Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

La fuga dalla diga delle "Tre gole"

A dare la notizia sono stati i media della Repubblica popolare, che riconoscono il pericolo di frane e lanciano l'allarme inquinamento

(lastampa.it) PECHINO La diga delle «Tre gole», il progetto idro-elettrico più grande del mondo, costringerà ad abbandonare le proprie case quattro milioni di cinesi. A dare la notizia sono stati i media della Repubblica popolare, che riconoscono il pericolo di frane e lanciano l'allarme inquinamento.

Simbolo grandioso della crescita economica della Cina, la diga delle «Tre gole» dovrebbe esser completata l'anno prossimo. Con un valore di 25 miliardi di dollari, oltre 17 miliardi di euro, il progetto sul fiume Yangtze è da anni oggetto delle critiche di molte organizzazioni ambientaliste.

Ieri - si legge sul sito online della Bbc - i media di Stato hanno annunciato che circa quattro milioni di persone residenti nella regione della diga saranno trasferite più a ovest, nella metropoli di Chongqing. A mettere in guardia dal rischio di danni ecologici derivanti dal colosso di cemento era stato due settimane fa anche il direttore dei lavori alle «Tre gole», Wang Xiaofeng. Secondo i media locali, la diga favorisce fenomeni di erosione e aumenta di conseguenza la probabilità di frane. Preoccupazione susciterebbero anche emissioni velenose prodotte da complessi industriali sommersi dalle acque e l'eventualità di conflitti sociali riconducibili alla riduzione delle superfici coltivabili.

In molti casi, i residenti della zona sarebbero già stati costretti a trasferirsi più a monte. «Nel migliore dei casi - ha detto alla Bbc Grainne Ryder, studiosa dell'ong canadese Probe International - molte persone hanno impiegato tutti i propri risparmi per costruire le loro nuove case». Secondo l'esperta, le nuove decisioni delle autorità potrebbero alimentare un forte malcontento. «Potrebbero esserci delle proteste, seguite da una repressione ancora più brutale».

I trasferimenti a Chongqing dovrebbero esser completati nei prossimi dieci o 15 anni. La costruzione della diga delle «Tre gole» iniziò nel 1993, anche grazie al sostegno dell'allora presidente Jiang Zemin.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">