La decisione, ancora ufficiosa, è arrivata dopo una lunghissima riunione del consiglio di vigilanza, che era diviso. E mette pressione sulle consultazioni. Il consiglio prende tempo e si aggiorna a domenica alle 16. Sul tavolo molte ipotesi per la discesa in campo dello Stato. Il titolo crolla del 10,5%