Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Quando la pubblicità è un attentato alla salute

Nuoce gravemente alla salute

Spettabili reti televisive,
sono trascorsi alcuni mesi da quando sono stati resi noti i risultati scientifici dei 22 esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, provenienti da 10 Paesi, e gli 800 dossier prodotti ma pare che nessuna azienda che si occupa di comunicazione li abbia presi in considerazione.  Il denaro versato nelle Vostre casse dalle lobby dell’industria zootecnica e chimico-farmaceutica è più forte di qualunque senso di responsabilità verso il sociale. Pecunia non olet.

E’ inaccettabile che la televisione pubblica, soprattutto quella di Stato, sponsorizzi prodotti alimentari causa delle peggiori patologie umane, favorendone addirittura il consumo.

L’art.32 della nostra Costituzione: “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività” e l’art. 444 del Codice Penale “Chiunque detiene per il commercio, pone in commercio ovvero distribuisce per il consumo sostanze destinate all’alimentazione, non contraffatte né adulterate, ma pericolose alla salute pubblica, è punito...” dovrebbero essere il fondamento su cui basare la pubblicità.

E’ inaccettabile che i mezzi di comunicazione stimolino la popolazione a consumare insaccati, carni rosse e lavorate come prosciutti, mortadelle, carne in scatola, wurstel ecc., pur avendo la certezza del danno che producono. 


Chiedo l’immediata abolizione di ogni propaganda pubblicitaria, diretta o indiretta, verbale o grafico, che possa favorire il consumo di ogni prodotto carneo riconosciuto dannoso per la popolazione.

Chiedo che sia rispettata la legge della par condicio nei programmi televisivi, dando sempre spazio ad argomentazioni che contrastino il consumo di cibo animale.

Chiedo che sia sostenuta dalla pubblica informazione la politica della prevenzione delle malattie attraverso programmi di educazione alimentare che pongano in evidenza i benefici dell’alimentazione vegan.

Per quanto possa essere importante l’aspetto salutistico, l’attenzione dovrebbe ancora di più essere posta sull’olocausto perpetuo che si consuma ai danni degli animali vittime di una violenza senza fine che non sembra interessare più di tanto la televisione.

Cordiali saluti.

Paola Re

Via Virginio Arzani n.47

15057 Tortona (AL)