Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Sotto sequestro da 151 giorni

DA 151 giorni (29 settembre 2015 al 27 Febbraio 2016) il socialbog luigiboschi.it è sotto sequestro senza soluzione di continuità su ordinanza del Tribunale di Parma per un articolo (oscurato non più visibile dal 1 giugno 2009) di denuncia sul console onorario Cileno di Modena (Vi sono persone che "opprimono, dominano e si fanno chiamare benefattori"). Mai smentito sui fatti, nemmeno nelle udienze. Fatti da me poi usati nel paradosso satirico. Chi non sa leggere il contesto e ignora i fatti, non può capire né la critica, né la satira. Nel mio caso, si sequestra e si condanna senza aver fatto le dovute indagini, senza conoscere.
La libertà di opinione e di satira garantita dalla nostra Costituzione nel Tribunale della città del maiale non è garantita. Sequestrano tutto il socialblog (come con il maiale, non buttan via niente). Praticamente sono ai domiciliari senza sapere quando potrò tornare libero. 
Tutto questo per un articolo del 26 maggio 2008 (di critica satirica) già oscurato il 1 giugno 2009 dalla Polizia Postale di Parma su ordinanza della Procura di Modena.
Mi chiedo cosa ne sia della nomofilachia (uniforme interpretazione della legge) sostenuta all'apertura dell'anno giudiziario 2016 da Giovanni Canzio, Presidente della Cassazione, ma soprattutto dei diritti Costituzionali. Io continuo però a pubblicare e ad aggiornare tutti i giorni il mio giornale online. Purtroppo molti non lo potranno leggere, ma l'opera prosegue e si svelerà quando potrò tornare libero, ossia letto. Mi hanno oscurato la lettura ma non la mia scrittura. Se è vero che altri giornalisti sono stati condannati per presunta diffamazione, anche ingiustamente, mai, però, è stato sequestrato il loro giornale. Non c'è Libertà senza Giustizia. E questa è una ingiustizia che passerà alla storia. Il tempo farà giustizia... Il danno prodotto da questi magistrati è enorme, e non solo economico, ma il sottoscritto non si lascerà intimorire, né inibire dal continuare nella sua opera, a molti, forse a troppi, scomoda. Prima o poi il sequestro avrà una fine!! non potrà essere ad libitum. La vera Giustizia alla fine prevarrà... sono fiducioso. L'amore per la verità è ciò che anima l'azione del resistente. (Parma, 27/02/2016 aggiornato il 2 marzo 2016)

Luigi Boschi 



graffiante

ottimo graffiante come sempre
bravo

raffaele 

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">