Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - Apr 2017

April 27th

L’ACCADEMIA DELLA BUFALA BY BIANCHINI E TROMBETTA IN "MOZART - LA CADUTA DEGLI DEI" parte terza, un concerto di tromboni

 

di Carlo Vitali  
"MOZART - LA CADUTA DEGLI DEI"[LINK]

Terza puntata: Un concerto di tromboni 

Stia in guardia il paziente lettore: in questa terza (e per ora penultima) puntata si parlerà di cose serie tipo filosofia, epistemologia, geopolitica. Chi volesse eroicamente procedere oltre lo faccia a suo rischio e pericolo; a chi invece si accontenta di un’onesta ricreazione consigliamo di saltare alla successiva, che intitoleremo, a Dio piacendo, “L’ora della Capra”. 

Rullo di grancassa (B&T, p. 29): “I musicologi non devono basarsi su giudizi personali per definire un autore romantico preromantico o classico. Se un autore è vissuto in un periodo storico, il suo linguaggio va collocato in quel contesto”. 

Squillo di trombone con annessa tabellina crono-pitagorica (id&id, p. 34-35):  “La periodizzazione deve essere applicata, come alla letteratura, anche alla musica, senza però scomodare il ‘classicismo viennese’, etichetta di parte antistorica. Con tutti i limiti che può avere una schematizzazione, le espressioni letterarie, filosofiche, artistiche della cultura occidentale seguono una scansione temporale comune: 

Barocco: fine 1500-tutto 1600.

IL PICCOLO PRINCIPE INCONTRA L'UBRIACONE

Marco Vettori
marco.vettori.512@psypec.it
sito web

Nel terzo pianeta il Piccolo Principe incontra un ubriacone: egli beve per dimenticare la propria vergogna di bere e si trova pertanto chiuso in un circolo vizioso autodistruttivo.
E' difficile definire i fattori psicologici e sociali che contraddistinguono l'alcolista. L'unica costante è la tendenza a nascondere a se stesso la dipendenza e a negare la sua condizione.

E' possibile descrivere alcuni disturbi psicologici all'origine dell'alcolismo.

Cancro: "Un risparmio di 7,6 miliardi di euro con più prevenzione"

In Italia solo il 4,2% della spesa è destinato alla prevenzione. Eppure è stato calcolato che se si raggiungesse il livello del 5% previsto dai Lea, l’incidenza della spesa sanitaria pubblica sul Pil scenderebbe dal 9,2% all’8,92%. Sono alcuni dei dati emersi dal Rapporto sullo Stato dell’oncologia in Italia 2017 presentato oggi in Senato

di IRMA D'ARIA

Il 55% degli uomini e il 63% delle donne non moriranno a causa del tumore nei cinque anni successivi alla diagnosi. Stando agli ultimi dati diffusi dall'Aiom, la sopravvivenza in Italia continua ad aumentare nonostante gli investimenti in prevenzione restino sotto la soglia indicata dai Livelli essenziali di assistenza. Attualmente, infatti, si spendono appena 5 miliardi di euro (2014), pari al 4,22% della spesa sanitaria totale: il tetto programmato stabilito nei Lea invece è del 5%. Gli oncologi chiedono alle Istituzioni un programma ed una regia unica nazionale contro il cancro, che garantiscano una strategia unitaria per combattere la malattia a 360°: dalla prevenzione, alle terapie, alla riabilitazione, all’accompagnamento di fine vita, all’umanizzazione dell’assistenza, alla ricerca. L'appello è stato lanciato oggi dall'Associazione Italiana di Oncologia Medica (Aiom) riuniti al Senato per la presentazione del "Rapporto sullo “Stato dell’oncologia in Italia 2017".

IL COMMENTO Il 40% dei tumori potrebbe essere evitato

La scandalosa vendita delle azioni di Fiere di Parma

Nicola Dall'Olio

Cronache dal consiglio comunale di Parma

Mercoledì 26 nell’ultimo punto all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio comunale dell’amministrazione Pizzarotti verrà portata al voto una delibera per la cessione di parte delle azioni di Fiere di Parma S.p.A. detenute dal Comune e dalla Provincia di Parma

Comune e Provincia di Parma detengono ciascuno il 28,08% delle azioni di Fiere, ovvero la maggioranza assoluta (56%) del capitale. Altri soci pubblici sono la Camera di Commercio (10,28%) e la Regione (5,08%). I principali soci privati sono Crédit Agricole (18,85%) e Unione Parmense Industriali (6,73%).

Con questa delibera inserita all’ultimo momento con un integrativo di urgenza, il Comune mette in vendita, anche per conto anche della Provincia, il 17% del capitale sociale in quote paritetiche dell’8,5%. Per rendere possibile questa vendita la delibera modifica anche un patto parasociale sottoscritto nel 2000 e vigente fino al 2020 con il quale i due enti si impegnavano a mantenere una quota di partecipazione non inferiore al 26% ciascuno, patto che aveva il fine di garantire sempre il controllo della maggioranza dell’azionariato.

Nella delibera si stabilisce inoltre che parte dei proventi derivanti dalla vendita delle azioni di Fiere saranno utilizzati per il piano di risanamento e sviluppo di SOGEAP, la società di gestione dell’aeroporto a larga maggioranza privata, in cui il Comune detiene una quota di minoranza del 5,91%. SOGEAP presenta infatti una perdita strutturale di più di 2 milioni di euro all’anno ed è in cerca di nuova finanza per andare avanti.

ARMONIE CELESTI: Musica sacra alla Steccata domenica 30 aprile 2017 con il gli allievi del Laboratorio Suono Verdiano

ARMONIE CELESTI: Musica sacra alla Steccata

Il secondo concerto domenica 30 aprile con gli allievi del Laboratorio Suono Verdiano 

Dopo il brillante successo riportato dal primo concerto della nuova edizione, Armonie Celesti, la proposta musicale della Fondazione Arturo Toscanini, organizzata con la collaborazione dell’Ordine Costantiniano di San Giorgio e della Rettoria della Basilica della Steccata, prosegue domenica 30 aprile, come sempre ad ingresso libero e con inizio alle 17.30, con un intenso programma di musiche da camera, esito del percorso di  alta formazione “Laboratorio Suono Verdiano”,  promosso dalla Fondazione Teatro Regio e dalla Fondazione Arturo Toscanini, e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna.

Otto i giovani musicisti impegnati: i violinisti Giovanni Pedrazzoli, Aki Takahashi, Valentina Cristiani, Enrico Gramigna, i violisti Giulia Arnaboldi e Marco Calderara, i violoncellisti Ferdinando Sestito e Antonio Braidi.

Ogni anno buttiamo nel mare 500 miliardi di sacchetti della spesa

Da lontano non le vedi. Ci devi navigare in mezzo per accorgerti che i limiti delle «isola di plastica» non sono ben definiti: miliardi di frammenti sospesi appena sotto il pelo dell’acqua. Una “zuppa” di plastica, non una terraferma. Cinque vortici di dimensioni continentali (meglio che chiamarle isole, visto che risucchiano letteralmente materiali, come in un Wc), uno per ciascun oceano del mondo. E diversi più piccoli, come nel Mediterraneo. Identificati per la prima volta da Charles Moore nel 1997 si stanno ingrandendo anno dopo anno. Calcolando, al massimo, 250 grammi di plastica ogni 100 metri quadri, si arriva all’incredibile cifra (stimata da Moore) di sette miliardi di tonnellate per ciascuno di quei vortici. Sette miliardi di tonnellate di plastica. 

LEGGI ANCHE - Adriatico di plastica (D. Lessi, R.aphaël Zanotti)  

Sacchetti killer  

L’adroterapia presso il centro di Pavia ora accessibile e gratuita per tutti i malati oncologici

La sua efficacia non è mai stata in discussione. Ciò che ne limitava l’impiego era il costo, dal momento che il trattamento era rimborsato soltanto dai servizi sanitari regionali dell’Emilia Romagna e della Lombardia. D’ora in avanti, invece, l’adroterapia sarà gratuitamente a disposizione di tutti i malati oncologici a cui sarà indicata. Il Governo ha inserito il trattamento a base di protoni e ioni carbonio - una forma avanzata di radioterapia - nei livelli essenziali di assistenza. Il trattamento è al momento erogato in una sola struttura italiana: il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica (Cnao) di Pavia, dove finora sono stati trattati poco più di novecento pazienti.  

Nei Lea i trattamenti per dieci tipi di tumore  

L’adroterapia rappresenta una soluzione di una precisione estrema, disponibile per chi è colpito da neoplasie inoperabili o che non rispondono ai non rispondono alla radioterapia tradizionale ai raggi X.  

La sua efficacia è stata in ultimo ribadita in una pubblicazione apparsa l’anno scorso su «The Lancet Oncology»: oltre ottomila i casi descritti, relativi alla casistica ventennale che appartiene al centro giapponese di adroterapia di Chiba. 

LIVEOPERA: IL GALLO D’ORO sabato 29 aprile 2017 alle ore 16.00 al Ridotto del Teatro Regio di Parma

Il Gallo D'Oro

LIVEOPERA: IL GALLO D’ORO

Il capolavoro di Rimskij-Korsakov su grande schermo

per la rassegna che ci porta all’opera nei teatri d’Europa

Ridotto del Teatro Regio di Parma

sabato 29 aprile 2017, ore 16.00

ingresso libero 

Si chiude con Il gallo d’oro, sabato 29 aprile 2017 alle ore 16.00 al Ridotto del Teatro Regio con ingresso libero, LiveOpera, la rassegna per vivere su grande schermo l’emozione dell’opera dai teatri d’Europa. 

Parma, i carabinieri sequestrano 1800 litri di latte per l'infanzia

Operazione del nucleo Antifrode in una ditta di trasformazione

Il nucleo Antifrode di Parma, a seguito verifica in un'azienda di trasformazione alimentare con sede nel Parmense, ha sequestrato 126 kg di latte di asina liofilizzato indirizzato alla trasformazione nell’equivalente di circa 1.800 litri di latte destinati all’infanzia.

L’attenzione dei carabinieri si è incentrata sulla carenza degli elementi essenziali - previsti dalle norme di settore - per stabilire la provenienza del prodotto.

L’alimentazione infantile, ricordano i  militari, negli ultimi anni ha attratto sempre più i riflettori del pubblico

 interesse, sia in ragione del particolare utente cui è destinata, sia per la sua strumentalità come mezzo di educazione alimentare, attraverso il quale viene a definirsi il rapporto con il cibo fin dai primi anni di vita.

La sicurezza dell’alimentazione dei piccoli consumatori è "un bene prezioso e prioritario, in relazione ai molteplici fabbisogni nutrizionali specifici e alla delicatezza delle plurime implicazioni della salute dei bambini". 26 aprile 2017

Fonte link parma.repubblica.it 

Eurostat: Italia Paese Ue con meno laureati, fa peggio solo la Romania

Alessia Tripodi

Nel 2016 la percentuale di laureati 30-34enni è cresciuta in tutti i Paesi membri dell'Ue rispetto al 2002, ma l'Italia è tra i Paesi con la percentuale più bassa (26,2%). Lo dice l'Eurostat, spiegando che una quota inferiore si registra solo in Romania (25,6%), mentre in testa alla classifica svettano la Lituania (58,7%) e il Lussemburgo. In Italia record negativo anche per l'abbandono scolastico dei 18-24enni (14%).

Centrato l'obiettivo per il 2020 
In ogni caso, precisa Eurostat, il livello di persone con un titolo di istruzione superiore in Italia è comunque raddoppiato rispetto al 2002, quando la quota era del 13,1 per cento. E il nostro paese è tra i 13 membri dell'Unione che hanno centrato in anticipo il proprio obiettivo nazionale per il 2020. A livello europeo, il target Europa 2020 prevede complessivamente una media del 40% dei laureati nell'Ue.

Lituania record con oltre il 58% di laureati 
In vetta alla classifica dei Paesi con più laureati ci sono Lituania (58,7%), Lussemburgo (54,6%) e Cipro (53,4%). In linea con tutti gli altri Paesi europei, anche in Italia sono le donne a laurearsi in proporzione maggiore rispetto agli uomini, con una quota del 32,5% contro il 19,9%.

Abbandono scolastico, Italia quinta peggiore in Ue 
L'Italia, spiega Eurostat, è inoltre la quinta nazione peggiore per quanto riguarda l'abbandono scolastico. Fanno peggio solo Portogallo, Romania, Spagna e Malta. Con un 14% circa dei 18-24enni che non hanno raggiunto un diploma secondario, l'Italia ha superato il suo obiettivo nazionale ma - sottolineano i dati - è ancora lontana dall'obiettivo europeo del 10%. 26/04/2017

Fonte Link ilsole24ore.com 

April 26th

L’ACCADEMIA DELLA BUFALA BY BIANCHINI E TROMBETTA IN "MOZART - LA CADUTA DEGLI DEI" parte seconda

vera Bufala

di Carlo Vitali  
"MOZART - LA CADUTA DEGLI DEI"[LINK]

Seconda puntata: pulizia etnica 
 

Affermano B&T (pp. 20-21): “Da un punto di vista storico ci fu l’interesse primario degli imperatori, dopo la pace di Aquisgrana, a controllare la produzione musicale, cioè i ‘mass media’ dell’epoca. Non si trattò di scuola di stile, ma di semplice opportunismo politico […]. Oggi, se tornassero in vita, baderebbero a controllare il cinema e la televisione.” 

L’Accademia della Bufala by Bianchini e Trombetta in "Mozart - La Caduta degli dei"

Pianeta Bufala


di Carlo Vitali 
"MOZART - LA CADUTA DEGLI DEI"[LINK

Oggetto della presente discussione è il volume Mozart - La Caduta degli dei. Parte prima (d’ora in poi: “Il Libro”) [LINK], uscito nell’aprile 2016 sotto l’etichetta Youcanprint Self-Publishing di Tricase (Lecce) ma stampato in Germania a cura di Amazon Distribution GmbH, Amazonstrasse 1, 04347 Leipzig, ISBN 978-8892602755, 458 pagine, 28 euro. Autori: Luca Bianchini e Anna Trombetta (d’ora in poi “B&T”). 

Nota legale: a termini della normativa italiana sul diritto d’autore così come novellata dal D. Lgs. 9 aprile 2003 n. 68 e della Legge 9 gennaio 2008 n. 2 – con particolare riferimento all’art. 70, commi 1 e 1 bis – si precisa che la citazione e la riproduzione di passi del Libro in oggetto sono effettuati per uso di critica e discussione, senza scopo di lucro né tanto meno con l’intento di sostituire in tutto o in parte la pubblicazione originale. 

Prima puntata: reductio ad Hitlerum 

Il caso delle AM Lire

50 AM Lire

86 miliardi di euro di debito inesistente, attualizzati secondo le più prudenti previsioni!
Le A. M. Lire, ovvero “American Military Lire” sono una prova del fatto che “il denaro sia un’allucinazione collettiva”, per dirla con le parole di Franco Battiato.
La panzana che il debito esiste perché saremo vissuti “al di sopra delle nostre possibilità” è smascherata da un caso storico.

5 AM lire

Il 19 luglio del 1943, appena 9 giorni dopo lo sbarco in Sicilia, due aerei cargo americani sbarcarono 7 tonnellate di carta moneta, stampata malamente e con la dicitura “Italy” nemmeno tradotta in italiano. Alcuni tagli erano quadrati, altri rettangolari delle stesse dimensioni del dollaro.

Rendiconto di fine mandato, Pizzarotti: "Raggiunto il 73 per cento degli obiettivi"

Dal 2012 a oggi la giunta Pizzarotti ha realizzato il 73 per cento degli obiettivi prefissati nel corso del mandato. E' un dato che emerge dal documento "Dire, fare, contare", il rendiconto di fine mandato stampato in duemila copie per istituzioni, associazioni e cittadini e disponibile in pdf da giovedì da questo sito web.

Il sindaco Federico Pizzarotti ha presentato il documento in mattinata all'oratorio San Tiburzio, ricordando che l'idea di "misurare" con metodo matematico lo stato di avanzamento dell'attività amministrativa è innovativa e forse unica in Italia: "Su 234 linee programmatiche definite nel 2012 in seguito alle elezioni, 148 sono state realizzate, 94 sono in corso di realizzazione e 32 non sono state compiute. Il valore in percentuale è del 73%. Abbiamo voluto rendicontare l'impegno concreto e realizzare uno strumento che faccia comprendere ai cittadini com'è cambiata Parma in questi cinque anni. Si può vedere quali sono i progetti, importanti, portati a termine e quelli ancora in corso. Non credo poi a quelli che dicono di avere ottenuto il 100 per cento perché è impossibile, ma il nostro è sempre un grande risultato vista la situazione economica con cui ci siamo dovuti confrontare ad inizio mandato"".

Il rendiconto è un documento di sintesi previsto dalla legge e destinato a vari enti. La versione per i cittadini è un libro di 180 pagine ricco di immagini e di schemi, di facile consultazione. L'attività amministrativa è stata suddivisa in quattro settori, gli aggettivi attribuiti alla città di Parma: "Attrattiva", "Sostenibile", "Inclusiva", "Equilibrata".

Autobiografia di una femminista distratta incontro con Laura Lepetit

Autobiografia di una femminista di Laura Lepetit

Dall'incontro con Laura Lepetit, fondatrice della Tartaruga, il 23 aprile 2017 alle Giornate della Laicità di ReggioEmilia [LINK]

Francesca Avanzini

In “Autobiografia di una femminista distratta”, Laura Lepetit, mitica fondatrice della mitica  “Tartaruga”, racconta la sua vita e quella della casa editrice da lei creata, “importantissima nel panorama culturale italiano, senza la quale tanti aspetti della nostra crescita culturale non si sarebbero concretizzati. “

Così la filosofa Annarosa Buttarelli introduce l’autrice nell’incontro svoltosi a Reggio Emilia il 23 aprile nell’ambito delle Giornate della Laicità.

“Un libro necessario” continua, “grazie al quale la casa editrice viene collocata al suo giusto posto, quello che le compete nell’ambito della cultura italiana.”

Senza “La Tartaruga” scrittrici come Karen Blixen, Nadine Gordimer, Doris Lessing, la stessa Virginia Woolf, per non citarne che alcune, non avrebbero avuto il rilievo che meritavano o sarebbero addirittura passate inosservate. Molte di loro sono state tradotte per la prima volta o lanciate, come è il caso di Silvana La Spina e altre eccelse italiane o straniere.

“Non mi accorgevo, mentre scrivevo il libro, di stare facendo il catalogo della “Tartaruga”. Come il contadino della storia di Karen Blixen, che nella notte corre qua e là a caso per i suoi campi, e solo la mattina si accorge di avere creato il disegno perfetto di una cicogna, anche a me il disegno si è rivelato solo in fondo”, spiega Laura Lepetit.

Alitalia, in arrivo il commissario. Governo: esclusa nazionalizzazione. Calenda: "Tra sei mesi vendita o liquidazione"

Per la seconda volta nella sua storia la compagnia procede verso la liquidazione preceduta da uno spezzatino degli asset migliori, e cioè aerei di proprietà, immobili e (pochissimi) slot. Garantiti in una prima fase i biglietti e la piena operatività dei voli. Il 2 maggio assemblea dei soci. Enac prende atto del nuovo percorso: la licenza di operatore diventerà provvisoria

di LUCIO CILLIS

ROMA - I dipendenti Alitalia respingono con una maggioranza schiacciante - 67% di no - il piano di salvataggio lacrime e sangue. Si schiudono in questo modo le porte del commissariamento, varato oggi dal consiglio di amministrazione della compagnia riunito in seduta straordinaria. Poco prima delle 18, è l'Enac a informare che il presidente di Alitalia, Luca Cordero di Montezemolo, ha comunicato ufficialmente a Vito Riggio, presidente dell'Ente nazionale per l'aviazione civile, la decisione del Cda della compagnia aerea di avviare la procedura per la nomina del commissario. L'Enac ha preso atto che, al momento, esistono le condizioni per il mantenimento della piena operatività di Alitalia, su cui l'Ente continuerà a mantenere la propria vigilanza istituzionale in base alla normativa europea vigente.

L'ultimo appello di Pisapia: "Renzi, il tempo è scaduto: unisci la sinistra o è la fine"

Pisapia e Renzi

ANCHE PISAPIA NELLA SUA ANALISI POLITICA ATTUALE NON DICE NULLA SUL SIGNORAGGIO E SULLA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO. LB

L'ex sindaco di Milano: "Cambi la legge elettorale e costruisca una coalizione. Altrimenti sarà una sconfitta epocale"

ROMA - Quando Giuliano Pisapia, solo pochi mesi fa, si è mosso in prima persona per contribuire alla rinascita di un centrosinistra largo, Barack Obama era ancora alla Casa Bianca, la Gran Bretagna nella Ue e il Pd unito sotto lo stesso tetto. Il tempo fugge e, secondo Pisapia, quello a disposizione della sinistra italiana per darsi un assetto coerente alle nuove sfide globali sta per scadere: "Le elezioni francesi - dice l'ex sindaco di Milano a Repubblica - ci ricordano che la sinistra divisa va incontro a un solo destino: la sconfitta. Se le primarie lo confermeranno segretario del Pd, a Matteo Renzi resta meno di un mese per dare un segnale chiaro: cambiare la legge elettorale e costruire una coalizione. Altrimenti il centrosinistra andrà incontro a una sconfitta che definirei generazionale, perché ci vorrà appunto una generazione prima che si possa ricostruire la fiducia e la partecipazione del proprio elettorato".

Prof. Stefano Zamagni: Diagnosi e Terapia di una crisi annunciata

Stefano Zamagni
Università degli Studi di Bologna
Dipartimento di Scienze Economiche 

l.          Introduzione 

La crisi finanziaria, iniziata nell’estate 2007 negli Usa e poi diffusasi per contagio nel resto del mondo, ha natura sistemica. Né di crisi congiunturale né di crisi regionale dunque si tratta. Essa è il punto di arrivo, inevitabile, di un processo che da oltre trent’anni ha  modificato alla radice il modo di essere e di funzionare della finanza, minando così le basi stesse di quell’ordine sociale liberale che è cifra inequivocabile del modello di civiltà occidentale. Duplice la natura delle cause della crisi: quelle prossime, che dicono delle peculiarità specifiche assunte in tempi recenti dai mercati finanziari e quelle remote, che chiamano in causa taluni aspetti della matrice culturale che ha accompagnato la transizione  dal capitalismo industriale a quello finanziario. Da quando ha iniziato a prendere forma quel fenomeno di portata epocale che chiamiamo globalizzazione, la finanza non solamente ha accresciuto costantemente la sua quota di attività in ambito economico, ma ha progressivamente contribuito a modificare sia le mappe cognitive delle persone sia il loro sistema di valori. E’ a quest’ultimo aspetto che si fa riferimento quando oggi si parla di finanziarizzazione (financialization) della società. “Finanza”, letteralmente, è tutto ciò che ha un fine; se questo fuoriesce dal suo alveo storico, la finanza non può che generare effetti perversi.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">