Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

WorldAnimalDay

WorldAnimalDay: 2003 iniziative e incontri contro alimentazione di derivazione animale

LA PACE PER I PORCI

Si può consentire di calpestare e devastare parzialmente l'area storica destinata a prato artistico di rispetto alla Pilotta Farnesiana, costato diversi miliardi di vecchie lire, causa la annosa conflittualità politica, per celebrare la stagionatura di pezzi di cadavere d'animali? La prepotenza economica, sostenuta dall'arroganza politica ha licenza su tutto! Un comportamento diffuso e qui giustificato dal fatto che l'area sarà ripristinata come prima: 150/200 milioni di lire il costo che il Consorzio affronterà per risistemare il prato danneggiato, in quanto, l'irruzione pubblicitaria, ha causato danni al manto, al sistema di drenaggio e di irrigazione; "bioarchitettura progettuale" da Milano, ovviamente! Mi risulta però che il Consorzio riceva contributi pubblici e l'iniziativa del 40° (oltre due miliardi di lire il budget) sia sponsorizzata anche dal Comune di Parma, dalla Provincia, dalla Regione, dal Ministero. Come dire che la risistemazione sarà effettuata in modo indiretto dai contribuenti. Le fette di prosciutto sugli occhi restano, fortunatamente, solo una infelice campagna pubblicitaria! Aldilà, credo, della inopportunità di utilizzare in quel modo tale area, altri soggetti in futuro potrebbero richiederne l'uso: non penso che piazzale della Pace sia destinata a luogo fieristico! O è in corso il cambiamento di destinazione? Già il ciottolato della Pilotta presenta sfregi inferti dall'allestimento di continue strutture mobili (e non so cosa aspetti la Sovrintendente ad intervenire), oggi anche l'area verde, di proprietà del Comune di Parma, faticosamente manutenuta e con difficoltà protetta dalle lordure dell'ignoranza, ne è soggetta. E' questo l'esempio educativo delle Istituzioni?

WORLD ANIMAL DAY A PARMA

Un’altra alimentazione è possibile senza uccidere nessun animale Sabato 4 ottobre ore 16 in occasione del "World Animal Day" è stato promosso un raduno in Piazza della Pilotta a Parma delle associazioni vegetariane, vegane, ambientali, culturali, sociali, animaliste per sensibilizzare le persone verso gli animali, la loro dignità, i loro diritti. Sarà fatta informazione sui danni causati dalle fabbriche degli animali in ambito ambientale, sociale; saranno prodotte informazioni sui problemi arrecati alla salute da una alimentazione a base di carni, e sulle numerose malattie prodotte da un abuso di alimenti di derivazione animale. L'alimentazione vegana è prima ancora di una dieta alimentare una scelta etica di vita. Si è prodotta una sovrappopolazione di bestiame in “allevamenti senza terra” privi di senso, di cui ogni anno vengono uccisi (escluso i pesci) 13 miliardi di animali nel mondo e più di 800 milioni in Italia. Per l’abuso di carni e cibi di derivazione animale, per il piacere di molti e il profitto di pochi si sono realizzati allevamenti lager, si pratica la mattanza quotidiana industriale, si sottrae cibo ai paesi poveri, si coltiva la desertificazione, il disastro ambientale, si alimentano malattie e il tumore. Una manifestazione per contrastare la prepotenza dell’ ”industria animale”, per dire basta agli allevamenti lager e all’industria della morte.

SENZASENSO

La prepotenza con cui è stata occupata e devastata un’area storica è imperdonabile. Non è sufficiente ripristinare, è lo stupro esercitato che è intollerabile! Si può consentire di calpestare e devastare parzialmente l’area storica destinata a prato artistico di rispetto alla Pilotta Farnesiana, costato diversi miliardi di vecchie lire, causa l’annosa conflittualità politica, per celebrare la stagionatura di pezzi di cadavere d’animali? C’è tutta la “tragedia di un uomo ridicolo” (Bertolucci) nella concessione ad invadere, con uno stand commerciale autocelebrativo, un’area storica, pubblica per l’eccezionalità dell’evento: la "grande bouffe" del prosciutto, un’insostenibile sistema industriale alimentare di derivazione animale sotto l’aspetto etico, ambientale, sociale, economico, sanitario. Un’industria, che non ha più nulla a che fare con la tradizione contadina e i cui limiti di sostenibilità deve preoccupare non poco il nostro territorio, la cui economia in tale settore, come si sa, è consistente. In particolare il prodotto tipico è tale perché insiste sulle culture di un luogo, ed è determinato da un equilibrio ecosistemico territoriale, quando questo si rompe, e qui lo si è fatto, non è più tipico perché si perde la condizione della tipicità. Invece, senza mettersi minimamente in discussione, si crede che un sistema economico basato sulla alterazione e distruzione della vita animale e sul danno ambientale, sociale, della salute, sia sostenibile e abbia una crescita futura. Un non senso in tutti i sensi! Se l’economia delle conoscenze costituisce l’indirizzo futuro dei Paesi, anche l’ignoranza di molti, che alimenta l’interesse di pochi attraverso l’economia della carne, dovrà farne i conti. Dietro la facciata dei prosciutti stagionati in bella vista, l’orrore.

E' NEL VEGETALE IL FUTURO DELL'ALIMENTAZIONE

"E' nel vegetale il futuro dell'alimentazione" Sabato 6 settembre, alle ore 10,30, a Parma presso la sede della Provincia in Piazzale della Pace, nella Sala Primo Savani, si terrà un incontro stampa sull'alimentazione vegetale, le sue implicazioni sotto l'aspetto salutistico, ambientale, economico, etico. L'incontro è promosso da Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV) - onlus, da SaiCosaMangi.info e organizzato dall'associazione culturale Operaprima. L'iniziativa ha lo scopo di divulgare la cultura vegetariana, informare sui risultati salutistici e sulle positive conseguenze ambientali e sociali derivanti dalla adozione di questa scelta alimentare, sulle iniziative in programma nel territorio di Parma, città candidata a sede dell'authority alimentare europea. Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana - ONLUS è un'associazione con sede a Venezia, che riunisce professionisti ed esperti in nutrizione e in altre discipline biomediche, fornisce un supporto informativo, medico e legale a chi desideri orientarsi, o si sia già orientato, verso una scelta alimentare di tipo vegetariano. SaiCosamangi.info è un gruppo di lavoro specializzato nella diffusione di informazioni sui danni degli allevamenti intensivi e nel supporto pratico a chi vuole mettere in atto una scelta vegetariana. Interverranno: -la dottoressa Rosella Sbarbati, Biologa nutrizionista Specialista in Scienza dell'Alimentazione, membro di SSNV - onlus, autrice del libro "Il Vegetarianesimo"; -il dottor Enrico Moriconi, medico veterinario promotore della campagna "Un'altra alimentazione è possibile", autore del libro "Le fabbriche degli animali" e co-autore dell'omonimo video; -il professor Rocco Paolucci, specialista in oncologia clinica e chirurgia generale, docente presso la scuola di Oncologia dell'Università di Parma. Introdurrà l'incontro Luigi Boschi. Concludera' Marina Berati, coordinatrice di Saicosamangi.info, illustrando le iniziative previste.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti