Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Sabbia numero 3 Intitolata "Margherita"

Sabbia numero 3 "Margherita"

Marco Vettori
marco.vettori.512@psypec.it
sito web
UN CASO DI ANORESSIA RISOLTO CON LA SAND PLAY THERAPY 

Sabbia n.3 intitolata “Margherita”. 

Dopo aver pensato un poco dice che farà una cosa che aveva in mente da qualche tempo. Inizia bagnando la sabbia al centro: Lavora in silenzio per circa dieci minuti: Mi fa sapere che la forma che le è venuta in mente da presentare nella sabbiera è ”la margherita”. Qualcosa di semplice e circolare.  Questa immagine le ricorda: il sole, l’estate e la semplicità. Questo fiore ha otto petali: La margherita è semplice e solare: Dato che, attualmente, a scuola è stressantissima questa immagine le dà sensazione di serenità e tranquillità.

Sabbia che “si sviluppa” in orizzontale rispetto alla prima eseguita in gran parte in verticale. Nel momento attuale è forse, importante, per Eli aprirsi verso l’esterno per dare ampio spazio alla semplicità. Margherita, in greco, significa ‘perla’ e la “margarita” è simbolo del femminile.  Nella presente realtà la paziente, sta, forse, collegandosi ad un femminile più consono a lei stessa e più equilibrato?

Tenendo presente il simbolismo dell’otto, riferito al numero dei petali, si può ipotizzare una prima ‘forma’ di conciliazione degli opposti [materia e spirito] e di ‘trasformazione’.

Quando Eloisa definisce solare la margherita è possibile rilevare un ulteriore “prefigurazione di conciliazione degli opposti. La margherita (simbolo femminile) è definita ‘solare’ attributo del sole (simbolo maschile). Probabilmente questo “mandala*” permette alla giovane paziente di mantenere un equilibrio tra l’interno e l’esterno rimanendo collegata ad un centro.

(*) Per la Dottoressa Adriana Mazzarella “il termine sanscrito “Mandala” significa cerchio magico e viene costruito durante la meditazione dal Lama o dal Maestro spirituale. E’ un simbolo per indicare la totalità della psiche che converge al centro. All’esterno del mandala viene di solito simboleggiata la realtà oggettiva e più concentricamente verso l’interno i vari stati psichici interiori, i vari paradisi, i vari inferni, cioè l’inconscio. Il Sé viene rappresentato al centro con un Punto, con una coniunctio di un dio o una dea, con un fiore, una stella a sei punte; il centro può anche essere vuoto.  La forma del mandala può essere molto diversa: fiore, croce, ruota.

Nel processo analitico gli individui producono spontaneamente mandala”.