Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

17 Gennaio 1929: la prima apparizione di Braccio di Ferro, il Superman agli spinaci

(telesanterno.it  lunedì, 17 gennaio 2011) Quando compare per la prima volta in una striscia a fumetti della serie "The Thimble Theatre" disegnata da Elzie Crisler Segar il 17 Gennaio 1929, Popeye alias Braccio di Ferro era destinato ad essere semplicemente un personaggio secondario, sgraziato e sempliciotto (perfino sdentato e con un "occhio sporgente" che è appunto il significato di Popeye).

Il protagonista di quella prima storia, intitolata "I yam what I yam" (tradotta in italiano "La Gallina fischiona africana"), è infatti Castor Oyl (battezzato in Italia Dante Bertolio), un omino collerico e prepotente, fratello maggiore di Olivia, futura (eterna) fidanzata dello stesso Popeye.

La serie veniva pubblicata già da dieci anni prima dell'apparizione di Popeye. Ma l'avvento di questo nuovo personaggio diede alle strisce a fumetti di Segar un'incredibile impennata di successo fra i lettori, e quattro anni dopo, dal 1933 in poi, anche fra il pubblico dei cinematografi di tutto il mondo.

La simpatia attirata da quello strano e sprovveduto marinaio, dagli arti sproporzionati (gambe corte e grandi braccia muscolose) e dal linguaggio infarcito di strafalcioni, fu tale da decretarne un successo tanto imprevisto quanto immediato.
Tanto che già nelle storie successive Popeye cominciò subito a primeggiare sugli altri personaggi dei fumetti di Elzie Segar, fino al punto di dare il proprio nome all'intera serie.

In questo passaggio Popeye conserva il suo carattere "bonariamente collerico", e trova un nuovo antagonista, Bruto Scanna, un fuorilegge disegnato inizialmente con una certa somiglianza (del tutto casuale, pare) al divo dei western John Wayne, per poi assumere un aspetto sempre più "gorillesco", in continua contesa con Braccio di Ferro per le grazie di Olivia.

Popeye-Braccio di Ferro risolve costantemente i duelli con Bruto grazie alla superforza derivante da una provvidenziale porzione di spinaci in scatola. Scatola che spunta dalla sua giacca di marinaio ogni qualvolta che sembra soccombere.
L'espediente degli spinaci fu introdotto dal disegnatore di Braccio di Ferro proprio per favorire il consumo di questi vegetali (particolarmente ricchi di ferro) da parte dei più piccoli, come volevano i precetti dietetici per l'infanzia.
Gli spinaci si accordavano poi alla figura del marinaio spesso impegnato in risse e scazzottate anche perché si trattava di un alimento molto usato nelle diete dei pugili di allora.

La promozione degli spinaci attraverso il fumetto ed i cartoni animati di Popeye-Braccio di Ferro ebbe talmente successo che i coltivatori vollero erigere perfino una statua a lui dedicata nella cittadina texana di Crystal City.

Per il suo esordio nel cinema, avvenuto il 14 Luglio 1933 con il cortometraggio "Popeye The Sailor", Braccio di Ferro ebbe una partner eccezionale, Betty Boop, impegnata in una danza hawaiana, in grado di far ingelosire l'eterna fidanzata Olivia. Tanto che in un altro episodio a cartoni animati, "Never Kick a Woman", sarà proprio Olivia ad ingoiare spinaci per mettere ko un'altra rivale che insidia il "suo" Popeye.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">