Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

1968 Cinquant’anni da quel maggio

LOCANDINA PDF

1968 CINQUANT’ANNI DA QUEL MAGGIO

Il Comune di Parma promuove un ricco calendario di iniziative condivise con la città: letture, incontri, proiezioni, concerti, spettacoli e visite guidate grazie a cui avviare una riflessione su un momento cruciale del Novecento.

Parma, 11 maggio 2018 - Il Comune di Parma promuove uno speciale programma di appuntamenti in occasione dei cinquant’anni dal Sessantotto con cui si vuol proporre un’analisi culturale, sociologica e storica di un anno cruciale per la storia mondiale e una riflessione su cosa ne resta oggi.

Il ricco calendario è stato presentato questa mattina in conferenza stampa alla presenza dell’assessore Michele Guerra e da Marco Minardi, direttore dell'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Parma, e Marco Adorni per il Centro Studi Movimenti che hanno collaborato nella realizzazione del calendario.

Il programma comprende incontri, letture, concerti, proiezioni di filmati, visite guidate ai luoghi del Sessantotto a Parma, si rivolge sia a chi ha vissuto in quegli anni di profondi cambiamenti, sia alle nuove generazioni che vivono di riflesso ciò che ne è scaturito.

“Proponiamo un calendario di proposte che va ad illustrare il periodo del ’68 in tutte le sue sfaccettature culturali, politiche e anche le ricadute sociali.  Trova spazio anche la musica ribelle con la collaborazione de Il Barezzi Festival e del Conservatorio Arrigo Boito alla Casa della Musica e verrà proposta una serata di musica e narrazione” ha illustrato l’assessore Guerra.

Adorni Marco, per il Centro Studi Movimenti, ha presentato le iniziative curate dal centro studi. “Proponiamo un racconto del ’68 attraverso immagini digitali del nostro archivio, creato con il supporto di Digitarlo della cooperativa La Bula. Inoltre abbiamo proposto una passeggiata notturna il 6 giugno nei i luoghi della città che sono stati protagonisti di quegli anni”.
Marco Minardi, direttore dell'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Parma hanno illustrato le iniziative contenute nel programma.

Tra le iniziative proposte sabato 19 maggio, alle ore 17 a Palazzo del Governatore, “Sessantotto: passione e rivolta”: un incontro a più voci con Paolo Flores d’Arcais, Sveva Casati Modignani, Irena Grudzińska Gross, Lea Melandri, Paolo Sollier. L’evento, promosso in collaborazione con la rivista MicroMega, propone testimonianze di persone che appartengono a generazioni diverse, con differenti posizioni verso il Sessantotto, sia quelle di allora, sia quelle attuali. Diverse angolazioni esistenziali con cui quel movimento fece irruzione e lasciò il suo segno. Si evita così la disputa sulla sconfitta o i successi del Sessantotto e si cerca di capire, attraverso «vissuti» tra loro diversi, come in ciascuno influirono e confluirono gli elementi politici, culturali, di cambiamenti nei costumi, di scoperte emotive e personali, che ancora oggi spingono a ricordare quegli anni, con gradi diversi di adesione o di rifiuto.

La sera di venerdì 1° giugno, alle ore 21 a Palazzo del Governatore, il noto opinionista e giornalista Giampiero Mughini, a partire dal suo recentissimo libro “Era di maggio. Cronache di uno psicodramma” - appena uscito per Marsilio Editori - racconterà al pubblico il suo Maggio francese, con le sfumature, le illusioni, i sogni, gli errori che contraddistinsero quello che non fu un ‘evento unico’ ma un mosaico di esperienze e vissuti personali tra loro intrecciati.
In piazzale Inzani, nell’ambito del progetto “68 Digitale”, il Centro Studi Movimenti presenterà, a partire dal proprio archivio, due momenti di letture e immagini dedicati il primo alla conquista dei diritti (venerdì 18 maggio, ore 21) e il secondo alla protesta giovanile(giovedì 31 maggio, ore 21). Mercoledì 6 giugno, a partire dalle 21, il Centro Studi Movimenti, in collaborazione con Rete regionale degli Istituti della Resistenza in Emilia Romagna nell’ambito del progetto Il 68 lungo la via Emilia, inviterà il pubblico ad una speciale visita guidata ai luoghi del Sessantotto a Parma.

All’interno del progetto di ricerca storico sugli anni Sessanta a Parma dell’ISREC si terrà martedì 29 maggio, alle ore 18, al Palazzo del Governatore l’incontro “Raccontare per la storia. 68 a Parma” con letture, musica e filmati di approfondimento sugli anni Sessanta e sul ’68 a Parma.

A partire da venerdì 18 giugno la Casa della Musica proporrà “La Musica Ribelle - La Musica e il ’68. Incontri, Concerti e Immagini” una rassegna di spettacoli e incontri realizzata in collaborazione con il Conservatorio “Arrigo Boito” e il Barezzi Festival.

Infine, ad arricchire ulteriormente il programma, saranno, sabato 16 giugno e venerdì 20 luglio, due momenti di lettura proposti dalla Libreria Diari Di Bordo.

Tutti le iniziative sono ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti.

1968. Cinquant’anni da quel maggio è realizzato in collaborazione tra Biblioteche del Comune di Parma, Casa della Musica, Centro Studi Movimenti di Parma, Istituto storico della Resistenza e dell'Età contemporanea di Parma, Conservatorio Arrigo Boito, Barezzi Festival, MicroMega, Marsilio Editori, Cooperativa La Bula e Libreria Diari di Bordo. 

Programma

Venerdì 18 maggio, ore 21.00 - Piazzale Inzani

68 digitale. Alla conquista dei diritti

Letture e immagini dall’archivio del Centro studi movimenti

Racconti di Ilaria La Fata

Letture di Agnese Scotti

Accompagnamento musicale di Poème électrique 

In collaborazione con Digitarlo - Cooperativa La BulaArchivio “M. Pezzi” - Bologna

con il sostegno di Fondazione Cariparma

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

 

Sabato 19 maggio, ore 17.00 - Palazzo del Governatore

Sessantotto: passione e rivolta 

Incontro con Paolo Flores d’Arcais, Sveva Casati Modignani, Irena Grudzińska Gross, Lea Melandri, Paolo Sollier 

Il Sessantotto ha rappresentato uno spartiacque sia nella vita sociale e politica sia nelle relazioni personali.

C’è un prima e c’è un dopo. La rivolta politica e la rivoluzione dei costumi sono i due grandi ambiti in cui il movimento ha lasciato maggiormente i suoi segni. Una stagione, iniziata a seconda dei paesi ben prima del 1968 e durata ancora per diversi anni dopo, che ha segnato un’intera generazione e alla quale, ancora oggi, dobbiamo molto. 

Evento in collaborazione con la rivista MicroMega

Info: info.cultura@comune.parma.it 

Martedì 29 maggio, ore 18.00 - Palazzo del Governatore

Raccontare per la storia. 68 a Parma

Letture, musica e filmati sugli anni Sessanta e sul ‘68 a Parma. 

A cura di ISREC Parma, nell’ambito del progetto di ricerca storico sugli anni ‘60 a Parma.

Info: direzione@istitutostoricoparma.it

Giovedì 31 maggio 2018, ore 21.00 - Piazzale Inzani

68 digitale. La protesta giovanile 

Letture e immagini dall’archivio del Centro studi movimenti

Racconti di William Gambetta

Letture di Beatrice Baruffini 

In collaborazione con Digitarlo - Cooperativa La BulaArchivio “M. Pezzi” - Bologna

con il sostegno di Fondazione Cariparma

Info: centrostudimovimenti@gmail.com

 

Venerdì 1 giugno, ore 21.00  - Palazzo del Governatore

ERA DI MAGGIO.

Cronache di uno psicodramma

Incontro con Giampiero Mughini

“E se le celebrazioni del maggio ‘68 evitassero la prevedibile enfasi? Se scegliessero di attingere alla cascata di impertinen­za, di rabbia ironica, di fraternità erudita che, cinquant’anni fa, guidarono le barricate entusiaste?”.

È esattamente questa sfida, indicata da Bernard-Henri Lévy, che Giampiero Mughini raccoglie: raccontare in altre parole quel che accadde a Parigi dal 3 al 24 maggio, il joli mai che molti in Francia avevano annunciato come soltanto l’inizio di chissà quale rivolgimento, e invece fu un romanzo sentimentalmente intensissimo ma breve. 

In collaborazione con Marsilio Editori

Info: info.cultura@comune.parma.it

Mercoledì 6 giugno 2018, ore 21.00

Il 68 in città

Visita guidata ai luoghi del Sessantotto a Parma

Racconti di Margherita BecchettiWilliam Gambetta

Ilaria La Fata

a cura di Centro studi movimenti 

In collaborazione con Rete regionale degli Istituti della Resistenza in Emilia Romagna nell’ambito del progetto  Il 68 lungo la via Emilia

Info: centrostudimovimenti@gmail.com 

Sabato 16 giugno, ore 18.00 Libreria Diari di bordo (Borgo Santa Brigida, 9)

Letteratura dei vivi e dei morti 

info: diaridibordo@outlook.it

 

18, 21, 28 giugno e 5 luglio Casa della Musica, Cortile d’Onore

LA MUSICA RIBELLE

La Musica e il ‘68. Incontri, Concerti, Immagini 

in collaborazione con il Conservatorio “A. Boito” e con il Barezzi Festival 

Venerdì 20 luglio, ore 18.00 Libreria Diari di bordo (Borgo Santa Brigida, 9)

Serata di letture ad alta voce

Dedicata a Gilberto Severini 

info: diaridibordo@outlook.it