Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

ALITALIA, MATTEOLI: LAVORIAMO ALLA CORDATA ITALIANA

(ansa.it) ROMA - Matteoli ribadisce la volontà del Governo di trovare una soluzione tricolore per Alitalia: "Stiamo lavorando ad una cordata di imprenditori italiani" e a "chi si occuperà del piano industriale".

Appena insediato, sulla crisi Alitalia, il Governo "ha subito cominciato a correre", ha spiegato Matteoli sottolineando la gravità della crisi Alitalia e riconoscendo all'Esecutivo guidato da Romano Prodi di "aver comunque fatto una proposta". "Noi - ha aggiunto - vedremo se esiste una cordata capace di rilevarla. Ma non è possibile pensare che sia un solo ministro ad affrontare il problema, perché è un problema di tutto il Governo. Non me la sento di criticare il Governo Prodi, perché é un problema molto complesso". Non è vero poi - secondo il ministro - che Alitalia non porta nessuna dote. "Porta in dote una professionalità come poche - ha detto infatti - Un sistema di sicurezza che garantisce grande tranquillità".

Da apprezzare poi, riguardo alla crisi della compagnia, "il coraggio di Berlusconi durante la campagna elettorale: poteva benissimo non occuparsene, c'era un Governo che se ne occupava". Invece - ha spiegato Matteoli - "si è assunto la responsabilità". Quella di Air France però - ha confermato - era una operazione sbagliata, "che faceva perdere il 3% dei dipendenti di terra e oltre il 20% dei piloti: si cancellava Alitalia. In più c'era il problema del turismo, nel quale Air France è concorrente". Matteoli si è comunque mostrato ottimista. "Credo che una soluzione si trovi - ha concluso infatti - ma bisogna stare con i piedi per terra: serve una soluzione di ordine economico ma anche di ordine industriale".

MATTEOLI, STIPENDI DIPENDENTI NON SONO A RISCHIO
"Le affermazioni del capogruppo del Pd, Antonello Soro, rilasciate a TeleCamere, secondo cui gli stipendi di maggio e di giugno dei dipendenti Alitalia sarebbero a rischio, non sono rispondenti alla realtà. Ribadisco che il Governo è impegnato ai massimi livelli per trovare una soluzione alla crisi, per salvare la compagnia di bandiera". Lo ha dichiarato il ministri delIe Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli, replicando alle dichiarazioni di Antonello Soro.

SORO,RISCHIO STIPENDI MAGGIO,GIUGNO NON CI SONO
"Gli stipendi di maggio sono a rischio e quelli di giugno non ci sono, nonostante il prestito ponte". A lanciare l'allarme, dai microfoni di Telecamere di Rai 3 è il capogruppo del Pd alla Camera Antonello Soro.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">