Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

ANIMALI - LA TRATTA DEI CUCCIOLI DALL’EST EUROPA IN ITALIA COMUNICATO STAMPA LAV E MINISTERO ESTERI

Comunicato stampa LAV 3 dicembre 2008

 3 DICEMBRE (ROMA) CONFERENZA STAMPA DEL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI FRATTINI. PARTECIPANO IL SOTTOSEGRETARIO ALLA SALUTE MARTINI, LAV E FORZE DELL'ORDINE

Dichiarazione del Presidente della LAV, Gianluca Felicetti:

"Gli impegni presi dal Ministro degli Affari Esteri Frattini e dal Sottosegretario alla Salute Martini sono un'importante risposta positiva alla nostra petizione già sottoscritta da migliaia di cittadini e sono decisivi per contrastare efficacemente il traffico illegale dei cuccioli dall'Est Europa sostenendo Forze di polizia, veterinari, associazioni, negli interventi per porre fine a questa tratta. I reati sono effettuati contro gli animali e contro tutti noi visto che si evade il fisco e si mette a repentaglio la salute pubblica. Ai cittadini chiediamo di evitare di acquistare cuccioli preferendo sempre l'adozione di un quattrozampe, peraltro gratuita, da un canile. Ce ne sono decine di migliaia che attendono una nuova famiglia, questo sarebbe per loro il più bel regalo di Natale".

La tratta dei cuccioli coinvolge ogni anno migliaia di cani e gatti, provenienti dai Paesi dell'Est, in particolare da Ungheria, Slovacchia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca, importati in modo truffaldino falsificando i documenti, precocemente strappati alle cure delle loro madri costrette a continue gravidanze, sottoposti a infernali viaggi e imbottiti di farmaci per farli sembrare sani all'acquirente. La mortalità dei cuccioli nella fase che va dal trasporto ai primi mesi dopo l'arrivo in Italia raggiunge il 50%. La carenza di controlli sanitari e la violazione della normativa in materia di vaccinazione (es. vaccinazione antirabbica) comportano elevati rischi sanitari per l'Italia. Il valore di mercato di un cucciolo importato dall'Est (soprattutto Carlini, Jack Russell, West Highland, ecc.) e spacciato per italiano falsificando i documenti può aumentare fino a 20 volte, con un giro d'affari annuo stimato in 300 milioni di euro.

La LAV invita i cittadini a firmare la petizione con cui si chiedono interventi legislativi e maggiori controlli per contrastare la tratta dei cuccioli dall'Est Europa. Tra il 6 e l'8 dicembre prossimi (con repliche nei successivi fine settimana) la LAV sarà nuovamente presente in numerose piazze d'Italia - in particolare a Roma, Milano, Bologna, Bari, Palermo e altre ancora - per raccogliere altre firme a sostegno di questa petizione Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.nonlosapevo.com

3 dicembre 2008
Ufficio Stampa LAV 06 4461325 - 339 1742586   www.lav.it

 

 CONFERENZA STAMPA

TRATTA DEI CUCCIOLI

MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI FRANCO FRATTINI
SINTESI DELL'INTERVENTO
 

1- Sostengo la campagna di informazione che la LAV sta conducendo in queste settimane contro il traffico illegale di cani e gatti dai Paesi dell'Est Europa e l'impegno dei veterinari italiani con la Federazione nazionale degli Ordini Veterinari e l'Anmvi (Ass. Nazionale Medici Veterinari Italiani) per far sapere cosa si può nascondere dietro l'acquisto di un tenero cucciolo.

2 - Sono preoccupanti i dati rilevati dalle prime indagini di Forze di Polizia come il Corpo forestale dello Stato, la Guardia di Finanza, e gli uffici periferici del Ministero del Lavoro, della Salute e delle politiche sociali, che ringrazio per quanto hanno già fatto e che sono certo continueranno a fare spero anche con più mezzi e personale.

3 - Essi hanno registrato sul territorio le ripetute irregolarità di questo tipo di commercio:

- assenza dell'obbligatorio passaporto europeo per animali domestici e trasformazione illegale dei cuccioli in "italiani" per poterli vendere a prezzi elevati;

- assenza di vaccinazioni e aumento della frequenza di gravi malattie       per gli animali come cimurro, rogna e parvovirosi;

- falsificazioni di attestazioni vaccinali contro la rabbia, tanto più  grave poiché gli animali provengono da Paesi ad elevata diffusione     di questa zoonosi;

- cuccioli strappati alle madri troppo presto, dopo due/quattro settimane, con rischi di indebolimento delle difese immunitarie e sviluppo di problemi comportamentali;

- trasporti effettuati illegalmente, addirittura in spazi angusti come i        bagagliai di automobili;

- cuccioli morti durante i viaggi e nei primi giorni dopo la vendita.

4 - Nel nuovo Trattato Europeo gli animali, proprio su mia proposta nel Vertice di Roma del 2003, sono riconosciuti come "esseri senzienti". Ora si deve passare ai fatti.

Uno degli obiettivi fondamentali è ottenere la collaborazione attiva dei Paesi di partenza di questi animali affinché effettuino controlli anche straordinari per bloccare il traffico illegale e rispettino gli standard sanitari e di benessere degli animali così come le procedure previste per i trasporti autorizzati (iscrizione di speditore e ricevente, notifica del trasporto tramite il sistema informatizzato Traces, età minima dei cuccioli di tre mesi e ventuno giorni, vaccinazione antirabbica con titolazione anticorpale controllata, microchip/passaporto europeo per animali domestici).

Per questo, assieme al Sottosegretario alla Salute Francesca Martini, intendo sensibilizzare l'intervento delle Autorità dei Paesi più interessati: Ungheria (Paese già richiamato nell'ottobre 2007 dalla Commissione Europea a seguito delle richieste del nostro Paese) Slovacchia, Polonia, Romania, Repubblica Ceca, Slovenia e Bulgaria in ambito comunitario, così come di Estonia, Lettonia, Lituania, Russia, Bielorussia, Ucraina in ambito extracomunitario, affinché intensifichino i controlli all'origine da parte delle autorità veterinarie e doganali per verificare il rispetto delle normative in vigore.

5 - Ho chiesto inoltre alla Commissaria europea alla salute Androulla Vassiliou un intervento di armonizzazione delle norme, la revisione degli standard dei microchip che renda possibile la completa e sicura tracciabilità degli stessi, l'adozione di misure che intervengano sulle pratiche di allevamento degli animali da compagnia, la definizione di rigorosi protocolli armonizzati a livello comunitario per tutte le patologie che rappresentano cause di morte per gli animali.  

6 - In ambito nazionale inoltre ho avviato le procedure per ratificare ed eseguire la Convenzione del Consiglio d'Europa per la protezione degli animali da compagnia, solo firmata dal nostro Paese nel 1987 ma non ancora recepita, nel quale studieremo l'inserimento del reato di traffico di animali da compagnia.

7- Decine di migliaia di quattrozampe aspettano di essere adottati nei canili delle Amministrazioni locali e nei rifugi delle associazioni per la protezione degli animali: risparmiando, e dando un tetto a un quattrozampe abbandonato, si farà una doppia buona azione e si contribuirà attivamente a mettere fine alla tratta dei cuccioli.

non comprate cani al roccolino. bergamo

salve.ho preso un cucciolo il sabato al roccolino di trescore, il mercoledì sera era già morto dopo 3 giorni di agonia. NON PRENDETE NULLA DA loro. sono persone spregevoli, che guardano solo al denaro . 20 gennaio 2011

Il Roccolino, grandi imbroglioni!!

Ciao a tutti, rilancio il commento qui sopra confermando assolutamente tutto. Si tratta di uno pseudo-allevamento che nella sua trentennale esperienza - come citato nel loro sito - in realtà ha accumulato denuncie su denuncie, spostandosi da un posto all'altro e ovviamente imbrogliando la gente. Oltre ad aver raccolto tutta una serie di testimonianze scandalose di persone che in buona fede hanno acquistato un cane presso questa azienda, ci tengo a raccontare la mia esperienza. Circa un anno fa ho acquistato un cucciolo che non solo mi è stato spacciato per Pastore Australiano (il cucciolo è infatti cresciuto più del doppio di un vero pastore australiano e tutti i veterinari mi hanno confermato che non si trattava affatto di un cane di razza, eh va bhé poco importa, io lo scelsi perché mi ero innamorata del cane e non della sua razza) ma oltrettutto mi è stato detto che era nato in Italia e che era stato allevato da loro. 

Qualche giorno dopo scoprii che il cane aveva girato 5 negozi diversi, aveva avuto 3 differenti padroni, era vissuto per sei mesi chiuso in una gabbia e non solo... Decisi, infuriata, di chiamare il veterinario che aveva attestato la razza (Pastore Australiano) sul libretto con tanto di sua firma e fittizie vaccinazioni. Venne fuori che neppure il veterinario mi riuscì a dare una spiegazione, restando molto vago e dicendomi addirittura che lui un vero pastore australiano non l'aveva mai visto e non sapeva come fosse fatto! Mi resi sempre più conto di come il giro di imbrogli si stesse pian piano allargando e di come certi veterinari per qualche mazzetta si dimentichino della propria professionalità!

Sulla filosofia del vivi e lascia vivere decisi di chiudere un occhio e di dedicarmi al mio nuovo cucciolo di pseudo-pastore... finchè non scoprii che il mio adorato cane non solo soffriva di problemi fisici legati al mancato sviluppo dei muscoli delle zampe (essendo vissuto per sei mesi sempre chiuso in recinti e vetrine dei negozi per quasi 4 mesi fece molta fatica a camminare - i suoi sembravano più che altro i primi passi di Bambi) ma era soggetto anche a disturbi del comportamento. Dopo mesi di lezioni per riequilibrare il suo comportamento, ho infatti scoperto che è stato svezzato prestissimo. Questo ha fatto sì che non svilupasse la cosiddetta fase appetitiva, cioè la fase in cui il cane prima di mettere in atto un comportamento emette dei segnali, con conseguenti improvvise aggressioni. Non solo, essendo stato svezzato troppo presto non ha potuto imparare dalla mamma un corretto senso del morso. Questo significa che mi sono ritrovata non solo con un cane assolutamente imprevedibile, poiché non manda i giusti segnali (pensate non ha neppure la coda... sempre ad opera di certa gente!) ma anche molto pericoloso, poiché non è in grado di controllare l'intensità del proprio morso. 

La mia è solo una delle tante spiacevoli storie legate al Roccolino... e credetemi se vi dico che sono veramente tante!!! Diffidate di queste persone che si spacciano per allevatori quando in realtà importano a poco più di 30 euro cuccioli dall'est e vi prendono per i fondelli. 

zoolandia srl campania ATTANZIONE!!!!

HO COMPRATO 3 CUCCIOLI ALL AZIENDA ZOOLANDIA SRL SONO MORTI TUTTI

TRE GIORNI DOPO

DI PARVO VIRUS E CONTAMINATO DUE DEI MIEI CANI

PROVENIVANO DAI PAESI DELL EST

AIUTATEMI A BLOCCARE QUESTO TRAFFICO ORRIBILE

SE AMATE GLI ANIMALI

GRAZIE

RISPOSTA PER TUTTI

AVETE TANTO LA LINGUA LUNGA DI SCIVERE IL NOME DI CHIUNQUE MA NO LE PALLE PER FIRMARVI!!!!!

FIRMATO     ANONIMO

ZOOLANDIA SRL ...AMICO ZOO ATTENTI!!

SONO TRUFFATORI!!!VENDONO CANI MALATI

ciao

ciao dove si trova questa azienda?io dovrei acquistare un cucciolo da loro,hanno un annuncio a palermo ma chiamando mi hanno detto che sono di napoli.hai percaso il nome di uno di loro o un contatto telefonico?cosi verifico se sono gli stessi srivimi in privato e urgente17

aiuto

Ciao ho letto ora il tuo annuncio sul ''Roccolino'' di Bergamo. Io ho prenotato un piccolo cucciolo e andrò a ritirarlo fra qualche settimana e sono veramente molto preoccupata da quello che dici. aiuto

Cucciolo roccolino

Ciao come sta il tuo cane? Io e la mia ragazza stiamo per prendere un loro cucciolo e solo ora ci siamo imbattuti in questo forum.

Grazie 

Paolo

Ciao, ho preso anch'io un

Ciao, ho preso anch'io un cucciolo al Roccolino, come sta il tuo?

A chi rivolgersi se si

A chi rivolgersi se si scopre un negozio,e una ditta che importa cani dall'est con documenti falsi al di sotto di tre mesi che poi una volta acquistati dopo meno di una settimana muoioni di cimurro e parvovirosi??Fatemi sapere,e poi una volta segnalati qual'è la probalità che vengano effettuati dei controlli in modo da denunciali e farli chiudere?Grazie mille attendo una vostra risposta..la mia email è mirabilandia_89@yahoo.it

vendita illegale cuccioli

stavo cercando un cucciolo di maltese e mi sono imbattuta in annunci di privati che apparentemente dicono di regalare cuccioli perhè per motivi di lavoro non possono più tenerli,poi chiedono soldi e sembra che te li fanno arrivare a casa con corriere,la cosa strana è che hanno cuccioli delle razze più cercate e gli annunci sono tutti molto simili.sono su ibay,subito.it,seconda mano etc etc .perchè non indagare più a fondo?

UN'ALTRA RISPOSTA PER TUTTI

i cuccioli che arrivano dall'est con documenti falsi non sono mai venduti in un negozio ,e come se dite che un tabbaccaio vende sigarette di contrabando e assolutamente assurdo, la probabilità che un azienda di animali vivi venga chiusa per una denuncia del genere e poco probabile , prima cosa perchè oggi queste aziende sono soggette  controlli mensili e molto meticolosi, quindi se ci fossero delle irregolarità non esistessero, che un cane può morire di cimurro o di parvovirosi non è da escludere e la colpa non puo' essere attribuita a chi compra un cucciolo per rivenderlo , e come se tu compri un cucciolo dopo 20  giorni il tuo cane che non ha mai dimostrato segni di patologie lo regali ad un tuo amico e poi a lui muore di cimurro tu ne avresti colpa? quindi sotto il profilo umano certo dispiace a tutti che certe cose possono accadere, ma sotto un profilo logico sono problemi legati a gli esseri viventi, quindi bisogna mettere in preventivo certe probabilià, certo e molto brutto a chi capita , ma se si fa il calcolo delle migliaia di cuccioli che entrano ogni anno nelle nostre case, e chiaro che una percentuale muorirà , come anni fà anche tra noi esseri umani la mortalità infantile era altissima , in special modo certe malattie virali che hanno dei periodi di incubazioni , dove non si riscontrano sintomi fino a quando la malattina non inizia il suo ciclo il piu' delle volte non c'e' colpa individuale , non solo ma come e ben risaputo certi virus aspettano il momento che l'organismo abbassa le difese immunitarie per attaccare, e visto che quando acquistate un cucciolo , lo stress del cambio di ambiente  e di abbitudini ' l'essere dei sconosciuti nei suoi confronti ,lo spostamento in auto ,non importa se un viaggio e di ore o di pochi minuti ,in quel momento si abbassano le difese immunitarie, se poi una persona appena acquistato un cane, immediatamente inizia a correre da un ambulatorio all'altro per assicurarsi dello stato del cucciolo, in quel momento lo stress aumenta di cento volte predisponendo il cucciolo ad un rischio ancora più grave, se poi sfortunatamente ,  nella sala di attesa , nell'ambulatorio stesso , qualche proprietario in attesa con un cucciolo con qualche patologia virale , accarezza il vostro cucciolo, o avete appoggiato il vostro cucciolo su poltrone, divani , ecc.ecc. in quel momento che il vostro cucciolo impaurito con difese immunitarie bassissime , non solo contrae il virus ma addirittura si propaga in poche ore , e non è stano che molte volte si entra con un cucciolo con una volgare diarrea , e dopo si esce dall'ambulatorio con un cane che ha contratto un virus , in questi casi come la parvovirosi che ha un decorso dalla comparsa alla morte di appena di masimo 72 ore , l'aggravarsi dalla contrazione del virus e quasi immediata, e se in quel caso il cucciolo e stato acquistato poco prima , vedendolo agravarsi il giorno dopo , si puo' incorrere nell'errore di dare la colpa  a chi  la venduto, tenete presente che non esistono disinfettanti contro i virus, quindi se il tuo cane gli è stato diagnosticato il cimurro o la parvovirosi , quell' ambulatorio dovrebbe chiudere per 40 giorni come dice la regola sanitaria per qualsiasi luogo infetto da virus, oppure  tutti i cuccioli che sono entrati dopo il tuo in quell' ambulatorio e hanno contratto lo stesso virus del tuo cane la colpa di chi è ? non solo ma stesso il veterinario se il tuo cucciolo e stato a casa tua anche poche ore , ti consiglierà di non mettere un altro cucciolo nello stesso luogo per 2 mesi ,di buttare tutto il suo corredo, e se l hai tenuto in braccio ,di nonprendere  un cucciolo in braccio con quei vestiti per lo stesso periodo, e che non c'e' nessun modo per disinfettare ne la tua casa ne gli accessori, questa e la risposta al quesito, quindi l'unica soluzione e chiudere l'ambulatorio per 40 giorni, visto che un veterinario sa' bene queste cose , al primo sintomo o di diarrea , vomito, parassiti intestinali, sapendo che nel suo ambulatorio un cucciolo con piccoli sintomi puo' essere predisposto ad infettarsi , invece di concentrarsi sul problema del cucciolo che presenta in quel momento , inizia a darvi tante informazioni premonitori come: il cucciolo è più piccolo, viene dall'est, i vaccini già effetuati non sono sicuri, quei sintomi potrebbero trasformarsi in cimurro, o parvovirosi, insomma inizia a preparare il cliente per futuri problemi, cosi facendo , in caso di problemi , lui già vi aveva avvisato, nel caso decidesse di tenersi il cane in terapia, se poi è una clinica ve lo proporrà quasi sicuramente, in caso di problemi lui si sarà assicurato che lo pagherete senza fargli storie, anzi vi preparerà un sacco di analisi e certificati per farvi iniziare una causa contro il venditore, tanto vi potra solo dire di cosa è morto il cane, non dove a contratto il virus , e visto che già vi aveva preparato prima il gioco è fatto, questo protocollo e usato comunemente da tutti i veterinari, mentre un veterinario serio si concentra sul problema esistente, e se sà che è un cucciolo da poco acquistato non dovrebbe nemmeno visitarlo, ma invitarvi a riportarlo subito dove l'avete preso, che magari chi lo possedeva prima ne sà più di voi , e quindi puo' dare delle informazioni piu' esaudienti ad un veterinario , che come si sa' , visto che le patologie nei cani da quelle semplici a quelle più gravi , compaiono quasi sempre con gli stessi sintomi, quindi quello che è veramente importante e sapere nei giorni precedenti come si comportava il cucciolo, cosi da fare una dignosi più precisa, anche un cucciolo( molto frequentemente nei chiuhuahua visto il loro peso di pochi centinaia di grammi) anche una diarrea della durata di poche ore , anche se per cause di cambio di alimentazioni, o stress , in poche ore puo' portare un cucciolo ad una disidradazione importante, presentando vomito ,diarrea, spasmi addominali, epilessia , e ci sono mille altre situazioni che posso confondere una diagnosi ,  quindi per scoprire le vere cause , e per dare una colpevolezza sicura a qualcuno bisogna valutare tantissime cose, quindi ritornando al problema di prima ,  facendo una una denuncia , il problema viene comunicato all' a.s.l. di competenza, immediatamente vanno a fare dei controlli ,ma poi esaminati i cuccioli esistenti e non riscontrando patologie serie nei cuccioli , la cosa finisce li, e chi fa' una denuncia spesso crede che non abbia avuto seguito vedendo quel negozio ancora in attività , mentre i veterinari a.s.l. o altri organi come ,forestale, n.i.r.d.a., n.a.s. sono delle persone competenti e molto attenti , ma non sono di parte, quindi fanno dei controlli obbiettivi , e neutrali , una volta riscontrata la regolarità di quanto detto chiaramente viene tutto archiviato, quindi per quanto possono dispiacere certi episodi , e che noi tutti che amiamo gli animali ,ci auguriamo che non capitino mai a nessuno ma sono problemi che esistono, e non si possono escludere nemmeno se il cucciolo è vaccinato o allevato in italia, se hai 20 giorni in piu' o in meno . molti cuccioli per colpa di vari problemi, morte della madre, taglio cesareo, vengono allattati artificialmente dai primi giorni e questo non comporta nessun problema , certo nessun veterinario si prenderebbe la colpa ne tantomeno vi dirà come stanno le cose veramente, quanti casi di mala sanità esistono? e mai stato facile incolpare un medico per errata diagnosi? e difficile quando si parla di un uomo, figuriamoci per un cucciolo , ma se volete la certezza che chi vi ha venduto un cucciolo sano oppure no ,usate questa semplice regola , comprate il cucciolo, portatelo a casa , non fategli avere contatti con altri cuccioli, non portate il cucciolo da nessuna parte, e qualunque sintomo  compare nel cucciolo portatelo solo ed esclusivamente dove lo avete acquistato, potete star certi che si prenderà la massima cura ,perchè se qualcosa va storto state sicuro che lui ci rimetterà non solo i soldi del vostro cucciolo, ma dovra anchè ammettere la sua colpa e darvene conto , se è un venditore onesto vi risolverà lui il problema , se non insorgono sintomi dopo 40 giorni lo portate dal vostro veterinario di fiducia, cosi facendo avete costatato che se in un periodo di quarantena a casa vostra non sono insorti sintomi, il cane in questo periodo si e perfettamente adattato , e se dopo che lo avete portato dal veterinario iniziano sintomi o problemi saprete a chi rivolgervi, senza dare colpe inutili a nessuno .

Ma cosa dici.Faresti meglio a

Ma cosa dici.Faresti meglio a tenere queste opininioni per te.Visto che questi venditori di animali non hanno scrupoli e fanno arrivare questi cuccioli dell'est pensando solo a quanto più possono guadagnare. Se ne fregano dell'animale e dei danni che possa causare in un nucleo familiare,anche dopo solo alcuni giorni,la morte di un cucciolo.Quindi invece di difendere.come li chiama la Dotteressa dell'A.S.L della mia città,questi CANETTIERI faresti meglio a tenere la tua opinione dentro di te.Quello che mi chiedo è che, come è capitato a me,possa capitare ad altri.Ti assicuro che il mio cucciolo dell'Est è stato acquistato in un noto negozio in piazza e non certo in una campagna abbandonata.Io ho denunciato la cosa anche perchè non mi hanno fatto il passaggio di proprietario,quindi qualcosa di losco c'è.Visto che il titolare del negozio è recidivo e che è ancora in piazza con questa tratta degli animali dell'Est mi chiedo:MA LE ISTITUZIONI DOVE SONO ? E COSA FANNO ?

 

che storia

bravo difendi i commencianti e canari di cuccioli dall'est

che storia

credo di non aver difeso nessuno ne di aver incolpato nessuno, ma ho dato una spiegazione loggica senza sparare su nessuno, l'onesta e la disonestà e in tutti i campi e come dice la bibbia chi e senza peccato scagli la prima pietra, nel corso della mia carriera ho visto veterinari onesti e altri disonesti,competenti e incompetenti, ho avuto stretto contatto con n.a.s. n.i.r.d.a. a.s.l. e ho notato una grande professionalità e garanti della giustizia, non come hanno scritto qui che coprono il culo a qualcuno, sono delle persone che sanno svolgere la loro professione con grande giustizia non come vorrebbero molti che dovrebbero stare dalla parte degli animalisti vai a vedere questo video http://youtu.be/Agl1LnL-vzs e noterai  che non esistono solo i cagnari, ma esistono tante altre realtà quindi chi difende la legge lo deve fare con parzialità e non sposando gli idealismi altrui 

denunciare va bene ma

denunciare va bene ma bisogna essere certi io ho avuto la stessa storia sono andato da un veterinario , prima mi ha detto che l'età del cane era inferiore poi mi ha detto che il cane era malato, mi ha incitato a denunciare il negoziante io a mente calda sono andato a denunciare, poi dopo alcuni mesi il negoziante ha ricevuto dei controlli e hanno trovatto tutto in regola, il cucciolo non è morto quindi non aveva nessuna patologia grave e io ormai gia' avevo fatto la denuncia , morale della favola ora sono stato querelato io e citato per danni all'immagine e per falso, la mia stupidità e che non mi sono fatto mettere tutto per iscritto dal veterinario , perchè lui dopo che mi ha incitato ora che gli ho chiesto di venire a testimoniare in mio favore ,si e tirato indietro con mille scuse, ed io adesso devo pagare dei danni e visto che non ho soldi per farlo , sicuramente mi faranno un azione e mi pegnorano la casa , quindi fate le cose con molta calma e cautela , non fate come me che per un colpo di testa ora mi ritrovo nei guai .

Caro " denunciare va bene"

Faccio una premessa : quanto scritto da " denunciare" mi puzza un po',sembra quasi una difesa a favore di " Animal World" , ma solo l'amministratore del sito puo' stabilire attraverso l'identificazione dell I.P. la provenienza del messaggio. Se si hanno prove , analisi ciniche e documentazione oggettiva non si deve avere paura di DENUNCIARE gentaglia che commercia anime innocenti. Io continuero' sempre a farlo .

gentile denunciare va bene

tu puoi pensare tutto quello che vuoi , prima cosa non ho denunciato l'azienda che hai citato ma un'altra , non ho detto di non denunciare , perchè anch io lo rifarei , ma non con la stessa forma, mi farei mettere tutto per scritto e firmato , e non partire in quarta, questo è il punto. 

e poco probabile

visto che i cuccioli importati dall'est con documenti falsi sicuramente non parliamo di negozi autorizati , perche' i cuccioli provenienti dall'est che entrano nei negozi autorizati vengono controllati i documenti  ogni partita, quindi non credo che i medici dell'a.s.l. sono cosi sprovveduti da non accertarsi dell'originalita' della documentazione , 

bhe i controlli non e' che non vengono effettuati anzi posso garatirti che i controlli vengono fatti anche in modo molto severo, solo che il grande allarmismo creato dai media e la cattiva informazione in materia, fa in modo che una persona denuncia la cosa ,magari spinto dai consigli a volte ache di professionisti poco informati in materia, quindi nei controlli risulta tutto in regola quindi la cosa finisce li', chiaramente non viene publicizata' la notizia di un controllo che risulta tutto regolare , e quindi uno puo' pensare che la cosa sia finita senza risultato.

NON E' COSI

IN MOLTI NEGOZI TROVI LE FREGATURE PIU' BRUTTE!!OGNI TANTO NE CHIUDE UNO..DA POCO A SASSARI HA CHIUSO UN NEGOZIO ED E' INDAGATO ANCHE IL VETERINARIO!!

NIRDA

Sempre al Corpo Forestale di Stato della sua città, corpo nel cui ambito c'è il famoso gruppo definito NIRDA. Con un esposto dettagliato e circostanziato e certificazione sanitaria,  se in suo possesso
Può mandare copia dell' esposto anche alla sezione di associazioni animaliste come ENPA, LAV, ecc perché anche loro si mobilitino. 

Sono tutti coperti bene!!!!!

Ho denunciato il tutto a novembre 2010 all'enpa di competenza(napoli) dove ho acquistato il cane,non ho ancora ricevuto risposta,anzi si è preoccupata l'asl di napoli a chiamarmi dopo 2 mesi di non denunciare niente all'asl di latina perchè non era di loro competenza,è inutile,questi si paralo il di dietro tra di loro,ho fermato persino 2 poliziotti che passano per corso garibaldi,e cos'hanno fatto un ca**o...questi sono tutti coperti dall'asl,dall'enpa,da tutti,è un vero e proprio schifo.

Ormai mi arrendo.tanto son tutti papponi.

Che vergogna.

ciao a tutti

...ciao a tutti anche io ho acquistato un cucciolo di west highlande white terrier,per miracolo tut'ora è ancora vivo...anche se ha i suoi difetti non è alla perfezione come dovrebbe...ma a quanto abbiamo visto è un vero truffatore...tratta malissimo i cani,sin dall'inizio il mio cucciolo ha paura di tutto,lo ha mandato quando non aveva neanche 2mesi,neanche con una vaccinazione...aveva detto di mandare la documentazione e microscip cose che fin ad oggi non ha mandato ed è passato più di anno...e solo un frega soldi...sono contenta per il mio cucciolo che ora viene trattato come si deve...vi consiglio di non comprare cuccioli da lui che è un truffatore...BASTARDO...!

consiglio

Ciao mi dispiace molto....anch'io ho avuto questa bruttissima esperienza....il mio cucciolo di york è morto dopo una lenta agonia in soli sette giorni!!!!era importatoooo!!!!ed è per questo che ho deciso la seconda volta di acquistare un cane italiano.mi sono affida ad un ragazzo molto gentile di nome daniele che seleziona cuccioli da anni.mi ha venduto un cucciolo di york a soli 700 euro.e ancora adesso la gente mi ferma per strada per complimentarsi con me per l'originalità del mio cane!!!!

Una risposta per tutte.

Una risposta per tutte.
sono un rivenditore di cuccioli DI IMPORTAZIONE,e per non farmi publicità non diro chi sono,vivo in slovacchia da tre anni,e da eltretanti faccio la rivendita di cuccioli, collaboro con tre veterinari slovacchi autorizzati dal ente sanitario slovacco,io personalmente vendo i cuccioli completamente vaccinati,all'età minima di tre mesi,quindi con tutte le malatie virali,e parassitarie scongiurate,per evitare tutte le problematiche postate qua,e assicurare la salute dei cuccioli, avete parlato di cimurro,di parvovirus,ma quanti di voi che hanno perso il cucciolo per queste "malatie" hanno fatto fare l'autopsia da un veterinario diverso da quello che ha diagnosticato la malatia?
Volete far chiudere questo negozio!?allora fatte fare l'autopsia ai cuccioli,fatte regolare denuncia,e allegate tutte le certificazioni alla denuncia,compreso il certificato dell'autopsia.
Per esperienza posso aggiungere questo:molti veterinari scorretti e disonesti, davanti ud un passaporto proveniente dall'est europa ci marciano,
1°mettendo in dubbio i vaccini,facendo ripetere l'intero ciclo vaccinale,e antiparassitario,qualche volta risultato letale per il cucciolo,E ATTRIBUENDO MALATIE INESISTENTI.
2° faccendo diagnosi di malattie inesistenti,di conseguenza prescrivendo terapie inutili ai cuccioli e mettendo a rischio la salute stessa del cucciolo,e spillandovi soldi,e prendendosi meriti di avervi curato il cucciolo da malattie inesistenti.
Per quanto riguarda i parassiti come giardia,coccidi,succede spesso che i cuccioli possono averli,e sono letali solo se trascurati,quindi a tutte quelle persone che dicono che il loro cucciolo è morto per questi parassiti,la colpa è solo vostra che avete trascurato il vostro piccolo amico sottovalutando i primi sintomi,e cioè presenza di sangue e muco nelle feci.
Il controllo dei parassiti
Tutti i cuccioli hanno bisogno di essere sverminati, anche se la loro madre è stata controllata e se sono cresciuti in un ambiente pulito e ben gestito. Gli ascaridi, i vermi più frequenti nei cuccioli, sono un problema diffuso e sono molto difficili da debellare visto il loro complicato ciclo vitale. Dal momento che questo vermi possono infestare anche le persone, soprattutto i bambini, devono essere assolutamente eliminati dal nostro cucciolo. Anche i parassiti esterni, come pulcie zecche, possono costitutire un problema; quindi è bene seguire i seguenti suggerimenti per evitare i problemi parassitari.
- I cuccioli dovrebbero ricevere un minimo di quattro somministrazioni di vermifugo distanziate di due settimane. Alla fine di questo protocollo è bene verificare, con un esame delle feci, l'effettiva assenza di parassiti.
- Altri parassiti intestinali, come ancylostomi, tricocefali o coccidi, possono causare dei sintomi molto seri, anche fatali, e quindi devono essere immediatamente identificati ed eventualmente debellati.
- La prevenzione della Filariosi, nelle regioni dove questa malattia è presente, deve essere iniziata dopo la sesta settimana di vita. A questa età è consigliato anche procedere all'eliminazione dei parassiti esterni. sarà il veterinario ad indicarvi i prodotti migliori per tale scopo.
CIMURRO
Il virus del cimurro è infatti in grado di superare la barriera placentare e determinare in cagne gravide aborto oppure nascita di cuccioli morti o malati.
Il cimurro è caratterizzato clinicamente da manifestazioni a carico dell’apparato respiratorio, gastroenterico e del sistema nervoso. Il virus ha un periodo di incubazione di circa 7 giorni.
Scolo nasale muco-purulentoNella forma più classica di cimurro il cucciolo manifesta inizialmente un coinvolgimento oculare e respiratorio: si ha inizialmente una congiuntivite associata a scolo oculare e nasale, dapprima sieroso, poi muco-purulento, a causa si una sovra-infezione batterica, con conseguente rinite e coinvolgimento polmonare. Il cucciolo presenta tosse, febbre superiore a 40°C, anoressia e depressione del sensorio.
A livello oculare il virus può determinare cheratocongiuntivite secca, con comparsa di ulcere corneali e deficit visivi, sia per danno alla retina (corioretinite focale), che per danno al nervo ottico (neurite ottica).
La localizzazione del virus a livello gastroenterico determina la comparsa di vomito e diarrea solitamente emorragica, che necessita di una diagnosi differenziale dall’infezione da Parvovirus.
La sintomatologia nervosa può comparire da 2 settimane a molti anni dopo a seguito nell’infezione; questa è caratterizzata da mioclonie localizzate o estese (contrazioni muscolari rapide e continue), atassia (movimenti scoordinati), crisi convulsive, paralisi.
Caratteristica neuropatia che si manifesta molti anni dopo l’infezione è l’encefalite del cane anziano, caratterizzata da alterazioni comportamentali, movimenti compulsavi in circolo, cecità di origine centrale, aumento della risposta dei riflessi spinali e deficit posturali.
Ipoplasia smalto dentaleUtili indicatori di pregressa infezione (soprattutto quando cimurro si manifesta in forma subacuta), che compaiono dopo circa 3-6 settimane dall’infezione, sono:
- Ipercheratosi del tartufo
- Ipercheratosi dei cuscinetti plantari
- Ipoplasia dello smalto dentale
Diagnosi di Cimurro:
La diagnosi è basata sui segni clinici, oppure sull’isolamento virale da campioni presi a livello di congiuntiva, sangue circolante, liquor, sedimento urinario o tamponi vaginali: il virus del cimurro dà infatti dei caratteristici corpi inclusi Corpi inclusi eosinofilicicitoplasmatici eosinofilici, rilevabili nelle cellule di numerosi tessuti. Più facile è però spesso una diagnosi post mortem, effettuata mediante esame istologico che mette in evidenza la presenza dei caratteristici corpi inclusi nel tratto respiratorio, dai tessuti linfoidi e dalla parete della vescica.
In presenza di segni nervosi, può essere utile effettuare l’esame del liquor: in casi di cimurro si riscontra infatti un aumento della cellularità e della concentrazione proteica (IgG > 25 mg/dl). Il risconto in tale sede di anticorpi anti virus del cimurro è indicativo di infezione attiva in corso.
Prognosi del Cimurro:
La prognosi è sempre riservata, soprattutto per quei soggetti che presentano una sintomatologia nervosa.
Terapia contro il Cimurro:
Non esistono farmaci antivirali specifici nei confronti del virus del cimurro: di solito si effettua un trattamento sintomatico, volto a correggere i sintomi clinici:
- L’infusione endovena si fluidi è utile per correggere la disidratazione e la perdita di elettroliti dovuta al vomito e alla diarrea;
- Gli espettoranti e i mucolitici servono per alleviare i sintomi respiratori;
- Gli antiemetici per attenuare il vomito;
- Le lacrime artificiali in caso di cheratocongiuntivite secca;
- Anticonvulsivanti in caso di crisi convulsive.
Trasmissione: l'infezione si trasmette per via orale, i cani infetti dalla malattia acuta eliminano il virus con le feci fino a due settimane dopo la guarigione clinica. Il virus è molto resistente nell'ambiente esterno.
Incubazione: il periodo di incubazione dura da 5 a 7 giorni, possono essere infettati cani di tutte le età, ma la malattia clinica più grave si manifesta spesso nei cuccioli fino a 6 mesi d'età. I cuccioli al di sotto delle 6 settimane sono generalmente protetti dagli anticorpi che assumono con il latte materno.( Alcune razze sembrano più sensibili di altre, ad esempio Rottweiler, Dobermann, Pitt Bull, Labrador)
Sintomi clinici:
- anoressia, depressione e abbattimento;
- febbre;
- vomito;
- diarrea liquida non trattabile, spesso emorragica;
- disidratazione rapida e prograssiva.
Negli stadi terminali compaiono ipotermia, ittero, emorragia. La morte sopravviene per disidratazione, squilibri elettrolitici, endotossiemia.
Nei cani adulti l'infezione è spesso sub-clinica, con lieve depressione, anoressia e diarrea, sintomi che scompaiono nel giro di 5-7 giorni.
ei cuccioli può insorgere, anche dopo alcuni giorni, una miocardite con insufficienza cardiaca acuta, dispnea e morte improvvisa per aritmie cardiache. Se l'animale sopravvive, può residuare un'insufficienza cardiaca cronica.
PARVOVIRUS
Diagnosi: si sospetta un'infezione da parvovirus in qualunque cucciolo che presenta diarrea e vomito molto violenti con depressione del sensorio e disidratazione. Anche per i cuccioli che hanno già avuto la prima vaccinazione, non si deve necessariamente escludere, in presenza di tali sintomi, l'infezione da Parvovirus, perchè ci può essere interferenza con gli anticorpi materni assunti durante l'allattamento. La diagnosi di certezza si ha solo con la dimostrazione del virus nelle feci, utilizzando dei pratici kit con metodo enzimatico, effettuati direttamente dal veterinario.
Terapia: il trattamento della parvovirosi è essenzialmente di supporto e si basa sulla reintegrazione dei fluidi persi con il vomito e la diarrea.
1) Reidratazione: fleboclisi endovenose di ringer lattato con supplemento di potassio più destrosio al 2,5 %, per controllare l'ipoglicemia.
2) Antibiotici per l'infezione batterica secondaria.
3) Restrizione dietetica: sospensione del cibo finchè il vomito non sia cessato da almeno 24 ore, e la diarrea non sia diminuita. Quando viene ripresa l'alimentazione, somministrare piccoli pasti frequenti durante il giorno utilizzando diete ad alta digeribilità, pollo bollito senza pelle o omogeneizzato.
4) Antiemetici: se il vomito persiste, si può somministrare Metoclopramide (Plasil) in dose 0,5 mg per kg di peso ogni 8 ore per via sottocutanea o in infusione continua nella flebo. Per la gastrite si può usare la ranitidina in dosi 0,5mg per kg di peso ogni 12 ore. Inoltre sono utili farmaci antidiarroici e trasfusioni di sangue o plasma per l'anemia conseguente alle perdite ematiche.
Prognosi: se l'animale sopravvive ai primi 3-4 giorni di malattia, la prognosi sarà favorevole, soprattutto se non viene coinvolto il muscolo cardiaco.
HO DETTO TUTTO QUESTO SOLO PER FAR CAPIRE CHE SONO I COMPRATORI STESSO A TENERE INPIEDI QUESTI NEGOZI,I CUCCIOLI DELL'EST NON NASCONO MALATI,MA SI AMMALANO DURANTE IL LUNGHISSIMO VIAGGIO CHE AFFRONTANO,PER VIA DI UN FORTE STRESS DA VIAGGIO,SENZA MANGIARE NE BERE ACATASTTATI IN CAMION,FURGONI O BAGAGLIAI ANCHE PER 72 LUNGHISSIME ORE, AL 90% FATTORE SCATENANTE DELLA PARVOVIROSI,MOLTI DI VOI HANNO SULLA PROPRIA COSCIENZA LA MORTE DEL CUCCIOLO,PERCHE SE NON LO AVESTE A ACQUISTATO 45,O 60 GIORNI, NON SAREBBE MORTO FRA LE VOSTRE BRACCIA,QUINDI LA COLPA è SOPRATUTTO VOSTRA,VOSTRA E DI CHI SI OSTINA A VOLERE UN CUCCIOLO TROPPO PICCOLO IN CASA.
QUESTI DI ANIMAL WORLD SANT'ANASTASIA, SARANNO PURE DEI CAGNARI........MA VOI NON SIETE DA MENO.....................

animal world..nel male posso considerarmi fortunata

Salve, è passato un po' di tempo dalla pubblicazione di questo articolo con  relativi commenti e non posso astenermi.Nonostante i toni troppo accesi sono d'accordo con chi dice che abbiamo (perchè anch'io ho acquistato all'Animal World) arricchito e "aiutato" la tratta dei cani che sta sfiorando l'assurdo.Dopo la mia esperienza mi sono ripromessa di adottare e a stare dietro al mondo canino in tutte le sue sfaccettature.Lo sbaglio in cui cadiamo è di voler acquistare il cane che ci piace, o meglio la razza che ci piace, e specialmente cuccioli e di voler spendere poco.Io ho ragionato così perchè dopo essermi sposata volevamo un cane e a mio marito , che non aveva MAI avuto cani, piaceva il Bull Terrier.Con la testa di ora lo prenderei in canile o in pensione.

Indipendentemente da ciò vi racconto la mia esperienza.Trovati su internet ci mettiamo d'accordo e ci dice che ha una cucciola , noi siamo di lucca e siamop dovuti scendere a prenderla.Prima 1 ci diceva che era maschio, poi femmina poi ancora maschio, tanto che anche il giorno che ce l'hanno ceduta hanno insistito che era maschio quando io dicevo "ma a me sembra femmina!!!"L'aspetto era identico al BT, uguale, ma niente documenti, nè microchip, nè vaccini nè ssverminazione, un cucciolo di 45giorni....ce l'hanno messa in braccio e via a pagare. Torniamo a casa e dopo qualche giorno la cucciola ha la diarrea, andiamo dal vet che ci dice che è un problema legato all'alimentazione liquida e cambiando quella risolviamo, in più ci accordiamo sul primo vaccino, ah e ovviamnete ci conferma che è femmina!i mesi passano la salute è ok ma le caratteristiche fisiche si discostano dal BT.i colori e alcuni dettagli ci sono ma il resto no....è un incrocio.Li ho contattati e ho detto loro che lavorando in procura avevo buoni agganci per una denuncia e per dei controlli, ma loro si sono giustificati dicendo che anche loro avevano preso una bufala dall'allevatore da cui l'avevano acquistata e chje non avevano guadagnato nulla con quel cane dato che anche loro lo avevano pagato 500euro.Insomma si sono parati bene bene il culoe hanno intascato i soldi.

Vi ripeto nel male mi è andata bene perchè la cucciola non ha mai avuto problemi di salute e non le è stato diagnosticato nulla solo l'albinismo tipico dei bt.Ma niente di preoccupante.Ma sono nel cuore a chi oltre a vederesi andare via i soldi hanno dovuto dire addio a quello che credevano sarebbe stato un compagno per i prossimi 15 anni e invece non è durato nemmeno una settimana.in più ci tengo a dire che dire "aver buttato via i soldi" è un modo di dire , perchè se una persona decide di comprare sa che deve spendere, ma io voglio essere sicura di ciò che compro: è come se spendo 50 euro  in una maglia e quando la indosso vedo che ha un buco...

SCONSIGLIAMO A TUTTI DI COMPRARE ALL'ANIMAL WORLD DI NAPOLI

ANIMAL WORLD !!

E MAGARI TU CI LAVORI E LO CONSIGLI PER QUELLO!!!!""

Cuccioli maldrattati

In buona fede, cercando su internet, ho trovato il nome di un negoziante molto rinomato in Campania per la vendita di cuccioli di cani.

Ho sempre desiderato un cucciolo e dopotanti sacrifici e soldi messi da parte per affrontare la spesa, finalmente ho avuto il mio cucciolo di Maltese. Tuto ciò è accaduto il mese di Novembre. Dopo meno di una settimana la mia cuccioletta comincia ad avere problemi intestinali, mi dicono che è stata avvelenata dalla sverminatura, la tengono dal loro veterinario (convenzionato dell'ASL ) per circa 20 giorni. Finalmente me la restituiscono, deperita e molto debole. Dopo 3 giorni i sintomi si ripresentano anche più gravi. La riporto al negoziante e poichè c'era una forma di contratto che prevedeva la sostituzione del cucciolo entro 1 mese dall'acquisto se si fosse ammalato per cause che non fossero dipese da me, me ne avrebbero dato un altro!!! Ho aspettato 3 mesi. Il primo febbraio ho avuto la mia cucciola, in apparenza sana. Le facci fare la prima vaccinazione, sempre dal loro veterinaio, dopo 10 giorni, durante la notte, la sento respirare a fatica. Di primo mattino ha una crisi respiratoria con crisi epilettiche e collassa. La porto immediatamente dal loro veterinario che mi dice che è avvelenata, le mette un lavaggio e me ne dà altri da fare a casa. Mentre stavo tornando ha un'altra crisi respiratoria. A quel punto mi reco dal mio veterinario di fiducia che cerca di fare il possibile ma non riesce a salvarla. E' deceduta per un CIMURRO NERVOSO a cui era stata vaccinata!!!!

Consigliatemi a chi rivolgermi per denunciare il fatto e per mandare controlli al negoziante affinchè altre persone non facciano di queste esperienze, a mio avviso devastanti emotivamente!!!!

 

:(

SI PUO' SAPERE IL NOME DEL NEGOZIO?VISTO KE MI E' CAPITATA UNA COSA SIMILE?

Ciao puoi dirmi qual'è il

Ciao puoi dirmi qual'è il negozio dove hai acquistato il cane,anch'io ho acquistato un cane in un negozio abbastanza grande a Napoli vicino la stazione e mi è morto dopo sofferenze atroci...Sai a chi rivolgerci e puoi dirmi se è lo stesso negozio puoi rispondermi anche tramite e-mail mirabilandia_89@yahoo.it

Grazie mille

AMICO ZOO ATTENTI!!

SI SONO GLI STESSI!!!HO CONTROLLATO SU ANCHE SU FACEBOOK!!STAI ATTENTA

cuccioli maltrattati

Ciao,

mi è  appena morto, dopo una settimana dall'acquisto,  un cucciolo spacciato per bolognese  ( che ho scoperto poi essere di maltese ) proprio da " Animal World " di Sant'Anastasia.L'ho pagato a peso d'oro, E. 630.00 , e di lì è iniziato il mio calvario e quello di quel povero esserino.

Una volta acquistato , l'ho portato a Bologna, dove vivo. Una diarrea devastante, con tracce di sangue e muco, me l'ha portato via dopo atroci sofferenze. Diagnosi : Giardia. A nulla sono valsi gli ulteriori  E. 300.00 spesi per inutili spese veterinarie.Ho assistito impotente al suo strazio senza poterlo salvare.Mi rimarra' per sempre negli occhi e nel cuore la sua ingiusta agonia.Sono letteralmente svuotata : da un lato la rabbia d'aver subito una truffa, la perdita complessivamente di circa E. 1000.00, uno stipendio duramente guadagnato, dall'altra l'incommensurabile dolore al solo pensiero di quel dolcissimo animaletto al quale avrei saputo riservare tanto amore, tutto quello che gli era mancato!

Volevo informarti che e' mia ferma intenzione procedere contro il negoziante e lo faro' su piu' fronti : da quello legale alla Protezione animali.Non dobbiamo fermarci alla semplice testimonianza.Abbiamo l'obbligo di andare avanti e rendere giustizia a quegli animaletti indifesi che pagano con una morte orribile la conseguenze di questo vergognoso traffico.

Uniamoci, ribelliamoci e scateniamoci : è giunta l'ora!

cerchiamo di metterci in contatto .Confido in una tua risposta

Ciao, anche io purtroppo ho

Ciao,

anche io purtroppo ho subito la tua stessa tristissima sorte, poco mi importa dei soldi persi ( 550 pagati per il cucciolo senza ricevuta fiscale e 800 di spese veterinarie).

Un cucciolo che ti muore tra le braccia e' un'esperienza sconvolgente. punto

Posso lasciare il mio indirizzo e-mail a cui puoi scrivermi tu e tutti coloro che intendono muoversi per fermare questo sporco commercio: diletta15@ibero.it  

So che i "Signori" di Animal World leggono questo blog  e son quasi sicura che scrivono sotto altri nomi per difendere la loro MACELLERIA ne approfitto per augurare , non la stessa fine ma almeno la stessa sofferenza dei cuccioli che trattano come merce e di coloro hanno visto morire una creatura senza nessuna colpa.

Io non mi fermo!!! 

sveglia

E' palese che chi ha l'arroganza e l'insensibilità di dire ad una persona che ha vissuto un'esperienza simile alla mia e a quella del mio povero cagnolino bart che è stato (per dirla ìn termini più coridiali) ingenuo e che tutta la colpa è dei veterinaria...... si sa chi sono......vedete nessuno qui è sprovveduto!!!! bart è stato visitato da diversi veterinari....e tutti gli hanno fatto la stessa diagnosi compreso un mio carissimo amico che non mi ha chiesto nemmeno un centesimo!!!!!!e poi spiegatemi una cosa perchè mai dovrei fidarmi di persone che a stento hanno la licenza elementare e non di persone qualificate iscritte ad un apposito ordine??????per non parlare chi dice che di cimurro non si sopravvive.....basta fare una semplicissima e rapidissima ricerca in internet per vedere che anche se bassa una percentuale di sopravvivenza c'è come testimonia anche il mio bart. Cmq bart è uscito dalla malattia...anche se n'è rimasto profondamente segnato. l'ultima fase della malattia è qualla neurologica che porta sovente a dei danni permanenti. Infatti ora bart è un cane epilettico ma per fortuna CE L'HA FATTA!!!un cosiglio che posso dare è che chi non vuole arrendersi e vuole andare avanti...deve armarsi d tantissima pazienza e deve mettere in prevetivo che il cane non tornerà mai più come prima......e questa è una scelta del tutto personale!!!!!

 

Sono dei ladri assassini

Sono dei falsi ladri assassini. Non acquistate niente da questi ladri. Fanno venire cuccioli dall'est malati li pagano 30 euro e li vendono a 700 800 euro. Bastardi ladri dovete chiudere.

 

infami

Salve, anche io purtroppo ho avuto un'esperienza come la vostra. Ho acquistato un cucciolo di beagle presso  l'allevamento Roccolino a  Zandobbio in provincia di Bergamo a seguito di un annuncio visto in internet. Dopo 3 giorni il venterinario  gli riscontra la Giardia...dopo nemmeno una settimana una forma di polmonite ed infine crisi neurologiche che sono sfociate in una situazione di shock epilettico che ne ha richiesto il ricovero d'urgenza; diagnosi: cimurro!!!!Miracolosamente Bart per ora ce l'ha fatta anche se il suo recupero è molto difficile e lungo. solo da un paio di settimane ha ripreso ad avere un'esistenza normale dopo circa 2 mesi di agonie. Non auguro a nessuno un esperienza simile fatta di notti insonne ansia e paura;inoltre invito chi avesse avuto un esperienza analoga alla mia ad attivarsi per impedire che altri possano incorrere in tali situazione ma soprattutto al fine di evitare che altri cuccioli si soggetti a tali abusi e soffernza solo per riempiere le tasche di quegli avvoltoi

avidi e maleducati

Anche io come tanti altri ho compratato un cucciolo presso l'allevamento "il Roccolino" di Zandobbio. Nonostante abbia incontato una persona estremamente maleducata mi sono lasciata intenerire dalla bellezza e dalla docezza del piccolo maltese che mi proponeva in vendita. Dopo aver portato a casa il mio cucciolo ho iniziato a sospettare che avesse qualche problema di vista perchè sbatteva spesso contro gli oggetti e non calcolava bene le distanze. Dopo sei giorni è morto in modo inspiegabile e ha lasciato un vuoto nella nostra casa. Ho subito chiamato l'allevatore per informarlo dell'accaduto e lui ha subito reagito con urla e insulti confermando i miei sospetti.

All'apparenza l'allevamento sembra il paradiso terrestre ma in realtà è un inferno per i piccoli cuccioli.

La mia esperienza con l'allevamento il roccolino di zandobbio è stata estremamente negativa e spero che questo mio messaggio possa essere di aiuto ad altri per non lasciare il vuoto anche in altre famiglie.

 

allevamento il roccolino

buon giorno ho letto parecchi commenti negativi riguardanti il sopra citato allevamento.

nn sarebbe il caso di informare le autorità e affrontare insieme e anche agli altri clienti insoddisfatti ,delusi e raggirati? teniamoci in contatto..e proviamo a fare qlc in difese di questi animaletti.Cordiali saluti

ciao, anch'io ho avuto la

ciao,

anch'io ho avuto la stessa esperienza. fortunatamente non grave come la tua. ho acquistato una bassottina di 3 mesi al ROCCOLINO. arrivati a casa ci siamo accorti che c'era qualcosa che non andava. dopo la prima visita veterinaria abbiamo saputo che il cane era in pessime condizioni: OTITE ACUTA, CONGIUNTIVITE, BRONCOTRACHEITE e GASTROINTERITE. chiamato subito l'allevatore, ci ha minacciati sostenendo che il cane era in perfetta forma. dopo qualche giorno, con un foglio provvisorio di proprietà, abbiamo scoperto che il cane era gia stato affidato ad un'altra famiglia che l'hanno riportato in dietro dopo una settimana perchè stanchi di pulire cacca e pipi. l'allevatore ha guadagnato con un solo cane €1050  di cui 500 senza fattura. il passaggio di proprietà, che spettava a lui, dopo ben tre settimane non era ancora stato fatto. SCONSIGLIO A TUTTI DI RIVOLGERSI ALL?ALLEVAMENTO ROCCOLINO. meno soldi guadagnerà e piu' possibilità ci saranno che cambi lavoro. ciao

le vere bestie sono gli uomini

ciao..anche io come alcuni di voi sono una vittima dell' "allevamento" IL ROCCOLINO a Zandobbio provincia di Bergamo!!chi non ha avuto un'esperienza come la nostra non può giudicare e non può nemmeno immaginare cosa si nasconda in quel postaccio mostruoso!!visto esteriormente può sembrare quasi un paradiso terrestre, per questo motivo mi sono fatta affascinare ed ho acquistato una piccola pinscherina di due mesi,Camilla!!la piccola inizialmente si mostrava vivace e affettuosa, dopo pochi giorni ha iniziato ad avere forti scariche di diarrea e vomito che non le hanno lasciato scampo,la mia piccola, che pesava solo 300g, non ha resistiro alla disidratazione..è morta nel mio letto con la flebo attaccata alla zampina..l'unica cosa che abbiamo potuto offrirle é stata una morte dignitosa!!inutili sono state le cure del veterinario che ha fatto davvero il possibile per salvarla!!dopo la sua morte, avendo altri due pinscher in casa, il pericolo era che la mia piccola Camilla avesse contagiato anche loro ma per fortuna era tutto aposto..non so cosa avrei fatto altrimenti!!quello che abbiamo passato io e la mia famiglia in quei giorni non lo auguro a nessuno..ho visto camilla spegnersi giorno per giorno senza poter fare niente e tutto per colpa di gente senza scrupoli!!vorrei che tutti potessero leggere quello che é successo a me e a tanta altra gente per evitare che quelle "persone" si arricchiscano con questo ignobile commercio!!!

richiesta consiglio

vorrei comprare un amichetto per la mia Peggy, cockerina di 5 anni e mi aveva colpito l'allevamento il Roccolino a Zandobbio...no faccio altro che leggere commenti negativi però e mi sono assai spaventata....conoscete qualche altro allevamento vicino o in provincia di bergamo??? Che schifo la gente che tratta come merce insignificante dei poveri cuccioli!

un cucciolo con tutte le

un cucciolo con tutte le patologie elencate non sarebbe sopravvissuto ,quindi e semplice la cosa il tuo veterinario ti ha fatto ricoverare il cane solo per rubarti soldi e tu come un merlo ci sei cascato quindi la colpa  e del veterinario non di chi ti ha venduto il cane , non sei l'unico caso ma di sassi messi sotto hai cani mentre fanno radiografie per farti vedere macchie hai polmoni per poi ricoverarlo per cimurro o polmonite o altre patologie ,mettere il ferro nell'ano e graffiargli l'intestino per causargli una diarrea sanguinolenta, o fare tante altre manovre per fare in modo che dai i soldi a loro ma non la colpa e una pratica molto usata da veterinari scaltri infatti chiedete di fare dei controlli seri negli ambulatori veterinari e scoprirete milioni di truffe ,

lncredibile

le macchie tu ce le hai nel cervello, fatti curare e poi vai a scuola!  asino! manco il verbo essere conosci

ciao

Ciao scusami una domanda, mi fa piacere che il tuo cane ora si sta riprendendo, credimi.. ma vorrei porti una domanda, che cura ha fatto per riprendersi dal cimurro visto che io ho perso il mio cucciolo di maltese aquistato da questi bastardi di ANiMAL WORDL DI POMIGLIANO.

Grazie ti sarei lieto se mi desti una risposta so che non mi riporterà indietro il mio cucciolo, ma per me è importante sapere,

Grazie e auguri per il tuo cucciolotto

ciao Purtroppo non esiste

ciao

Purtroppo non esiste una terapia per la cura del cimurro....bart prendeva dei farmaci per contenere gli effetti delle malattie che ne susseguono  tra cui la polmonite! in particolar modo bart prendeva due diverse tipologie di antibiotici, cortisone, inoltre per una periodo l'antidolorifico ed infine il luminale.durante il perido in cui aveva la polmonite gli facevo anche 2/3 aereosol!!! attualmente prende solo quest'ultimo per arginare il verificarsi di crisi epilettiche..!!

 

ecco la risposta

se un cane si riprende dal cimurro e perche' non aveva il cimurro e se vi informaste noterete che diagnosticare un cimurro e molto difficile per non dire impossibbile il test consiste il prelievo di una zona del cervello quindi molti dei vostri cani sono morti solo per incompetenza dei vostri medici veterinari non date colpe a chi non e' ha

INFORMATI MEGLIO

Ho  avuto quattro cani, con un epidemia di cimurro, e solo uno di questi si è salvato.La di agnosi è certa visto che alsecondo decesso e stata richiesta da me un autopsia per conoscere la malattiae evitare la morte degli altri che già manifestavano i primi sintomi.

Egregio  signore, lei parla

Egregio  signore,

lei parla da emerito ignorante:

il test sul comurro viene effettuato con prelievo sierologico e con le seguenti analisi:


tecniche di sieroneutralizzazione (SN), immunofluorescenza indiretta (IFI)

per IgM e IgG ed enzyme-linked immunosorbent assay (ELISA-kit).

Ma quale prelievo nella zona del cervello!!!!!!!

 

io saro' pure un ignorante

io saro' pure un ignorante ma tutti gli esami che hai scritto non danno che una piccola percentuale di diagnosi quindi credo che prima di dare dell'ignorante documentati in merito ,non come hai fatto tu facendo una ricerca in internet ,se fosse cosi la laurea si prenderebbe in internet