Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

L'utile della Bce sale a 1,3 miliardi. Per Draghi 396mila euro di stipendio

Mario Draghi

I soggetti vigilati hanno versato 437 milioni di euro di contributi

MILANO - La crescita dei titoli di Stato detenuti dalla Bce per le sue operazioni di politica monetaria ha generato nel corso del 2017 una crescita dei flussi di interessi e di conseguenza dell'utile della Banca centrale. "L'utile netto della Bce è cresciuto di 0,1 miliardi di euro, portandosi a 1,3 miliardi nel 2017 (1,2 miliardi nel 2016), ed è distribuito integralmente alle banche centrali nazionali. Gli interessi attivi netti sui titoli detenuti per finalità di politica monetaria ammontano a 1,1 miliardi di euro (1,0 miliardi nel 2016). Il bilancio della Bce è aumentato a 414 miliardi di euro (349 miliardi nel 2016)", annota l'Eurtower. Se si considera il totale dell'Eurosistema, ovvero la rete delle Banche centrali dell'Eurozona, gli asset in bilancio arrivano a sfiorare i 4.500 miliardi di euro (+22%), per la metà (2.660 miliardi) in titoli emessi dai residenti nell'area.

Dal comunicato della Bce emerge che icontributi a carico dei soggetti vigilati ammontano a 437 milioni di euro (382 milioni nel 2016). Una crescita spiegata con "i lavori per l'analisi mirata dei modelli interni (targeted review of internal models, TRIM) e all'incremento del personale della Vigilanza bancaria della Bce". Le spese totali per il personale e le altre spese di amministrazione sono aumentate rispettivamente a 535 milioni di euro (467 milioni nel 2016) e a 539 milioni di euro (487 milioni nel 2016), "soprattutto a causa dell'incremento delle spese relative alle funzioni di vigilanza della BCE".

Alla voce degli stipendi si ascrive anche il dettaglio dei componenti del Comitato esecutivo. Dal relativo specchietto emerge che a Mario Draghi è andato uno stipendio base di 396mila euro, in aumento dai 390mila circa dell'anno precedente. Al vicepresidente Vitor Costancio, in via di uscita per De Guindos, nel sono andati 340mila, poi agli altri 283mila per un totale di 1,87 milioni all'intero Comitato.

CONFRONTA GLI STIPENDI.

Ai ceo delle banche Usa vanno milioni di euro

La Bce dettaglia infine che l'utile netto "è distribuito alle banche centrali nazionali (BCN) dei paesi dell'area dell'euro. Il Consiglio direttivo ha deciso di conferire alle BCN dei paesi dell'area dell'euro un importo di 988 milioni di euro a titolo di acconto sul dividendo, al 31 gennaio 2018. Nella riunione di ieri il Consiglio direttivo ha deliberato di distribuire l'utile residuo, pari a 287 milioni di euro, il 23 febbraio 2018". 22 Febbraio 2018

Fonte Link repubblica.it

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">