Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

UMBERTO VERONESI DAL CORRIERE

Dal Corriere della sera del 20 maggio 2008, così Veronesi: "L'umanità rischia un effetto a catena distruttivo: esaurimento di energia, di acqua potabile, di alimenti base per soddisfare consumismi alimentari errati. In Cina e in India è aumentato il consumo di carne, così come non si ferma in Occidente. I conti non tornano. Sei miliardi di abitanti, tre miliardi di bovini da macello (ogni chilo di carne brucia 20 mila litri d'acqua), 15 miliardi di volatili da alimentazione, produzione di combustibile dai cereali. Tra un po' non ci sarà più cibo. Grano, soia, riso, mais costano sempre di più e vanno a ingrassare gli animali da allevamento. Dobbiamo fermarci ora."

Continua l'articolo: In realtà, se aumenterà il consumo di materie prime per la catena alimentare basteranno pochi decenni per restare a secco. Con un 20% dell'attuale popolazione mondiale (ma non resteremo fermi a 6 miliardi) ipernutrita e quindi, malata... e un 80% denutrita e, quindi, malata. Senza contare le malattie infettive di ricchi e poveri.

Una visione pessimistica, ma reale che mi auguro si voglia e si possa scongiurare con responsabilità.
Cosa rispondono i signori che hanno finanziato con risorse pubbliche, e continuano a farlo, la filiera mortifera?
Cosa rispondono gli Assessori, i Sindaci e i Presidenti di Provincia con la carne tra i denti?
Cosa ci dicono gli strateghi al colesterolo delle associazioni Industriali, Commerciali, Artigianali, ecc, dell'infausta riproduzione cancerogena per il profitto?
Cosa ci dicono i Consorzi Dop, Igp della ignoranza tutelata e promossa? Quella dei Festival!

Avete di che riflettere sul danno responsabilmente causato, ignorando e emarginando chi richiamava su questi temi la vostra attenzione.

Saluti vegani!!

(Parma, 21 maggio 2008)

Luigi Boschi