Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Il Parma è tornato in Serie A

Parma festeggia in campo il ritorno alla serie A

Dalla Serie D alla Serie A in tre anni. Grande impresa del Parmacalcio1913!
Nell'ultima giornata la squadra di D'Aversa vince 2-0 sul campo dello Spezia, mentre il Frosinone pareggia con il Foggia 2-2: all'89' il Foggia realizza il 2-2 sul campo del Frosinone: reti di FLORIANO (44° 2T) MAZZEO (35° 1T) mentre per il Parma segna CERAVOLO (11° 1T) e CICIRETTI (16° 2T).
Una promozione sofferta, ma grandiosa impresa. Bravi tutti a partire dalla proprietà, alla dirigenza (a Marco Ferrari l'anima del progetto della ricostruzione), allo staf medico (consentitemi un affettuoso abbraccio a mio nipote Ghito - dottor Giulio Pasta-, coordinatore dell’area medica), all'allenatore, a tutti i giocatori che determinati ci hanno creduto. Al capitano Lucarelli da vero condottiero, che ha sofferto tutte le traversie della squadra. Dalla A alla D (gestione Ghirardi), dalla D al ritorno in A in tre stagioni. Un grande giorno per tutta la città, la Provincia, e gli appassionati di calcio. Una impresa voluta con tanta forza e passione. BRAVI Tutti! (Parma, 18 maggio 2018)

Luigi Boschi


Impresa storica del Parma: torna in A dopo tre promozioni di fila

I crociati vincono a Spezia e scavalcano il Frosinone al secondo posto: dalla D alla massima serie in tre stagioni. Le parole di Lucarelli, D'Aversa e Faggiano

"La strada sarà lunga da soffrire ci sarà ma se restiamo uniti torneremo in serie A". Il coro che ha accompagnato dal 2015 la traversata del deserto dei crociati esplode nella notte spezzina.

Il Frosinone pareggia a sorpresa in casa contro il Foggia ed è scavalcato dal Parma secondo posto. Un harakiri sportivo dei ciociari che in vantaggio 2-1 hanno subito il pari dei pugliesi a 4 minuti dalla fine.

Le reti di Ceravolo e Ciciretti, i colpi di mercato più attesi, portano il club nella storia del calcio professionistico: è la prima squadra a centrare tre promozioni di fila, dalla serie D alla A in soli tre anni.

La società rianimata da un gruppo di imprenditori locali è ripartita dai dilettanti dopo il fallimento e ha concluso nel catino bollente di Spezia una incredibile cavalcata sportiva. Il Parma è tornato a casa.

A fine gara il capitano Alessandro Lucarelli, 41 anni, testimone del crac e della rinascita commenta: "Abbiamo scritto la storia, non posso crederci. Giocare in A ? Ora non sono in grado di rispondere, ci penserò. Sono orgoglioso e fiero di essere stato il capitano di questo gruppo. Un'impresa che mi appaga di tutte le sofferenze".

Il direttore sportivo Daniele Faggiano rivela: "Il mister quattro mesi fa mi ha detto: arriviamo secondi...ringrazio la società che ci è stata sempre vicino. Ora ci dobbiamo tenere stretta la serie A"

"Il giorno più bello della mia vita a livello sportivo. Non ci sono parole per esprimere la felicità per quello che abbiamo realizzato. I ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario. Abbiamo concluso la stagione con quello che meritavamo, questa squadra non ha mai mollato, con tutte le difficoltà, tutte le vicissitudini e gli infortuni che abbiamo subito" gioisce Roberto D'Aversa.

"Abbiamo fatto un girone di ritorno straordinario. Abbiamo chiuso con la miglior difesa. Ringrazio la società: in un momento di difficoltà, con un'altra proprietà avrebbero fatto la scelta di mandare via l'allenatore. Ora godiamoci questo risultato importante, non era scontato raggiungerlo e ce lo siamo meritato".

Il tecnico ringrazia i giocatori: "I miei ragazzi da quando sono arrivato non hanno fatto altro che stupirmi. Sono sempre scesi in campo con attaccamento alla maglia e volontà di andare oltre le difficoltà e ai propri infortuni. Penso a Lucarelli, Vacca, Scozzarella". Dall'allenatore emiliano anche un pensiero al Foggia, che ha imposto il pareggio al Frosinone permettendo al Parma di tornare in Serie A. "Un gruppo di uomini, forse l'aver impedito ai loro tifosi di andare a vedere la partita ha fatto scattare la molla per fare qualcosa di più".

"Tre anni fa ci davano per morti, e invece eccoci ancora qua", esulta il club. Il dirigente Marco Ferrari rivela uno scambio di messaggi con il presidente Jiang Lizhang: "Mi ha detto di avere pianto dalla gioia".

La serie A ritrova i colori di quella che fu, tra la fine degli anni '90 e i primi anni del nuovo millennio, una delle sette sorelle. 


Parma in serie A, Lucarelli: "Abbiamo fatto la storia"

Nel 2004 il crac Parmalat apre la voragine, fino allo sprofondo della stagione 2015: in panchina Donadoni, Lucarelli capitano a condurre un tremendo finale di campionato che evita con l'aiuto della Lega la messa in mora e lo stravolgimento della classifica.

Il Parma stremato dalla gestione di Tommaso Ghirardi e Pietro Leonardi fallisce, nasce una nuova società, Parma 2013, che ricomincia dal fondo dei campionati, la serie D, e mentre risale la china a tempo di record passa di mano al gruppo cinese Desports presieduto da Jiang Lizhang, con Crespo ambasciatore del club.

Nella notte il rientro in città dove migliaia di tifosi hanno accolto la squadra che ha indossato le maglie:"Come noi nessuno mAi". 18 maggio 2018

Fonte Link: parma.repubblica.it