Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Sorgenti

Sorgenti: news e opinioni di politica. Con il contributo di redattori volontari che possono inviare i loro scritti a luigiboschi@gmail.com

MUTUI SUBPRIME, BUSH ILLUSTRERA' INIZIATIVE E RIFORME

(ansa.it) WASHINGTON - Il presidente americano George W. Bush illustrerà oggi iniziative e riforme volte ad aiutare i proprietari di case titolari di mutui subprime a evitare l'insolvenza. Lo ha reso noto giovedì sera un funzionario di alto rango dell'Amministrazione Usa. Il presidente "discuterà anche degli sforzi di elaborare riforme per impedire che questo genere di problemi si ripetano in futuro", ha detto la fonte alla Reuters sotto condizione di anonimato.

In una dichiarazione in programma per oggi alle 11:10 locali (le 17:10 in Italia) nel Giardino delle Rose della Casa Bianca, Bush parlerà della necessità che il Congresso approvi riforme alla Federal Housing Administration, l'ufficio federale degli alloggi, volta a dare all'Agenzia la flessibilità necessaria per aiutare i titolari di mutui subprime.

La battaglia dell'Italia per la moratoria

(ansa.it) ROMA - La battaglia dell'Italia per la moratoria universale della pena di morte dura da 13 anni: un lungo percorso che viene ricostruito nel rapporto 2007 sulla pena capitale redatto da 'Nessuno tocchi Caino'. Una battaglia difficile, che è stata già persa una volta (nel 1994), quando la risoluzione presentata dall'Italia venne battuta per soli otto voti all'Assemblea generale, ed è stata lasciata a metà nel 1999, quando un'altra risoluzione dell'Unione europea fu ritirata all'ultimo momento. Memore delle passate esperienze, oggi l'esecutivo guidato da Romano Prodi è andato avanti con cautela, partendo dal mandato unanime con il quale la Camera, il 27 luglio 2006, ha impegnato il governo a presentare la risoluzione all'Assemblea generale.

Texas: commutata la pena di Kenneth Forster

(ansa.it) NEW YORK - Il governatore del Texas Rick Perry ha commutato la pena di morte per Kenneth Foster in un ergastolo. La commissione per la liberta' e i perdoni dello Stato del Texas (Parole Board) aveva raccomandato al governatore di risparmiare la vitaall'uomo, condannato a morte per omicidio pur non avendo mai ucciso. Foster era stato condannato a morte in base alla 'Law of parties', una controversa legge sulla responsabilità penale dei complici che il Texas - unico Stato negli Usa - applica ai casi di pena capitale.

ANCORA TROPPI BOIA, TRISTE PRIMATO ALLA CINA

Eloisa Gallinaro

(ansa.it) ROMA - I boia, nel mondo, hanno ancora molto da fare. A poche settimane dalla presentazione di una risoluzione sulla moratoria universale della pena di morte all'Assemblea generale delle Nazioni Unite da parte dell'Unione europea e su ispirazione dell'Italia, è agghiacciante il quadro tracciato dal Rapporto 2007 di Nessuno tocchi Caino sulle esecuzioni capitali. Nonostante proteste e iniziative umanitarie, in molti Paesi del mondo ad essere giustiziati sono anche i bambini.

E nel 2006 sono aumentati gli Stati che hanno fatto ricorso alla pena di morte - 27 contro i 24 del 2005 - e il numero delle esecuzioni: 5628 contro le 5494 dell'anno prima. Il mestiere del boia è ancora di attualità in molti regimi islamici, in alcune democrazie, perfino in un Paese dell'Europa (la Bielorussia). E le classiche forme di messa a morte dei condannati testimoniano una barbarie che rimane radicata: fucilazione, sedia elettrica, decapitazione, impiccagione, iniezione letale, lapidazione, spesso precedute e accompagnate da torture fisiche e psicologiche.

Napolitano: giustizia, mai vendetta

Italia capofila in azione internazionale contro pena morte'

(ANSA) -ROMA,29 AGO- 'La giustizia non equivalga a vendetta', dice Napolitano ricordando che l'Italia e' capofila nell'azione internazionale contro la pena di morte. Nel messaggio all'associazione 'Nessuno tocchi Caino', Napolitano afferma che la giustizia deve 'salvaguardare sempre la sacralita' della vita' e che 'con questo spirito l'Italia presentera' all'Assemblea Generale dell'Onu una risoluzione per l'abolizione della pena capitale'.

Liberafesta 2007

Vorrei far conoscere questo aspetto della società civile. Organizzare, anche nelle feste di partito, momenti di sensibilizzazione vegane e di rispetto degli animali. L'autore, oltre ad essere membro della commisione diritti degli animali della provincia di Torino per RC è anche responsabile LAV per la stessa provincia. LIBERAFESTA 2007

Gianluca Albertini

dalla mailinglist di  Gualtiero Crovesio

La Liberafesta 2007 di Torino, come molte/i di voi già sapranno, si svolgerà da giovedì 30 agosto a domenica 16 settembre, presso il Parco Ruffini.

UE CHIEDE ALL'ITALIA INFORMAZIONI SUI VANTAGGI FISCALI PER LA CHIESA

(ansa.it) BRUXELLES - La Commissione Ue chiedera' al governo italiano "informazioni supplementari" su "certi vantaggi fiscali delle chiese italiane", ma non ha ancora deciso se aprire un'inchiesta. Lo ha detto il portavoce della Commissione Jonathan Todd, precisando che, nel caso, si tratterebbe di un'inchiesta per gli aiuti di stato illegali.

"Ma non abbiamo ancora preso la decisione se aprire o no l'inchiesta", ha detto Todd, rilevando che il governo italiano ha già risposto ad una prima lettera di richiesta di informazioni.

SI' A IPOTESI DI UNA FORZA ONU-UE PER IL DARFUR

(ansa.it) NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha espresso il suo appoggio all'idea di dispiegare una forza mista Onu-Ue nell'est del Ciad e nel nord-est del Congo per proteggere i civili colpiti dal conflitto nel vicino Darfur, martoriata regione del Sudan. Il Consiglio ha adottato una dichiarazione nella quale "accoglie con soddisfazione" il concetto di una presenza internazionale "multidimensionale" in questa regione, vale a dire una missione di polizia dell'Onu appoggiata militarmente dall'Unione Europea.

La proposta era stata fatta dal segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon.

TURCHIA: GUL ELETTO PRESIDENTE

(ansa.it) ANKARA - Abdullah Gul è stato eletto presidente della Turchia. Il vicepremier e ministro degli esteri è stato eletto dal Parlamento turco con 339 voti (su 550 deputati) ed è perciò l'11/mo presidente della Repubblica turca fondata nel 1923. Gul è stato eletto a maggioranza semplice con i soli voti del suo partito conservatore di matrice islamica Akp, al governo dal 2002. I presenti erano 448 essendo assenti i 103 deputati del maggior partito do opposizione il Partito Repubblicano del popolo Chp, che ha voluto protestare con la sua assenza contro l'elezione di un esponente islamico alla presidenza della Repubblica laica e democratica turca.

ONU: SI' A IPOTESI FORZA ONU-UE PER IL DARFUR

(ansa.it) NEW YORK - Il Consiglio di sicurezza dell'Onu ha espresso il suo appoggio all'idea di dispiegare una forza mista Onu-Ue nell'est del Ciad e nel nord-est del Congo per proteggere i civili colpiti dal conflitto nel vicino Darfur, martoriata regione del Sudan. Il Consiglio ha adottato una dichiarazione nella quale "accoglie con soddisfazione" il concetto di una presenza internazionale "multidimensionale" in questa regione, vale a dire una missione di polizia dell'Onu appoggiata militarmente dall'Unione Europea.

La proposta era stata fatta dal segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon.

PADOA-SCHIOPPA: SARA' UNA FINANZIARIA DI TREGUA FISCALE

(ansa.it) TELESE - "La prossima finanziaria sarà di tregua fiscale". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa.

SQUILIBRI MONDO, CRESCITA A RISCHIO
"Sono stati solo colpi di tuono, ma ci sono squilibri finanziari che faranno rallentare la crescita economica mondiale". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Tommaso Padoa-Schioppa. "Abbiamo assistiti solo a colpi di tuono - ha detto il ministro parlando alla festa del Campanile - ma non c'é stata la grandine, perché le Banche centrali sono intervenute prontamente. Però i colpi di tuono sono il segno di alcuni squilibri internazionali". "Nell'economia mondiale - ha proseguito Padoa Schioppa - che potranno portare a un rallentamento della crescita. Penso ad esempio alla bilancia del pagamenti degli Stati Uniti. Certo, sono diversi anni che questa preoccupazione viene smentita".

USA, BUSH: GONZALES LASCIA PERCHE' NOME TRASCINATO FANGO

(ansa.it) NEW YORK - "E' triste che una persona di talento e d'onore non possa fare il suo lavoro perché il suo nome è stato trascinato nel fango per ragioni politiche": lo ha detto il presidente George W. Bush annunciando di aver accolto "con riluttanza" le dimissioni del suo ministro della giustizia e amico Alberto Gonzales. Bush ha fatto un breve commento dopo le dimissioni di Gonzales partendo dal ranch di Crawford in Texas.

Bush ha detto che Gonzales si è dimesso "dopo mesi di trattamento sleale che hanno creato una dannosa distrazione al ministero della Giustizia" e ha osservato che, negli anni al servizio dello stato, il suo guardasigilli ha reso l'America più sicura ricordando il suo contributo alla stesura del Patriot Act e della legge sulle Commissioni Militari per giudicare i sospetti nella guerra al terrorismo. Bush non ha nominato ancora un successore: tra i nomi considerati favoriti per il posto di Gonzales c'é il ministro della sicurezza interna Michael Chertoff.

ASILO A LESBICA IRANIANA, VERSO RINVIO RIMPATRIO

FRATTINI: LONDRA TENGA CONTO DEI RISCHI DEL RIMPATRIO
La Gran Bretagna dovrebbe tenere conto del fatto che per Pegah Emamabakhsh "il rimpatrio in Iran potrebbe comportare non solo l'imprigionamento, ma anche la tortura e forse la morte". E' quanto auspica, parlando con l'ANSA, il vice presidente della Commissione Ue Franco Frattini, che invita le autorità britanniche ad andare oltre "la questione tecnico-giuridica" che impedisce alla Gran Bretagna di riconoscere alla lesbica iraniana di 40 anni lo status di rifugiata politica. Frattini accoglie con favore la disponibilità manifestata dal governo italiano ad accogliere Pegah ("se serve a salvare una vita umana, ben venga questa iniziativa"), ma sottolinea che c'é un problema di "rispetto delle regole", che richiede da parte della Gran Bretagna "un approfondimento dell' istruttoria".

Mastella, stop a indulto permanente

In Finanziaria 500 nuovi agenti carcerari per Nord e Centro

(ANSA) - PARMA, 27 AGO - "Basta con l'indulto permanente. E' necessario che ci sia la certezza della pena", dice da Parma il ministro della Giustizia Mastella. Per il Guardasigilli "chi ha determinato un'occasione nefasta verso altre persone e -come in questi giorni- verso la natura, deve avere una risposta forte".Il ministro, in visita alla Scuola di Formazione della Polizia Penitenziaria, ha annunciato che la Finanziaria ha ins

La Regione Lombardia e la privatizzazione del servizio idrico

La Regione Lombardia minaccia di commisariare province e comuni che non si piegano all'obbligo di privatizzare il servizio idrico.

Questo è quanto l'assessore Buscemi sostiene sul Il Corriere della Sera di venerdì 17 Agosto.
Ci consenta l'assessore, ma in queste sue affermazioni noi vi leggiamo tutto il ritardo irresponsabile della classe politica italiana.
Siamo di fronte ad una crisi idrica che in modo permanente ormai minaccia la regione e tutte le sue attività agricole industriali ed energetiche, il Po, i laghi e quello di Garda in particolare in agonia ad ogni estate, le reti idriche che perdono il 30% - 40% dell'acqua, problemi enormi d'affrontare nei prossimi decenni o sarà troppo tardi, che dovrebbero formare il centro della politica, non di una politica di destra di centro o di sinistra, ma della politica, dell'unica, sola e possibile politica da fare.
E invece il governo regionale, ma non solo, pensa che la risposta sia privatizzare il servizio idrico lombardo, consegnarlo alla speculazione finanziaria, alle fluttuazioni dei titoli in borsa, alle banche e pensa che lo si debba fare obbligando tutti gli enti locali, pensa che in simili condizioni d'emergenza, l'accesso all'acqua potabile debba avvenire attraverso il mercato speculativo e attraverso un atto di imperio nei confronti dei comuni, delle province e dei dei cittadini della Lombardia. Perchè è di questo che si tratta.

Chavez ribattezza Caracas: si chiamerà Culla di Bolivar

Tra riforme e stravaganze, verso il referendum di dicembre

(lastampa.it) A modificare la Costituzione in fondo sono buoni tutti. Per lasciare traccia nella Storia bisogna almeno fondare una città. O al minimo cambiarle nome. Così il presidentissimo Hugo Chavez ha fatto un altro passo avanti nella rivoluzione permanente che da nove anni sta imponendo al Venezuela e, dopo avergli fatto cambiare fuso orario, regalando ai cittadini mezz'ora al giorno e «più tempo per «lavorare», dopo aver cancellato la stupida formalità che impone un limite al numero dei mandati presidenziali,  ha deciso di donare alla capitale un nome più nobile. Caracas, benché sia il nome della popolazione indigena che abitava la valle fino all'arrivo degli spagnoli, non gli suona abbastanza bene. Così, nella sua consueta trasmissione tv-fiume quotidiana, «Alo Presidente», ha annunciato l'ennesima modifica alla Costituzione, la 34esima: «Una legge speciale stabilirà l’unità politico-territoriale della città di Caracas, che si chiamerà la Cuna de Bolivar y Reina del Guaraira Repano (Culla di Bolivar e Regina del Mare fatto Terra)».

GIAPPONE: VARATO IL NUOVO GOVERNO ABE

(ansa.it) TOKYO - Il primo ministro giapponese, Shinzo Abe, si è apprestato oggi a varare il suo secondo esecutivo in un anno di mandato.

MACHIMURA AGLI ESTERI, NUKAGA ALLE FINANZE
Il "falco" Nobutaka Machimura, di 62 anni, è stato prescelto dal premier giapponese Shinzo Abe come nuovo ministro degli Esteri. All'ex titolare della Difesa Fukushiro Nukaga, di 63 anni, è stato invece affidato il portafoglio delle Finanze.

YOSANO NOMINATO 'NUMERO DUE'
L'ex ministro delle Finanze giapponese Kaoru Yosano, esponente delle ali più moderate e riformiste del Partito liberaldemocratico, è stato nominato "numero due" del governo. Con la sua nomina il premier Shinzo Abe è parso voler controbilanciare quelle di due "falchi" a capo dei ministeri degli Esteri e delle Finanze, Nobutaka Machimura e Fukushiro Nukaga.  Yosano ha 70 anni ed è stato a lungo ministro delle Finanze nel governo del predecessore di Abe, il riformista Junichiro Koizumi. Formalmente Yosano è diventato ora segretario generale dell' esecutivo, incarico che negli ultimi anni ha sempre più corrisposto a quello di vicepremier.

In ricordo di Bruno Trentin

Mario Agostinelli

Per la mia generazione impegnata sindacalmente Bruno Trentin ha rappresentato la pienezza: ascolto intenso, Bruno Trentinricerca incessante, curiosità e profondità culturale, rigore rivendicativo, innovazione unita alla partecipazione, ostilità all’opportunismo e all’involuzione burocratica degli apparati. Ma, soprattutto, in lui il movimento operaio ha trovato quella ragione di cittadinanza e quella certezza di indispensabilità per il compiersi della democrazia nel nostro Paese, che ha inserito le  lotte e i movimenti esplosi nel ’68 e nel ’69 in un alveo propositivo di battaglia civile di massa e popolare. Un processo forse irripetibile, che ha messo la capacità di mobilitazione di fabbriche ed uffici alle spalle di una stagione di riforme sociali – sanità, scuola, casa e territorio, pensioni - che nessun rigurgito successivo delle destre ha potuto cancellare. A lui l’Italia democratica deve molto: la contrattazione non solo della paga, ma delle condizioni di lavoro complessive come diritto; il riconoscimento dell’autonomia del punto di vista dei lavoratori rispetto all’impresa nell’organizzazione del processo produttivo; la rappresentanza diretta dei dipendenti, donne e uomini, nei conflitti sindacali, non mediata per forza dai partiti e nemmeno dall’iscrizione sindacale.

Cina: arrestato cyber dissidente

Ong: repressione piu' severa con l'avvicinarsi del congresso

(ANSA) - PECHINO, 26 AGO - Lu Gengsong, un cyber dissidente cinese, e' stato arrestato due giorni fa dalla polizia della provincia di Zhejiang, nell'est del Paese. Lo ha annunciato la Ong Chinese Human Rights Defenders. Lu, 51 anni, ex conferenziere, e' stato arrestato nella sua abitazione a Hangzhou. Secondo la Ong, si tratta di un periodo in cui le autorita' cinesi accentuano la loro politica di repressione con l'avvicinarsi del congresso del pa

USA, HILLARY NEL MIRINO DEGLI AVVERSARI

(ansa.it) WASHINGTON - A un anno esatto dalla convention di Denver che nominerà il candidato del Partito Democratico per le presidenziali americane, Hillary Clinton è sempre più bersaglio di pesanti critiche da parte dei suoi colleghi candidati democratici, mentre tutti i sondaggi continuano a collocarla ampiamente in vantaggio. Agli attacchi scontati dei repubblicani si sono aggiunti negli ultimi tempi quelli dei suoi diretti concorrenti alla nomination, in prima fila John Edwards e Chris Dodd.

In particolare, Edwards si è dimostrato fortemente irritato, dopo che la Clinton, durante un comizio in New Hampshire, ha dichiarato che - se prima delle elezioni ci fosse un attacco terroristico - sarebbero i repubblicani a trarne vantaggio. "Mi rendo conto che è una prospettiva orribile... - aveva detto Hillary, riferendosi a un eventuale attentato terroristico - ...ma se certe cose accadessero da qui alle elezioni questo darebbe di nuovo automaticamente un vantaggio ai repubblicani, e non avrebbe alcuna importanza quanto male sia stato gestito il fenomeno o quanto il loro comportamento abbia reso il mondo meno sicuro". John Edwards ha immediatamente preso le distanze dalla collega di partito: "Sono totalmente in disaccordo con lei. Se parliamo di attentati, l'ultima cosa da fare è utilizzare l'argomento terrorismo per calcolo politico.". Analogo il commento dell'altro candidato democratico Chris Dodd, che ha parlato di "speculazioni di cattivo gusto", così come critiche sono venute dai repubblicani. Solo Barack Obama ha evitato ogni commento.

CONSULENTI D'ORO

Un miliardo e mezzo l'anno speso da Stato e regioni per incarichi inutili. Concesso ad amici, politici, faccendieri. E Palazzo Chigi frena la trasparenza. La rete dello spreco

Marco Lillo
hanno collaborato Stefano Pitrelli e Marcello Bellia

(espresso.repubblica.it) Una città di 261 mila abitanti, tanti sono i consulenti esterni della nostra pubblica amministrazione. Una massa enorme che succhia ogni anno un miliardo e mezzo di euro dalle casse pubbliche. Architetti, ingegneri, avvocati, commercialisti, ma anche personaggi in cerca di contratto senza alcuna competenza, figli di ministri, amanti, clienti e famigli, portatori di voti, politici trombati e manager arrestati. Tutti in fila per incassare la loro fetta della grande torta. Il ministero della Funzione pubblica tra poche settimane presenterà in Parlamento la sua relazione sugli incarichi. 'L'espresso' è in grado di anticiparne il contenuto. A leggere le tabelle, riferite al 2005, ultimo anno censito, c'è da restare a bocca aperta.

CORNIGLIO ROCORDA ANDREA BORRI



AVVISO - INVITO

Alle Autorità e alle Rappresentanze locali e provinciali ai Cittadini singoli e associati, si comunica che SABATO 1° SETTEMBRE 2007 alle ore 11 in località Centrale di Marra nel territorio comunale di Corniglio, lungo la Nuova Strada Provinciale dei Cento Laghi una delegazione di esponenti del Consorzio Miglioramento Alta Val Parma e del Comitato per le celebrazioni civili nel Cornigliese, guidata da Virginio Ghirardini e Nando Donnini, deporrà un omaggio floreale al cospetto della targa commemorativa dell’ On. Dott. ANDREA BORRI (1935-2003) già Presidente dell’Amministrazione provinciale, principale fautore della nuova viabilità per Bosco, operoso e lungimirante interprete dell’esigenza di rilancio delle Terre Alte cornigliesi e parmensi.
Si precisa che la cerimonia – promossa dal Consorzio Miglioramento Alta Val Parma e dal Comitato per le Celebrazioni civili nel Cornigliese, d’intesa con la Consulta delle Associazioni locali – si terrà in occasione del tradizionale appuntamento popolare di fine stagione turistica estiva denominato “BOSCO IN FESTA”, giunto quest’anno alla 6^ edizione. “BOSCO IN FESTA” prenderà avvio alle ore 13 circa e durerà fino a tarda sera.

Consorzio Miglioramento Alta Val Parma
Comitato per le celebrazioni civili nel Cornigliese
Telefono 0521889324

GIORNALISTI CONTRO HAMAS

Violati i diritti dell’uomo nella indifferenza della stampa internazionale.
M.O./ Nella striscia di Gaza, giornalisti protestano contro repressione Hamas. Alla manifestazione hanno aderito circa 40 reporter palestinesi

(francoabruzzo.it) Ramallah, 25 agosto 2007. Decine di giornalisti palestinesi hanno manifestato per protestare contro la repressione nei confronti della stampa decisa da Hamas nella Striscia di Gaza. Circa quaranta reporter hanno aderito al corteo e hanno rivendicato libertà di stampa e la fine delle violenze contro i giornalisti a Gaza da parte del movimento integralista islamico.

FRANCIA, TORNA SEGOLENE ROYAL

Fausto Belia

(ansa.it) PARIGI - "La mia mutazione è stata portata a termine", dice Segolene Royal, prima di prendere la parola sotto il sole di Melle, nel Poitou-Charentes, regione della quale è presidente nell'ovest della Francia. Un rientro dopo vacanze con figli, dedicate a "ricostruzioni personali", anche psicologiche, dopo essersi separata, a maggio, dal suo compagno Francois Hollande, segretario del partito socialista. Ora l'ex candidata socialista all'Eliseo è una "donna nuova, rafforzata, che ha guadagnato in spessore e che ha la sola preoccupazione di conservare il meglio" del passato. Segolene non ha "rancori", né politici né personali. Liquida con poche parole le foto apparse su Closer che mostrano Hollande, padre dei suoi quattro figli, accanto ad una donna, una giornalista, presentata come la sua nuova compagna, su una spiaggia del Marocco: "non mi faccio tirare verso il basso da argomenti che sono dietro di me".

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti