Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

IAN BOSTRIDGE ALL’AUDITORIUM PAGANINI DI PARMA

Per Nuove Atmosfere il grande tenore inglese canta 
il Notturno di Britten con la Filarmonica Toscanini.
Francesco Lanzillotta dirige Salviucci e Brahms

E’ un debutto molto atteso quello di Ian Bostridge all’Auditorium Paganini. Il grande tenore inglese, celeberrimo e raffinatissimo interprete del repertorio sinfonico-vocale, si esibirà per la prima volta con la Filarmonica Arturo Toscanini venerdì 18 e sabato 19 dicembre, rispettivamente per i Turni Verde e Rosso di Nuove Atmosfere 2015-2016 (l’orario d’inizio è sempre fissato per le 20.30). Francesco Lanzillotta, direttore principale della Filarmonica, dirigerà musiche di Salviucci, Britten e Brahms.

Ian Bostridge, prima di dedicarsi a tempo pieno alla carriera di cantante, ha frequentato il post-dottorato in storia presso il Corpus Christi College di Oxford. Collabora regolarmente con tutte le principali orchestre del mondo e con i maggiori direttori d’orchestra e si esibisce nelle più prestigiose sale da concerto. Il suo repertorio spazia dalla musica antica a quella contemporanea, dall’opera ai concerti con orchestra, ma è Britten a occupare un posto speciale nelle sue interpretazioni magistrali: il suo debutto tra l’altro è avvenuto nel 1994 come Lysander in A Midsummer Night’s Dream al Covent Garden e la sua interpretazione di Quint ne Il giro di vite è ritenuta una delle migliori dopo quella di Peter Pears; parimenti quella di Aschenbach (Morte a Venezia) lo ha definitivamente imposto come uno dei più grandi tenori oggi in attività. Nel 2004 è stato insignito dell’Ordine dell’Impero Britannico e inoltre ha ricevuto le lauree honoris causa dal Corpus Christi College di Oxford, dall’Università di St Andrews e dal St John’s College di Oxford. I suoi cd in esclusiva per Emi, da Schubert a Henze, da Bach a Haendel, da Britten a Schumann, hanno vinto i maggiori premi internazionali. Nell’ottobre scorso è stato pubblicato anche in Italia il suo terzo libro “Il viaggio d’inverno di Schubert: anatomia di una ossessione” dedicato al Winterreise di Schubert.

Il programma sarà aperto dall’ Introduzione, Passacaglia e Finale di Giovanni Salviucci (Roma, 1907-1937) compositore dal talento innato, morto prematuramente ad appena 29 anni per un male incurabile. E’ un brano che fu amato e spesso eseguito da Carlo Maria Giulini e che Lanzillotta ha voluto inserire nel repertorio della Filarmonica Toscanini. Per la scrittura orchestrale densa e cromatica, per le fitte trame contrappuntistiche, per la freschezza inventiva del materiale tematico, per il gioco delle sue continue metamorfosi, il brano è un esempio del talento di Salviucci, allievo prima di Respighi e poi di Casella e padre di Giovanna Marini, la celebre interprete di musica popolare, anch’essa compositrice.

Come detto Bostridge canterà un brano del prediletto Britten, il Nocturne op. 60 composto nel 1958. Si tratta di un ciclo vocale, per tenore, sette strumenti e orchestra d'archi, basato su poesie di otto diversi poeti inglesi, ispirate a tematiche notturne e oniriche (Shelley, Tennyson, Coleridge, Middleton, Wordsworth, Owen, Keats e Shakespeare). Le otto liriche si succedono senza soluzione di continuità, come un'arcata unica, tenuta insieme anche da elementi tematici ricorrenti. A parte il pezzo iniziale, Britten associa ad ogni lirica un diverso strumento concertante con temi molto caratterizzati, di grande forza descrittiva.

Ad un capolavoro assoluto è affidata la chiusura della serata: la Terza Sinfonia, in fa maggiore, op.90, di Johannes Brahms, composta nel 1883, e accolta trionfalmente alla prima esecuzione, segna una svolta nel percorso creativo del compositore, un passaggio al suo stile più maturo, tanto che, non a caso, Richter la definì l'"Eroica" di Brahms),

I biglietti disponibili per queste due serate straordinarie sono in vendita alla biglietteria del Teatro Regio di Parma (Strada Garibaldi 16, 0521-203999, biglietteria@teatroregioparma.it ) dal martedì al sabato dalle 10.30 alle 13 e dalle 17 alle 19. La disponibilità è scarsa venerdì e buona nella replica di sabato. La prevendita è anche sul sito www.biglietteriatoscanini.it. La biglietteria dell’Auditorium Paganini (0521/707716) aprirà solo nelle serate di concerto alle ore 19. Per ulteriori informazioni è attivo il sito www.fondazionetoscanini.it nella sezione biglietteria oppure ci si può rivolgere all’URP della Fondazione Toscanini, biglietteria@fondazionetoscanini.it, tel. 0521-200145. I prezzi dei biglietti variano tra i 30 euro ai 20 euro per la serata di venerdì e da 25 a 15 per quella di sabato. Sono previste riduzioni per chi ha più di 65 anni o meno di 26, per gli associati o i dipendenti degli enti convenzionati con la Fondazione Toscanini, e tariffe promozionali per gli allievi del Conservatorio Boito e del Liceo Musicale Bertolucci e, più in generale, per le scuole di ogni ordine e grado.

Nuove Atmosfere è resa possibile grazie al contributo del Ministero per i Beni e le attività culturali e il Turismo e della Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monte Parma, Provincia di Parma e Camera di Commercio. Chiesi Spa è sponsor ufficiale della stagione. CePIM spa è partner istituzionale della Filarmonica Arturo Toscanini. Heracomm è partner principale della Fondazione Arturo Toscanini. Sponsor tecnici sono Peugeot Davighi F.lli e Crosconsulting.