Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - Nov 2, 2018

Fabrizio Pezzuto sulle rette degli asili nido e costi mensa

Asilo Nido

Nelle scorse settimane l'indagine condotta da Cittadinanza Attiva sulle tariffe di nidi e mense a livello regionale ha dato origine a due notizie apparentemente contraddittorie: da una parte Parma ha incassato titoli di giornale per avere tra le rette di accesso al servizio più basse in Emilia Romagna (siamo al terzo posto con dietro Ferrara e Bologna). Qualche giorno dopo abbiamo però indossato la maglia nera per il costo più alt a carico delle famiglie in fatto di servizio mensa e in questo caso siamo risultati proprio primi. 

Il punto è che le due cose non sono disgiunte, considerato che chi ha un bambino al nido pagherà comunque entrambe le rette. E allora dove si colloca veramente Parma all'interno di questa classifica? Esattamente a metà, con 412 euro mensili a carico di ogni famiglia (senza considerare eventuali riduzioni legate all'Isee). Costiamo meno di Forlì (528 euro), Rimini, Piacenza, Reggio Emilia  e Modena, costiamo invece di più di Ferrara (311 euro), Ravenna, Cesena e Bologna. 

Fin qui le cifre nude e crude, ma stabilito che Parma si colloca senza lode e senza infamia a metà classifica l'indagine di Cittadinanza Attiva ci dice qualcosa di più. Ad esempio che tre provincie, Bologna, Ravenna e Ferrara  hanno utilizzato, come avevo chiesto di fare anche a qui, i fondi regionali erogati per il 2018 per abbassare le proprie rette. Non è dunque un caso che oggi presentino costi di accesso più contenuti dei nostri, rispettivamente a 387, 335 e 311 euro. 

PANIKKAR di Maciej Bielawski Campo dei Fiori - Fazi Editore

PANIKKAR di Maciej Bielawski  Campo dei Fiori - Fazi Editore

La vita e le opere

A cento anni dalla nascita, la personalità eccezionale e il sapere eclettico di Raimon Panikkar sono sempre più oggetto di interesse e ricerca da parte degli studiosi di tutto il mondo, contribuendo a consolidare la “leggenda Panikkar”.
Da questa accurata biografia, che intreccia la vita alle opere e segue le orme dell’originale percorso erratico del filosofo di Tavertet, affiora il profilo di uno dei principali innovatori della tradizione teologica e filosofica occidentale, di un uomo che ha dialogato con i più grandi pensatori del Novecento e che, a ragione, può essere annoverato tra loro.
Nato a Barcellona da madre catalana e padre hindu, Raimon Panikkar (1918-2010) è stato teologo e filosofo; docente universitario, sacerdote cristiano e scrittore prolifico; erudito eccelso e viaggiatore instancabile. Mosso dalla vocazione per il confronto aperto e l’arricchimento reciproco, questo «artista del dialogo» ha saputo abitare l’irriducibile molteplicità e diversità delle religioni e delle culture e ha incarnato la più alta sintesi tra Oriente e Occidente. Ripercorrere gli spostamenti di Panikkar tra Spagna, Italia, India, Stati Uniti e Catalogna equivale a conoscere le tappe fondamentali della sua esistenza per penetrare lo spirito che ha animato e plasmato il suo pensiero, dalla visione cosmoteandrica (che afferma l’inscindibile struttura trinitaria della realtà in Dio-uomo-mondo) fino alle riflessioni sulla mitologia, la secolarità sacra e il buddhismo.

PALERMO CONNECTION di Petra Reski Fazi Editore

Palermo connetion di Petra Reski

traduzione di Ivana La Rosa

Palermo, oggi. La procuratrice antimafia Serena Vitale, italo-tedesca di bell’aspetto, appassionata e battagliera, conosce bene i rischi che corre quando decide di trascinare in tribunale per collusione mafiosa un politico di chiara fama. Il modello di riferimento di Serena, un famoso giudice antimafia, è stato ucciso. E lei ricorda bene la sua infanzia di figlia di un italiano emigrato in Germania, nel bacino della Ruhr, per sfuggire ai tentacoli della cosca siciliana. È decisa a combattere fino in fondo questa battaglia, costi quel che costi. Dall’interrogatorio di un riottoso testimone risulta chiaro che la rete di interessi criminosi è molto più estesa del previsto e che Serena stessa si trova in grave pericolo. Nel frattempo, un giornalista tedesco volato a Palermo alla ricerca di uno scoop per il suo giornale si lascia catturare in un gioco pericoloso di cui non comprende le regole.
E il coraggioso poliziotto che Serena ha sempre considerato suo alleato sembra trasformarsi di colpo in una minaccia…
Palermo Connection inaugura una nuova serie di gialli politico-giudiziari ambientati a Palermo che raccontano la trattativa Stato-mafia per la prima volta in forma di romanzo.

«La procuratrice palermitana con il vizio delle domande a bruciapelo e l’aspetto da santa indaga in un mondo che la sua creatrice esplora meticolosamente: una fitta rete di politici, imprenditori e mafiosi che approfittano gli uni degli altri».
«Frankfurter Allgemeine Zeitung»

«Con Serena Vitale la Sicilia ha una nuova, coraggiosa investigatrice che dichiara guerra alla mafia… Avvincente fino all’ultima pagina».
Donna Leon