Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

PILLOLA DELL'ALLENAMENTO FA MUSCOLI DA CAMPIONI

(ansa.it) ROMA - Se sognate muscoli da campioni ma al primo giro di corsa al parco sotto casa siete già esausti e senza fiato, forse c'é una pillola che fa al caso vostro: aumenta massa muscolare e resistenza alla fatica, dando tutti gli effetti positivi dell'esercizio fisico, anche senza praticarlo. Una nuova forma di doping? Non è da escludersi ma la molecola è pensata per altri scopi, potrebbe servire contro obesità e diabete e in caso di malattie muscolari come la distrofia.

Messa a punto dall'equipe di Ronald Evans al Salk Institute for Biological Studies di La Jolla in California, la 'pillola dello sport', ACAR, mima esattamente gli effetti dell'attività fisica e, somministrata per 4 settimane a topolini non allenati e sedentari, ha permesso loro di correre il 44% in più rispetto a topolini non trattati.

Ma non è finita: gli esperti hanno messo a punto anche un'altra pillola, GW1516, con effetti ancora più straordinari, se data in associazione a un regime di attività fisica regolare, aumenta la resistenza del 77% (cioé quasi del doppio) e le fibre muscolari a contrazione lenta (quelle da 'maratoneta') del 38%. Entrambe le pillole accendono il gene 'PPAR delta', che regola metabolismo e sviluppo muscolare. A pochi giorni dalle Olimpiadi di Pechino difficile non pensare a queste molecole come nuove sostanze dopanti ma, avvertono i ricercatori, è stato già messo a punto un test anti-doping ad hoc.

In un precedente studio l'equipe di Evans aveva creato topolini 'maratoneti' che corrono coprendo una distanza doppia del normale e non ingrassano anche se sottoposti a un regime dietetico ipercalorico. Il segreto dei topolini era nel gene PPAR-delta: i roditori erano stati modificati geneticamente in modo che PPAR-delta funzionasse a ritmi più sostenuti del normale. Ciò aveva indotto il loro corpo a trarre energia soprattutto dai grassi, bruciandoli, più che dagli zuccheri e a sviluppare fibre muscolari resistenti alla fatica che possono rimanere più a lungo sotto sforzo.

La modifica al gene PPAR-delta in un certo senso potrebbe essere classificata come una forma di 'doping genetico', da molti considerato la frontiera del doping. Col nuovo studio i ricercatori hanno voluto verificare che anche i muscoli di topolini normali (non geneticamente modificati) e ormai adulti potessero essere riprogrammati somministrando loro principi attivi con PPAR-delta come bersaglio d'azione. Hanno cominciato con GW1516: somministrandolo a topolini per cinque settimane i roditori dimagriscono e migliorano profilo lipidico e glicemia, ma nulla di fatto per quel che riguarda i muscoli. Ma i ricercatori non si sono dati per vinti ed hanno accoppiato la somministrazione di GW1516 a 4 ore di esercizio fisico a settimana. Le performance muscolari e la resistenza alla fatica dei topolini che hanno fatto ginnastica e preso GW1516 sono aumentate considerevolmente del 77% e del 38% rispettivamente.

 I topolini che hanno solo fatto ginnastica senaz prendere GW1516 hanno ovviamente tratto giovamento dall'esercizio, ma mai come quelli che hanno anche preso GW1516. Poi gli esperti hanno testato una seconda moleocla, ACAR, e questa è risultata efficace anche su topolini non allenati e sedentari. In 4 settimane ACAR ha aumentato performance atletiche e resistenza die topolini senza bisogno di fare sport. Queste e altre molecole che avessero PPAR-delta come bersaglio d'azione potrebbero dunque rivoluzionare il nostro modo di tenerci in forma ma anche divenire, forse, un nuovo strumento di frode sportiva. Per questo Evans si è preso subito la briga di mettere a punto un test sangue e urine per scovare l'eventuale utilizzo di queste 'pillole dello sport' negli agonisti in procinto di gareggiare.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">