Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

AGENDA STORICA - 24 Marzo 1934: Citroen rivoluziona l’automobile

l'automobile  (AGENDA STORICA)

(telesanterno.com  giov 24-03-2011) Aveva da poco venduto la sua azienda automobilistica alla Michelin, ma prima di farlo Andrè Citroen, fondatore dell'omonima azienda, aveva completato e reso pronto per la produzione una vettura rivoluzionaria, il "Modello 7", la prima al mondo di serie a trazione anteriore.

Il vero autore di questa innovazione era stato in realtà un suo ingegnere, Andrè Lefebvre, ma da parte di André Citroen c'era sempre stata la massima apertura verso le soluzioni più rivoluzionarie. Già nel 1925 aveva realizzato la prima auto di serie interamente in acciaio. Prima di dedicarsi all'automobile, Citroen aveva fabbricato munizioni. La riconversione della sua industria, da bellica a fabbrica di automobili, avvenne subito dopo la prima guerra mondiale. Il marchio Citroen si contraddistinse fin dall'origine per il suo spirito innovatore.


Spirito che ha portato i modelli Citroen a segnare tappe fondamentali nella storia dell'automobile, come la mitica "2 CV", progettata da Pierre Boulanger nel 1948, e le indimenticabili "ID" e "DS" (popolarmente note negli Anni Cinquanta-Sessanta come lo "Squalo" o il "Ferro da stiro") con sospensioni idropneumatiche autoregolabili, inventate da Georges Messier già nel 1924.

André Gustave Citroen era il quinto ed ultimo figlio di una famiglia di commercianti di diamanti olandesi, che si trasferì da Amsterdam a Parigi nel 1873. Il padre si suicidò quando il piccolo André aveva appena due anni.


Il giovane Citroen si distinse subito per la sua passione per la meccanica, diplomandosi all'Ecole Polytechnique nel 1900. Già nel 1902 aveva avviato la sua prima officina di ingranaggi. Il logo stesso che ancora oggi appare su tutte le vetture Citroen, è in realtà un ingranaggio a doppia elica stilizzato. Dopo aver prodotto armamenti per l'esercito durante la prima guerra mondiale, nell'immediato dopoguerra fonda la casa automobilistica Citroen nel 1919, facendola diventare in meno di un decennio la quarta industria di automobili del mondo.

Ammalatosi cedette l'azienda alla Michelin. Morì di cancro allo stomaco nel 1935. E' sepolto nel Cimetiere du Montparnasse a Parigi. Il suo bomne compare nell'Automotive Hall of Fame di Dearborn nel Michigan.