Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - Apr 30, 2018

Pasquino sulle dichiarazioni di Renzi a “Che tempo che fa”

 

“Prendiamo atto che il signor Renzi non è capace di nessuna elaborazione. Annuncia di mantenere un potere politico e che lo eserciterà”. Gianfranco Pasquino non sorride, anzi.

Si aspettava questa performance?
Mi aspettavo che almeno la smettesse di manipolare il sistema francese, che non è un ballottaggio tra partiti ma un doppio turno tra candidati. Se a Renzi piace tanto la Francia si ricordi che è una Repubblica presidenziale con un sistema elettorale adeguato. Che il referendum del 4 dicembre avrebbe rafforzato la possibilità di formazione di un governo è una balla che sarebbe meglio non sentire più.

Nessuna possibilità di un accordo Pd-M5S dunque…
Renzi ha deciso di stare all’opposizione, si augura che gli altri falliscano o che addirittura non riescano a formare un governo. Tutto costituzionalmente corretto ma politicamente evanescente.

Renzi dice: “Noi abbiamo perso, loro hanno vinto. Quindi tocca a loro”. Sbaglia?
Come ho detto, la sua posizione è costituzionalmente corretta, tuttavia avrei voluto domandargli che cosa effettivamente augura al popolo italiano. A me pare evidente che lui si auguri un governo Lega-5Stelle o addirittura un governo di centrodestra. Come a dire, facciamo quattro passi nel baratro, così gli elettori capiranno in quale guaio siamo finiti e torneranno da me… Ecco, questa non è la mia opzione. Bisogna evitare il baratro, anche perché è falso che tra le due forze politiche ci sia più incompatibilità di quanta non ce ne sia tra Lega e 5S.

PD Parma su richiedenti asilo - auser

"La scuola è la prima realtà multietnica della nostra società ed in essa si attua giorno per giorno l'integrazione - che a parole tutti dicono di volere. Non si comprende quindi dove sia il problema di affiancare i "nonni vigile" con alcuni richiedenti asilo per aiutare i bambini nell'attraversamento della strada, anzi ci pare proprio che si stia trascendendo il imite. Giudichiamo viceversa un fatto positivo che insieme ai volontari dell'Auser il servizio sia svolto da persone che si prestano a fare una cosa utile per la comunità che le accoglie. 

Peraltro i leghisti e le destre che oggi gridano allo scandalo, sono quelli che altre volte accusano i richiedenti asilo di non fare nulla di utile per la comunità: una bella coerenza, non c'è che dire. 

Ma c'è un altro aspetto che oggi vogliamo sottolineare. Queste uscite sui richiedenti asilo da parte della Lega  - per il resto praticamente assente dal dibattito in Consiglio comunale da dopo il 4 marzo - insieme alle esecrabili affermazioni sul XXV aprile di pochi giorni fa, sembrano parte di una precisa strategia mediatica che punta a costruire il consenso non tanto con azioni concrete nell'interesse della città, ma con ambiguità come quelle lette in questi giorni che non portano alcun beneficio ai cittadini. 

Siamo certi però che Parma sia una città orgogliosamente solidale, capace di affrontare i propri problemi nel rispetto dei diritti di tutti e della legalità.
Come PD sosterremo le iniziative che aiutano le persone a costruire una migliore convivenza.

Il gruppo consiliare del pd - Daria Iacopozzi, sandro campanini, lorenzo lavagetto

Voto in Friuli Venezia Giulia, vince Fedriga con il 57 per cento. Crolla il M5s: dimezzati i voti delle politiche

Tiene il centrosinistra rispetto al 4 marzo. Ma pochi scommettono sulla rottura del centrodestra, vero ostacolo di un possibile accordo di governo con il M5s impegnato nelle trattative con il Pd

TRIESTE - Vince il candidato del centrodestra, il leghista Massimiliano Fedriga, con il 56 per cento. Crollo del M5s, che ha dimezzato i voti delle politiche (dal 24 al 12 per cento). Forse paga il fatto di non essere riuscito a formare un governo dopo 56 giorni dalle politiche del 4 marzo dalle quali uscì come primo partito con il 32 per cento. I risultati delle urne - come per il Molise una settimana fa - avranno inevitabili ripercussioni soprattutto sugli equilibri di forza nel centrodestra, con la Lega che vuole confermarsi primo partito della coalizione come già il 4 marzo. Sfiora il 30 per cento il candidato del centrosinistra Sergio Bolzonello. Intorno al 12 per cento - la metà rispetto alle politiche - il grillino Alessandro Fraleoni Morgera (ma la lista 5 Stelle è sotto il 10 per cento). Patto per l'Autonomia di Sergio Cecotti si assesta al 3,6 per cento. "Complimenti a Fedriga - ha detto Sergio Bolzonello, candidato del centrosinistra - ora starò all'opposizione con lo spirito di chi sa di lasciare una Regione in ottima salute e che tale dovrà rimanere nei prossimi 5 anni".

Riflessioni sul vangelo di Don Umberto Cocconi: Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore.

Umberto Cocconi

Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli» (Vangelo di Giovanni).