Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Una sciagurata scelta monetaria e economica impoverisce l'Italia e molti Stati. L'Europa è stata attraversata da una guerra mondiale con armi finanziarie di distruzione di massa

Guerra Finanziaria la strage di Stati e popoli Bombardamenti atomici Bimba che fugge

Don Luigi Ciotti nella sua lectio doctoralis a Parma: "dobbiamo restituire l'economia alla vita. Dobbiamo ricostruire i legami sociali... ridare speranza. Occorre una rivoluzione culturale educativa... Una ribellione delle coscienze per i diritti umani, sociali, civili e ambientali... L'intervento sociale come etica della responsabilità". Vi è la necessità di prendere posizione: "Di fronte ai bivi della vita, a quelli grandi e a quelli piccoli, che incontriamo ogni giorno, dobbiamo prendere posizione... con coraggio e perseveranza. Decidere da che parte stare. Questa è responsabilità, senza sconti per nessuno... perché gli uomini possano esistere hanno bisogno di partecipazione". Senza partecipazione si acuisce il senso di sfiducia nella società e nelle istituzioni. 

Occorre ribellarsi a una pessima globalizzazione che cancella ogni identità e sottomette ogni Stato alla signoria del capitale finanziario globale, distruggendo sia lo stato sociale che lo Stato nazionale. Una sottomissione di individui e popoli a anonimi produttori e consumatori. Senza moneta non siamo in grado di conservare e difendere il nostro patrimonio culturale, naturale e di civiltà. Non è accettabile questa dissennata distruzione della nostra “grande bellezza” come fosse monnezza.

Se non riuscirà Paolo Savona, e il tempo per dimostrarlo è, purtroppo, breve, a troncare questa usura praticata dalla finanza internazionale con politici consenzienti alla depauperazione degli Stati, ormai non più sovrani, l’Italia è finita. Uno Stato senza una propria moneta e senza una Banca Centrale non ha senso, diviene solo un esattore. Addirittura una Banca Centrale nelle mani di privati (i ladri della finanza internazionale). Il pareggio di bilancio imposto dall’Europa è un disastro sociale ed economico (con questo sistema il debito non diminuisce, ma è provato, aumenta). 
Ciò che è stato fatto alla Grecia potrà capitare anche a noi… e pure la Spagna è in una situazione simile. L’asse Franco Tedesco (mi ricorda molto quello Austro Tedesco), è di cattivo auspicio per una nuova Europa dei popoli (ciò che era nel disegno costituente, per ora tradito), senza moneta a debito. Ma l’hanno voluta così i predatori di uomini, donne e famiglie avidi dei nostri risparmi. 
Eppure non può esistere Europa senza Italia, Grecia e Spagna. Ma stanno facendo di tutto per distruggerci. E lo vedremo alle prossime elezioni Europee che fine faranno questi attuali corrotti, irresponsabili burocrati.

Ciò che è stato fatto in questi anni è delinquenziale, da nuovo processo di Norimberga, in cui gli imputati sono i politici della Sinistra in particolare, e della Destra. Tutti responsabili, nessuno escluso della spoliazione dell'Italia. 

Abbiamo avuto di fatto una nuova guerra mondiale in Europa combattuta con armi di distruzione di massa della finanza contro l’uomo, i suoi valori, il suo ambiente naturale.
Risultato: un massacro, uno sterminio consapevole di persone, come in una guerra armata. Con un impoverimento generale. Le guerre d’altra parte sono sempre state determinate dal denaro e dai mercati, lasciando dietro di sé solo macerie, povertà e dolore. 
E tutto per cosa?  Per una schiavitù globalizzata prebellica, da medioevo, funzionale al sistema di potere internazionale. Sostanzialmente con due classi sociali: ricchissimi e poveri, distruggendo la borghesia. Per non parlare dei disperati in Africa e in America latina. 
Con questa polveriera sociale di 2/3 miliardi di persone in incremento esponenziale, ancora inesplosa, cosa si pensa di fare?
Non c’è la volontà di un mondo socialmente migliore. Eppure la nuova tecnologia potrebbe liberare l’uomo dalla schiavitù. e soprattutto dalla moneta a debito. Ma non lo si vuole. Lo si preferisce incatenato in gabbia con la moneta a debito. L’uomo libero è difficile da domare con la politica dei predatori interessati al loro stato di miseria. Siamo in presenza di un debito globale e titoli tossici emessi superiori al PIL mondiale (alcune fonti, tra cui il sole 24 ore, parlano di 54 volte).
La moneta a debito è un’arma nucleare distruttiva come quella del Giappone a Hiroshima e Nagasaki. Anziché sostenere la teoria della moneta sovrana (ossia del popolo e non delle banche) di Giacinto Auriti (che i politici ben conoscono) [LINK], si è voluto l’impoverimento globale attraverso una colonizzazione monetaria effereta, che non lascia scampo.
I Greci sono stati tra le prime vittime, ma ce ne saranno ancora se non si porrà fine a questa sciagurata scelta monetaria e economica, legittimata da questa politica di corrotti che non ha più senso per l’intera umanità.   

 L’ambizione del poeta è pronunciare
una parola che sia aderente al reale

Nel momento in cui la sente.
Riuscire a sollevare questo alito 

di vero dipende dalla sua capacità
di andare incontro alla verità 
(Adriano Acccattino - Ivrea)    

Parma, 23/11/2018

Luigi Boschi

Articoli correlati