Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Presidenza Rai, dal Cda via libera a Foa per la seconda volta

Marcello Foa

Voto contrario del Pd, si astiene il rappresentante dei dipendenti. Sarà decisivo il passaggio in Vigilanza, dove adesso però il giornalista può contare, all'indomani dell'intesa tra Berlusconi e Salvini, sul sì di Forza Italia

Il consiglio d'amministrazione di Viale Mazzini ha votato la nomina a presidente di Marcello Foa, con 4 voti a favore, un voto contrario e un astenuto. Il voto contrario è quello della commissaria Rita Borioni, in quota Pd, l'astenuto Riccardo Laganà, rappresentante dei dipendenti Rai. Foa, membro del cda, non ha partecipato alla votazione.

Adesso la nomina di Foa passa, o per meglio dire ritorna, al vaglio della commissione di Vigilanza, il cui presidente Alberto Barachini dovrebbe convocare il giornalista per l'audizione a Palazzo San Macuto, presumibilmente tra martedì e mercoledì.

Candidato da Matteo Salvini, Marcello Foa, era stato infatti già designato una prima volta alla presidenza della Rai il 31 luglio. Ma la sua nomina era stata bloccata dal veto di Forza Italia proprio in commissione di Vigilanza, dove per il via libera definitivo è necessaria la maggioranza qualificata. Adesso, dopo l'intesa tra Lega e Berlusconi, Foa dovrebbe avere la strada spianata. Salvini può perciò esultare e commentare il voto odierno del cda con le parole: "La Rai torna a correre".

Proprio sull'intesa tra Salvini e Berlusconi si sono concentrate nei giorni scorsi le critiche dell'opposizione di sinistra, dal Pd a Mdp. Il Pd in particolare promette una battaglia legale, sostenendo l'illegittimità di un voto-bis su un candidato bocciato già una volta in Parlamento. Il primo annuncio proviene proprio dalla consigliera di amministrazione Rita Borioni: "All'inizio della seduta odierna del cda, ho presentato formale diffida a procedere all'elezione di Marcello Foa, visti i chiarissimi profili di illegittimità della stessa. Nonostante ciò il cda ha deciso di procedere ugualmente. A questo punto mi riservo qualsiasi azione a tutela dell'azienda stessa. La Rai non dovrebbe forzare regole e procedure consolidate per sottostare ai diktat di alcune fazioni politiche".

Due giorni fa la commissione di Vigilanza aveva approvato una risoluzione che invitava il cda a indicare un nome tra i propri componenti, "senza alcuna limitazione". E i consiglieri di amministrazione proprio a questo atto di indirizzo si sono attenuti riproponendo Foa. 21 settembre 2018

Fonte Link: https://www.repubblica.it/politica/2018/09/21/news/presidenza_rai_dal_cda_via_libera_a_foa_per_la_seconda_volta-207001447/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T1