Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI SUONA MAHLER GUIDATA DA STEFAN ANTON RECK

LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI SUONA MAHLER GUIDATA DA STEFAN ANTON RECK
Unico appuntamento con la monumentale Sesta Sinfonia
 venerdì 7 dicembre (ore 20.30) al Paganini

La Sesta Sinfonia in la minore di Gustav Mahler, che il pubblico conosce soprattutto con la denominazione di “Tragica”, è un’opera monumentale: dura più di 80 minuti e la Filarmonica Arturo Toscanini, per eseguirla, raggiungerà un organico di 110 professori d’orchestra. Per bocca dello stesso autore, essa rappresenta la summa delle sue sinfonie precedenti ed anche una riflessione sulla sua opera di compositore (più che sulla sua vita). Sono le testimonianze di Alma Mahler, moglie del grande compositore e direttore d’orchestra morto ad appena 51 anni, ad insistere sulla connotazione autobiografica e sulla premonizione tragica dei colpi del destino che lo attendevano (la morte della primogenita, la rottura con Vienna, la malattia e la morte prematura), simboleggiati dai colpi di martello del finale, che rilasciano comunque la sensazione di una tremenda sconfitta dell’anima.

Nell’unico appuntamento di venerdì 7 dicembre (valido per il Turno Verde di Nuove Atmosfere), con inizio come di consueto alle 20.30, questo grande e tragico affresco sinfonico è affidato alla bacchetta di Stefan Anton Reck, uno dei direttori più amati dal pubblico della stagione sinfonica di Parma, che non dimentica il suo esordio del 1985, quando qui vinse, appena venticinquenne, il Primo Concorso Internazionale di Direzione d’Orchestra che porta il nome di Arturo Toscanini. Borsista al Tanglewood Music Center, vi ha studiato con Seiji Ozawa e Leonard Bernstein. Dal 1997 al 2000 Reck è stato l'assistente di Claudio Abbado, iniziando la collaborazione con la produzione di Wozzeck al Festival di Salisburgo. Direttore musicale dell'Orchestra Sinfonica di Sanremo dal 1990 al 1994, direttore principale dell'Orchestra Regionale del Lazio e di Roma dal 1994 al 1998, e direttore musicale al Teatro Massimo di Palermo dal 1999 al 2003, Stefan Anton Reck è riconosciuto a livello internazionale come profondo conoscitore della musica di Gustav Mahler e della Seconda scuola di Vienna (Berg, Schönberg, Webern). Attraverso le sue scelte di repertorio emergono l'eccentricità della sua arte, la sua intensità musicale e una forte propensione per la musica contemporanea.

Gli ultimi biglietti per non mancare a questo straordinario concerto sono in vendita presso la biglietteria all’interno del Centro di Produzione Musicale (CPM) Arturo Toscanini, Viale Barilla 27/A. Ulteriori informazioni possono essere richieste telefonando allo 0521/391339 o scrivendo a biglietteria@fondazionetoscanini.it Essa è aperta dal martedì al sabato dalle 10.30 alle 13.00; il giovedì e venerdì anche dalle 14.00 alle 17.00. La biglietteria dell’Auditorium Paganini (0521-391379) apre solo nei giorni di concerto 60 minuti prima dell’orario d’inizio. I prezzi dei biglietti vanno dai 30 ai 15 euro a seconda del settore e della data prescelta. Riduzioni sono presenti per gli spettatori over65 e under30, per i titolari Fidelity Card e per gli allievi del conservatorio Boito, del Liceo Musicale Bertolucci e del Liceo Romagnosi (a 5 € in ogni settore). Il biglietto under 14 resta fissato a 5 €.

Nuove Atmosfere è resa possibile grazie al contributo del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monte Parma, Provincia di Parma. Chiesi Spa è sponsor ufficiale della stagione. CePIM spa è partner istituzionale della Fondazione Arturo Toscanini. Heracomm è partner istituzionale della Filarmonica Arturo Toscanini. Assicoop Emilia Nord, Dallara, Studio LBA e Banca Mediolanum sono Amici sostenitori. Sponsor tecnici sono il Gruppo Ferrari Auto SpA e Crosconsulting.