Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Analisi di alcuni complimenti nella dimensione culturale

complimenti

Edoardo Natale

Analisi di alcuni complimenti in termini di dimensione culturale

In questo articolo sarà presentata un'analisi degli atti linguistici riferiti al complimentarsi con l'ausilio del metodo delle dimensioni culturali tratte dal lavoro di Hofstede. In questo breve articolo si presenteranno una serie di complimenti tratti da un questionario. L'obiettivo è quello di esplorare il concetto delle dimensioni culturali per fare emergere i principi\parametri presenti nelle intenzioni del parlante durante la produzione di un atto linguistico come il complimento. Questo genere di analisi rientra ampiamente nella visione della lingua presente nel pensiero di Austin in cui il " dire" è  anche un " fare" con la lingua.

Il primo esempio di complimento preso in esame è " che bel tempo oggi? " replicato con un " sì infatti bellissimo". Con l'espressione del complimento " che bel tempo oggi" si potrebbe vedere un modo di aderire ad una dimensione culturale di tipo "soddisfatti" in cui la capacità di ricordare le emozioni positive è un parametro importante. Nello stesso tempo il proferire un complimento è un modo per dirsi felice come viene contemplato in questa dimensione culturale di tipo " soddisfatti".

La replica " sì infatti bellissimo" è da intendersi a mio modo di vedere come una forma di enfatizzazione del mantenimento dell'armonia tra i due parlanti in sintonia con la dimensione di tipo "collettivista". 

Nel complimento "che belle le tue scarpe" rappresenta un modo di aderire ad una dimensione di tipo " soddisfatti" tramite il parametro che indica la tendenza a ricordare le emozioni positive.

La replica " Grazie. Sono nuove"suggerisce un'adesione alla dimensione di orientamento temporale a breve termine perché si segue il principio di spendere dei soldi per la vita sociale e per il consumo come fatto positivo.
Il complimento " quanto sei bella" può essere interpretato questo atto linguistico come un indicatore della presenza di una gerarchia fondata sull'ineguaglianza esistenziale come tratto tipico della dimensione di alta distanza sociale presente nella società. Allo stesso tempo si potrebbe vedere un'adesione alla dimensione di tipo " collettivista" con il fatto che le relazioni sono più importanti dei compiti così come una tendenza a ricordare le emozioni positive in assonanza con la dimensione di tipo " soddisfatti".
La replica "non esagerare" comporta la presenza di un forte evitamento dell'incertezza perché si tende ad avere poca considerazione per il proprio benessere e lo star bene. Inoltre il parlante con questa replica aderisce ad una dimensione di tipo individualista dove prevale il senso di privatezza della persona. In aggiunta si può intendere il rifiuto del complimento come un'adesione al principio di modestia presente all'interno dei parametri della dimensione detta " femminilità" nel quadro operativo di Hofstede. Questo complimento contempla anche l'adesione al principio di scarsa propensione nel ricordare le emozioni positive tipiche della dimensione di tipo " vincolata".

Nel seguente esempio di complimento " Mmm hai cucinato molto bene!" con la risposta:
Boh non mi piace per niente.

In questa coppia di atti linguistici vediamo il conferimento di una competenza nei confronti dell'altro interlocutore in sintonia con la dimensione di debole evitamento dell'incertezza. Allo stesso tempo possiamo notare una tendenza a ricordare le emozioni positive in assonanza con la dimensione di tipo " soddisfatti". Inoltre il parametro che vede le relazioni come più importanti dei compiti trova collocamento in questo primo atto linguistico in accordo con la dimensione di tipo " collettivista".

Proseguendo vediamo questo esempio "Boh non mi piace per niente" è una replica in sintonia con la scarsa attitudine nel ricordare le emozioni positive. Il rifiuto potrebbe essere anche una forma di intolleranza verso delle idee divergenti come nella dimensione di forte evitamento dell'incertezza.

L'atto linguistico " la pizza è la cosa più buona che c'è!" appare in sintonia con l'orientamento temporale a breve termine perché le tradizioni sono sacrosante, i gusti gastronomici sono legati a degli imperativi e spendere dei soldi per la vita sociale è un tratto positivo. In questo atto abbiamo l'adesione ad una società di tipo " soddisfatti" con una tendenza a ricordare le emozioni positive. Inoltre la pizza rappresenta anche un elemento che sottolinea l'importanza del tempo libero nella propria vita.
La replica sarà " Pensi. A me non piace" può essere una replica in adesione ad una dimensione di " individualismo" con un io di tipo coscienzioso e parlare per sé è cosa buona.

Altro esempio è: " Hai detto molto bene!"
"Sì anch'io sono molto contento."
In questa coppia di atti linguistici possiamo implicare una enfatizzazione dell'appartenenza, con un " noi di tipo coscienzioso" e le relazioni sono più importanti dei compiti in accordo con la dimensione di tipo " collettivismo".
Infatti in "sì anch'io sono molto contento" è una replica in sintonia con il bisogno di mantenere l'armonia tra gli interlocutori come tratto presente nella dimensione di tipo " collettivista".

" che bella scrittura hai! "
" Mi piace anche la tua"
Possiamo vedere in questi atti linguistici un debole evitamento dell'incertezza nel primo atto linguistico perché si vede l'altro interlocutore come competente. Inoltre in sintonia con la dimensione di tipo " soddisfatti" vediamo una tendenza a ricordare le emozioni positive.
In " mi piace anche la tua" riscontriamo un noi di tipo coscienzioso, un'enfatizzazione dell'appartenenza e un mantenimento dell'armonia con un ruolo importante conferito alle relazioni in sintonia con la dimensione di tipo " collettivismo".

" il blu è un colore brutto"
Ma no, è il mio colore preferito"

Nel primo atto linguistico " io è una parola indispensabile in sintonia con la dimensione di tipo " individualismo" mentre allo stesso tempo possiamo vedere in questo atto un principio di adesione all'idea che i fatti più importanti della vita sono avvenuti nel passato o in questo periodo.
La risposta " ma no, è il mio colore preferito" è in sintonia con la dimensione di tipo " collettivismo" con un io di tipo coscienzioso, diritto alla privatezza e con un " io è una parola indispensabile nel nostro linguaggio".

" Ti sta bene quell'acconciatura!"
" boh, secondo me è troppo corta"
Con il primo atto linguistico rientriamo nella dimensione culturale di tipo soddisfatti perché prevale la tendenza a ricordare le emozioni positive.
La replica inizia con un " bo" che potrebbe essere un elemento di debole evitamento dell'incertezza tramite un senso di tranquillità e poi spostarsi verso una dimensione di " individualismo" con un io di tipo coscienzioso e con la necessità di parlare per sé come cosa buona. Inoltre vediamo una scarsa propensione a ricordare le emozioni positive in sintonia con la dimensione di tipo " vincolati".

Bravo. Hai fatto molto bene.
Grazie.
Notiamo come primo atto linguistico un'enfatizzazione dell'appartenenza in sintonia con la dimensione di tipo " collettivismo" e allo stesso tempo una tendenza a ricordare o rimarcare le emozioni positive come viene indicato nella dimensione di tipo " vincolati".
Il " grazie" ratifica un'adesione ad un noi coscienzioso tipico della dimensione di tipo " collettivismo".

Che buono quel gelato.
sì infatti.

Il primo atto rappresenta una tendenza a rimarcare le emozioni positive come indicato nella dimensione di tipo soddisfatti. La replica " sì infatti" rappresenta un mantenimento dell'armonia, con un noi di tipo coscienzioso in sintonia con la dimensione di tipo " collettivismo". In questa replica possiamo notare anche una certa adesione con la dimensione di debole evitamento dell'incertezza.

Sai cantare proprio molto bene!
Bé, tu canti molto meglio di me!
Nel primo atto linguistico vediamo un debole evitamento dell'incertezza perché gli altri sono visti come competenti. Questo complimento spinge il parlante ad essere una persona brava e capace collocando di fatto i fatti più rilevanti per lui nel prossimo futuro. Inoltre chi produce questo atto linguistico rientra di fatto nella dimensione di tipo soddisfatti perché riesce a rimarcare le emozioni positive nel proprio vivere quotidiano.
La replica "  Bé, tu canti molto meglio di me!" rappresenta un forte evitamento dell'incertezza perché si mostra poca considerazione per il proprio benessere. Inoltre si mette in evidenza un io di tipo coscienzioso così come i compiti sono più importanti delle relazioni come indica la dimensione detta " collettivismo". Per finire è possibile vedere in azione la dimensione di tipo " vincolati" perché prevale una tendenza a non ricordare le emozioni positive.

Che belle gambe lunghe hai!
Sono i tacchi!

In questo scambio, il complimento potrebbe rientrare nella dimensione di forte distanza sociale perché il complimento potrebbe evidenziare l'accettazione di una ineguaglianza esistenziale tra i due parlanti. Inoltre la dimensione di tipo vincolati si ritrova nel parametro che vede le cose non dipendere dal mio volere.
La replica " sono i tacchi" rappresenta un'adesione ad una dimensione di forte evitamento dell'incertezza perché mi sento incompetente di fronte a questo complimento e pertanto abbiamo un bisogno di chiarezza.

In questo complimento " Che bella borsa hai!" con la risposta " sì, bellissima, no?" possiamo interpretare il primo atto come un modo per essere in tendenza a ricordare le emozioni positive mentre la replica può intendersi come un insieme tra il mantenimento dell'armonia come indicato dalla dimensione di tipo " collettivismo" ma allo stesso anche la volontà di mostrare un'adesione alla dimensione di tipo " soddisfatti" perché si dichiara felice.  sabato 25 novembre 2017

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">