Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Oggi chi mangia carne e prodotti di derivazione animale delinque

Delinque, ma non commette reato

Dato che oggi (e purtroppo ancora per molto tempo, temo) è una cosa normalissima, predicata da medici, parroci, esperti di cucina e politici, molta gente non è conscia del male che fa. In questo senso non va assolutamente criminalizzata. Tuttavia va informata e sensibilizzata, e soprattutto devono essere chiariti i punti riguardanti la salute. I migliori agenti moltiplicatori vanno pertanto ricercati tra i medici, poi tutto il resto sarebbe gioco (relativamente) facile...

SICURAMENTE

SICURAMENTE SI' con l'attuale informazione.

 

G.

Quoto!

Quoto!!!Grazie all'informazione attuale se si mangia carne si è consapevoli del proprio comportamento sbagliato nei confronti degli animali ma anche di se stessi!

Oggi chi mangia carne e prodotti di derivazione animale delinque

sono vegetariana convinta (anche se non vegan), sono contro gli allevamenti di massa e contro gli allevamenti per scopi di uccisione degli animali allevati, ma chi mangia carne e derivati NON delinque. Può essere una persona che se ne frega di cosa sia la sua bistecca, può essere incoscente, puó non essere interessato a cosa significano tutti questi allevamenti (oltre alla sofferenza per gli animali in questione), e quindi socialmente molto discutibile, moralmente discutibile. Ma non delinque, in quanto usa la carne per il proprio nutrimento e non per altri scopi. Molto discutibile, ma non è delinquenza.

ignoranza o menefreghismo?

L'ignoranza (o incoscienza) in materia di diritto non è mai una giustificazione, si commette reato anche se si compie un crimine non conoscendo la legge che lo vieta. Ora come ora, anche se siamo sommersi da vagoni di disinformazione, tutti abbiamo però la possibilità di informarci. La pigrizia non è una scusante.

Il fregarsene di qualcosa, a maggior ragione, non è una giustificazione. Per fare un esempio forte: lo stupratore che violenta una ragazza se ne frega se lei è d'accordo o meno, tuttavia questo non toglie crudeltà all'atto ma ne aggiunge e lo aggrava.

L'usare carne per il proprio nutrimento, in una società come la nostra, non è più necessario, addirittura è quasi diventato superfluo e nocivo. Il prezzo della nostra carne lo pagano gli animali, l'ambiente, le persone nel sud del mondo.

 

E che reato commetterebbe?

E che reato commetterebbe?

L'UCCISIONE DI UN ANIMALE E' COMUNQUE UN ATTO DI SPECISMO

E' vero che mangiare carne non equivale a commettere un reato nel nostro ordinamento. Ma chi riconosce loro, fra gli altri, il diritto alla vita, da un punto di vista etico (nel comportamento con altri) privarli della loro unica e irripetibile esistenza su questa terra, equivale a commettere un animalicidio. Nessun animale dovrebbe essere allevato e poi ucciso per diventare cibo. Ogni atto di crudeltà, discriminazione e violenza, compresa la morte, nei confronti degli animali, a qualunque categoria culturale appartengano: di affezione, selvatici, da laboratorio o da reddito (questi ultimi sono quelli che vengono trasformati in cibo: la "carne" e il "pesce"), si configura come specismo della specie umana nei confronti di altre specie.
Gianluca Albertini

ALLELUJAH!!! AMEN.  

ALLELUJAH!!!

AMEN.

 

Nessuno, Chi esagera fa male a se stesso, e peggio all'ambiente

Nessuna legislazione al mondo condanna l'allevamento di animali da compagnia o per il consumo alimentare. L'International Panel on Climate Change ci ricorda peró che il 18% delle emissioni di CO2 dipende da uno strano modo di produrre carne lontano e trasportarla in giro. Disastro prevenibile con tassazione e cambiamento personale. Cambiamento Climatico? Ah! Il solo Italiano del pannello Nobel di Rajendra Pachauri, tra circa 10.000 é Francesco Tumbiello. Se gli scrivi in Italiano e ti risponde lo fa in Inglese. Lavora alla Washington University. E intanto il Governo retroattivamente decide che non si rimborsano i pannelli solari. Tanto il Primo Ministro non ne produce. é occupato a cacciare il Comunismo ed ha seri problemi di concorrenza con Rupert Murdoch.

Reati

Probabilmente di fronte alle leggi degli uomini nessuno, ma di fronte alle leggi divine uno senza dubbio, infrange il quinto comandamento che recita: "Non Uccidere"! Inoltre: Sappiamo, ed i recenti dati evidenziati dall'ONU lo testimoniano, che:
- Il ciclo produttivo della carne è uno dei principali responsabili dell'effetto serra
- E' il principale responsabile della deforestazione - E' il principale responsabile del depauperamento delle risorse idriche mondiali e delle piogge acide.
- E' il principale responsabile della malnutrizione e delle morti per fame (mangiando carne si uccidono ANCHE esseri umani)
- E' uno dei principali responsabili di gran parte delle patologie tumorali, dell'obesità e del diabete

Di fronte a tutto questo, anche se non scritto nei codici, si è di fronte a veri e propri atti di DELINQUENZA, che piaccia oppure no...

Gianluca Miano

Silenzio degli innocenti

Complimenti per l'esaustiva e sintetica risposta!
Quel che più rincresce è vedere quanta incoscienza e superficialità c'è nel considerare la vita di altri esseri, magari più deboli. E' il genocidio prodotto dal "mi piace"!... Dalla società del profitto senza etica e del consumo irresponsabile. E ciò è ancor più grave quando questa cultura e insensibilità è promossa e incentivata dalle istituzioni, con risorse pubbliche, addirittura ostentata e da una formazione completamente inesistente.
E' disarmante, non rimane che il silenzio degli innocenti! LB  

eh si

è proprio il silenzio degli innocenti, non c'è altra definizione_
tutto questo si che è il male assoluto dell'umanità !
questo è molto peggio del nazismo!