Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

ANDRIY YURKEVYCH DIRIGE LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI giovedì 8 Febbraio 2018 alle 20.30

ANDRIY YURKEVYCH


ANDRIY YURKEVYCH DIRIGE LA filarmonica ARTURO TOSCANINI
Ospite d’eccezione il celebre duo pianistico Canino-Ballista
Musiche di Morricone, Poulenc e Dvořák giovedì 8 Febbraio 2018 alle 20.30

Appuntamento di eccezione all’Auditorium Paganini giovedì 8 febbraio 2018. Con inizio alle 20.30 e valido per il Turno Verde di Nuove Atmosfere 2017-2018, la Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Andriy Yurkevych presenterà un interessantissimo programma che si avvarrà della presenza straordinaria del più celebre duo pianistico italiano, quello composto da Bruno Canino e Antonio Ballista, in attività da sessant’anni e in onore del quale Ennio Morricone ha composto il brano che aprirà la serata: Varianti per Ballista Antonio Canino Bruno, per due pianoforti e orchestra d’archi. Seguirà quello che, insieme al Concerto K 365 di Mozart, è il punto di riferimento del repertorio per due pianoforte e orchestra, ovvero il Concerto FP61 di Francis Poulenc, che il celebre compositore francese scrisse a Venezia su commissione della principessa di Polignac, la celeberrima nobildonna (ma di nascita americana, erede della famiglia Singer) che fu mecenate dei maggiori compositori del primo Novecento, da Stravinskij a De Falla, dallo stesso Poulenc a Ravel, Debussy, Milhaud, Satie, Weill, Fauré. La conclusione della serata sarà invece affidata all’ultima e più famosa delle Sinfonie di Antonin Dvořák, la n.9 in mi minore op.95, da tutti conosciuta sia per la celebre denominazione Dal nuovo mondo, che ricorda il soggiorno americano del grande compositore, sia per le memorabili melodie che la permeano e che la rendono un brano amatissimo dal pubblico di ogni parte del mondo.

caninoballista

Sessant’anni fa Antonio Ballista e Bruno Canino si incontrarono al Conservatorio di Milano nella stessa classe di pianoforte e spinti da voracità musicale pari solo alla loro curiosità, incominciarono a leggere insieme una grande quantità di musica. Si presentarono prestissimo in pubblico dando inizio ad una fortunata carriera che si è protratta fino ad oggi senza interruzioni.  Nel campo della “Neue Musik” le loro esecuzioni hanno avuto un valore storico: la loro presenza fu fondamentale per la diffusione delle nuove opere e per la funzione catalizzatrice che esercitò sui compositori. Il repertorio contemporaneo infatti si arricchì di molte composizioni dedicate al duo: dal Concerto di Berio eseguito in prima mondiale a New York con la New York Philarmonic diretta da Boulez, la cui incisione discografica con la London Symphony sotto la direzione dell’autore valse al duo un prestigioso Music Critic Award, al più recente “Cloches II” di Donatoni. il duo ha suonato sotto la direzione di Abbado, Boulez, Brueggen, Chailly, Maderna, Muti, con orchestre come la BBC, Concertgebouw , Israel Philharmonic, Filarmonica della Scala, London Symphony, Orchestre de Paris, Philadelphia Orchestra, New York Philarmonic. Dallapiccola, Boulez, Kagel, Ligeti e Cage effettuarono concerti con il duo e Stockhausen collaborò personalmente in una lunga tournée di “Mantra”.  Oltre ad una scelta vastissima di musica contemporanea, nel loro repertorio figura l’opera completa di Brahms, Debussy, Mozart, Rachmaninov, Schubert, Schumann e Stravinskij.

Nato in Ucraina, Andriy Yurkevych si è diplomato nel 1999 in direzione d’orchestra all’Accademia Statale di Musica di Leopoli sotto la guida di Yuriy Lutsiv. Si è perfezionato con Jacek Kaspszyk al Teatro Lirico Nazionale Wielki di Varsavia e successivamente con Alberto Zedda e Gianluigi Gelmetti all’Accademia Chigiana di Siena. Vincitore del premio speciale al Concorso Nazionale di Direzione d’Orchestra Turchak di Kiev, il suo repertorio spazia dall’opera russa a quella italiana, dall’operetta al balletto classico. Dal 2008 al 2010 ricopre l’incarico di Direttore Musicale del Teatro Nazionale di Odessa e dal 2011 è Direttore Musicale del Teatro Nazionale di Opera e Ballletto di Chisinau in Moldavia.  Dirige nei più importanti teatri tedeschi, francesi, italiani, americani, dell’Europa dell’Est e vanta collaborazioni illustri con artisti come  Edita Gruberova e Juan Diego Florez.

I biglietti sono in vendita presso la biglietteria all’interno del Centro di Produzione Musicale (CPM) Arturo Toscanini, Viale Barilla 27/A. Ulteriori informazioni possono essere richieste telefonando allo 0521/391339  o scrivendo a biglietteria@fondazionetoscanini.it Essa è aperta dal martedì al venerdì dalle 10.30 alle 13.00; il giovedì e venerdì anche dalle 14.00 alle 17.00. La biglietteria dell’Auditorium Paganini (0521-391379) apre solo nei giorni di concerto 60 minuti prima dell’orario d’inizio. I prezzi dei biglietti vanno dai 30 ai 15 euro a seconda del settore e della data prescelta. Riduzioni sono presenti per gli spettatori over65 e under30, per chi la Fidelity Card Toscanini, è socio o dipendente di un ente convenzionato (ad esempio il FAI o Heracomm) o di un CRAL locale. Gli allievi del conservatorio Boito e del Liceo Musicale Bertolucci hanno l’accesso a 5 € in ogni settore. Il biglietto under 14 resta fissato a 5 €.