Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Sorgenti

Sorgenti: news e opinioni di politica. Con il contributo di redattori volontari che possono inviare i loro scritti a luigiboschi@gmail.com

Sulla legge elettorale è finita una commedia

Due buone notizie tutte in una volta per quanti sono in ansia sulla legge elettorale. La prima: cala il sipario sulla commedia del Mattarellum. Il Pd prende finalmente atto che è inutile insistere, nessun altro partito accetterebbe di riportare in auge quel sistema dove va in Parlamento chi arriva primo nel suo collegio, e gli sconfitti si accontentano delle briciole. Il Mattarellum fa orrore a Grillo che teme il condizionamento oscuro di clientele, mafie e poteri forti. Non lo gradisce nemmeno Berlusconi, perché sarebbe letale per Forza Italia. E se si dà retta ai maliziosi, non ci ha creduto fino in fondo nemmeno Renzi. Il quale aveva riproposto quel sistema (in vigore dal 1993 al 2005) ben sapendo che non avrebbe mai ottenuto i voti necessari, specie al Senato. Dunque sarebbe stato semplicemente un modo astuto per impiegare il tempo e andare alle urne nel 2018 con le leggi riscritte dalla Consulta, dandone la colpa agli altri. 

Fortunatamente ieri il Pd ha avuto il buon senso di non impuntarsi. I suoi rappresentanti in Commissione alla Camera si sono arresi all'evidenza dei numeri. Ed ecco la seconda buona, anzi eccellente notizia: la palla adesso passa a Beppe e al Cav. I quali dovranno scoprire le rispettive carte. Invece di limitarsi a dire «non mi piace», avranno l'occasione per spingere avanti soluzioni alternative. Nemmeno potranno sostenere che il tempo non basterebbe più, che siamo in ritardo eccetera, in quanto la riforma elettorale verrà votata in aula a maggio, in teoria nella prima settimana ma forse anche più in là. A disposizione ci sono ancora un paio di mesi. 

L’allarme delle città metropolitane sui conti: “Troppi tagli, non chiudiamo i bilanci”

Gli amministratori locali: “Servono più fondi, in 5 anni tolti 1,1 miliardi”

Restano ancora poche ore per la chiusura dei bilanci delle Città metropolitane, è attesa entro il 31 marzo, ma senza un intervento del governo alcuni enti non riusciranno a rispettare il pareggio di bilancio e a chiudere i conti. Per questo i sindaci metropolitani chiedono all’esecutivo più tempo e risorse, dopo anni di tagli che hanno colpito prima le province e poi gli enti di area vasta che le hanno sostituite, nati nel 2015. In tutto si parla di 1,1 miliardi di euro tagliati dal 2011 allo scorso anno per le 14 città metropolitane, quattro delle quali nelle Regioni a statuto speciale.

Il problema non è solo di instabilità finanziaria, che non permette ulteriori assunzioni oltre che lo svolgimento dei compiti più importanti, come la manutenzione e lo sviluppo delle strade e dell’edilizia scolastica. C’è infatti anche un tema di incertezza sulle funzioni. A due anni dalla loro nascita, le città metropolitane hanno sostituito le province ma in alcune Regioni c’è ancora confusione sulle competenze, un ulteriore aggravio per gli enti a corto di liquidità e di personale, diminuito del 30%. 

Il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, incontrerà venerdì pomeriggio il sottosegretario Maria Elena Boschi, per chiedere più tempo e risorse. Quasi metà degli enti non è in grado di chiudere il proprio bilancio in equilibrio entro fine mese e per questo si chiede di spostare il termine alla fine di aprile. Le città metropolitane più in difficoltà sono Roma, Torino, Milano e le tre siciliane, Catania, Messina e Palermo. Decaro chiede uno stanziamento di 100 milioni per permettere di far quadrare i conti, «ma sarà difficilissimo ottenerlo - spiega - visto che litigo ogni giorno su piccole cose e per pochi soldi». 

Riforma del Lavoro Statale, Giorgio Pagliari relatore al Senato

Dopo il fondamentale Decreto Sicurezza, è stato affidato al Senatore Pd Giorgio Pagliari anche il compito di seguire il percorso parlamentare del decreto cosiddetto Statali bis. Il provvedimento, uno dei due Decreti legislativi che compongono la riforma del lavoro statale promossa dal Governo Gentiloni, è stato incardinato oggi nella Commissione Affari costituzionali del Senato. L'esame è iniziato con una approfondita relazione tenuta dal Sen. Pagliari, che nella Commissione Affari Costituzionali riveste anche il ruolo di capogruppo PD.

I decreti legislativi all'esame del Senato introducono importanti novità sul piano della lotta all'assenteismo, rendono più stretta la maglia dei licenziamenti disciplinari, modificano a disciplina di controllo sulle malattie dei lavoratori, con una armonizzazione tra pubblico e privato e contengono misure volte al superamento del precariato nella Pa. In questo senso le misure riguarderanno 50 mila lavoratori con contratti a tempo determinato che hanno alle spalle almeno tre anni di lavoro negli ultimi otto, e riguarderà tutte le amministrazioni pubbliche con la sola esclusione degli enti locali.

Intervento del 28 marzo 2017 di Marco Saba all'assemblea azionisti di Carige sul Bilancio 2016

Carige Banca

Intervento di Marco Saba all’assemblea CARIGE del 28 marzo 2017 sul primo punto all’ordine del giorno (Bilancio 2016)
Risposte scandalose del CDA



inizio “Saluto gli amministratori e gli azionisti presenti ed intervengo, come piccolo azionista, a proposito del bilancio d’esercizio di CARIGE che chiude con una perdita netta di 313,6 milioni di Euro. Rammento che intervenni già nell’assemblea del 2014 contestando che nel bilancio non era presente la voce che indicava il sottostante dei crediti e debiti verso clientela, ovvero la somma del denaro creato durante l’esercizio, e rinnovo tale critica con qualche osservazione in più. Dal 2014 ad oggi sono cambiati gli amministratori della banca ma non è cambiato il sistema di gestione contabile dell’attività bancaria, nonostante quanto emerso a seguito del rapporto di KPMG al primo ministro islandese e le recentissime dichiarazioni della Banca d’Italia, rese alle commissioni finanze di Camera e Senato, a proposito della creazione del denaro e dei depositi da parte delle banche commerciali.

Democrazia e municipalismo, Incontro sull’esperienza di Barcelona en Comú Sabato 1 Aprile 2017, ore 15 Centro studi movimenti – Via Saragat, 33/a, Parma

Quella di Ada Colau, classe 1974, occupante di case divenuta sindaca di Barcellona, è la storia di un’alternativa possibile nel governo delle grandi città europee travolte dalla crisi. Attivista del movimento No Global nei primi anni Duemila, diviene leader riconosciuta nella sua città fondando la Pah (Piattaforma delle vittime dei mutui), movimento sociale apartitico che dal 2011 s’intreccia con gli Indignados e si oppone agli sfratti con picchetti e trattative con le banche.

Il Centro studi movimenti converserà con Enric Bárcena, tra i fondatori e militanti di Barcelona en Comú, dove è anche membro della Commissione internazionale, e con Steven Forti, che verrà a presentare il suo ultimo libro, scritto con Giacomo Russo Spena, Ada Colau, la città in comune. Da occupante di case a sindaca di Barcellona (Alegre, 2016).

SCARPA: ABBANDONARE OGNI POLEMICA PER PROSEGUIRE IL LAVORO INIZIATO CON LE PRIMARIE

La politica si assuma le proprie responsabilità a tutti i livelli, io mi assumerò le mie da candidato sindaco che deve riunire la città in una visione condivisa, senza disperdere il tempo a causa degli screzi dei singoli. È la richiesta formulata con evidenza già dalle Primarie e che assume oggi un carattere di urgenza. Io sono concentrato sul futuro di Parma e quindi non accetterò che mi si tiri per la giacchetta, distraendomi dai temi che interessano la gente di questa città. Questo è un messaggio che trasmetto a tutti, dentro e fuori le mura: questa è una partita che si gioca a Parma, con i parmigiani. Chi corre assieme a me fa una scelta di vita - e mi permetto di dire di stile - che implica l’abbandono di qualunque forma di polemica strumentale più o meno diretta.

Prendo atto con rammarico che comunicazioni riservate siano state passate ai quotidiani per alimentare tensioni, e proprio per questo a Dall'Olio e a Costi dico che è necessario che questa disputa a due abbia immediatamente fine, perché entrambi possano dedicarsi pienamente, con me, alla nostra città, che certamente non comprende le ragioni per le quali è nata questa contrapposizione.

Caos nel Pd di Parma, appelli all'unità dopo la lettera di Dall'Olio

Il capogruppo ribadisce la critiche a Costi ma prova a ricucire. In Consiglio comunale Torregiani lo critica. Serpagli: "Le polemiche ci indeboliscono". Calvano: "Basta casini". Scarpa: "Non tiratemi per la giacchetta. Pensiamo a Parma"

Una lunga serie di appelli all'unità e qualche tirata di orecchie. Il giorno dopo la lettera del capogruppo del Pd Nicola Dall'Olio contro Dario Costi le acque restano agitate ma si prova a stemperare.

"Credo così tanto nell'importanza dell'unità che ho fatto un 'passo di lato', dopo la mia candidatura alle primarie, pur potendo contare su ampi consensi. Dieci giorni fa, di fronte a una palese provocazione nei confronti di Paolo Scarpa, ho ritenuto fosse mio dovere segnalarla ai responsabili del mio partito" scrive Dall'Olio che torna così sulla missiva inviata al partito per censurare l'atteggiamento dell'ex candidato alle primarie.

Pd, Dall'Olio: "Lavoriamo tutti insieme per Parma"

"Credo così tanto nell'importanza dell'unità che ho fatto un 'passo di lato', dopo la mia candidatura alle primarie, pur potendo contare su ampi consensi. Dieci giorni fa, di fronte a una palese provocazione nei confronti di Paolo Scarpa, ho ritenuto fosse mio dovere segnalarla ai responsabili del mio partito". 

Il capogruupo del Pd Nicola Dall'Olio torna sulla lettera inviata al partito per censurare l'atteggiamento dell'ex candidato alle primarie, Dario Costi. Non rinnega la missiva ma cerca di riportare la calma. Nel pomeriggio è atteso anche l'intervento di Paolo Scarpa.

M ail caso rischia di avere ripercussioni senza possibilità di recupero: in Consiglio comunale è il consigliere comunale Franco Torregiani, sostenitore di Costi, ad attaccare Dall'Olio.

Che in una nota così spiega la presa di posizione contro l'architetto: "L'ho fatto con toni forse troppo accesi, ma in modo riservato e non pubblicamente, proprio per evitare inutili polemiche a mezzo stampa. La mia critica di natura politica era sul metodo e non sulla persona.

Nei giorni successivi, anche grazie all'iniziativa di Paolo, il clima si era rasserenato. L'aver reso pubblica proprio adesso quella comunicazione interna, questo sì, dimostra che non tutti hanno a cuore come me l'unità dello schieramento che deve sostenere Scarpa" dice insinuando passaggi alla stampa della missiva 

Dario Costi: “La presenza di Dall’Olio rende veramente difficile una collaborazione positiva e un mio coinvolgimento”

I giornali hanno diffuso la notizia che il 19 marzo il primo alleato di Scarpa e capogruppo del Pd in Consiglio Comunale, Nicola Dall’Olio, ha scritto una lettera contro di me al Presidente della Regione, al segretario regionale del Pd, all’assessore regionale, ai tre parlamentari, ai consiglieri regionali, ai segretari provinciale e cittadino [LINK]

Il sottoscritto non è stato inserito tra i destinatari della comunicazione…. il che non mi pare un segnale di volontà collaborativa e di correttezza.

Ma entriamo nel merito: nella lettera Dall’Olio contesta come “inaudito” e “scorretto” il nostro comunicato stampa di domenica 18 marzo [LINK] nel quale rendevo noto che gli amici che mi hanno sostenuto alle primarie intendevano proseguire il lavoro di approfondimento sul programma per offrire “questo contributo al vincitore delle primarie, se si dimostrerà interessato.” Davvero mettere a disposizione le nostre competenze, la nostra mobilitazione, la nostra passione e le idee raccolte nella campagna di Ascolto è da censurare?

Altre richieste, poi, mi sembrano ancora più incredibili.

Dall’Olio pretende che mi sia tolta l’autonomia di parola e impedito di comunicare con la stampa senza la preventiva autorizzazione del vincitore delle primarie.

Infine chiede il mio deferimento agli Organi di Garanzia inviando l’email anche al Presidente del Collegio (testuale: “Trovo questo modo di comportarsi e di comunicare a mezzo stampa assolutamente scorretto e lo segnalo anche agli organi di garanzia perché facciano le proprie valutazioni. […] Attendo riscontro sulle valutazioni del presidente della commissione dei garanti.”).

Roberto Ghiretti sull'aumento della Tari nel Comune di Parma

Aumento della Tari, Ghiretti: “Sui rifiuti i parmigiani sono stati beffati tre volte”

Se quanto uscito dalla riunione congiunta delle commissioni Bilancio e Ambiente del Comune di Parma sarà confermato potremo davvero dire che i cittadini di Parma sulla questione rifiuti sono stati beffati tre volte. A suo tempo ci fu raccontato che l'apertura dell'inceneritore avrebbe comportato minori costi  in bolletta, alzi la mano chi se ne è accorto!

In seguito il sistema di raccolta con tariffazione puntuale ci è stato sempre venduto come un'opportunità di risparmio per le famiglie più virtuose, salvo che poi alla prova bolletta, l'unica che conta, abbiamo visto tutti che i risparmi erano nell'ordine di qualche euro se va bene.

Adesso, ciliegina sulla torta, arriva un aumento della Tari nell'ordine di 0,76 euro al chilo. Considerato che mediamente una famiglia si stima produca 100 chili all'anno di rifiuti si capisce che a differenza degli impalpabili risparmi che ci hanno fin qui venduto questi aumenti saranno più che consistenti.

Ufficialmente l'aumento è stato giustificato con la necessità di finanziare adeguatamente lo spazzamento delle strade, una questione che solleva il coperchio ad un altro possibile calderone di bugie raccontate in questi cinque anni.

Pd Parma, lettera di Dall'Olio al partito: "Costi scorretto, così non si fa l'unità"

Il capogruppo attacca l'intervento in cui il candidato sconfitto alle primarie diceva di voler tirare dritto

Nonostante le recenti parole spese dal candidato sindaco Paolo Scarpa, nel Pd le acque sono agitate.

Nicola Dall'Olio, capogruppo comunale e sosstenitore di Scarpa alle primarie del 5 marzo, ha inviato lo scorso 19 marzo una lettera a tutto lo stato maggiore del Partito democratico regionale e provinciale. In particolare al presidente della Regione, ai segretari regionale, provinciale e cittadino e, per conoscenza, all'assessore regionale Simona Caselli, ai tre parlamentari e ai consiglieri regionali del territorio, con la quale - riferisce l'agenzia Dire - chiede il deferimento di Dario Costi alle autorità di garanzia delle primarie.

Dall'Olio giudica "inaudito" e "scorretto" il comunicato stampa di Costi del 18 marzo, con cui il candidato sconfitto alle primarie rendeva noto che il gruppo che lo ha sostenuto intende proseguire il lavoro di approfondimento sul programma, nota che si concludeva testualmente: "Offriremo questo contributo al vincitore delle primarie, se si dimostrerà interessato".

Si materializzano così i timori di una difficile convivenza.

Elezioni 2017 a Parma, Scarpa: "Apertura verso Costi e Gentian. Centrosinistra sarà unito"

"Le primarie di Parma sono state una prova democratica autentica sul terreno della partecipazione e della condivisione di temi e programmi e sono certo che il centrosinistra si presenterà unito alla sfida delle amministrative".

E' la risposta che il cadidato sindaco Paolo Scarpa alla lettera aperta dell'associazione Kairòs che invitava la coalizione a non rischiare divisioni pericolose e Scarpa a prodigarsi per fare da collante.

"Massima apertura ai candidati che assieme a me hanno condiviso il voto del 5 marzo. Nei giorni scorsi, ho incontrato Dario Costi e Gentian Alimadhi, che hanno partecipato alle primarie con grande capacità di dialogo e autentica passione. A loro ho manifestato il mio desiderio di arrivare al voto contando sul sostegno e il contributo di entrambi per la sfida di giugno, estremamente impegnativa ma che possiamo vincere uniti. L'impegno all'unità che ho sottoscritto assieme agli altri candidati, quando è stata accolta dal Pd la mia proposta di primarie aperte alla città, trova dunque riscontro negli incontri che ho avuto nei giorni scorsi" ribadisce l'ingegnere.

"È questa una ulteriore dimostrazione dello spirito che ha animato le primarie di Parma e che le contraddistingue dal resto del panorama politico nazionale, in cui campeggiano divisioni e contrapposizioni che aumentano il disagio e il disorentamento dei cittadini. La coalizione che rappresento può guardare al futuro restando concentrata sul lavoro che l'attende per portare tra la gente il nostro progetto di città. Abbiamo un programma ambizioso per Parma, attento ai bisogni di chi è in difficoltà".

Roma, la denuncia delle Iene: "Irregolari le firme per Virginia Raggi"

Il programma Mediaset scopre alcune incongruenze nei documenti della raccolta di firme per la candidatura della sindaca. I parlamentari del Pd: "Di Maio e Grillo non hanno nulla da dire?"

di MONICA RUBINO

ROMA - Dopo l'inchiesta sulle firme false del M5S a Palermo Bologna, scoppia un caso sospetto che riguarderebbe anche le firme raccolte per la candidatura della sindaca Virginia Raggi nella Capitale. In un servizio del programma Mediaset Le Iene, andato in onda dal titolo "C'è un falso nella candidatura del sindaco Raggi?"Filippo Roma, la "iena" che già aveva smascherato la "firmopoli" palermitana dei Cinque stelle, indaga su un evento verificatosi nell'aprile del 2016 durante la campagna elettorale pentastellata. Per avere chiarimenti, Roma raggiunge la Raggi sulle piste da sci dell'Alpe di Siusi. Ma la sindaca non risponde: "A quel tempo ero candidata, chieda ai delegati di lista", conclude stizzita.

Arretrati Imu, buco di 600 milioni nei bilanci dei comuni italiani

ROMA - Non c’è solo Torino a lamentare un ammanco nei trasferimenti di fondi che arrivano da Roma: tutti i comuni italiani – chi più e chi meno - vantano degli arretrati o potrebbero accampare ragioni per chiedere una revisione dei conteggi. «Da solo il contenzioso su Ici-Imu vale almeno 600 milioni di euro», denuncia il sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli, il «ministro delle finanze» dell’Associazione dei comuni italiani.
 

Il vulnus del 2012  

Vitalizi, la carica dei 629. Pure il Senato verso la riforma

A settembre scatta la pensione per i parlamentari al primo mandato. Ecco i gruppi più numerosi: in testa democratici e Cinquestelle

di MONICA RUBINO

ROMA. Il "D-Day" è il 15 settembre 2017. Quel giorno i parlamentari al primo incarico della XVII legislatura avranno raggiunto il traguardo dei 4 anni, 6 mesi e 1 giorno. Ossia il periodo minimo di servizio necessario per maturare il diritto alla pensione, secondo la riforma dei vitalizi approvata dal governo Monti nel 2012, che si basa sul sistema di calcolo contributivo. Deputati e senatori al primo mandato riceveranno dunque a 65 anni 950 euro di pensione. Mentre, se verranno rieletti per un'altra legislatura, l'assegno sarà di 1500 euro a 60 anni.

È passato solo poco più di un mese e mezzo da quell'sms al programma di Giovanni Floris in cui l'ex segretario del Pd Matteo Renzi si augurava di andare "al voto prima che scattino i vitalizi", scatenando la rivolta fra i parlamentari dem, renziani compresi. Ma poi l'ipotesi di elezioni anticipate è stata archiviata e quindi la meta del 15 settembre è ormai sicura. Una buona notizia per il folto plotone dei neoeletti, che altrimenti avrebbero perso tutti i contributi versati. Quello uscito dalle elezioni del febbraio 2013, infatti, è un Parlamento di novizi. Facciamo i conti: alla Camera su 630 deputati complessivi, ben 438 sono al primo mandato. A Palazzo Madama su 320 senatori 191 sono neoeletti. Sommando le due camere, otteniamo la cifra di 629 novellini su 950 parlamentari, i due terzi del totale.

Mosca, fermato l'oppositore Alexei Navalny

È stato caricato su un pulmino della polizia durante una manifestazione anticorruzione. La folla ha assaltato il pulmino

MOSCA - Sale al tensione a Mosca e in tutta la Russia. L'oppositore Alexei Navalny è stato fermato dalla polizia nel corso di una manifestazione anticorruzione a Mosca: è stato caricato su un pulmino della polizia e la folla ha assaltato il pulmino urlando "fascisti, liberatelo".

Navalny ha organizzato diverse manifestazioni anticorruzione in varie città della Russia. Nel mirino il premier Dmitry Medvedev, accusato di controllare un vero e proprio impero attraverso un network di organizzazioni non-profit. Oltre al fermo dell'oppositore si registrerebbero diversi altri fermati. Secondo le prime indicazioni, tafferugli sarebbero in corso anche a San Pietroburgo.

Navalny ha annunciato l'intenzione di candidarsi alle prossime elezioni presidenziali. Secondo siti dell'opposizione il corteo a Novosibirsk in Siberia ha visto la partecipazione di circa duemila persone, mentre i manifestanti erano circa 1.500

MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEI LAVORATORI DELLE FONDAZIONI LIRICO SINFONICHE A FIRENZE IL 27 Marzo 2017

MANIFESTAZIONE NAZIONALE DEI LAVORATORI DEL CORO, DELL'ORCHESTRA, DEI BALLERINI E DEI TECNICI DELLE FONDAZIONI LIRICO SINFONICHE

Lunedì 27 marzo i lavoratori del Comitato Nazionale Fondazioni Lirico Sinfoniche parteciperanno alla manifestazione indetta da Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Fials Cisal a Firenze con tutte le 14 Fondazioni italiane. 

La protesta fa parte della serie di iniziative di contrasto all'art.24 della legge 160 che declassa le fondazioni, precarizza i lavoratori e mortifica la produzione operistica in caso di mancato pareggio di bilancio, a fronte di uno stanziamento del Fondo Unico per lo Spettacolo già inadeguato e che colloca l'Italia penultima in Ue per investimento in cultura. 

Il concentramento è previsto in piazza San Firenze alle 10,30 e al termine della manifestazione sarà fatto un presidio di fronte alla Prefettura tra le 12,30 e le 13, e sarà chiesto un incontro col Prefetto.

I lavoratori delle Fondazioni daranno vita a importanti momenti musicali e di protesta per esprimere il loro totale dissenso al disegno politico culturale italiano.  

Il Comitato prevede una massiccia partecipazione dei lavoratori provenienti da tutta Italia per quella che sarà la più importante manifestazione del settore degli ultimi 12 anni.

I LAVORATORI DEL COMITATO NAZIONALE delle FONDAZIONI LIRICO SINFONICHE

Trattati Roma: Papa Francesco, non ridurre gli ideali dell'Europa a necessità della finanza

Mattarella: 'Alla costruzione europea mancano dei pezzi, Europa va completata vita'

"Il Parlamento Europeo, che è stato, tradizionalmente, uno degli acceleratori del processo di integrazione, è ben consapevole che alla costruzione europea mancano pezzi, che essa va completata. Diversamente l'equilibrio instabile, che la caratterizza, non potrà durare". L'allarme viene dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, incontrando al Quirinale la Conferenza dei presidenti del Parlamento europeo.

Il Papa è arrivato nella Sala regia del Palazzo Apostolico dove lo attendevano le delegazioni di tutta Europa. Presenti 27 capi di stato e di governo. Comincia l'udienza convocata in occasione del 60.ma anniversario dei Trattati di Roma. Si apre con il saluto del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani che, in onore del papa argentino, ha cominciato l'intervento parlando in spagnolo. 

L'Europa deve evitare la "tentazione di ridurre gli ideali fondativi dell'Unione alle necessità produttive, economiche e finanziarie"; piuttosto deve puntare "ai valori", mettendo al centro "l'uomo". Lo ha detto il Papa, parlando ai leader europei.

L'Europa si adoperò con fatica per far cadere il muro "eppure oggi si è persa memoria della fatica. Si è persa pure la consapevolezza del dramma di famiglie separate, della povertà e della miseria che quella divisione provocò". Lo ha detto il Papa richiamando alla memoria dei leader europei "quell'innaturale barriera che dal Mar Baltico all'Adriatico divideva il continente". "In un mondo che conosceva bene il dramma di muri e divisioni, era ben chiara l'importanza di lavorare per un'Europa unita e aperta".

Il Governo scioglie il Comune di Lavagna per infiltrazioni mafiose

Nel giugno 2016 arrestati il sindaco Sanguineti e l'ex parlamentare Mondello

Luca Garibaldi, vicecapogruppo Pd in Regione Liguria e segretario Pd Tigullio, Alessio Chiappori, vicesegretario Pd Tigullio, Marco Ostigoni, segretario Circolo Pd Lavagna intervengono sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Lavagna affermando che "la decisione presa oggi dal Consiglio dei Ministri conferma che bisogna approfondire ulteriormente ciò che è accaduto a Lavagna e che non ci sono ancora le condizioni per svolgere regolari elezioni. Segno che il condizionamento e la presenza della criminalità organizzata in questo territorio sono ancora forti e radicati".

Secondo gli esponenti del Pd "è la prima volta che succede nel Levante ligure e si tratta di una decisione di portata storica. A giugno dell'anno scorso dall'inchiesta "Conti di Lavagna" che aveva portato al coinvolgimento del sindaco e della sua maggioranza (e successivamente alle loro dimissioni) erano emersi indizi su potenziali rapporti tra politica e criminalità organizzata con scambi, condizionamenti delle elezioni comunali, favori e interessi illeciti".

PAOLO SCARPA: PUBBLICITÀ SU MEZZI TEP È INOPPORTUNA PROPAGANDA PER PIZZAROTTI

Autobus Tep di Parma con la pubblicità del Sindaco Pizzarotti

Da alcuni giorni vediamo girare in città un buon numero di autobus Tep integralmente ricoperti da pubblicità sui servizi comunali e sui “risultati” raggiunti dalla Giunta. Una pubblicità al Sindaco, pagata con soldi pubblici, che si configura, oltretutto, come un oltraggio per un'azienda come la Tep, vittima degli errori del Comune (che ne detiene il 50%) che le hanno fatto perdere la gara di appalto sul trasporto pubblico locale.

Questa pubblicità è anche un'offesa per gli stessi dipendenti Tep, così come per i passeggeri, involontari testimonial di un'autocelebrazione imbarazzante del Sindaco, fatta a spese di tutti. È in ogni caso inaccettabile che si usino i soldi pubblici per farsi pubblicità e gli autobus della Tep che invitano i parmigiani a scoprire i “successi” e i servizi del Comune a 90 giorni dal voto, cioé durante gli ultimi tre mesi di ben cinque anni di mandato, si possono chiamare in un modo soltanto: propaganda per il sindaco uscente. E che di propaganda elettorale si tratti, per giunta last minute, è chiaro a tutti i parmigiani che ogni giorno si confrontano con una quotidianità ben diversa da quella raccontata dal sindaco.

Carcere di Parma, Pagliari (Pd) interroga il Governo: "Serve un direttore a tempo pieno"

Sovraffollamento, con 590 detenuti per una capienza di 468 persone, e dal 2011 l'assenza di un direttore in servizio con assegnazione fissa. Sono queste le criticità del carcere di Parma messe in luce dal Senatore PD Giorgio Pagliari, che sul tema ha deciso di interrogare il Ministro della Giustizia. “Il Garante per i detenuti di Parma ha sottolineato che l'assunzione da parte del direttore del carcere della città dell'incarico di direttore pro tempore del carcere di Firenze è incompatibile con l'alto carico di impegno che tale ruolo richiede – ricorda Pagliari - Ciò metterebbe il Direttore nella condizione di doversi occupare di più di 1.300 detenuti a 250 chilometri di distanza fra i due istituti, mettendo a rischio non solo la qualità del lavoro del Direttore stesso ma soprattutto la vivibilità dei detenuti”. Pagliari ricorda come il carcere di Parma sia composto da sei sezioni di Alta sicurezza, una per detenuti AS1, appartenenti alla criminalità organizzata di tipo mafioso, e cinque per detenuti in AS3, condannati per reati associativi, ospita detenuti in 41 bis, membri della criminalità mafiosa, e altri in media sicurezza oltre ad 80 ergastolani e un ospedale con 20 posti, aperto a carcerati in grave stato di salute provenienti da altre strutture. Un carico di lavoro incompatibile con la direzione del carcere di Sollicciano dove, ricorda ancora Pagliari, “sono presenti 744 detenuti (494 i posti regolamentari) e 485 agenti di polizia penitenziaria (696 quelli previsti)”.

Pagliari chiede dunque di sapere se il Ministro “non intenda intervenire per dare all'Istituto di Parma un direttore in via definitiva in grado di poter così affrontare i gravi problemi di affollamento e migliorare così la vita dei detenuti”.

Carlo Consiglio: MOZIONE PARLAMENTARE SUL PIANO DEL LUPO

Carlo Consiglio

Una mozione parlamentare è stata presentata in una conferenza stampa alla Camera dei Deputati il 22 marzo 2017 dall’on. Adriano Zaccagnini (Movimento Democratici e Progressisti) e da Fabrizio Cianci, segretario di Ecoradicali – Associazione radicale ecologista. La mozione parlamentare ha lo scopo primario di impegnare il Governo nello stralcio degli abbattimenti – sia dei lupi, che dei cani ibridati e vaganti – dal “Piano di conservazione e gestione del lupo in Italia”. Essa promuove, inoltre, un piano triennale di interventi finalizzati a contenere il randagismo, attraverso una chiara programmazione di risorse e mezzi, conferendo finalmente operatività alla Legge 281/91 (Tutela animali e riduzione randagismo). Vengono, infine, promosse azioni di limitazione della caccia, attraverso una moratoria quinquennale nelle aree tutelate per legge e l’abolizione totale nei siti Natura 2000, ponendo in essere l’uscita dell’Italia dalla procedura d’infrazione per violazione della Direttiva Habitat, in un quadro di piena e reale conservazione degli habitat e della fauna. La Mozione punta quindi ad offrire soluzioni operative e di governo, rispetto a randagismo e danni all’agricoltura, alternative a quelle offerte dal Ministro Galletti, riconducendo le istituzioni, ad ogni livello, al pieno rispetto della legalità, anziché promuovere deroghe alla stessa.

CONSIGLIONEWS 43
22 marzo 2017

Sfanculati di tutta Italia … unitevi !!

Federico Pizzarotti

Rosanna Spadini

Molto strano … Marika Cassimatis, la candidata sindaco di Genova esclusa dalla corsa per il Movimento 5 Stelle con una decisione insindacabile del capo, comunicherà presto cosa farà … ci sono voci di un avvicinamento a “Possibile” di Pippo Civati (ex dem, ma comunque pronto all’alleanza in previsione del proporzionale), ma è probabile che alla fine unisca il suo percorso a quello di Paolo Putti, l’ex capogruppo M5S in consiglio comunale, che ha creato “Effetto Genova” insieme ad altri tre fuoriusciti, formando il primo nucleo ufficialmente affiliato a quello di Parma (che strano).

Le gesta del Putti sono già state seguite da un altro consigliere comunale ligure, Fabio Vistori, che dopo un altro atto di imperio guidato dalla fedelissima di Grillo in regione Alice Salvatore ha creato “Effetto La Spezia”, a cui potrebbe presto unirsi anche il sindaco di Comacchio Marco Fabbri, cacciato dai 5 Stelle insieme a tutta la sua giunta nel 2014.

Grillo: “Casting di mille esperti di governo per non ripetere gli errori di Roma”... e di Parma

Grillo, anche a Parma hai fatto un disastro facendo eleggere a Sindaco Pizzarotti, un arrogante, incapace e ignorante, in più traditore verso di te e nei confronti di quei parmigiani che lo hanno purtroppo votato. E questo lo ricorderemo sempre! Anche a Parma è stato un disastro il tuo passaggio, non solo a Roma, dove hai toccato l'apice della tragica comicità. Sapevate tutti benissimo di non essere in grado di gestire il governo di quella città, ma è la vostra avidità di potere a discapito dei cittadini che vi ha traditi. Nel vostro DNA vi è solo distruzione e cultura della morte. L'onestà si vede anche da qui. E' disonesto anche chi si candida a un ruolo di cui non ha le competenze per svolgerlo e neppure un gruppo di esperti su cui contare. Non basta un copione tragicomico acchiappavoti o promesse, poi non mantenute, per dimostrare responsabilità politica. Ecco perché siete dei disonesti! Invece di guardare dentro di voi, avete accusato ingiustamente tutta la stampa e i giornalisti che vi facevano osservare o denunciavano i vostri errori e disastri politici... c'è un solo nome per definirvi:  Farabutti! LB

Il capo partito: “Non possiamo più fidarci di chiunque”. Già iniziati colloqui con economisti, magistrati e funzionari

Quanto è facile trasformare un sogno in un incubo? È la domanda che Beppe Grillo tiene bene in mente quando immagina il M5S al governo dell’Italia e al contempo guarda alle condizioni di Roma. Una è una possibilità, l’altra è già realtà e non gli fa dormire sonni sereni.   

Il MES ormai dietro l’angolo

Due giorni fa il Sole24Ore ha riportato la notizia che Popolare Vicenza e Veneto Banca hanno inviato una lettera al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed alla BCE per richiedere l’applicazione della ricapitalizzazione preventiva, già applicata lo scorso Dicembre al Monte dei Paschi (“Popolare Vicenza e Veneto Banca chiedono l’aiuto di Stato”).

Si tratta della forma più morbida di gestione di una crisi bancaria, applicabile solo a certe condizioni, senza le quali occorre procedere con il Bail-in. La ricapitalizzazione preventiva è stata introdotta dalla stessa direttiva europea che regolamenta il Bail-in ed è finalizzata alla ricostituzione del capitale della banca. In particolare, si basa sull’intervento dello Stato prima che la situazione diventi critica tant’è che per potervi accedere la banca deve essere solvibile, criterio tutt’altro che oggettivo. Lo Stato italiano, in questo caso, può intervenire direttamente o tramite la Cassa Depositi e Prestiti. Con la ricapitalizzazione preventiva l’onere del salvataggio ricade dunque sugli azionisti, che vengono diluiti, sugli obbligazionisti subordinati e certamente sulla collettività ma non sui correntisti.

Nel caso di Popolare Vicenza e Veneto Banca si parla di una necessità di ricapitalizzazione fino a €5 miliardi. Ciò dipenderà anche dall’esito del progetto di fusione che le due banche stanno studiando, che però è ostacolato sia dalla BCE che dall’agenzia di rating Fitch, a processo a Trani per manipolazione di mercato, che lo scorso Venerdì ha tagliato il rating della Popolare di Vicenza.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti