Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Skenet

Skenet: news, opinioni, su teatro, lirica, musica classica, musicisti, programmi artistici,teatrali, gestione dei teatri, Giuseppe Verdi, Arturo Toscanini, 2013 bicentenario verdiano, festival verdi (vedi anche tra le rubriche quella di Enrico Votio Del Refettiero e Parmamusica in Dossier)

Festival ValcenoArte 2018: secondo weekend

Anfiteatro Naturale a Valcenoarte

Eugenio Bennato

Festival ValcenoArte 2018: secondo weekend
Il Festival ValcenoArte si conclude con i VentiCelli, Vianino Sottosopra e una tappa speciale del tour “Da che Sud è Sud” del cantautore napoletano Eugenio Bennato. Ingresso libero.

Ancora un weekend di musica e spettacoli calati nell’atmosfera di corti, piazze e anfiteatri naturali della Valceno: si conclude con tre giornate fitte di appuntamenti il Festival ValcenoArte.

Il weekend si aprirà venerdì 6 luglio alle 21.00, nell’antico borgo di Viazzano (Varano de’ Melegari), con una visita guidata tra i loggiati, le torrette e la cappella della suggestiva frazione medievale. Alle 21.30 verrà aperta straordinariamente al pubblico la Corte dei Cavalli di Casa Venturini, abitazione privata che ospiterà il concerto dei VentiCelli”, gruppo fondato dal violoncellista Antonio Amadei che riunisce violoncellisti dai 13 ai 45 anni. Il repertorio attraverserà i territori più diversi, dalla musica antica per arrivare sino ai nostri giorni. Sabato 7 luglio, dalle 17.00, si terrà Vianino Sottosopra, festa del paese di Vianino, con degustazioni di vino, la musica del Corpo Bandistico Giuseppe Verdi Parma, il concerto “Sotto le stelle del noir” dei Mara&TheCats (ore 20.00), il Samba Show nel Piazzale delle feste (ore 22.30) e, a seguire, DJ Set.

I MUSICAL DI BROADWAY A STELLE VAGANTI venerdì 6 luglio 2018 all’Auditorium Paganini (ore 21.30)

I MUSICAL DI BROADWAY A STELLE VAGANTI 
L’Orchestra di Sanremo diretta da Roberto Molinelli
venerdì 6 all’Auditorium Paganini insieme al soprano Gabriella Costa

I grandi capolavori del musical americano saranno i protagonisti del prossimo appuntamento dell’edizione 2018 di Stelle Vaganti, la stagione estiva a Parma della Filarmonica Arturo Toscanini. Ospite d’eccezione l’Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta da Roberto Molinelli. Venerdì 6 luglio (ore 21.30) essa presenterà il programma “Passeggiando per Broadway: i Grandi Musical Americani“ che costituirà un bellissimo percorso attraverso le più belle canzoni scritte nel secolo scorso per il genere musicale che costituisce, con il jazz, il più autentico e originale contributo degli Stati Uniti alla storia della musica. Cantate dal soprano Gabriella Costa, il pubblico potrà ascoltare melodie immortali come The man I love e Summertime di George Gershwin (tratte rispettivamente dal musical “Lady, Be Good” e dal suo capolavoro, l’opera “Porgy and Bess”), Smoke gets in your eyes di Jerome Kern (dal musical “Roberta”, che fu anche un celebre film di Fred Astaire), I feel pretty e Somewhere di Leonard Bernstein (da “West Side Story”, Don’t cry for me Argentina, Memory e Think of me di Andrew Lloyd Webber, tratte dai suoi tre più celebri musical, rispettivamente “Evita”, “Cats” e “Il fantasma dell’Opera”. Dopo la celebre colonna sonora Mondo Cane di Riz Ortolani, nella versione per orchestra, il concerto sarà chiuso dalla più newyorkese di tutte le canzoni, “New York, New York” di John Kander, autentico inno alla Grande Mela.

Opera di Zurigo annuncia la nomina di Gianandrea Noseda a Direttore Musicale a partire dalla stagione 2021/22

Gianandrea Noseda


RINNOVI, UN NUOVO DIRETTORE MUSICALE E UN NUOVO “RING” DOPO 20 ANNI
Andreas Homoki, sovrintendente e direttore artistico dell’Opera di Zurigo resterà fino al 2025. L’annuncio che il suo contratto è stato esteso per ulteriori tre anni dal Consiglio di Amministrazione dell’Opera di Zurigo è stato dato lunedì, 2 luglio in una conferenza stampa. Analoga estensione ha riguardato il direttore del Balletto Christian Spuck. Entrambi sono responsabili del profilo artistico del teatro dal 2012.

Il Direttore Musicale Fabio Luisi si dedicherà a nuovi progetti a partire dal 2021. Con una decisione condi-visa, Luisi lascerà la sua posizione all’Opera di Zurigo un anno prima del previsto per lasciare al suo succes-sore uno spazio più rilevante per la programmazione artistica. Andreas Homoki ha presentato Gianandrea Noseda come nuovo Direttore Musicale a partire dalla stagione 2021/22.Lo scorso anno Noseda era apparso per la prima volta sul podio della Philharmonia Zürich per la direzione di un programma sinfonico e poi per due produzioni, un nuovo Angelo di fuoco di Prokofiev e una ripresa del Macbeth verdiano. In entrambi i casi aveva portato una ventata di nuova ispirazione ai musicisti ed era stato accolto con entusiasmo dal pubblico e dai media.

Festival ValcenoArte 2018: primo weekend

Cosmo Ensemble

Festival ValcenoArte 2018: primo weekend 

I racconti sulle stelle di Lara Albanese e l’armonia del Cosmo Ensemble, la classe dell’Orchestra da Camera di Trento - Ensemble Zandonai, diretta dal maestro Giancarlo Guarino, la musicalità e la freschezza del Trio Amadei. Sono alcuni degli appuntamenti del primo weekend del Festival ValcenoArte 2018. 

Diretto dallo stesso Trio Amadei, il Festival si apre venerdì 29 giugno alle 21.30, presso la Chiesa del Monte Barigazzo con il concerto “Cielo di ieri, cielo di oggi” che coniuga i racconti sul cosmo di Lara Albanese - fisica, divulgatrice e “raccontascienze” - e la musica del Cosmo Ensemble formato da Annamaria Senatore (voce), Liliana Amadei (violino), Antonio Amadei (violoncello), Vincenzo Moramarco (chitarra elettrica, effetti) e Flavio Spotti (percussioni etniche). La musica farà da introduzione emotiva all’osservazione delle costellazioni. In caso di mal tempo, lo spettacolo si svolgerà all'interno della chiesa con proiezioni video.

RICHARD GALLIANO A STELLE VAGANTI il 3 luglio 2018 (ore 21.30) al Paganini

Richard Galliano

RICHARD GALLIANO A STELLE VAGANTI
Il leggendario fisarmonicista francese, simbolo del suo strumento, martedì 3 all’Auditorium Paganini insieme a Massimo Mercelli

Richard Galliano, il celebre virtuoso francese della fisarmonica, sarà il prossimo ospite dell’edizione 2018 di Stelle Vaganti, il tradizionale appuntamento estivo a Parma della Filarmonica Arturo Toscanini. Martedì 3 luglio (ore 21.30) egli presenterà, insieme al fautista Massimo Mercelli e alla Filarmonica Arturo Toscanini, un interessante e variegato programma che metterà in risalto le sue straordinarie qualità di strumentista e di interprete (non a casa egli è l’unico fisarmonicista ad incidere per Deutsche Grammophon, la famosa “etichetta gialla” per cui hanno inciso tutti i migliori musicisti dell’ultimo secolo).

PAOLA DONATI, DIRETTORE DI FONDAZIONE TEATRO DUE NOMINATA VICEPRESIDENTE DI FONDAZIONE PER L’ARTE TEATRALE - PLATEA

Paola Donati Vicepresidente Platea

PAOLA DONATI, DIRETTORE DI FONDAZIONE TEATRO DUE, NOMINATA VICEPRESIDENTE DI FONDAZIONE PER L’ARTE TEATRALE - PLATEA

Siamo lieti di comunicare che Paola Donati, Direttore di Fondazione Teatro Due, è stata nominata vicepresidente di Fondazione per l’Arte Teatrale - PLATEA, organismo di rappresentanza dei Teatri Nazionali e dei Teatri di Rilevante Interesse Culturale, aderente all’AGIS.

Nella riunione del Comitato direttivo avvenuta ieri a Roma è stato approvato il bilancio consuntivo dell’esercizio 2017 e sono stati rinnovati gli organi statutari con la riconferma quale Presidente di Filippo Fonsatti, direttore del Teatro Stabile di Torino, al suo secondo mandato. Accanto a Paola Donati, come Vicepresidente è stato eletto Massimo Ongaro, direttore del Teatro Stabile del Veneto e quali Componenti dell’Ufficio di Presidenza Antonio Calbi, direttore del Teatro di Roma, Luca De Fusco, direttore del Teatro Stabile di Napoli e Velia Papa, direttrice di Marche Teatro.

NASCE L’ORCHESTRA GIOVANILE DELLA VIA EMILIA (OGVE)

NASCE L’ORCHESTRA GIOVANILE DELLA VIA EMILIA (OGVE)

Una nuova esperienza professionale per gli studenti dei Conservatori di Musica

“A. Boito” di Parma, “G. Nicolini” di Piacenza e degli Istituti Superiori di Studi Musicali “A. Peri” di Reggio Emilia e “Vecchi – Tonelli” di Modena.

Nasce l’Orchestra Giovanile della Via Emilia (OGVE), costituita da studenti dei Conservatori di Musica “A. Boito” di Parma, “G. Nicolini” di Piacenza e degli Istituti Superiori di Studi Musicali “A. Peri” di Reggio Emilia e “Vecchi – Tonelli” di Modena. Le selezioni, cui hanno partecipato centodieci giovani strumentisti, si sono svolte venerdì 22 e sabato 23 giugno 2018 presso il Conservatorio di Parma, davanti a una commissione composta da direttori e docenti dei quattro Istituti. L’OGVE debutterà in ottobre 2018 con una serie di concerti: nel Teatro Comunale di Modena, in collaborazione con Modena Città del Belcanto (12 ottobre 2018), nel Teatro Verdi di Busseto, nell’ambito del Festival Verdi – Verdi Off (17 ottobre 2018), nella Sala dei Teatini in collaborazione con il Teatro Comunale di Piacenza (19 ottobre 2018). Altre date sono in corso di definizione. Il progetto fa parte di una più ampia convenzione tra i quattro Istituti Superiori di Studi Musicali emiliani, finalizzata a realizzare iniziative e progetti comuni in ambito artistico e a fornire agli studenti nuove opportunità ed esperienze professionali. 

I Concerti del Boito, Francia e Inghilterra: Jeu de Miroirs

I Concerti del Boito: ultimo appuntamento

Francia e Inghilterra: Jeu de Miroirs

 Martedì 3 luglio alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine, si conclude la rassegna di musica da camera del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”. Ingresso libero

Ultimo appuntamento, prima della pausa estiva, dei Concerti del Boito: la rassegna di musica da camera del Conservatorio di Parma saluta il suo pubblico con un concerto affidato alla classe di Musica Vocale da Camera della prof.ssa Reiko Sanada. Martedì 3 luglio alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine, si terrà l’appuntamento dal titolo “Francia e Inghilterra: Jeu de Miroirs”. Regina Maria Granda Vargas e Stela Dicusara (soprani), Laura Zapatero Carreiro (pianoforte) e Darta Tisenkopfa (arpa) interpreteranno le Ariettes oubliée di Claude Debussy su testi di Paul Verlaine, una selezione di pagine dal Secondo Libro di Preludi dello stesso Debussy e A Birthday Hansel di Benjamin Britten, su testi di Robert Burns. 

“I Concerti del Boito” sono inseriti nel programma di Attività di formazione permanente del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma. L’ingresso al concerto è libero e gratuito. Per maggiori informazioni: www.conservatorio.pr.it.

EZIO BOSSO APRE STELLE VAGANTI 2018 giovedì 28 giugno al Paganini

Ezio Bosso

Il celebre direttore, compositore e pianista giovedì 28 al Paganini con la Filarmonica Toscanini. Concerto esaurito da settimane.

Sarà Ezio Bosso ad aprire la V edizione di Stelle Vaganti, il tradizionale appuntamento estivo a Parma della Filarmonica Arturo Toscanini. Il concerto del celebre pianista, direttore e compositore, giovedì 28 giugno alle 21.30 all’Auditorium Paganini, è già esaurito da settimane e costituisce un unico imperdibile appuntamento con il famoso artista torinese e con le sue molteplici capacità. Egli dirigerà la Filarmonica in un programma sinfonico che comprenderà nella prima parte la Sinfonia da La Forza del Destino di Giuseppe Verdi e le versioni sinfoniche, per pianoforte e orchestra, di due composizioni dello stesso Bosso Split, postcards from far away e Rain, in your black eyes. Nella seconda parte la celeberrima Quinta Sinfonia in do minore op.67 di Ludwig van Beethoven, uno dei grandi capolavori della storia della musica.

Verdi Off 2018 Terza edizione

Verdi Off 2018

Verdi Off
III edizione

Città in festa in occasione del Festival Verdi
Oltre 130 appuntamenti a ingresso libero in un mese.
Più di 50 eventi in 40 luoghi diversi in Città e in provincia
Parma, Busseto e dintorni
21 settembre - 21 ottobre 2018 

Verdi Off, la rassegna di appuntamenti collaterali al Festival Verdi, realizzata dal Teatro Regio di Parma in collaborazione con il Comune di Parma e con l’Associazione “Parma, io ci sto!”, giunge quest’anno alla sua terza edizione. Oltre 130 appuntamenti a ingresso libero, dal 21 settembre al 21 ottobre 2018, per più di 50 eventi in 40 luoghi diversi in Città e in provincia, dove anche quest’anno la rassegna si allarga coinvolgendo Busseto, Fontanellato, Langhirano e Mamiano. 

Concerti, spettacoli, proiezioni, incontri, visite, mostre animeranno i giorni del Festival Verdi con l’obiettivo di stimolare, creare e condividere un’atmosfera festosa che abbracci ed emozioni contagiosamente chi vive e visita Parma e il territorio circostante, offrendo occasioni diverse di incontro e scoperta della musica e dell’opera del Maestro a un pubblico ampio e di ogni età, alle famiglie, ai giovani, ai bambini e a coloro che si trovano in luoghi di cura e negli istituti penitenziari. 

I Concerti del Boito: Nella bellezza del giorno. Martedì 26 giugno 2018 alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine

I Concerti del Boito Nella bellezza del giorno
Martedì 26 giugno 2018 alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine, un concerto di improvvisazione jazz con il duo Roberto Bonati (contrabbasso) - Roberto Dani (batteria preparata). Ingresso libero

Martedì 26 giugno 2018 alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine, “I Concerti del Boito” offrono l’occasione di ascoltare il duo formato da Roberto Bonati (contrabbasso) e Roberto Dani (batteria preparata). I due musicisti, che collaborano da lungo tempo, proporranno un concerto dal titolo “Nella bellezza del giorno”, tutto dedicato all’improvvisazione. Roberto Bonati, attivo sulla scena italiana dal 1980, ha collaborato con i migliori musicisti italiani e stranieri. È direttore artistico del Festival “ParmaJazz Frontiere” e docente di Composizione e Improvvisazione Jazz del Conservatorio di Musica “Boito”. Roberto Dani è un musicista autodidatta, la cui ricerca è incentrata sull’improvvisazione. Si divide tra concerti, sound-performance, installazioni sonore e teatro musicale. È docente di batteria jazz e musica d'insieme del Conservatorio “Boito”. 

L’ingresso è libero gratuito. Per informazioni: www.conservatorio.pr.it.

MOLTO RUMORE PER NULLA di William Shakespeare (PRIMA NAZIONALE) il 22 e 23 giugno 2018 alle ore 21.15 all' Arena Shakespeare di Parma

Locandina Molto Rumore per nulla Molto Rumore per nulla all' Arena Shakespeare del Teatro Due di Parma Molto Rumore per nulla all' Arena Shakespeare del Teatro Due di Parma Molto Rumore per nulla all' Arena Shakespeare del Teatro Due di Parma

MOLTO RUMORE PER NULLA

di William Shakespeare

con le musiche di scena Musik zu Shakespeare's 'Viel Lärmen um Nichts', Op.11

di Erich Wolfgang Korngold

traduzione di Luca Fontana

 

Leonato

Nanni Tormen

Beatrice

Paola De Crescenzo

Margherita

Laura Cleri

Orsola

Parma, Festa della Musica 2018. Giovedì 21 giugno, ore 20.30, Auditorium del Carmine

Festa della Musica 2018

Nostalgia in Times Square, Balene, il Santo nero e la peccatrice

Un concerto dedicato a Charles Mingus dal Mefisto Ensemble del Conservatorio “Arrigo Boito”, diretto da Roberto Bonati. Giovedì 21 giugno, ore 20.30, nell’Auditorium del Carmine. Ingresso libero

«Sono Charles Mingus. Mezzo nero, mezzo giallo… ma non proprio giallo e nemmeno bianco quanto basta a essere identificato come tale. Per quanto mi riguarda mi considero un negro…> Così si descriveva Charles Mingus, contrabbassista, pianista e compositore jazz statunitense. A lui è dedicato il concerto “Nostalgia in Times Square, Balene, il Santo nero e la peccatrice” con il Mefisto Ensemble del Conservatorio “Arrigo Boito” diretto da Roberto Bonati. In programma per giovedì 21 giugno alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine, l’evento è organizzato dal Conservatorio e inserito nella Festa della Musica 2018. 

Lettera aperta di Carlo Vitali all’Accademico Feraspe

Ahinoi, ché cadiamo, n. 154
Diseredato? Supercazzole prematurate  nella spezieria di Sondrio

Lettera aperta di Carlo Vitali all’Accademico Feraspe

Caro Feraspe,

il tuo contributo multimediale sulle esternazioni televisive di Bianchini & Trombetta (LINK) suscita in me un divertito sgomento, e con esso un paio d’interrogativi. Primo: dove trovi il tempo e lo stomaco per trascrivere codeste ciance ventose? Secondo: ma ti pare caritatevole mostrare nella cruda evidenza del body language la miseria spirituale di personaggi che in fondo sono esseri umani? Come noi e come Mozart, verso cui nell’intervista all’emittente Telemonteneve Livigno, rubrica “Grandangolo”, i due Bufalari ostentano un’affettata pietas: “Poi Mozart di per sé è un uomo, è una persona umana che è stata sfruttata”. Certo, soprattutto da loro due per impiantare una manifattura casalinga di bufale scadute. La quale, tutto sommato, deve rendergli benino, poiché nelle immagini catturate dal video si rivela una sperticata dilatazione della sfera corporea che mi viene spontaneo mettere in relazione con la rossiniana Società dei Pappataci: “Le guance tumide, le pance piene/ fanno conoscere che vivon bene”. Per inquadrarli serviva appunto un grandangolo; mai nome di rubrica televisiva fu più azzeccato.

Concerti del Boito: Claude Debussy e la sua “tavolozza” sonora, Auditorium del Carmine Martedì 19 giugno 2018, alle 20,30

Martedì 19 giugno 2018, alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine, musica, pittura, danza e recitazione si intrecciano per un inedito omaggio al genio di Debussy. Ingresso libero 

Uno spettacolo che rende omaggio al genio di Claude Debussy, ricreando uno spaccato di vita artistica francese del primo Novecento. Intreccia musica, pittura, letture e danza il concerto “Claude Debussy e la sua ‘tavolozza’ sonora nel centenario della morte”, che andrà in scena martedì 19 giugno alle 20.30 nell’Auditorium del Carmine, nuovo appuntamento de “I Concerti del Boito”.

Compositore che si definiva più pittore che musicista, Debussy fu strettamente legato al movimento impressionista. Nella prima parte del concerto Claudia Rondelli e Pierluigi Puglisi (pianoforte a quattro mani) interpreteranno la Petite Suite e le Six épigraphes antiques, mentre Alessandra Roselli (voce recitante) leggerà alcune lettere del compositore, da cui si può evincere il suo credo musicale. La seconda parte del concerto vedrà invece i due pianisti impegnati nell’esecuzione del Prélude à l’apres-midi d’un faune e delle Danse Sacrée et Danse Profane. Con queste pagine si intreccerà la pittura di Giorgia Abbati, che dipingerà estemporaneamente come gli impressionisti dell’epoca, e la danza della Scuola Arp Dance asd di Parma (in scena Rebecca Ceresino, Melissa Giacomuzzi Trepiccione, Erica Annibali con le coreografie di Annarita Pozzessere). La scrittura scenica dello spettacolo è a cura di Natalia Antonioli. 

La cucina, Sabato 16 e domenica 17 giugno 2018 ore 16 e ore 21 a Europa Teatri di Parma

Cucina a Europa Teatri Parma

CUCINA progetto sociale d’integrazione
direzione, progetto e regia Gigi Tapella
assistenza alla regia e collaborazione artistica Sylviane Onken

testo elaborazione collettiva
tecnico luci e suono Giovanni Garbo
progetto video e foto Alessandro Ceci

Stagione 2017/2018
Sabato 16 giugno domenica 17 giugno ore 16 e ore 21
Europa Teatri - Via Oradour – Parma 

Lo spettacolo “CUCINA”, in scena ad Europa Teatri sabato 16 e domenica 17 giugno alle ore 16 e 21, è un percorso di lavoro teatrale, pensato da Svoltare Onlus, con l’attore e regista Gigi Tapella e con la collaborazione artistica di Sylviane Onken, in coproduzione con Europa Teatri, con il patrocinio del Comune di Parma, che attraverso lo strumento operativo della rappresentazione a più voci esprime l’incontro di culture differenti e offre l’opportunità a un gruppo eterogeneo di vivere un’esperienza a contatto con aspetti professionali del teatro, in veste di attori e creatori dello spettacolo.

Iniziato nell’ottobre 2017, il progetto coinvolge 12 richiedenti asilo provenienti da Senegal, Costa d’Avorio, Nigeria, Togo, Mali, Eritrea e Guinea Conakry, accolti nel progetto di inclusione sociale di “Svoltare Onlus”, 8 cittadini Italiani appassionati al teatro e giovani attori in formazione.

ECCO I FINALISTI DEL 56° CONCORSO INTERNAZIONALE VOCI VERDIANE CITTÀ DI BUSSETO

ECCO I FINALISTI DEL 56° CONCORSO INTERNAZIONALE VOCI VERDIANE CITTÀ DI BUSSETO

I cantanti che hanno superato la selezione si esibiranno nel Concerto diretto da Fabrizio Cassi

alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini, al termine del quale saranno proclamati i vincitori.

Tutti i premiati saranno protagonisti del Concerto di Gala accompagnati al pianoforte.

Busseto, Cortile del Palazzo delle Scuderie di Villa Pallavicino

sabato 16 giugno 2018 ore 21.00, Concerto dei finalisti e proclamazione dei vincitori

Roncole Verdi, Casa Natale di Giuseppe Verdi

domenica 17 giugno 2018 ore 21.00, Concerto di Gala dei premiati

 

Tosca di Puccini al Teatro Regio di Parma

Tosca al teatro Regio di Parma recensione di Carlo Vitali su Classic Voice

CARLO VITALI

PARMA TEATRO Regio: PUCCINI, TOSCA

INTERPRETI A. Pirozzi, L. Decaro, F. Landolfi, L. Leoni, A. Gabba, L. Casalin e altri

DIRETTORE Fabrizio Maria Carminati

REGIA Joseph Franconi Lee (da Alberto Fassini)

venerdì 27 aprile 2018, ore 20.00; sabato 28 aprile 2018, ore 17.00; domenica 29 aprile 2018, ore 15.30; venerdì 4 maggio 2018, ore 20.00; sabato 5 maggio 2018, ore 17.00; domenica 6 maggio 2018, ore 20.00.
Durata complessiva 2 ore e 35 minuti, compreso due intervalli

***/****           

"Archetipi da incubo espressionista, tali da ridurre a formichine gli umani che vi si aggirano nei loro costumi Impero mimando passioni, inganni e delitti di un cronòtopo aristotelico ben individuato, ma non solo di quello". 

Carlo Fuortes non si è ancora accorto di essere passato da Musica per Roma al Teatro dell'Opera

Pietro Acquafredda

Carlo Fuortes non si è ancora accorto di essere passato da Musica per Roma al Teatro dell'Opera

" Due titoli d'opera, il ritorno del balletto e così tanti 'extra' da considerarli quasi la norma. La stagione estiva del Teatro dell'Opera di Roma alle Terme di Caracalla si converte al 'POPULAR' con concerti-evento, come l'unica data italiana di Bjork e l'addio alle scene di Joan Baez, lasciando alla lirica due soli allestimentiTraviata e Carmen, che comunque insieme coprono 14 serate, a cui si aggiungono le 5 repliche del nuovo balletto Romeo e Giulietta...

Mozart di Nissen tradotto e curato da Marco Murara

Biografia di Mozart recensione Classic Voice

GEORG NIKOLAUS NISSEN
BIOGRAFIA DI WOLFGANG AMADEUS MOZART
PUBBLICATA DA CONSTANZE,
VEDOVA MOZART, LIPSIA 1828
A CURA di Marco Murara
EDITORE Zecchini
PAGINE 700
EURO 59

"Per stimare equamente questo libro e farne il giusto uso bisogna accertarne il metodo e l'origine, compito ben più difficile che non limitarsi a deriderlo". Parola di Otto Jahn, autore della prima biografia sistematica di Mozart (1856-59). A metà strada fra lo Handel di Mainwaring (primo "elogio" barocco dedicato a un compositore, 1760) e il Palestrina di Baini (1828, basato su accurate ricerche d'archivio), il volume di Nissen inaugurava – forse senza volerlo – un nuovo genere: la biografia documentaria, poi condotta a perfezione da Otto Erich Deutsch (1961). Ossia una raccolta non selettiva di fonti scritte e orali che senza il suo intervento sarebbero andate disperse senza rimedio. È quasi una fortuna per i posteri che la morte gli abbia impedito di compiere il volume inserendole in un'organica linea narrativa, sicché esso uscì postumo a cura di un medico sàssone e di Gaspare Spontini, Generalmusikdirektor della corte prussiana nonché fervido estimatore del genio salisburghese.

ORER E GIOVANI TALENTI DEL BOITO, mercoledì 13 giugno 2018 ore 21, all’Auditorium Paganini con lo Stabat Mater di Rossini diretto da Andrea Chinaglia

ORER E GIOVANI TALENTI DEL BOITO
Terzo appuntamento mercoledì 13 all’Auditorium Paganini
con lo Stabat Mater di Rossini diretto da Andrea Chinaglia

L’ormai tradizionale appuntamento estivo con la rassegna “L’ORER incontra i Giovani Talenti” prosegue mercoledì 13 giugno (ore 21) all’Auditorium Paganini con il terzo e ultimo appuntamento di questa decima edizione che rinnova ancora una volta l’incontro tra l'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna e i giovani talenti del Conservatorio di Musica "Arrigo Boito", selezionati tra gli allievi più dotati per sostenere le parti solistiche di alcune pagine concertistiche del repertorio classico.

Dopo il successo dei primi due concerti al Chiostro del Conservatorio, il concerto di mercoledì sera si terrà all’Auditorium Paganini (anch’esso a ingresso libero e gratuito) in una dimensione più corale. Il programma è infatti costituito dallo Stabat Mater, per quattro voci soliste, coro e orchestra, di Gioacchino Rossini. Insieme all’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna diretta da Andrea Chinaglia si esibiranno i solisti Chiara Guerra (soprano), Erica Cortese (mezzosoprano), Park Hun Seo (tenore) e Lee Hasuk (basso) e il Coro del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma (maestro del coro, Rosalia dell’Acqua).

Lo Stabat Mater, articolato in dieci movimenti, debuttò a Parigi nel 1842, a dieci anni di distanza dall’esecuzione a Madrid di una versione che era rossiniana solo in parte e che era stata un dono del compositore al prelato spagnolo Varela, suo fervente ammiratore, con la sola condizione della non pubblicazione. Alla morte di Varela, Rossini, pressato dagli editori francesi, riscrisse le parti non sue, definendo così la versione che il pubblico ascolterà mercoledì e che resta un’opera ricca di inventiva musicale e struttura armonica.

AMADUO IN CONCERTO Sabato 9 giugno alle 17.30, nell’Oratorio di San Rocco a Vianino (Varano de' Melegari- PR)

Amaduo

AMADUO IN CONCERTO

Sabato 9 giugno alle 17.30, nell’Oratorio di San Rocco a Vianino, l’ultimo appuntamento della Stagione Concertistica ValcenoArte. Ingresso a offerta libera

Un arrivederci alla Stagione Concertistica ValcenoArte nell’attesa di un Festival ValcenoArte ormai alle porte. Si terrà sabato 9 giugno alle 17.30, nell’Oratorio di San Rocco a Vianino (Varano de’ Melegari), il concerto dell’Amaduo, formato da Liliana Amadei (violino) e Antonio Amadei (violoncello). L’appuntamento conclude la Stagione Concertistica diretta dal Trio Amadei. 

L’ORER incontra i Giovani Talenti del Conservatorio Arrigo Boito

Orchestra Orer nel Chiostro del Conservatorio Boito

L’ORER incontra i Giovani Talenti
Ritorna la fortunata iniziativa voluta dal Conservatorio Arrigo Boito e dalla Fondazione Arturo Toscanini. I concerti sabato 9 e domenica 10 al Chiostro Maggiore del Conservatorio

Com’è ormai tradizione da diversi anni, i primi giorni di giugno sono l’occasione per rinnovare l’incontro tra l'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna e i giovani talenti del Conservatorio di Musica "Arrigo Boito", selezionati tra gli allievi più dotati per sostenere le parti solistiche di alcune pagine concertistiche del repertorio classico. Questa importante iniziativa, che culmina in tre concerti gratuiti offerti al pubblico quale ideale inizio della stagione musicale estiva della città, vuole avvicinare al professionismo gli allievi più preparati dell’Istituto musicale parmigiano. Nell'occasione, tra le file dell'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna suoneranno quindi alcuni alunni del Boito, che potranno così fare un’esperienza formativa a tutti gli effetti.

Inaugurazione delle celebrazioni per il CENTENARIO DELLA MORTE DI ARRIGO BOITO (1918-2018). Sabato 9 giugno 2018, dalle ore 15.00, Auditorium del Carmine

Inaugurazione delle celebrazioni per il

CENTENARIO DELLA MORTE

DI ARRIGO BOITO (1918-2018)

A cura del Comitato nazionale

per le celebrazioni boitiane

Sabato 9 giugno 2018, dalle ore 15.00

– Auditorium del Carmine –

Ingresso libero

 

Si terrà nel Conservatorio di Parma, sabato 9 giugno 2018, l’inaugurazione delle celebrazioni per il Centenario della Morte di Arrigo Boito a cura del Comitato Nazionale per le celebrazioni boitiane. La giornata si articolerà in un concerto, una tavola rotonda e visite guidate allo “Studio Boito”. Il Conservatorio di Parma è intitolato al letterato, musicista e librettista perché egli contribuì al consolidamento della scuola in un momento particolarmente delicato, quando da Regia Scuola di Musica, nel 1888, fu trasformata in Conservatorio. Boito accettò di ricoprire la carica di Direttore onorario, per seguire la gestione dell’Istituto durante la malattia dell'amico Franco Faccio, designato Direttore. Questo legame è stato confermato e rafforzato quando gli eredi di Boito, della famiglia Albertini-Carandini, hanno donato al Conservatorio il suo Studio, ora ricostruito nelle dimensioni reali nel Museo storico “Riccardo Barilla” che contiene una documentazione unica, comprendente la biblioteca privata del letterato, gli appunti e gli abbozzi per il Nerone, strumenti musicali, oggetti artistici, strumenti scientifici, a testimoniare l’ampiezza dei suoi interessi e della sua cultura.

 

Ma voi chi siete per dirci questo

«La caduta degli dei»: trionfi dell’Invidia e dell’Inganno

Guida democratica per aspiranti musicologi contro fake-books e fake-news: come non scrivere una biografia critica di argomento musicale e musicologico

Scarica tutto l’articolo in pdf qui: Mozart Ma voi chi siete per dirci questo

PROLOGO

In cosa consiste lo strano e disdicevole caso tutto italiano dei due volumi “Mozart. La caduta degli dei” scritti dai coniugi dott. Luca Bianchini e dott.ssa Anna Trombetta? Usciti in vendita sul web rispettivamente nell’aprile 2016 e nell’aprile 2017 – 945 pagine complessive al costo di 49,30 euro – hanno indignato appassionati, musicisti, studiosi e musicologi per l’aver dato alle stampe e in vendita un conglomerato di errori sistematici sotto ogni profilo (musicologico, compositivo, analitico, metodologico, interpretazioni surrettizie, false attribuzioni, false citazioni, ecc..) al fine di discreditare Mozart, la sua musica e chi ne sostiene la genialità, cercando di contaminare con fake news musicali il mondo culturale e sviluppando in modo esponenziale le assurde teorie antimozartiane dell’insegnante di matematica Giorgio Taboga, a cui sono dedicati. 

Condividi contenuti