Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

DIRITTI UMANI MINACCIATI IN SVIZZERA

Carlo Consiglio

DIRITTI UMANI MINACCIATI IN SVIZZERA

In Svizzera, nel mese di novembre 2018, è previsto un referendum su un'iniziativa popolare dal titolo del tutto ingannevole «Iniziativa di autodeterminazione». I promotori vogliono che la Svizzera cessi di fare parte del Consiglio d'Europa e quindi della Convenzione Europea per la salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle libertà fondamentali (CEDU). Se questa iniziativa dovesse essere adottata in occasione del referendum, ben presto la Svizzera non potrebbe più adire alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CoEDU) di Strasburgo.

Inoltre il governo svizzero non sarebbe più tenuto a conformarsi alle sentenze della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Questo è ciò che vuole il partito «Unione Democratica di Centro» (UDC), che in Svizzera svolge un ruolo come il Front National in Francia, l'AfD in Germania e i partiti di destra in Ungheria e Polonia.

Le opportunità per i cittadini di far valere i propri diritti umani e quindi anche la loro libertà di determinare la propria vita e la fine della propria vita sarebbero quindi notevolmente limitate. Ciò vanificherebbe l’azione dell’associazione Dignitas, che negli ultimi 20 anni ha ripetutamente compiuto importanti progressi nella lotta per l'applicazione dell'autodeterminazione in fin di vita per via giudiziaria – anche attraverso procedimenti in Svizzera e Germania, che ultimamente sono sfociati a favore dell'autodeterminazione umana nella vita e in fin di vita, solo grazie alle decisioni della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo di Strasburgo (Dignitas, 11 giugno 2018).

CONSIGLIONEWS N. 97
11 giugno 2018