Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

FABBISOGNO STATALE CHIUDE IL 2008 IN SALITA CON 'ROSSO' DI 52,9 MLD

(ansa.it) ROMA - Il fabbisogno del settore statale chiude il 2008 a quota 52,9 miliardi, in deciso rialzo rispetto ai 26,5 miliardi del 2007: bisogna tornare indietro di tre anni e risalire al 2005 per trovare un risultato peggiore. Il dato e' piu' elevato anche rispetto all'ultima stima ufficiale di 45,2 miliardi pubblicata nella Relazione previsionale e programmatica per il 2009.

A DICEMBRE AVANZO DI 2,9 MILIARDI

Il fabbisogno del settore statale ha registrato a dicembre un avanzo di 2,9 miliardi di euro.


TREMONTI: RISPETTATI IMPEGNI CON EUROPA
''In base ai dati oggi disponibili, i conti di chiusura dell'esercizio 2008 sono pienamente in linea con gli impegni assunti in Europa dalla Repubblica italiana. E' questa una ragione di fiducia per i cittadini e di orgoglio per il Governo''. Cosi' il ministro dell'Economia Giulio Tremonti commenta il dato del fabbisogno per il 2008.

TESORO: C'E' EFFETTO CRISI, POCO IMPATTO SU DEFICIT
Il differenziale tra il fabbisogno del 2008, che si e' attestato a 52,9 miliardi, e le stime della Relazione Previsionale e Programmatica, fissate a 45,2 miliardi, e' dovuto, agli effetti della crisi finanziaria ma avra' impatti limitati sul deficit pubblico. Lo sostiene il ministero dell'Economia nel comunicato con il quale ha diffuso i dati di fabbisogno del 2008. ''Il differenziale di cui sopra - afferma il ministero dell'Economia - prodotto congiuntamente dal ciclo economico negativo e dalle corrispondenti politiche di liquidita' ha comunque un impatto sostanzialmente marginale sull'indebitamento rilevante er il calcolo dei parametri europei''.