Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Carlo Consiglio: VIETATI TRE PESTICIDI IN EUROPA

Carlo Consiglio

VIETATI TRE PESTICIDI IN EUROPA

Un importante segnale a favore dell’ambiente arriva dalla Commissione Europea, che sul territorio dei Paesi membri ha vietato l’uso all’aperto di tre pesticidi neonicotinoidi: imidacloprid, clothianidin e thiamethoxam. Si tratta di un primo, importantissimo, passo avanti tanto per la salute dei cittadini quanto per la tutela della biodiversità. I pesticidi neinicotinoidi, infatti, rappresentano uno dei maggiori rischi per la sopravvivenza degli insetti impollinatori.

La decisione di vietare l’uso di questi composti chimici all’aperto riduce i rischi ma non li elimina. «È necessario continuare la battaglia affinché si arrivi al bando totale di queste sostanze – ha spiegato il WWF, che nelle scorse settimane ha lanciato una campagna per chiedere politiche europee più stringenti per la tutela delle api -. Lasciando in commercio queste molecole per le produzioni in serra, infatti, non solo non si esclude il rischio di contaminazione dell’ambiente esterno, ma anche l’utilizzo illecito. È quindi urgente predisporre un sistema di controlli efficaci che preveda anche sanzioni adeguate per chi non dovesse rispettare il divieto di utilizzo in campo aperto».

La posta in gioco è davvero alta perché di certo non si può rischiare di perdere le api: l’impollinazione è uno dei servizi ecosistemici più importanti per il nostro benessere e per la nostra economia. Quasi il 90% di tutte le piante selvatiche con fiore dipendono dall’impollinazione animale.

Non solo: si stima che, delle 1.400 cultivar che nel mondo producono cibo e prodotti dell’industria, l’80% richieda l’impollinazione da parte di api domestiche e selvatiche, ma anche di vespe, farfalle, falene, coleotteri e di vertebrati come uccelli e pipistrelli (La Rivista della Natura, 4 maggio 2018).

CONSIGLIONEWS N. 94
5 maggio 2018