Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Fca vende Magneti Marelli per 6,2 miliardi

Accordo per la cessione della società italiana leader nel settore delle batterie per autoveicoli: a comprare è Calsonic Kansei, gruppo giapponese ma controllato dal fondo americano Kkr. Rimarrà il marchio e sono stati assicurata i livelli occupazionali

TORINO - È ufficiale: la Magneti Marelli è dei giapponesi di Calsonic Kansei. L'annuncio è arrivato alle 7 di questa mattina, prima dell'apertura delle Borse, dal Lingotto. Dopo mesi di rumors Fca ha dunque deciso di rinunciare al controllo della società di componentistica vendendola per 6,2 miliardi di euro. La trattativa è stata condotta dal fondo Usa Kkr che è il socio di controllo della Calsonic

La vendita, garantisce il comunicato, non avrà impatti sui livelli occupazionali: i dipendenti sono 43.000 nel mondo di cui 9.981 in Italia. La sede centrale è a Corbetta, in provincia di Milano. Gli stabilimenti italiani sono in Piemonte, Campania ed Emilia Romagna.

La parte più appetibile di Marelli è quella del lighting ma sono molto avanzate anche le produzione di sensori, decisivi nella produzione delle auto senza guidatore. Per queste ragioni si riteneva che il Lingotto intendesse mantenere il controllo della società distribuendola tra i soci come era accaduto per la Ferrari. Questa era stata l'intenzione di Sergio Marchionne, confermata anche a giugno al capital market day di Balocco.

Una delle prime scelte di Mike Manley è stata invece quella di optare per la vendita, che certamente porterà più denari nelle casse di Fca ma farà perdere al gruppo il controllo. "Dopo aver esaminato attentamente una serie di opzioni per consentire a Magneti marelli di esprimere tutto il suo potenziale - ha spiega Manley - la combinazione con Calson Kansei si è rivelata un'opportunità ideale per accelerare la crescita futura di Marelli. Le attività così combinate continueranno ad essere uno dei partner commerciali più importanti di Fca". Infatti, spiega l'ad del Lingotto, "Fca ha sottoscritto un accordo di fornitura pluriennale con Marelli Ck per mantenere l'operatività di Marelli in Italia e sostenere la presenza industriale e i livelli occupazionali".

La nuova Marelli Calsonic Kansei avrà un fatturato di 15,2 miliardi di euro, avrà complessivamente 200 impianti produttivi nel mondo e centri di ricerca e sviluppo in Europa, Giappone e America.

Positivi anche se prudenti i primi commenti dei sindacati firmatari degli accordi con Fca. Per il responsabile della Uilm, Rocco Palombella, "vanno accolte positivamente le dichiarazioni dell'azienda che ribadiscono che non ci saranno ricadute occupazionali". Per il numero uno della Fim, Marco Bentivogli, "l'accordo può rappresentare un'occasione di crescita e sviluppo. Vigileremo sul rispetto delle garanzie occupazionali fornite dall'azienda". Per Francesca Re David della Fiom-Cgil "l'annuncio garantisce positivamente la situazione occupazionale degli stabilimenti italiani. È certamente una opportunità di mercato la crescita dimensionale e la maggiore solidità nel settore della componentistica ma è fondamentale avviare sin da subito un confronto sul futuro del gruppo sia dal punto di vista occupazionale sia produttivo e della ricerca e sviluppo su cui chiederemo un ruolo attivo del Governo". 21 Ottobre 2018

Fonte Link: repubblica.it