Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

NUOVA INFLUENZA: H1N1 INFETTA RAPIDO SUINI, RISCHIO CONTAGIO

(ansa.it) ROMA  - Il virus dell'influenza suina pandemica può infettare facilmente i maiali quindi va evitato il più possibile il contatto tra persone malate e animali per non favorire l'ulteriore diffusione del virus e la sua evoluzione, ovvero l'insorgenza di ceppi più pericolosi. E' quanto afferma uno studio pubblicato sul Journal of General Virology da Thomas Vahlenkamp del Friedrich-Loeffler- Institut in Greifswald-Insel Riems, in Germania, secondo cui il virus A/H1N1 ha mostrato di potersi diffondere rapidamente tra i maiali. Sebbene si temesse che il virus A/H1N1 potesse essersi diffuso nelle prime fasi dell'epidemia dal contatto tra animali e uomini, non ci sono prove che i maiali siano coinvolti nella diffusione dell'influenza suina. Così gli esperti tedeschi hanno testato le capacità di A/H1N1 di infettare i maiali, contagiandone tre e poi mettendoli in un piccolo allevamento con altri suini e con polli.

Mentre i polli non risultano contagiati, nel giro di quattro giorni tutti i maiali presenti nella 'stalla sperimentale' si sono ammalati. "Ciò significa - sostiene lo studio - che i maiali si ammalano facilmente e rapidamente di influenza suina e bisogna evitare il contatto uomo-suino in casi a rischio onde evitare l'ulteriore diffusione e evoluzione di A/H1N1 che trova proprio nei maiali un naturale serbatoio ove modificarsi e combinarsi con altri virus, divenendo potenzialmente più cattivo".