Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

“Via la carne lavorata dagli ospedali USA”: lo chiedono 200 mila medici

Niente più carne lavorata e alimenti considerati dannosi per la salute nei menu degli ospedali americani, ma l’Italia resta indietro

Per l’American Medical Association (AMA), organizzazione internazionale composta da più di 200 mila medici, è arrivato il momento di eliminare dai menu degli ospedali gli alimenti potenzialmente cancerogeni. La scorsa settimana, infatti, la Camera dei Delegati dell’associazione ha pubblicato una dichiarazione politica che invita gli ospedali americani a fornire ai pazienti pasti a base vegetale, eliminando dai menu le carni lavorate – come salsicce, prosciutto e hot dog – e alimenti considerati in generale poco salutari.

La posizione dell’organizzazione è chiara: “L’American Medical Association invita gli ospedali statunitensi a migliorare la salute dei pazienti, del personale e dei visitatori fornendo loro una varietà di alimenti salutari, compresi pasti a base vegetale e piatti a basso contenuto di grassi, sodio e di zuccheri, eliminando anche le carni lavorate dai menu e promuovendo la diffusione e il consumo di bevande salutari”.

La posizione OMS e la situazione attuale

Come ricorderete, nel 2015 l’OMS ha classificato la carne lavorata tra i carcinogeni umani certi – al pari di fumo, alcol e smog – e la carne rossa tra i carcinogeni umani probabili. Per questo motivo il medico e professore universitario Neal Barnard (nel video in alto insieme alla giornalista Jane Velez-Mitchell), fondatore dell’associazione Physician Committee for Responsible Medicine (PCRM) e promotore di una dieta a base vegetale per la salute, ritiene quello dell’AMA un enorme passo avanti, oltre che un cambiamento necessario. “Numerosi studi scientifici dimostrano che pasti salutari e a base vegetale possono prevenire e persino far regredire le malattie cardiache, il diabete e l’obesità” dichiara l’associazione PCRM.

“Le cose stanno finalmente cambiando – afferma invece Barnard nel video – com’è avvenuto già con le sigarette. Così come il fumo causa il cancro ai polmoni, allo stesso modo la carne lavorata è associata all’insorgenza del tumore del retto, che uccide 50 milioni di americani ogni anno. Una generazione fa, l’AMA ha sostenuto i medici che stavano lavorando per eliminare il tabacco dagli ospedali. Questo ha aiutato tutti, specialmente coloro che avevano bisogno di rompere con questa cattiva abitudine”. Un grande cambiamento, insomma, che il dottor Bernard auspica che possa presto interessare non solo gli ospedali ma anche le scuole, dove si fa ancora largo uso di carne rossa e lavorata. Mentre in America la situazione sta decisamente cambiando, l’Italia pare rimanere indietro: non solo tutti noi consumiamo il triplo del quantitativo di carne suggerito dall’AICR per la prevenzione dei tumori, ma anche negli ospedali italiani i pazienti consumano troppa carne rispetto alle linee guida dell’OMS. 

Fonte Link https://www.vegolosi.it/news/via-la-carne-lavorata-dagli-ospedali-americani-bisogna-tutelare-la-salute-dei-pazienti/

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">