Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

ELOGIO DELLA BELLEZZA

Maurizio Osti: opera - elogio alla bellezza
Maurizio Osti,
"Elogio della Bellezza"

Litografia Offset, Pazzini Editore (Verucchio)
Stampa 4 colori dicembre 2002 cm 99,5 x 64
Tiratura 150 copie
Firmata e numerata a mano con monogramma in basso a sinistra in numeri arabi da 1/150 a 150/150

Copia 135/150

La storia

La prima stesura del testo dell'Elogio risale al marzo 1999 come testo di espressione poetica, come testimonianza spirituale, come evocazione che non ha la pretesa di definire la bellezza, ma che di questa vuole tentare di definirne alcune peculiarità, nella consapevolezza che il suo volto è in-finito e non ha e non può avere confini. L'artista però ha il compito di lasciare traccia di questa relazione. 

Soltanto nel dicembre del 2002, ho deciso di formalizzarlo nella veste di "Manifesto come espressione di poetica (d'arte)" In questo modo il mio essere stato partecipe dei movimenti legati alla Poesia Visiva, Concreta, Nuova scrittura, Arte concettuale, il mio interesse verso l'aspetto del significante grafico del carattere tipografico, il mio essere insegnante all'Accademia di Belle arti di Bologna, trovavano nella sintesi attuata una giusta espressione formale.

Il carattere utilizzato è il Folk Regular, che ho disegnato diversi anni fa e che nel 2003 la fonderia digitale FontFont di Berlino ha pubblicato e distribuito a livello mondiale nel prestigioso catalogo FontBook.

La composizione del testo eseguita al computer ma digitata in modo personalizzato evoca ritmi grafico-musicali che si intersecano col fondo cromatico derivante da una mia opera che allude al rapporto tra micro e macrocosmo.  

L' opera è leggibile a tre livelli linguistici.

poetico
grafico
artistico

Bologna 21 ottobre 2006

Maurizio Osti   


           ELOGIO DELLA BELLEZZA

LA BELLEZZA É COME IL SIMBOLO

    UNISCE CIÒ CHE È DIVERSO

SUPERA LE OPPOSIZIONI

     ELIMINA LE GERARCHIE

APRE ALLO SPAZIO E AL TEMPO INFINITO

 È PER SUA NATURA

             MISTERIOSA, ENIGMATICA

     EROTICA, VOLUTTUOSA

 ATTRAVERSO DI ESSA SI MANIFESTA

                       L' INCONTRO

        DEL MICRO E DEL MACRO COSMO

         DEL MASCHILE COL FEMMINILE

DEL VISIBILE CON L' INVISIBILE

      IL NEMICO CESSA DI ESSERLO

LA VERITÀ E IL SUO DOPPIO

        TROVANO DIMORA NELLA GIUSTIZIA

L' INCANTO DELL'UNITÀ

           NELLA MOLTEPLICITÀ

   È IL SUO SIGILLO

L' EBBREZZA IL SUO PROFUMO

              IL SUO CORPO DI MATERIA

SI NUTRE DELL' ORDINE E DEL CAOS

          DELLA VITA E DELLA MORTE

 DEL GIORNO E DELLA  NOTTE

   LE SUE ARMI SONO

LA RETTA, LA CURVA, IL VOLUME

                   IL SUO SCUDO È IL COLORE

  IL NUMERO È UN SUO ATTRIBUTO

CHI CELEBRA LA BELLEZZA

                  È SEGNATO PER SEMPRE

   DAL SUO MARCHIO INDELEBILE

MAURIZIO OSTI