Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - Nov 21, 2017

La Russia ora conferma la nube radioattiva

Centrale Nucleare

Valori anomali di rutenio-106 erano stati rilevati in Italia del nord e nel resto d'Europa tra settembre e ottobre. Anche se la concentrazione era bassissima e priva di rischi, era rimasto il dubbio sull'origine della contaminazione. Oggi Mosca ha ammesso la presenza dell'elemento "fino a mille volte oltre alla norma" vicino al confine con il Kazakhistan

di ELENA DUSI

MOSCA ora ammette (ma solo a metà). La nube di rutenio-106 che ha sorvolato l’Italia del Nord e l’Europa tra la fine di settembre e la prima settimana di ottobre è stata osservata anche in Russia. Il servizio meteo Roshydromet ha fatto sapere ieri che negli Urali meridionali, al confine con il Kazakhistan, sono stati rilevati nell'aria livelli dell'elemento radioattivo mille volte oltre la norma. “E’ un grado di contaminazione estremamente alto” era scritto nel comunicato. Ma Rosatom, l’agenzia responsabile del nucleare in Russia, emanazione diretta del governo, si è affrettata a fare marcia indietro, negando ogni possibile incidente entro i suoi confini. In Italia la presenza di rutenio-106 era stata minima: pochi microbecquerel per metro cubo.

L’Associazione Nazionale dei Critici Musicali rinnova le cariche per il prossimo triennio

L’Associazione Nazionale dei Critici Musicali rinnova le cariche per il prossimo triennio.

Fra le proposte discusse, l’istituzione di un premio discografico e una maggiore presenza nella didattica e nei social media. 

Il 14 novembre 2017, presso la sede degli Amici del Loggione di Milano, si è svolta l’Assemblea annuale dell’Associazione Nazionale Critici Musicali, che conta un centinaio di specialisti, liberi professionisti e iscritti all’Ordine dei Giornalisti. Il presidente Angelo Foletto ha tenuto la relazione introduttiva sintetizzando le attività associative, indicando alcuni elementi di dialogo attuali come le possibilità d’intervento didattico; l’eventualità di istituire un premio discografico distinto dall’affermato Premio della critica musicale «Franco Abbiati»; e l’urgenza di operare per una rinnovata rilevanza della professione di critico in Italia. Sintetizzando le decisioni del direttivo, è stata confermata l’edizione dell’Annuario ANCM con una campionatura ampia e selezionata di recensioni dei soci.

A proposito del coinvolgimento dei soci incrementabile anche tramite l’accesso e l’uso dei social network, è stata annunciata l’apertura di un gruppo Facebook - aperto agli iscritti ma visibile da tutti - che faciliti la condivisione tempestiva di notizie mirate, cronache, recensioni e punti di vista critici.

NUOVE ATMOSFERE 2017: FOSTER ALL’AUDITORIUM PAGANINI DI PARMA INSIEME ALLA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Lawrence Foster Stephanie Friede  Mihaela Costea

NUOVE ATMOSFERE: FOSTER ALL’AUDITORIUM PAGANINI INSIEME ALLA filarmonica ARTURO TOSCANINI

Venerdì 24 e sabato 25 alle 20.30 musiche di Strauss, Korngold e Wagner insieme alla violinista Mihaela Costea e al soprano Stephanie Friede

programma:
JOSEF STRAUSS                             - Sphärenklänge, valzer op.235                                               - durata 9 minuti
ERICH W. KORNGOLD                   - Concerto per violino e orchestra in re maggiore op.35    - durata 24 minuti

intervallo

RICHARD WAGNER                       - Wesendonck-Lieder, per voce e orchestra                          - durata 21 minuti
RICHARD WAGNER                       - I Maestri cantori di Norimberga, ouverture                       - durata 9 minuti 

Un graditissimo ritorno quello di Lawrence Foster alla Fondazione Toscanini: il direttore d’orchestra americano, ma di origini rumene, uno dei beniamini del pubblico di Nuove Atmosfere, ritorna questo weekend alla guida della Filarmonica Arturo Toscanini per presentare, in un doppio appuntamento, un programma interamente dedicato alla musica viennese di fine secolo.

Dead Zone di Philip Lymbery: come gli allevamenti intensivi mettono a rischio la nostra salute e la sopravvivenza di molte specie animali

Con "Farmageddon", Philip Lymbery aveva esplorato le contraddizioni economiche e le conseguenze sull'ambiente e sulla nostra salute della produzione intensiva nell'agricoltura e nell'allevamento. Un'indagine che prosegue con questo nuovo libro, per dimostrare come l'attuale sistema -quello che garantisce carne a basso costo sugli scaffali dei supermercati - stia pesantemente danneggiando l'ecosistema del pianeta, e rappresenti, insieme ai cambiamenti climatici e alla distruzione degli habitat naturali, una delle cause principali dell'estinzione di molte specie animali. Dead Zone conduce il lettore in un safari virtuale, per studiare lo stato delle specie a rischio più emblematiche e indagare sul legame, spesso ignorato o sottovalutato, che esiste tra la loro sopravvivenza e gli allevamenti intensivi. Specie molto diverse e distanti tra loro, come l'elefante asiatico, il bisonte, il falco pellegrino, il giaguaro, il pinguino, l'usignolo e tante altre. Senza dimenticare l'Homo sapiens, a un tempo vittima e carnefice. Il volume comprende anche un capitolo inedito sul nostro paese, scritto dall'autore per questa edizione: un viaggio in Pianura Padana, terra di alcune delle eccellenze gastronomiche italiane, e una visita al fragile ecosistema del delta del Po e al parco nazionale del Gran Sasso.

Parma, musica con il violoncello di Enrico Bronzi nella Chiesa di San Pietro per la Giornata Nazionale dedicata alla malattia di Parkinson

MUSICA PER IL PARKINSON 

Il 25 Novembre  prossimo si celebra in tutta Italia la Giornata Nazionale dedicata alla malattia di Parkinson promossa da Fondazione LIMPE per il Parkinson Onlus e Accademia LIMPE-DISMOV. L'appuntamento, giunto alla sua nona edizione, ha l'obiettivo di sensibilizzare ed educare la popolazione sulle problematiche connesse ad una malattia cronica, che in Italia oggi conta oltre 300 mila pazienti; il tutto attraverso incontri informativi ed eventi culturali organizzati su tutto il territorio nazionale dalle 90 strutture sanitarie aderenti. Per tutti i dettagli è possibile consultare il sito www.giornataparkinson.it.

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa causata dalla progressiva morte delle cellule nervose (neuroni) situate nella cosiddetta sostanza nera, una piccola zona del cervello che, attraverso il neurotrasmettitore dopamina, controlla i movimenti di tutto il corpo. Chi si ammala, proprio a causa della perdita progressiva di questi neuroni produce sempre meno dopamina,  manifestando sintomi motori come tremore, rigidità, lentezza nei movimenti, che possono  essere preceduti da sintomi iniziali premonitori, quali disturbi dell’umore e del sonno o riduzione dell’olfatto.  Le cause della malattia sono ancora sconosciute, nonostante la sua prima descrizione ad opera del medico inglese James Parkinson risalga al 1817, di cui quest’anno si celebra il bicentenario. Le ultime ipotesi sulle cause della malattia sono di due tipi: ambientale e genetico.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">