Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

CORTE CONTI: PG; CORRUZIONE DIFFUSA, TANTE TANGENTI

(ansa.it) ROMA - Un "quadro di corruzione ampliamente diffusa" emerge dagli accertamenti della Corte dei Conti nel 2007. A rilevarlo è il procuratore generale della magistratura contabile, Furio Pasqualucci, secondo cui "profili di patologie" sono evidenti "nel settore dei lavori pubblici e delle pubbliche forniture, nonché nella materia sanitaria". In particolare, risultano in aumento le condanne per danni materiali e per danni all'immagine della P.A. pronunciate dalla Corte dei Conti in seguito al pagamento di tangenti (per concussione o corruzione) durante la stipula di contratti.

Corte conti: Lazzaro, Repubblica vive momento malessere

(ansa.it) ROMA - "La Repubblica vive un momento di diffuso malessere e incertezza". Lo ha sottolineato il presidente della Corte dei Conti, Tullio Lazzaro, all'inaugurazione dell'Anno giudiziario. Secondo Lazzaro occorrerebbe "riconsiderare" alcune scelte per "ridare sistematicità all'insieme degli organismi amministrativi a tutti i livelli". Lazzaro ha evidenziato il "crescere confuso di strutture, di modelli amministrativi, di sovrapposizioni di competenze tra amministrazioni centrali e e enti locali, disarmonicità, conflitti irrisolti".

Il presidente difende dunque le funzioni della Corte dei Conti che "conserva funzioni di giurisdizione sull'impiego legittimo del denaro pubblico" su tutte le componenti dell'amministrazione. L'obiettivo della magistratura contabile resta quello di garantire "una solida rete di protezione alla finanza pubblica" perché il denaro pubblico versato dai cittadini attraverso le tasse "é bene primario della collettività".

SU SALARI STATALI MOLTE DISTORSIONI

INFLAZIONE GENNAIO AL 2,9%, IL MASSIMO DAL 2001

(ansa.it) ROMA - L'inflazione a gennaio è salita al 2,9%, contro il 2,6% di dicembre. Lo rileva l'Istat nella stima preliminare, aggiungendo che i prezzi, su base mensile, sono aumentati dello 0,4%. Il tasso inflazionistico è il più alto da luglio 2001 (era ugualmente al 2,9%) 

INFLAZIONE:ISTAT; IN NUOVO PANIERE INSALATA PRONTA, NAVIGATORE

(ansa.it) ROMA - L'Istat aggiorna come ogni anno il paniere per il calcolo dell'inflazione. Nel 2008 entrano 5 nuove posizioni: insalata in confezione, navigatore satellitare, giochi elettronici per consolle, combustibile solido e pranzo con piatto unico. Escono invece due posizioni: hamburger surgelato e cucirini, ovvero le trecce di filo per il cucito. Il nuovo paniere è composto da 533 posizioni rappresentative, sette in meno rispetto all'anno scorso. Oltre alle entrate e le uscite, il nuovo campione per la rilevazione dei prezzi è stato infatti razionalizzato anche con accorpamenti di voci e prodotti.

L'Istat ha anche rivisto la struttura di ponderazione degli indici, aumentando il peso di sei capitoli di spesa. In particolare cresce il peso di prodotti alimentari e bevande analcoliche, che passa dal 16,3% al 16,8%. Aumentano anche abbigliamento e calzature, trasporti, istruzione, servizi ricettivi e di ristorazione e altri beni e servizi. Diminuisce invece in modo significativo il capitolo abitazione, acqua, elettricità e combustibile, che passa dal 9,7% al 9,3%. E' stata inoltre rivista anche la base territoriale per la rilevazione dei prezzi. I comuni che concorrono al calcolo dell'indice inflazionistico nel 2008 sono 84. In particolare, spiegano i tecnici dell'Istituto di Statistica, sono uscite le province di Sondrio, Taranto e Foggia, per problemi organizzativi e di risorse, mentre sono entrate quelle di Avellino e Catanzaro (era questo l'unico capoluogo di regione che mancava nelle rilevazioni). La copertura sul totale della popolazione residente in Italia arriva all'87,9%, con però percentuali molto più basse al sud, dove si può scendere in alcuni casi anche sotto il 50%.

CIAD: RIBELLI ACCETTANO IDEA DI CESSATE FUOCO IMMEDIATO

(ansa.it) N'DJAMENA - I ribelli che hanno attaccato nel fine settimana la capitale del Ciad N'Djamena hanno accettato il principio di un "cessate il fuoco immediato", ma hanno accusato la Francia di aver "causato un numero enorme di vittime civili" nella città con un "intervento diretto".

"Coscienti delle sofferenze della popolazione ciadiana e sottoscrivendo le iniziative di pace dei paesi fratelli, la Libia e il Burkina Faso, le forze della resistenza nazionale danno il loro accordo per un cessate il fuoco immediato", ha detto il portavoce dell'alleanza ribelle Abderaman Kulamallah, in un comunicato letto alla France Presse da un telefono satellitare. Le forze della resistenza "si sbalordiscono del coinvolgimento diretto della Francia nel conflitto e condannano l'intervento diretto dell'aviazione francese che ha causato un numero enorme di vittime civili, soprattutto sul Liceo della Libertà e sul mercato centrale" di N'Djamena, ha aggiunto.

Israele: Hamas rivendica attacco Dimona

(ansa.it) DIMONA (Israele) - Il braccio armato del movimento integralista palestinese Hamas ha rivendicato l'attacco suicida di Dimona, che ha ucciso una donna nel sud di Israele. Lo ha detto una fonte di Hamas affermando che i due palestinesi morti durante l'attacco venivano dalla città di Hebron, in Cisgiordania, e non dalla Striscia di Gaza controllata da Hamas. La Casa Bianca ha condannato l'attentato e Hamas, chiedendo ai leader palestinesi di impegnarsi nella lotta al terrorismo.

Kenya: oltre 1.000 morti e 304.000 sfollati, Croce Rossa

(ansa.it) NAIROBI - Oltre 1.000 morti e 304.000 sfollati: questo il bilancio delle violenze post elettorali in Kenya fornito oggi da Abbas Guillet, responsabile della Croce Rossa keniana.

Per quanto riguarda i morti, la Croce Rossa parla di "oltre mille", senza specificare di quanto i decessi abbiano superato tale cifra, ma precisando che il dato è aggiornato ad ieri. Gli sfollati, indicati in 304.000, sono invece già certamente molti di più poiché -sempre stando alla Croce Rossa- tale cifra non tiene conto dei numerosissimi profughi che hanno dovuto fuggire negli ultimi giorni. Intanto a Nairobi sono ripresi in mattinata i negoziati tra governo ed opposizione mediati dall'ex segretario generale dell'Onu Kofi Annan. E' stata stabilita una 'road map' di principio, così come l'istituzione di una commissione per le verità e riconciliazione di cui dovrebbero far parte anche autorità internazionali. Ma ora si comincia ad affrontare il tema più sensibile, quello della divisione del potere, sul quale le parti appaiono molto distanti, anche se Annan spera in un'intesa che almeno sblocchi la tragedia sul campo (fine violenze, soccorso a profughi, e prime reciproche aperture politiche) entro la fine della prossima settimana.

MALTEMPO IN CINA, CAPODANNO AL GELO PER MILIONI DI PERSONE

(ansa.it) PECHINO - Milioni di cinesi si preparano a festeggiare al freddo, e lontani dalle loro famiglie, l' arrivo del nuovo anno lunare. Nelle ultime tre settimane tempeste di neve e le gelate di violenza eccezionale che hanno provocato il blocco dei trasporti e dei rifornimenti di energia nel sud e nell' est del paese, regioni dove normalmente il clima è relativamente mite. Almeno 60 persone sono morte e cento milioni hanno subito disagi. Il tempo è ora leggermente migliorato e il servizio ferroviario è tornato alla normalità.

La maggior parte degli aeroporti e delle autostrade sono stati riaperti ma milioni di persone sono ancora in attesa dei mezzi che dovrebbero portarli a casa per festeggiare il Capodanno in famiglia. Nel Guangdong, uno delle province più colpite, 12 milioni di lavoratori immigrati hanno rinunciato al tradizionale viaggio nei luoghi d' origine, secondo la stampa locale. A Chenzhou, una città di quattro milioni di abitanti, l' energia elettrica manca da undici giorni nonostante che migliaia di operai, affiancati da militari e uomini dei corpi paramilitari, stiano lavorando giorno e notte per riportare la situazione alla normalità: l' agenzia Nuova Cina riferisce che undici operai sono morti dall' inizio delle operazioni di soccorso. Il primo ministro Wen Jiabao, che ha coordinato i soccorsi, ha dichiarato che il paese "può vincere la battaglia contro il maltempo".

Pioggia

Eri splendida.
Sei il mio desiderio.
Vivo con te questa chiara notte.
La pioggia mi accompagna
tra le tue braccia.
Le tue mani giocano
con dolcezza nell'aria
senza fretta.
Tu leggi, io scrivo.
Poi sorridi.
Mi cerchi, ti avvicini, mi accarezzi.
Qui nello studio io e te
ci gustiamo insieme la sera sfiorandoci
e gustando il sonno desiderato
abbracciati nel nostro amore.
(Parma, 04/02/2008)

Luigi Boschi

LUMI

Mia dolce,
il tuo amore mi travolge...
e continuo ad averti con me,
con il tuo sorriso,
il tuo ricordo,
i tuoi profumi,
i tuoi sapori.
Incredulo quasi del nostro amore,
incapace ora di farne senza...
incespico nella tua assenza.
Un desiderio di te infinito...
La tua dolcezza nell'affrontare le mie cadute...
quell'esserci sempre,
nel riportarmi a vedere quel lato
che io dimentico o non vedo,
inebriato come sono dalla gioia pura...
è che vorrei vivere intensamente nel nostro amore...
quel farti risentire e tenermi a te vicino...
io incapace di comprendere...
a volte mi prende lo sconforto dell'amore impossibile
o che questo sogno svanisca...
il sapore dell'amarezza...ritorna.
Troppe volte ho toccato, provato la bellezza
e in un attimo mi è stata tolta.
Quasi temo questo riservato dono di gioia!
Sono preziosi fuori tempo, irripetibili...
felicità dell'anima...è l'anima che suona
con i sentimenti della vita!
Ti amerò sempre,
mia amata,
ci siamo sfuggiti per anni,
trovata per caso a una cena di mezza estate,
corteggiata nell'autunno,
amata in un indimenticabile inverno.
Un amore intenso, lento, attento, desiderato, voluto, ricercato...
dolce è la passione del nostro bacio,
difficile il nostro distacco.
Ho paura di deluderti
e la mia fragilità è tanta
di fronte al nostro amore,
a questo incanto inaspettato
che è entrato nella mia vita.
Ti abbraccio, saliti dal mare,
e insieme sulla battigia
di prima mattina
ci gustiamo l'aurora
del nostro amore...
Le tue mani cerco,
le tue carezze ritrovo.

UN'ALBA CON TE

Buongiorno...
Un risveglio con te.
ti accarezzo...
continua l'estasi
dell'averti tra le mie braccia,
vivere con te
l'intensità di una gioia intima...
non posso non continuare
nel piacere del tuo, nostro dolce,
accarezzarci... amanti del nostro
desiderio.
Ti bacio
e sono con te
con un amore
che sorride alla vita...
gioia intima, intensa
un segreto profondo
un ricordo tra le lenzuola
che mi accompagna
in questa alba con te.
Con te sono ritornato
ad amare il presente
anche senza futuro.
Il desiderio d'amore
può essere completo?
No, sarebbe di-vino!
Una ubriacatura di vita
che non lascerebbe scampo!
Non c'è storia,
non c'è futuro,
c'è un presente da innamorato,
intensamente perso di te, di noi...
con piccole lacrime di gioia
ti bacio.
(Parma, 21/12/2007)

Luigi Boschi

La rovina del senso

Non si è esperti in amore...
l'esperto è solo un perito!!
L'amore si desidera e si dà:
come fai a vivere senza amore!

Non c'è perizia ne perito
nel desiderare di amare
o di essere innamorati.
Si ama in natura,
si ama e ci si innamora,
perché senza, la vita non ha senso:
è la rovina del senso!

La ricerca del senso, un senso...
dare senso alla propria vita
è ricercare sempre amore
e cadere nella innamorata passione...
anche se ciò comporta pericolose sbandate, rischi,
ma l'ebrezza della corsa
e la passione virtuosa meritano.
(Parma, 16/12/2007)

Luigi Boschi

L'ORCHESTRA co.co.pro.

NUOVI MUSICISTI Lavorano con direttori come Muti e Plasson, girano il mondo e raccolgono applausi. Ma non sono assunti. I professionisti del Teatro Regio di Parma hanno deciso di organizzarsi. Costituendo una Srl. E qui si raccontano  

Jenner Meletti  

In fin dei conti - dicono subito gli orchestrali del Teatro Regio - anche Nicolò Paganini era un Co. co.pro. "Nel 1835 fu chiamato dalla duchessa Maria Luigia come sovrintendente della Regia orchestra. Ricevette un lauto compenso, ottimo vitto e alloggio in villa. Ma anche lui non era un dipendente fisso. Costruì "l'orchestra migliore d'Italia" - sono sue parole - ma dopo un anno se ne andò presso altre corti. In fondo era pagato a prestazione. Come noi". Sono orgogliosi, i violinisti, i flautisti, i percussionisti e i suonatori di tromba, fagotto, corno e tutti gli altri strumenti dell'orchestra del Regio di Parma. "Quando ci presentiamo, magari per proporre un'esibizione, ci chiedono: siete la famosa e antica orchestra del Regio? Benvenuti. Noi, senza fretta, spieghiamo che siamo nati nel 2000 e che siamo la prima orchestra italiana costituita in società commerciale. Insomma, una Srl che si è messa sul mercato e vive solo di mercato. Ma non siamo certo debuttanti allo sbaraglio. Fra pochi minuti entriamo in scena e sul podio c'è Riccardo Muti. Maestri come lui non si mettono a dirigere dei dilettanti".

Il senso del presente

Ridi e non esser triste.
L'amore è troppo ricco di sapori...
si sorseggia quasi a gocce.
Non c'è futuro,
amore è presente, adesso, subito, qui all'istante...
futuro e passato è il resto del mondo...
in rovina di senso.
Amarsi è il senso del presente.
(Parma, 15/12/2007)

Luigi Boschi

AMARSI

Sto male ora!
Ebrio ancora del tuo piacere
lasciavo che il vento
mi sferzasse il viso la sera.
Pedalavo nel vuoto
felice e leggero
sapendo di amarti.
Ti avevo ancora con me.
Ma il tuo corpo, la tua pelle
ora addosso non ho più.
E' il vuoto di te che mi prende
lo stomaco e non mi lascia.
Riso ceci e radicchio, con te gustati poi...
Il dolce piacere di amarti, di baciarti...
ora nel ricordo... solo, scrivo di te.
E' continuare a sentirti vicino.
Una giornata bellissima
iniziata presto e finita tardi,
un tredici...così si dice,
ma lo era!
Ho paura delle giornate felici,
troppo felici...
c'è sempre un dopo che triste mi aspetta,
non è la prima volta.
Che annullo e voglio cancellare
perché ricordo te, il tuo sorriso,
i tuoi capelli da me raccolti...
io e te a ridere con la passione che
ci accarezzava nel bacio.
Che potevano fare
un' artista e uno scrittore
inconsapevolmente ritrovati
in una calda notte d'estate?
Amarsi!
La notte con te, mia esile amata,
dolce bacio.
Vorrei perdermi
con te abbracciato
nel buio della notte.
(Parma, 14/12/2007)

Luigi Boschi

FRAMMENTO

La notte mi ha portato un sogno di amore con te.
Come tu sei, è un'alba delicata, esile oggi...
con il piacere di amarti.
La passione mi travolge...
sono perso nel mio studio...
non c'è gesto, non ci sono parole, non c'è pensiero
che riesca a tradurre, esprimere quel che sento dentro...
la gioia forse si vive non la si descrive,
a mala pena si trasmette.
Le mani si cercano...e il bacio rivelatore sublima.
Amo sapere di amarti così nel nostro segreto,
nelle gocce di vita rimaste fuori dal quotidiano.
Gli incontri, i ritrovi, poi l'attesa
nel desiderio di quei frammenti senza confine.
Attimi di vita fuori dalla realtà,
l'evasione vissuta intensamente
nella delicata, incosciente ingenuità dell'amore ritornato adolescente,
dove ci si perde per l'amata.
Fantasie di gioia con te.
Amo saperti felice, la scoperta di un dono sconosciuto.
Amare è quello stato di grazia
che i sentimenti, sei dai loro corsa,
ti concedono...
Nell'assenza ti ricordo...desidero e immagino di te...
La voglia del tuo profumo perso non dimenticato.
Anche Santa Lucia si è smarrita passando da queste parti...
che sia il tuo profumo?
L'amore è un frammento intenso della vita...come il nostro.

Luigi Boschi

Symphonica Toscanini: ovazione al Parlamento europeo

(AGI)  Una lunghissima standing ovation e gli applausi del Parlamento Europeo hanno salutato ieri il concerto che la Symphonica Toscanini e il Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretti da Lorin Maazel hanno tenuto nella Sala dell'Emiciclo a conclusione delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario dei Trattati di Roma. All'esecuzione della Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven era presente il Presidente Hans-Gert Poettering che, insieme all'Onorevole Pia Locatelli - Presidente dell'Orchestra - ha introdotto l'evento e indirizzato ai musicisti parole di elogio per la simbolica missione di unire i popoli in nome della musica, dichiarandosi in apertura onorato di ospitare il concerto, i Parlamentari Europei, fra cui molti italiani, il Commissario agli Affari monetari ed economici Joaquin Almunia e la nipote di Arturo Toscanini (di cui ricorre quest'anno il cinquantesimo della scomparsa) Emanuela di Castelbarco, insieme ad un folto pubblico di invitati eccellenti.

Al termine, il Presidente si è congratulato con gli artisti e con i Sovrintendenti della Symphonica Toscanini Gianni Baratta e del Maggio Musicale Fiorentino Francesco Giambrone, i quali nell'occasione si sono incontrati a lungo per lavorare agli impegni futuri, che a breve e lungo termine vedranno consolidarsi la collaborazione fra le due istituzioni musicali con importanti appuntamenti in Italia e all'estero.
giovedì 6 dicembre 2007

Oltre ogni limite

Io sono un solitario, vivo in un mondo tutto mio, diverso e mi sto spingendo sempre più in là... è una sfida nel futuro, sempre, non mi interessa l'esistente. Avete presente quando da piccoli si iniziava ad allontanarsi dalla riva e tutte le volte tentavi di andare oltre. Oltre le boe, poi più in là, guardavi indietro, ma poi guardavi avanti il mare che ti accoglieva, ti sfidava, ti trascinava...Tornare era una fatica...una costrizione. Non so dove mi sto spingendo, sono molto in là non ho voglia di tornare in dietro...non ho più tempo, non me ne rimane molto...io non so più quasi chi sono e cosa so fare e questo mi entusiasma...ho annullato un io vecchio passato per dar vita ad un altro...immaginario, pieno di sfide e insicurezze. Sogno, scrivo, lotto, progetto in rete, filmo, costruisco fantasie e relazioni col mondo, porto avanti idee di frontiera anche contro ogni interesse...progetti che nel tempo si sono sempre rivelati giusti ma la miseria oligarchica ha pensato bene di emarginare...lotto da solo per una meta che non conosco...una meta di libertà utopica...amo la verità. Richiede impegno, profondo amore, dedizione, entusiasmo, energia, annullamento del tuo io... non so quanto io possa, sia oggi in grado di dare a una persona che volesse essere mia compagna in questo viaggio se non questo immaginario difficile aspro, oltre ogni frontiera...

La nipote di Toscanini, Emanuela di Castelbarco: concepiva la musica come una liturgia

Silvia Giuberti

16 gennaio 1957: una data come uno schioccare di bacchetta. E a dirigere un’orchestra di celebrazioni e eventi che segue uno spartito scritto da un capo all’altro della terra - città come strumenti impegnati in un assolo di contributi personali - è l’Omaggio, forte e appassionato, al Maestro Arturo Toscanini, in occasione del 50° anniversario della morte, avvenuta a Riverdale, alle porte di New York. 
Concerti, tavole rotonde, inaugurazioni, memorie e rivelazioni che intendono armonizzare e dare il giusto tono alla grandezza di un sommo direttore d’orchestra di cui Stefan Zweig, già negli anni ‘30, sottolineava il complesso intreccio di verità, personalità e arte: “…chi cerca di dare una visione concreta del come Toscanini serva il genio della musica, esercitando un magico potere su ogni accolta umana, deve prospettare anzitutto un’azione morale. In Toscanini vediamo infatti uno degli uomini più schietti del mondo nostro servire la verità immanente dell’opera d’arte con fanatica devozione, con rigidità inesorabile e in pari tempo con tanta umiltà, quale oggi non potremmo ammirare in pressoché nessun’altra sfera di attività creativa”.

PAROLE NOTTURNE

Non si dorme. No, non si vuole dormire... si vorrebbe per la stanchezza che...scompare con il trascorrere delle ore... non si sa... sei tu innamorato dei climi che hai generato con lei... non te ne vorresti staccare...sei tu che non vuoi rompere l'incanto e rifiuti la realtà... non vuoi aver a che fare con quella cosa lì, la realtà...Sai già poi cos'è... ti inebri da perderti o niente...il disincanto...una realtà che si rovina addosso, il volo... si schianta... lo sai già! Eppure non ne puoi fare a meno, ma sai... Predestinato! Paranoia... no realtà! Il volto si rivela... la maschera cede al sopravvento... la complicità dolce, discreta, innata svanisce... inizia la menzogna...
Non vuoi smettere di volare perché con il sogno entri nei meandri del mondo... lì si vola... la realtà invece ti attacca alla terra e non ti molla più.
Si amano quei momenti magici del volo che così, non sai come si creano... e non vuoi più scendere, si cercano, si desiderano... eccoli li senti vicini...un vento caldo, nella lentezza... non vorresti smettere di goderne l'intensità.

La notte ascolti la musica e davanti al mondo in rete sogni l'evasione... scrivi la libertà... la libertà di amare di non poterne far senza...ti lasci sprofondare...come si fa a vivere senza amore... quello senza limiti, fino a giocare se stessi nella rovina della responsabilità... l'amore è irresponsabile gioia insaziabile... solo forza pura, bellissima...non c'è limite alla gioia di un sentimento...non c'è gioia più inebriante di provarsi distrutti nell'intensità dell'amore...e ci vai fino in fondo, nell'immaginario del piacere che hai paura infrangere, rompere nella realtà...l'immaginario trascende... basta un niente per rovinarne... l'intensità di vivere nella piena gioia dei sentimenti.

INCANTO

L'incanto è magico
ed è gioia gratuita...
Il piacere di coltivarsi un mondo immaginario,
in cui il riso non diventa amaro.
La realtà, spesso,
lo infrange.

Luigi Boschi

Pellegrini: «Siamo il cuore del Regio»

Il musicista parmigiano parla a nome della compagine: «Se cresciamo noi cresce il valore della città»

Elena Formica

Repubblica parla di «le impossibile da dimenticare». Il Sole 24 Ore li definisce «primi della classe». Avvenire sentenzia: «La musica in primo piano». Il Festival Verdi 2007 ha un motore forte: l'Orchestra del Teatro Regio di Parma, che ha raccolto consensi dai media nazionali ed esteri. «Luisa Miller», «Oberto conte di San Bonifacio», «La Traviata» e il «Requiem» di Verdi in folgorantealternanza. Direttori di fama internazionale come Renzetti e Allemandi, ma anche presenze eccezionali che si spera non episodiche: Muti e Temirkanov. L'Orchestra del Regio ha interpretato Verdi nel sentire di questi artisti e ha avverato l'ipotesidi un Festival concentrato in unmese di grandissima musica. Verdi, in questa terra umorale, è nell'aria. Si canta nei cori, si suona con la banda. Ma Verdi è Verdi, in teatro, se l'orchestra ècosì: «stregata» (come ha dettoRepubblica di quella del Regio).

BESTIARIA

Racconto di Luigi Boschi, pubblicato nel libro a cura di Adriano Accattino: "Il legame misconosciuto. Aspetti del rapporto dell'uomo con gli animali nelle pagine di trentadue studiosi e poeti". Edizioni: FONDAMENTANUOVE

L'animale è un succedaneo del suo prodotto, ma anche l'uomo del consumatoio. E' della società della tecnica la liberazione animale

"Il paiolo bolliva lentamente, quasi di continuo, appeso alle catene del camino, alimentato da un fuoco perenne o tenuto tiepido da una brace raramente spenta o fredda cui erano sconosciuti i mutamenti di stagione... Il fuoco e il paiolo sono stati per molti secoli gli strumenti e gli elementi chiave della cucina contadina, e l'acqua salata il semplice e magico quot;fondo" dal quale, con l'aggiunta di lardo o strutto, si tirava miracolosamente fuori una minestra o una zuppa." (Piero Camporesi)

Nell'aia contadina si svolgeva il rito del sacrificio: donne indaffarate ad assecondare gli uomini squartatori dopo l'intervento del norcino. I bambini venivano tenuti in disparte, alcuni piangevano, altri erano scossi, qualcuno pensava alla futura emulazione dei grandi. C'era un'aria di dolore per la violenza del gesto che disturbava, non si vedeva l'ora di finire quell'efferatezza determinata dalla ignoranza, dalla tradizione, dalla miseria...e del si fa così!

FUTURO OBBLIGATO

Anche l'adulto
avrebbe bisogno
a volte
di un periodo in cui qualcuno
si prendesse di lui cura...
Ma non ha nessuno
purtroppo
se non se stesso.
Volevo andare a dormire
invece vado a fare una camminata fuori...
Inquieto nel futuro obbligato.
(Parma, 12/10/2007)

Luigi Boschi

Moon River - Audrey Hepburn

Moon river, wider than a mile
I'm crossing you in style some day
Oh, dream maker, you heart breaker
Wherever you're goin', i'm goin' your way

Two drifters, off to see the world
There's such a lot of world to see
We're after the same rainbow's end, waitin' 'round the bend
My huckleberry friend, moon river, and me

(moon river, wider than a mile)
(i'm crossin' you in style some day)
Oh, dream maker, you heart breaker
Wherever you're goin', i'm goin' your way

Two drifters, off to see the world
There's such a lot of world to see
We're after that same rainbow's end, waitin' 'round the bend
My huckleberry friend, moon river, and me


Traduzione di Moon River (fiume Luna)

Fiume Luna, più largo che un miglio,
un giorno ti attraverserò con classe
oh, sognatore, rubacuori,
dovunque tu stia andando,
io verrò per la tua strada

due sponde, per uscire e vedere il mondo
c'é cosi tanto da vedere
abbiamo passato la stessa fine dell'arcobaleno
aspettando dietro la curva
Il mio amico Mirtillo
Fiume Luna... ed io!

Fiume Luna, più largo che un miglio,
un giorno ti attraverserò con classe
oh, sognatore, rubacuori,
dovunque tu stia andando,
io verrò per la tua strada

due sponde, per uscire e vedere il mondo
c'é cosi tanto da vedere
abbiamo passato la stessa fine dell'arcobaleno
aspettando dietro la curva
Il mio amico Mirtillo
Fiume Luna... ed io!

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti