Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Cani che abbaiano e gatti che miagolano in varie lingue

pubblicato: lunedì 01 novembre 2010 da Robo

Gatto che miagola(petsblog.it) Onomatopeicamente parlando, bau e miao non mi hanno mai convinto. I miei cani fanno tutti i versi possibili, ma non bau; i gatti di mio papà, invece, non mi risultano che facciano miao, ma una serie ben articolata di suoni.

Ma se nessuno sa come fa il coccodrillo (giusto per citare un tormentone), almeno per cani e gatti dovremmo trovare un suono che li imiti al meglio. Guardiamo un po' alle altre lingue per vedere come rendono il parlato dei nostri amici.

Lo studio è stato condotto dall'Università di Adelaide, in Australia, e sono stati trascritti i principali versi degli animali, anche per poter comprendere meglio i fumetti! Se per i gatti ci sono solo due categorie (gatti che miagolano e gatti che fanno le fusa), per i cani abbiamo tutta una lista (cane che abbaia - piccolo, medio, grande -, cane che morde, che rosicchia l'osso, che ringhia, che ansima, che piange, che beve). Dopo il salto trovate l'elenco. Qual è il vostro verso preferito?

 

Gatto che fa le fus

Gatto che miagola

  • Danese: miav
  • Ebraico: miyau
  • Finlandese: miau
  • Francese: miaou
  • Giapponese: nyan nyan / nyaa nyaa
  • Greco: miaou
  • Inglese: meow
  • Italiano: miao
  • Olandese: miauw
  • Russo: miyau
  • Spagnolo: miao
  • Svedese: mjan mjan
  • Tedesco: miau
  • Turco: miyav
  • Ungherese: miau
  • Urdu: meow

Gatto che fa le fusa

  • Danese: pierr
  • Finlandese: hrr
  • Francese: ronron
  • Giapponese: goro goro
  • Inglese: purr
  • Italiano: prrr
  • Olandese: prrr
  • Russo: mrrr
  • Spagnolo: rrr
  • Tedesco: srr
  • Ungherese: dorom

Cane che abbaia

Cane di piccola taglia che abbaia

  • Danese: vov-vov - ad alta voce
  • Ebraico: how-how
  • Finlandese: hau hau
  • Francese: ouah ouah - ad alta voce
  • Giapponese: kian kian
  • Inglese: yap yap /arf arf
  • Italiano: arf arf / bau bau
  • Olandese: waf waf
  • Russo: hav-hav / gav-gav
  • Spagnolo: guau / guau
  • Svedese: bjäbb-bjäbb
  • Tedesco: wau wau - ad alta voce
  • Turco: hev hev
  • Ungherese: vau vau

Cane di media taglia che abbaia

  • Danese: vov-vov
  • Ebraico: woof-woof
  • Finlandese: vuff
  • Francese: ouah ouah
  • Giapponese: wan wan
  • Greco: gav gav
  • Inglese: woof woof / ruff ruff
  • Italiano: bau bau
  • Olandese: woef woef
  • Russo: hav-hav / gav-gav
  • Spagnolo: guav
  • Svedese: vov-vov / voff
  • Tedesco: wau wau
  • Turco: huav huav
  • Ungherese: vau vau

Cane di grossa taglia che abbaia

  • Danese: vov-vov - a bassa voce
  • Finlandese: vuff / rouf
  • Francese: ouah ouah - a bassa voce
  • Giapponese: wan wan
  • Inglese: bow wow
  • Italiano: bau bau
  • Russo: hav-hav / gav-gav
  • Spagnolo: guf
  • Tedesco: wuff wuff
  • Turco: how how
  • Ungherese: vau vau
  • Urdu: bow bow

Cane che morde

Cane che morde

  • Finlandese: naps
  • Giapponese: gari gari
  • Inglese: gnash / snap
  • Italiano: gnam
  • Spagnolo: chac

Cane che rosicchia l'osso

  • Danese: knoe
  • Giapponese: paku paku
  • Inglese: chomp / chump / gnaw
  • Russo: chua-chua
  • Tedesco: chrong
  • Turco: haart haart

Cane che ringhia

  • Danese: grrr
  • Finlandese: mrr
  • Francese: grrr
  • Giapponese: uuuuu
  • Inglese: grrr / snarl / growl
  • Italiano: grr
  • Olandese: grr
  • Russo: grrrrr
  • Spagnolo: grrr
  • Svedese: grr
  • Tedesco: grrr
  • Turco: hirrrr
  • Ungherese: grrr

Cane che piange

Cane che piange - è quello che mi convince di meno...

  • Inglese: whine/whimper
  • Italiano: yu-yu-yuuu!
  • Tedesco: juhhh

Cane che ansima

  • Finlandese: lääh-lääh
  • Giapponese: hah hah
  • Inglese: pant pant
  • Italiano: pant pant
  • Olandese: ha ha
  • Russo: he-he-he
  • Spagnolo: eh eh eh
  • Tedesco: cha-char
  • Turco: heh heh heh

Cane che beve

  • Finlandese: glup
  • Inglese: lap lap
  • Italiano: slop slop / slurp
  • Russo: hu-up hu-up
  • Spagnolo: blap blap
  • Tedesco: schlapp schlapp
  • Turco: slap slap slap (pronuncia: schlup)
  • Ungherese: lefety lefety

Foto | Tambako the Jaguar - rogerimp - ActiveSteve - ponafotkas - EmilyJane

CANIE GATTI PARLANO DI MARINELLA MERONI

ecco il mio arricolo pubblicato su IL GIORNALE 5.10.2009- di Marinella Meroni

Il gatto parla..anche il "dialetto " 

Che il gatto sia affettuoso, socievole, intelligente al limite del geniale, ogni gattofilo che si rispetti già lo sapeva. Ma ora alla voce del cuore si aggiunge la conferma scientifica, e per i proprietari del re della foresta casalinga, è una bella soddisfazione. Il Felis silvestris catus, (gatto comune), suscita entusiasmo e sorpresa anche fra etologi e biologi che vanno scoprendo nuove straordinarie caratteristiche e qualità, tra la quali spicca la capacità di comunicare. Per molto tempo si è creduto che il linguaggio fosse una caratteristica unica dell'uomo, come anche affermato dal Dr. Noam Chomsky, glottologo dell'Istituto Tecnologico del Massachusetts.Nulla di più falso!

I gatti non solo parlano e sono dei gran chiacchieroni, ma addirittura si esprimono in dialetto! Spieghiamo. La scienza ha recentemente scoperto che i mici possiedono una capacità linguista superiore a tutti gli altri esseri viventi, dopo l'uomo. Solitamente si tende a pensare che solo gli animali che vivono in gruppo, sono in grado di sviluppare una maggior forma di comunicazione, ma non è così per il felis, animale a volte solitario ed indipendente. Nei gatti si sviluppa per primo un linguaggio "infantile", quello che la madre utilizza con i suoi cuccioli,basato sulle necessità primarie come: la nutrizione, la protezione, l'insegnamento alla caccia, etc. Questa è la forma di comunicazione che sarà rivolta verso l'uomo, vale a dire colui che li nutre e li coccola, avviene così una specie di "transfet", l'uomo diventa la sua mamma. Diventato maturo, il linguaggio del micio si trasforma, aggiungendo le "parole" necessarie per esprimere i bisogni sessuali, gli atteggiamenti aggressivi, di difesa per il territorio e di comunicazione con gli altri simili adulti, modificandosi così nel  "vocabolario del gatto adulto", mai utilizzato con i gattini. La recente scoperta di Paul Leyhausen, il maggiore esperto mondiale di gatti, è come minimo stupefacente. Lo studioso, ha certificato che due gatti che si conoscono bene e sono in confidenza, usano un "dialetto diadico",cioè emettono dei suoni particolari, che utilizzano solo quando sono tra di loro e non in presenza di un terzo. Inoltre Leyhausen aggiunge "alcuni gatti, in frasi dialettali, emettono richiami per mezz'ora di fila, o anche più, senza interruzione, e sono dotati di una capacità di modulazione della voce tale che non si ripetono quasi mai". Insomma si può affermare che i gatti sono poliglotta.  Inoltre questo animale è in grado di emettere un suono che nessun altra bestia è in grado di fare, le fusa. Mentre i parenti di grossa taglia (leoni, tigri,) posso farle solo durante l'espirazione, i piccoli felini le emettono sia quando ispirano che quando espirano.Il ricercatore scientifico Rolf Degen ha dimostrato il senso biologico delle fuse:" è impossibile che l'evoluzione si sia permessa il lusso di un suono inutile. Alcuni studiosi vedono nelle fusa una sorta di ‘musicoterapia', che permette di accelerare la saldatura delle ossa fratturate e lo scioglimento delle tensioni muscolari".Questo fenomeno viene applicato nella medicina umana, soprattutto sportiva , infatti  è documentato che le vibrazioni fra i 2 e i 100 herz accelerano lo scioglimento dei crampi e delle tensioni muscolari.

Insomma avere un micio in casa è tutta salute, le fuse fanno bene all'uomo, tranquillizzano, generano una sensazione di pace e di benessere. "Un miao massaggia il cuore". (S. McMillan) .

Marinella Meroni

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">