davvero deve essere grato". E' con il ricordo di Raciti che inizia il messaggio augurale del ministro dell'Interno Giuliano Amato a Polizia di Stato, Carabinieri e Vigili del Fuoco.

Papa: deficit di speranza male oscuro societa'

(ansa.it) CITTA' DEL VATICANO - E' il "deficit di speranza e di fiducia nella vita" il vero "male 'oscuro' della moderna società occidentale". Lo ha affermato Benedetto XVI nell'omelia dei Primi Vespri nella basilica di San Pietro, rito che si concluderà col tradizionale 'Te Deum' di fine anno. Il Papa, in presenza del sindaco Walter Veltroni, ha fatto riferimento in particolare ai problemi della città di Roma, richiamando soprattutto al valore della speranza cristiana, tema della sua enciclica 'Spe salvi'. "Questa è la nostra preghiera, stasera: soccorri, Signore, con la tua misericordia gli abitanti della nostra Città, nella quale, come altrove, gravi carenze e povertà pesano sulla vita delle persone e delle famiglie, impedendo di guardare al futuro con fiducia". Per il Pontefice, inoltre, "non pochi, soprattutto giovani, sono attratti da una falsa esaltazione o, meglio, profanazione del corpo e dalla banalizzazione della sessualità". "Come enumerare poi - ha proseguito - le molteplici sfide che, legate al consumismo e al secolarismo, interpellano i credenti e gli uomini di buona volontà?". "Per dire tutto in una parola - ha aggiunto -, anche a Roma si avverte quel deficit di speranza e di fiducia nella vita che costituisce il male 'oscuro' della moderna società occidentale". Benedetto XVI ha ricordato l'impegno della comunità diocesana per rispondere alla "grande emergenza educativa", "cioé la difficoltà che si avverte nel trasmettere alle nuove generazioni i valori-base dell'esistenza e di un retto comportamento".

IL TOPO NON FA SCHIFO PERCHE'..........

Alle considerazioni di un ben noto conduttore televisivo, che - durante la trasmissione - aveva espresso un giudizio negativo sul Topo, così replicai: "Il Topo - animale di eccezionale intelligenza - possiede un sistema immunitario, congenito od acquisito, che gli consente di razzolare tra la spazzatura senza riceverne alcun danno. E di questo fatto - ritengo - non è lecito fargliene una colpa. L'animale-uomo, invece, non possiede un sistema immunitario così efficiente, eppure crea sporcizia e vive nella sporcizia. Dal punto di vista pratico e soprattutto intellettivo, l'uomo è un autentico imbecille e dal confronto con gli altri animali - suoi naturali compagni di viaggio - ne esce sempre da biasimare e con le ossa rotte. Ma, egli è anche criminale, perchè sa per certo che l'inquinamento atmosferico, che impunemente produce,si sta ritorcendo inesorabilmente contro sé stesso, i propri figli e gli altri animali. Ciò nonostante, l'animale-uomo, ‘dotato delle più prestigiose prerogative intellettive, morali ed anche divine (si attribuisce un'anima, che non riconosce agli altri animali)', non è disposto a rinunciare a tutto quanto produce inquinando (macchina, riscaldamento, energia elettrica, ecc.ecc.); e, come se non bastasse, non è disposto a rinunciare alle guerre, che producono immancabilmente morte. Mi dica, si può essere più idiota di così? Allorché la specie umana, assieme purtroppo a tante altre specie viventi, scomparirà a causa dell'inquinamento, sa chi resterà sulla faccia della terra a farla da padrone incontrastato?

LIBRO - DOVE SEI? ONTOLOGIA DEL TELEFONINO

Vincitore del premio filosofico "Castiglioncello", 2006

(link) Questo è il primo (e a tutt'oggi l'unico) libro di un filosofo dedicato al telefonino, un mezzo centrale nella vita di tutti, forse anche più del computer. Un mezzo di cui ricorre quest'anno il ventennale, giacché il 7 settembre 1987, nel secolo scorso, ma sembra ormai un secolo fa, venne ratificato un accordo fra tredici paesi europei per la diffusione del sistema GSM (Global System for Mobile Communications), lo standard di telefonia mobile che ha portato alla effettiva mondializzazione del telefonino.
Proprio per questo valore globale, parlare di telefonini non è parlare oggetti qualunque, bensì delineare l'essenza della nostra vita. Se guardi filosoficamente un telefonino, se ti chiedi davvero che cos'è (questo il senso della "ontologia del telefonino"), puoi forse capire chi sei tu, chi siamo noi, e come è fatto il mondo in cui viviamo.

IN DIFESA DI UNA SANA OMOSESSUALITA'

Mi riferisco ad una recente trasmissione televisiva, avente per oggetto l'Omosessualità. Provai la sgradevole sensazione che i conduttori, coadiuvati da un vecchio prete e da un laico-cattolico - dalle idee un po' 'deliranti', abbiano strumentalizzato un ragazzo di 20 anni circa, il quale si è sforzato di far loro comprendere - volutamente reticenti - che la propria omosessualità era perfettamente naturale, che viverla era altrettanto naturale e che al contrario non viverla sarebbe stata contraria alla natura e quindi alla volontà di Dio. Certamente quel ragazzo omosessuale era ed è tutt'oggi molto migliore e più puro di preti pedofili e non, di preti omosessuali e non, oltre che di tanti tantissimi cristiani bigotti eterosessuali, che si dedicano al 'sollazzo' dello scambio delle coppie (anche se regolarmente sposate e con rito cattolico) e a moltissime altre aberrazioni etiche, a causa delle quali l'animale-uomo dovrebbe vergognarsi di esistere. E' mai possibile che in Italia, laddove c'è in ballo la sessualità, la si voglia a tutti i costi confondere con l'illecito e con il peccato? E poi perchè la stragrande maggioranza dei conduttori televisivi nelle trasmissioni di taglio sessuale ha paura di invitare ad affrontare questo tipo di tematica (e non solo questa) anche i cristiano-protestanti, che certamente hanno le idee molto più chiare di milioni di cattolici, spesso molto ignoranti?

GOVERNO: DA DINI 7 CONDIZIONI; PRODI 'VEDE', DISCUTIAMO

Federico Garimberti

(ansa.it) ROMA - Sette punti programmatici "imprescindibili". E' l'ultima carta messa sul tavolo da Lamberto Dini nel braccio di ferro con Romano Prodi. Una mano alla quale il premier non si sottrae e che anzi va a vedere, definendo l'ultimatum diniano uno "spunto di riflessione". L'ex ministro degli Esteri affida ad una lettera sul 'Corriere della Sera' - firmata anche dal senatore Natale D'Amico, ma non dall'altro liberdemocratico Giuseppe Scalera - il suo "programma minimo, ma imprescindibile": drastica riduzione della spesa con l'uscita anticipata di almeno il 5% dei lavoratori pubblici; riduzione dei costi della politica, a partire dall'abolizione delle province; decremento del carico fiscale; drastica revisione degli investimenti 2007-2013, concentrando le risorse su ferrovie, strade, porti e aeroporti soprattutto del Sud; realizzazione di un sistema nazionale di valutazione dei risultati scolastici, al quale si leghi l'incremento delle retribuzioni degli insegnanti; riduzione da 45 a 15 giorni della sospensione feriale dei termini processuali e turnazione delle ferie dei giudici; ridimensionamento della presenza della politica nella sanità.

Oltre a chiedere a Prodi una risposta "chiara" e "senza ambiguità", Dini pone come tempo massimo la verifica di gennaio. Altrimenti, aggiunge minaccioso, negherà la fiducia allo scopo di dar vita a un nuovo governo.

PREZZI: CODACONS, IN ARRIVO STANGATA DA 1.075 EURO A FAMIGLIA

(ansa.it) ROMA - Si prepara una stangata da oltre mille euro per le famiglie italiane nel 2008. La stima è del Codacons, secondo cui dalle bollette ai carburanti, dai trasporti all'alimentazione, una famiglia media spenderà circa 1.075 euro in più rispetto al 2007, in assenza di interventi governativi. Che, invece, sono sollecitati dal Codacons perché "migliaia di famiglie rischieranno la bancarotta". Scendendo nel dettaglio, l'aumento maggiore fra le spese degli italiani dovrebbe riguardare gli alimentari e le bevande con 400 euro, poi i carburanti con 160 euro e il riscaldamento con 140 euro. I trasporti (locali e nazionali) dovrebbero pesare per 120 euro in più, i servizi pubblici locali (come acqua e rifiuti), senza calcolare aumenti di Ici e addizionali Irpef, per 50 euro.

Il Codacons stima un aumento di spesa per la luce di 45 euro, mentre per i servizi bancari si dovrebbero pagare 35 euro in più, escludendo però eventuali aumenti delle rate dei mutui (per quelli variabili si stima un aumento medio di 240 euro all'anno). Per il gas, una famiglia media italiana, potrebbe dover pagare 32 euro in più, mentre per l'Rc auto 30 euro e per le autostrade 28 euro. Altre voci come revisioni auto, canone Rai, potrebbero pesare sul portafoglio in media 35 euro in più. "Di fronte a tali dati - afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi - appare chiaro come un intervento del Governo per salvaguardare i bilanci familiari non sia più differibile. E' indispensabile adottare misure per contenere le tariffe, determinare una riduzione dei prezzi di almeno il 10%, tagliare la filiera produttiva, incentivare la vendita diretta produttore-consumatore, incrementare la concorrenza in tutti i settori critici.

Le 7 vittime

(ansa.it) TORINO - I piu giovani avevano 26 anni, il più anziano 54: la tragedia del rogo avvenuto nello stabilimento torinese della ThyssenKrupp nelle prime ore del 6 dicembre ha il volto di sette operai, trasformatisi in torce umane, che sono morti nell'arco di 24 giorni a causa delle gravissime ustioni che hanno riportato.

- 6/12/2007. Antonio Schiavone, 36 anni. E' stato il primo a morire, lo stesso giorno dell'incidente, ed anche l'unico all'interno della fabbrica. Aveva una moglie, Immacolata, e tre figli piccoli: due bimbe di 4 e 6 anni, Giada e Giulia, e un maschio, nato appena due mesi fa, Michele. Da tre anni viveva a Envie, in provincia di Cuneo.

- 7/12/2007. Roberto Scola, 32 anni. E' morto, poco prima delle 7 del mattino, all'ospedale Cto. Aveva il 95% di ustioni su tutto il corpo. Era sposato con Egla ed aveva due figli di un anno e mezzo, Gabriele, e tre anni, Samuele. Quando era arrivato al Cto era cosciente e terrorizzato all'idea di non rivedere più i suoi bambini.

- 7/12/2007. Angelo Laurino, 43 anni. E' morto nel pomeriggio, al San Giovanni Bosco. E' stato stroncato da un'insufficienza multiorgano. Aveva ustioni di terzo grado sul 95% del corpo. Residente a Torino, aveva moglie, Sabina, e due figli, Fabrizio di 12 anni e Noemi di 14.

- 7/12/2007. Bruno Santino, 26 anni. E' deceduto in serata al Cto. Era stato trasferito in giornata dall'ospedale Maria Vittoria. Aveva un fratello, Luigi, pure lui operaio alla Thyssenkrupp, e si sarebbe dovuto licenziare per andare a gestire un bar con la fidanzata Anna, di 21 anni. Il padre Antonio è stato l'emblema del corteo dei sindacati per le vie di Torino.

THYSSEN: PRODI, L'ANNO FINISCE MALE

(ansa.it) PASSO CAMPOLONGO (BELLUNO) - "L'anno finisce male. Ho sentito che è morto anche il settimo operaio della Thyssen di Torino. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Romano Prodi, all'uscita del residence Campolongo dove sta trascorrendo un breve periodo di vacanza. "E' la tragedia sul lavoro più grave degli ultimi anni in Italia" ha detto Prodi. "Siamo all'ultimo dell'anno e dobbiamo ricordare tutti e sette i ragazzi, questi operai che sono morti nella fabbrica". "Il nostro proposito - ha aggiunto il premier - deve essere che queste cose non accadano più. La sicurezza sul lavoro deve essere il nostro primo obiettivo".

Giuseppe Demasi, 26 anni, e' morto ieri. Era il settimo operaio rimasto ferito gravemente nell'incendio avvenuto nella notte tra il 5 e il 6 dicembre nello stabilimento di Torino della ThyssenKrupp. Nell'incendio era morto sul colpo Antonio Schiavone, poi nelle settimane successive si sono verificate le altre morti. Demasi era stato sottoposto a tre interventi chirurgici, ma nei giorni scorsi le sue condizioni si erano aggravate. L'uomo è morto oggi poco dopo le 13,30.

L'altro ieri, a Torino, oltre 400 persone, molte delle quali dipendenti dell'acciaieria, avevano partecipato ad una fiaccolata di solidarietà alle prime sei vittime dell'incendio (Antonio Schiavone, Angelo Laurino, Roberto Scola, Rocco Marzo, Antonio Santino e Rosario Rodinò) e proprio a Giuseppe Demasi.

KENYA: ANCORA SCONTRI, AUMENTANO I MORTI

(ansa.it) NAIROBI - Alla popolazione degli slums di Nairobi la polizia ha intimato di restare nelle loro baracche, altrimenti potrebbe essere aperto il fuoco contro di loro. La notizia non è ufficiale, ma giunge da fonti convergenti sul campo. Alcuni slums di Nairobi, dove vivono ammassati milioni di persone, sono stati l'epicentro delle violenze che hanno fatto seguito alla contestata proclamazione di Mway Mbeki a presidente del Kenya. Ci sono stati morti e feriti, incendi e violenze di ogni tipo. Intanto si stanno allargando in tutto il Paese gli sms del terrore. Messaggi che indicano che questo o quel leader sono stati uccisi. Non è vero, ma si mira così ad alimentare il clima del terrore, già di per sé tragico. Oltre a quelli degli slums di nairobi, nell'Ovest del Paese si contano già almeno una sessantina di morti.

Nell'obitorio di Kisumo si trovano stamane i cadaveri di 46 persone uccise da colpi d'arma da fuoco durante gli incidenti di ieri. Kisumo è nell'Ovest del Kenya, sul Lago Vittoria, cuore dell'etnia Luo, quella del leader dell'opposizione Raila Odinga. Incidenti violentissimi vi erano scoppiati ieri al momento della proclamazione di Mwai Kibaki quale vincitore delle presidenziali in Kenya, respinta da Odinga come "inaccettabile frode" che "potrebbe gettare il Paese nel caos".

CAPODANNO: NEVE SU ALPI, FREDDO SULL'ITALIA

(ansa.it) ROMA - Abbondanti nevicate sulle Alpi, poche piogge, più che altro al Sud, ancora un po' di nebbie al Nord e freddo ovunque, con gelate diffuse sulle regioni settentrionali. E' il tempo previsto per Capodanno dal meteorologo del centro Epson Meteo, Andrea Giuliacci, secondo il quale, tra mercoledì 2 e giovedì 3, grazie a una intensa perturbazione atlantica, torneranno le piogge su gran parte d'Italia, accompagnate anche da abbondanti nevicate sulle Alpi e su alcune parti della Pianura Padana.

LUNEDI' 31 DICEMBRE: bello al Nord e Toscana, ma con qualche nebbia mattutina. Nubi sul resto d'Italia: qualche pioggia su Abruzzo, Molise e regioni meridionali, con deboli nevicate sui rilievi oltre 600-800 metri. Ventoso per gelidi venti settentrionali. Temperature quasi ovunque in calo: gelate mattutine su tutto il Nord; massime in generale sotto la norma. Nella notte di San Silvestro qualche pioggia solo in Puglia; attenzione alle gelate diffuse al Nord e alle nebbie anche fitte in Pianura Padana.

MARTEDI' 1 GENNAIO: un po' di nuvole innocue al Nordovest, Sud e Isole, prevalenza di cielo sereno altrove. Qualche nebbia a inizio giornata sulla Pianura Padana orientale. Freddo intenso, accentuato da gelidi venti settentrionali: minime sotto zero gradi su gran parte del Centro Nord. -

MERCOLEDI' 2 GENNAIO: nuvole su tutta Italia: piogge sparse su coste venete, regioni centrali e Sardegna; nevicate fino in pianura su Trentino, resto del Veneto, Friuli e, in serata, anche Piemonte e Lombardia, al di sopra di 500-800 metri invece sull'Appennino Centrale. Ancora molto freddo ovunque. Venti forti sui mari di ponente.

NAPOLITANO CHIEDE RIFORME, PREVALGA INTERESSE NAZIONALE

(ansa.it) ROMA - Sopra la scrivania la copia della Costituzione sulla quale, da 60 anni, giurano i ministri della Repubblica. Dietro le spalle, accanto al Tricolore, la bandiera europea. Un discorso di venti minuti al massimo (l'anno scorso sono stati 18), dallo studio alla Palazzina del Fuga al Quirinale, per non invadere troppo il campo del cenone di fine anno. Giorgio Napolitano ha fatto stasera la prova generale del suo secondo messaggio agli italiani: postazione, luci, telecamere. Domani, alle 20:30, sarà in diretta tv, a reti unificate; e anche sul web dal sito della Rai (www.rai.tv), che lo trasmetterà in streaming, e poi sbarcherà, per la prima volta, su youtube. Il discorso del presidente della Repubblica sarà preceduto o seguito dalle note dell'Inno Nazionale. Spenti i riflettori, un rapido brindisi all'anno nuovo con i suoi collaboratori; poi, l'attesa della mezzanotte in forma del tutto privata, a casa, in famiglia. Anche quest'anno, infatti, il capo dello Stato ha confermato la decisione di non promuovere il concerto di Capodanno sulla piazza del Quirinale, che era stato un'iniziativa di Carlo Azeglio Ciampi. Una scelta sobria (anche di austerità, per evitare spese eccessive), di understatement, nello stile proprio di Napolitano. Martedì, probabilmente, il trasferimento nella sua città, Napoli, per trascorrere qualche giorno di riposo in attesa di una ripresa politica che s'annuncia incandescente. Insomma, poche novità nella forma del messaggio di fine anno. Ma molte attese, soprattutto nel mondo dai partiti. Il discorso del presidente della Repubblica (come consuetudine, lavorerà fino all'ultimo alle limature) si annuncia infatti tutto 'politico'.

Boss alla milanese

Di G. D'Imporzano, P. Gomez e L. Sisti

(espresso.repubblica.it )
Che notte quella notte! Quella del 17 dicembre dell'anno di grazia 2007 rimarrà segnata a lungo negli annali di Buccinasco, un paesone a sud di Milano, un tempo quartiere dormitorio e oggi zona residenziale dove le case si vendono anche a quattromila euro al metro quadro. La ricorderanno i 28mila abitanti, ma la ricorderà anche la 'ndrangheta, la mafia calabrese. Dopo una seduta fiume di dieci ore, tra discussioni e sigarette fumate, rigorosamente 'en plein air', ecco arrivare in porto il nuovo piano regolatore della città: tra champagne e panettone, giusto otto giorni prima di Natale. Hurrah, è fatta, gongolano i componenti della giunta di centrodestra guidata dal sindaco Loris Cereda. Una colata di cemento si poserà su Buccinasco, che vedrà quasi raddoppiati i volumi edificabili, passati da 270 mila, spalmati in dieci anni, a 500 mila in appena tre anni, e quasi triplicare la possibilità d'investimento nell'edilizia che ora sfiora la cifra record di 500 milioni di euro. Per la gioia di quello che qui chiamano il "partito del mattone", ben rappresentato in consiglio comunale da proprietari terrieri, titolari di studi di progettazione e di agenzie immobiliari. Ma anche per la felicità degli eredi della famiglia 'ndranghetista dei Barbaro di Platì, nel cuore dell'Aspromonte, oggi tutti impegnati nel business legale del movimento terra.

Il circolo Rockefeller

Paolo Pontoniere
da San Francisco

(espresso.repubblica.it) Pochi ne hanno sentito parlare. Ed è naturale, perché con una quota d'iscrizione di 25 mila dollari il Global Philanthropists Club (GPC) non è precisamente l'associazione missionaria del Fatebenefratelli. Qui a iscriversi sono i membri delle famiglie più ricche del mondo, 65 per l'esattezza, sparse in 23 paesi. Gente nota come gli Hewlett - quelli della Hewlett Packard - e meno nota come i Gund, gli Hunt e i Goldberg. A livello internazionale il GPC include famiglie come quella dei Khema del gruppo Sun, i banchieri Benjelloun del Marocco, i Lopez delle filippine e i De Moraes, magnanti brasiliani dell'Internet. Per 'Business Week' sono il circolo più esclusivo del mondo. In pratica, è la cupola del filantropismo planetario.

1977, un diario in bianco e nero: com'era l'Italia prima del piombo

Questa sera per il ciclo "La Grande Storia" un docufilm dedicato a quell'anno
I grandi cortei, le manifestazioni, ma anche quel che accadeva oltre alla politica

ALESSANDRA VITALI

(repubblica.it) ROMA - Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta, Stefano Recchioni. E' il 7 gennaio del 1978, la strage di via Acca Larentia a Roma. Quelli sono i nomi dei ragazzi morti, vent'anni, diciotto e diciannove. Lì finisce la storia, anzi si trasforma, presto diventerà altro, diventerà peggio. In quella strada del quartiere Tuscolano comincia 1977. Immagini per un diario ritrovato, in onda stasera su RaiTre alle 23.35 per il ciclo La Grande Storia, un docufilm di Roberto Benini, Francesco Lo Sardo e Roberto Malfatto, regia di Roberto Malfatto.

Il racconto di quell'anno, di quel pezzo di storia, degli eventi che lo segnarono. Un po' cronaca un po' ricordo personale (gli autori all'epoca avevano tutti sedici anni), si ripercorrono movimenti, innovazioni ed errori con immagini inedite, private e d'archivio e con l'espediente narrativo, appunto, del diario, pagine lette dall'attrice Daniela Giordano. Uno sguardo sulle suggestioni e le tensioni ma pure sull'Italia che era, che a rivederla oggi sembra lontana cent'anni. Però certe facce, passato il tempo, sono ancora qui.

LO SPECIALE DI REPUBBLICA.IT: 1977, UN ANNO DELLA NOSTRA STORIA

Università, sbloccati i concorsi arriva l'agenzia di valutazione

Riaperte solo per il 2008 le selezioni per associati e ordinari. Le pagelle agli atenei determineranno anche i finanziamenti

SALVO INTRAVAIA

(repubblica.it) SBLOCCATI i concorsi per i professori universitari. E' una delle ultime novità del governo per il 2007 in tema di università. Una notizia attesa da migliaia di ricercatori che aspirano al salto di qualità. La decisione è stata presa durante il Consiglio dei ministri di venerdì mattina che nel cosiddetto decreto milleproroghe ha inserito la disposizione che riapre, per il solo 2008, le selezioni per accedere ai ruoli dei professori associati e ordinari bloccate da due anni.

Ma per il sistema universitario nazionale è in arrivo un'altra importante novità. Nasce l'Anvur: l'Agenzia che darà le pagelle agli atenei italiani. In base a una serie di indicatori, le università più produttive si meriteranno fette più grosse dei finanziamenti statali mentre per quelle meno efficenti arriveranno rimbrotti e ispezioni ministeriali ma soprattutto dovranno accontentarsi di "quel che passa il ministero". Una novità che per il nostro Paese suona come una vera e propria rivoluzione copernicana.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">