Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Commento al Vangelo di Enzo Bianchi: Il comandamento più grande

Cesar Meneghetti, I/O_Io è un altro, 2008-2011, video installazione.

29 ottobre 2017
XXX domenica del tempo Ordinario
di ENZO BIANCHI

Mt  22,34-40

In quel tempo 34 i farisei, avendo udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme 35 e uno di loro, un dottore della Legge, lo interrogò per metterlo alla prova: 36 «Maestro, nella Legge, qual è il grande comandamento?». 37 Gli rispose: «Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente. 38 Questo è il grande e primo comandamento. 39 Il secondo poi è simile a quello: Amerai il tuo prossimo come te stesso. 40 Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».


Nel brano evangelico odierno leggiamo la terza controversia di Gesù a Gerusalemme. Questa volta sono i farisei i quali, avendo constatato che Gesù aveva chiuso la bocca ai sadducei, lo mettono alla prova, tentano un’altra volta di coglierlo in fallo attraverso uno dei loro esperti della Torah. La domanda che costui pone a Gesù esprime una preoccupazione frequente da parte della tradizione rabbinica del tempo. Se infatti è vero che le parole, i comandamenti per eccellenza di Dio erano dieci (cf. Es 20,1-17; Dt 5,6-21), tuttavia i precetti contenuti nella Torah erano moltissimi, 613 secondo la tradizione dei maestri. Ma tra tanti comandi ve n’era uno più importante degli altri, uno che potesse essere di orientamento per il credente che voleva compiere la volontà di Dio?

La bacchetta nel solco: Arturo Toscanini nella discografia

Martedì 31 ottobre alle 17.30, nell’Auditorium del Carmine, il secondo appuntamento de “Il Suono svelato”, serie di guide all’ascolto del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”. Ingresso libero 

Arturo Toscanini appartiene a quella ristretta schiera di interpreti la cui fama ha travalicato periodi storici, mode e snobismi e che risultano ancora oggi familiari anche a chi non si occupa di musica. È dedicata a lui la guida all’ascolto “La bacchetta nel solco: Arturo Toscanini nella discografia” che si terrà martedì 31 ottobre alle 17.30 nell’Auditorium del Carmine. L’incontro, a ingresso libero, è inserito nel ciclo «Il Suono svelato», organizzato dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma. Michele Ballarini, docente di violoncello dell’Istituto Musicale parmigiano, analizzerà e farà ascoltare alcune delle più importanti incisioni di Toscanini, che testimoniano la sua volontà nel perseguire i propri ideali artistici, anteponendo a tutto un’oggettiva lettura del segno scritto in partitura. Toscanini ha infatti messo le basi a quella sorta di “rivoluzione copernicana” che ha trasformato radicalmente la vita musicale del nostro paese nell’ultimo secolo. Tra i suoi meriti c’è questo: se oggi la pratica musicale è contrassegnata da quelle regole che impongono l’accuratezza delle prove di un complesso sinfonico o quel lavoro d’equipe che sta alla base di ogni buon spettacolo lirico, è grazie all’attività che il maestro parmense iniziò alla fine dell’800, sino al famoso decennio d’oro degli anni ‘20-’30, quando Toscanini costituì alla Scala il primo Ente Autonomo. 

L’incontro è a ingresso libero e gratuito. Per maggiori informazioni: www.conservatorio.pr.it.

Università di Parma, AL VIA IL LEIGIA, LABORATORIO SULL’ECONOMIA DELLE IMPRESE DI GERMANIA, ITALIA E AUSTRIA

AL VIA IL LEIGIA, LABORATORIO SULL’ECONOMIA DELLE IMPRESE DI GERMANIA, ITALIA E AUSTRIA

Il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma al centro di una rete di collaborazione che coinvolge anche i Dipartimenti di Economia di Ferrara, di Modena e di Reggio Emilia.

Primo appuntamento il 15 dicembre con il convegno “Imprese tedesche, italiane e austriache: aspetti di comparazione, di cooperazione, di integrazione” 

Parma, 27 ottobre 2017 - Prende ufficialmente il via all’Università di Parma l’attività del LEIGIA, il Laboratorio sull’Economia delle Imprese di Germania, Italia e Austria costituito all’interno del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali.

Questa mattina nella sede dell’Ateneo la presentazione del Laboratorio, in una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il Rettore vicario Giovanni FranceschiniNatalia Baldassi dell’Unione Parmense degli Industriali (in sostituzione del Prof. Cesare Azzali, impossibilitato ad esser presente), il Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali Luca di Nella Augusto Ninni, Docente di Economia applicata e Direttore del LEIGIA.

Il LEIGIA è emanazione di EmiliaLab, iniziativa congiunta dei Dipartimenti di Economia delle Università di Ferrara, Modena e Reggio Emilia, Parma, ed è nato con 4 obiettivi principali:

Nomine all'ospedale di Parma: indagati Borghi, Grisendi e Meschi

L'inchiesta riguarda l'incarico a capo del reparto di Medicina interna e lungodegenza critica

L’ex rettore dell’università di Parma, Loris Borghi, è indagato dalla Procura di Parma per concorso in abuso d’ufficio insieme a Tiziana Meschi e all’ex direttore dell’ospedale Maggiore Leonida Grisendi.

Borghi è sotto indagine per abuso d’ufficio anche nell’ambito dell’inchiesta Pasimafi.

L’indagine della Guardia di finanza, coordinata dal pm Umberto Ausiello

 - come riporta la Gazzetta di Parma - riguarda la nomina di Meschi a capo del reparto di Medicina interna e lungodegenza critica dell’ospedale cittadino. 

Un caso diventato pubblico nel 2015 che aveva al centro i rapporti tra Borghi e la sua ex allieva, fatti di cui si era occupato anche l’Espresso. 26 ottobre 2017

Fonte Link parma.repubblica.it
 

I FINALISTI DEL CONCORSO TOSCANINI 2017 Yuga Cohler e Woong Cha

I FINALISTI DEL Concorso Toscanini Yuga Cohler e Woong Cha dirigeranno domani 28/10/2017 alle 18 la Filarmonica Arturo Toscanini 

La Giuria Internazionale del 10. Concorso Arturo Toscanini ha deciso ieri sera, al termine del secondo concerto di semifinale, i due finalisti che si affronteranno sabato sera alle 18, all’Auditorium Paganini. La Giuria, guidata dal maestro Gianluigi Gelmetti e composta anche da Luigi Ferrari, sovrintendente della Fondazione Toscanini, Natalia Gutman, violoncellista di fama mondiale, Elaine Padmore, già direttore operativo della Royal Opera House di Londra, e Stefan Anton Reck, direttore d’orchestra, primo vincitore del Concorso Toscanini nel 1985, ha scelto tra i quattro finalisti i due giovani direttori d’orchestra che si disputeranno il Primo Premio da 20.000 euro offerto dalla Fondazione Toscanini ed il Secondo Premio da 10.000 euro offerto dall’Ufficio dei Promotori Finanziari di Banca Mediolanum Parma. Si tratta di Woong Cha, che si è esibito ieri sera, e di Vincenzo Milletarì, che aveva diretto la Filarmonica Toscanini mercoledì sera. I due esclusi sono l’americano Yuga Cohler e l’irlandese Ciarán Mc Auley, che restano in corsa per l’eventuale assegnazione del Premio dell’Orchestra, intitolato a Paolo Vero e promosso dagli amici del musicista prematuramente scomparso (la Filarmonica Arturo Toscanini ha scelto fra uno dei 4 semifinalisti), offerto da Cepim Spa, partner istituzionale della Fondazione Toscanini, e del Premio del Pubblico offerto da Hera Comm, partner istituzionale della Filarmonica Toscanini. Ciascuno dei Premi Speciali ammonta a 5mila euro. Lo spoglio dei voti è stato effettuato al termine del concerto ma i risultati saranno resi noti solo al termine della finale.

Intitolazione della Sala civica di Via Bizzozero alla memoria di Vincenzo Tradardi

Ricordano Vincenzo Tradardi in una conferenza stampa che si svolgerà Sabato 28 Ottobre alle ore 10.30 presso il Centro Studi Movimenti , Via Saragat 63/a.

Chiederemo all'Amministrazione Comunale di intitolare la sala Civica del Centro Bizzozero alla sua memoria.

alla memoria di Vincenzo Tradardi 

Ad un anno dalla morte di Vincenzo Tradardi gli amici, riuniti nel suo ricordo, chiedono all’Amministrazione comunale di intitolare la sala civica del Centro Bizzozero alla sua memoria.

UN OSPEDALE UNICO AL MONDO

Un Ospedale Unico al Mondo

Francesca Avanzini 

Nel 1996 Carmine Del Rossi, chirurgo pediatrico, già direttore dell’Ospedale dei Bambini di Parma, parte con un’équipe di medici alla volta del Bangladesh per operare in un ospedale di Saveriani. È la prima di una serie di missioni che realizzano un antico progetto covato fin dai tempi dell’Università e che purtroppo si interrompono con l’attentato di Dakha del 2016.

Fino a quel momento, ogni mese per sei-sette mesi l’anno, nell’ospedale di Dakha, città di circa 2 milioni di abitanti ai confini con l’India, si alternano équipe chirurgiche altamente qualificate in varie discipline, che vanno là a proprie spese sfruttando il periodo delle ferie e portandosi gli strumenti.

Il daffare è tanto, e impone ritmi disumani.  Ai cancelli, vagliate da un ineffabile portiere in  giubbotto jeans, premono masse di disperati, che magari si sono sottoposte a un viaggio di 500 km e si accampano per notti e giorni in attesa del consulto.

L’ultima missione partita consta di chirurghi pediatrici esperti in urologia e nella ricostruzione di genitali, anestesisti, infermiere e dello psichiatra Raffaello Roberti, già presidente della sezione emiliana della Società Italiana di Psichiatria, presente non in veste professionale ma, grazie alla sua passione ed esperienza letteraria, in qualità di cronista della missione. Le sue osservazioni sfociano nel libro “Un ospedale unico al mondo.”

Bianchini e Trombetta due “musicologi” in mutande

Accademia della Bufala, nuova serie, n. 4

BUFALARI DI TERZA MANO

Come Bianchini e Trombetta rispondono alle critiche.

Ovvero: due “musicologi” in mutande.

di Carlo Vitali

Recensendo l’ormai famigerato libello antimozartiano dei signori Bianchini e Trombetta (d’ora in poi: B&T 2016), così afferma Giuseppina La Face, docente di ruolo all’Università di Bologna, Dipartimento delle Arti, settore Musicologia e Storia della Musica:

“Gli autori rasentano il metafisico quando accusano Mozart di mendacio. Un esempio. Da bambino, diceva di percepire sul violino i quarti di tono. B&T sostengono che a orecchio non li si distingue. Ma ogni violinista (salvo gli stonati) li sente […]” (La Face 2017).

LA SECONDA SEMIFINALE DEL CONCORSO TOSCANINI

Cha Woong Yuga Cohler

OGGI LA SECONDA SEMIFINALE DEL CONCORSO TOSCANINI

Yuga Cohler e Woong Cha dirigono la Filarmonica Arturo Toscanini

Oggi alle 20.30 inizia all’Auditorium Paganini, con il secondo concerto di semifinale aperto al pubblico, la fase conclusiva della decima edizione del Concorso di Direzione d’Orchestra intitolato al Arturo Toscanini, che la Fondazione organizza sin dal 1985 a cadenza triennale e che quest’anno assume una valenza particolare, sia per il decennale sia per la coincidenza con il 150. Anniversario della nascita dello stesso Arturo Toscanini

Gli ultimi due due direttori a scendere in lizza sono il coreano Cha Woong  e l’americano Yuga Cohler.

Enzo Bianchi: Giustizia e misericordia


Johannes Vermeer, Donna con in mano la bilancia, 1664.

di ENZO BIANCHI

Relazione che il fondatore della comunità di Bose ha tenuto a Roma nel pomeriggio del 24 ottobre presso il Consiglio superiore della magistratura nell’ambito dei martedì dell’Associazione Vittorio Bachelet.


Introduzione

Tutta la storia umana, tanto a livello sociale e collettivo quanto a livello individuale e di rapporti interpersonali, conosce la tensione, non eliminabile, tra esigenze di giustizia e istanze di misericordia, cioè di perdono. Al tempo stesso, il richiamarsi reciproco di questi due poli – quale che sia di volta in volta il peso accordato all’uno o all’altro – mostra anche la loro complementarità. Giustizia e misericordia sono virtù che devono essere integrate e anche correlate nei processi inerenti alla vita associata, alla vita della polis. Giustizia e misericordia diventano perciò strutture portanti del tessuto sociale e fattori decisivi per il cammino di umanizzazione, sempre necessario e mai concluso.

Dico subito che non tenterò neppure di definire la giustizia, ma mi basta considerarla nel suo significato più ampio: la giustizia è la base di ogni ordinamento etico, e nella nostra tradizione culturale non possiamo dimenticare che il pensiero greco-latino pone l’accento su ciò che sta alla radice della costituzione della giustizia, il rapporto con gli altri (iustitia est ad alterum) e che, in particolare, il pensiero romano ha assunto al riguardo un dato ontologico al quale fare riferimento, ossia la dignità irrinunciabile della persona, sintetizzata nel principio unicuique suum.

VIAGGIO IN IRAN Mostra fotografica del colornese Stefano Anzola -Teatro Comunale di Colorno (PR)

Viaggio in Iran mostra fotografica

Domenica 29 ottobre dalle ore 17 - Casalmaggiore

Sala Fastassa, Teatro Comunale

VIAGGIO IN IRAN

Mostra fotografica del colornese Stefano Anzola

Domenica 29 ottobre, dalle ore 17.00, presso la Sala Fastassa del Teatro Comunale, in occasione della Presentazione al pubblico della Stagione 2017-2018 del Teatro Comunale, diretta da Giuseppe Romanetti, e nell’ambito del progetto ‘Stupor Mundi’, inaugura la mostra fotografica “Viaggio in Iran” del colornese Stefano Anzola, da anni impegnato in viaggi in vari Paesi del mondo di cui documenta, con rara sensibilità, gli aspetti ambientali, etnici e culturali. Circa 60 scatti fotografici che sanno svelare, con il rispetto dovuto, la società iraniana nelle sue abitudini, riti e sfera sociale.

La mostra rimarrà aperta, ad ingresso gratuito, sino al 30 novembre nei giorni di Fiera dalle 16.00 alle 19.00, nei giorni di spettacolo e nei fine settimana dalle ore 18.00 (a richiesta per gruppi e scolaresche 0375. 284422).

Monsanto dà il 'bacio della morte' all'Europa, proteste contro il produttore mondiale di Glifosato

L'Europarlamento boccia il glifosato: "Via in 5 anni", con un bando dall'agricoltura che avverrà soltanto a partire dal 2022. Decisione che delude le aspettative delle associazioni italiane che speravano in uno stop immediato. Intanto, un nuovo studio californiano ha fatto emergere dati inquietanti: la concentrazione di glifosato nel sangue, dei pazienti sottoposti al test, è aumentata di 13 volte dal '93 al 2016 -

"L'idea di rinnovare la licenza dell'erbicida glifosato è un trucco, che non modifica nulla", avverte Greenpeace Europa che attacca la proposta della Commissione Europea - approvata dal Parlamento europeo - sull'eliminazione in 5 anni del glifosato e del progressivo bando della sostanza entro la fine del 2022. Per la coalizione #stopglifosato, che raccoglie 45 associazioni italiane che si sono schierate contro l'utilizzo dell'erbicida, si tratta di una truffa. 

Riccioli d'Oro e i Tre Orsi una favola lirica in scena al Teatro Municipale di Piacenza

Riccioli d'Oro e i Tre Orsi

EDUCAZIONE ALLA MUSICA – LA SCUOLA A TEATRO

Riccioli d'Oro e i Tre Orsi

Una favola lirica

in scena al Teatro Municipale

lunedì 30 e martedì 31 ottobre alle ore 10

per le scuole di Piacenza e provincia

Nuova commissione della Fondazione Teatri di Piacenza in prima assoluta, “Riccioli d'Oro e i Tre Orsi” andrà in scena al Teatro Municipale lunedì 30 e martedì 31 ottobre alle ore 10, rivolta alle scuole primarie di Piacenza e provincia, nell'ambito del progetto “Educazione alla Musica – La Scuola a Teatro”, in collaborazione con il Conservatorio Nicolini di Piacenza,

Parma, sequestro giudiziario per la pizzeria Arte&Gusto

I proprietari coinvolti nell’inchiesta anti-evasione che ha portato all’arresto di Wally Bonvicini. Il locale resta aperto: le quote affidate a un amministratore giudiziario

La pizzeria Arte&Gusto, in via Emilia est a San Lazzaro, è stata posta sotto sequestro nell’ambito della maxi-inchiesta anti evasione fiscale, che ha condotto all’arresto di Wally Bonvicini. 

La decisione che riguarda la totalità delle quote della srl Arte e Gusto - come riporta la Gazzetta di Parma - è stata stabilita dal tribunale del riesame che ha confermato quelle che erano le richieste del Gip. 

Nell'indagine della Finanza sono finiti i gestori del ristorante pizzeria: Immacolata, Mario e Arcangela Francese, Marco Abbruzzese e Cecilia Simeone; sotto indagine per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Secondo gli inquirenti avrebbero accumulato un debito con l’erario di 347mila euro.

Il locale in via Emilia est - frequentato da numerosi parmigiani - intanto rimane aperto. Le quote sono ora sotto il controllo di un amministratore giudiziario. 24 ottobre 2017

Fonte Link parma.repubblica.it

Sapori e colori dell'Autunno in Lunigiana (11 e 12 nov) 11 -12 nov 2017 Treschietto (Bagnone, MS)

Capanne Testaroli

Sapori e colori dell'Autunno in Lunigiana (11 e 12 nov)

11 -12 nov 2017 Treschietto (Bagnone, MS)

Nella valle del Bagnone tra natura, cultura e tradizione gastronomica, tra i piccoli Borghi di Treschietto (famoso per le cipolle) e Iera, dove era ed è presente uno dei più grandi castagneti della zona.

RES - Reddito di solidarietà regionale

RES - Reddito di solidarietà regionale

Parma, 24 ottobre 2017 - A partire da oggi è possibile anche a Parma presentare domanda del RES (reddito di solidarietà Regionale) presso la sede del Polo Sociale del proprio quartiere di residenza nei giorni di:

- lunedì, martedì, mercoledì, venerdì dalle 09:00 alle 12:00

- giovedì dalle 08:15 alle 13:00 e dalle 13:30 alle 17:30

Il RES è una misura di sostegno al reddito e all'inclusione attiva promossa e finanziata dalla Regione Emilia Romagna, che va ad integrare la misura del SIA, misura nazionale partita nel settembre 2016. Ciò permetterà di aumentare le opportunità di sostegno a più persone.

Ad oggi, le misure del SIA e del RES non sono cumulabili, quindi coloro che usufruiscono del SIA non potranno fare domanda anche per il RES.

Fabrizio Pezzuto (PUC): TEP necessità di investimenti nel parco mezzi

Pur non volendo entrare nel merito di questioni sindacali che ovviamente non mi competono, è difficile oggi non concordare sulla necessità di significativi investimenti da parte di Tep.

Investimenti che in primo luogo devono essere diretti verso le manutenzioni e lo svecchiamento del parco mezzi che, incredibilmente, vede tra le sue file ancora mezzi obsoleti a dir poco.

Vero è che nel lungo periodo di gestione della sciagurata gara per l'affidamento del servizio di trasporto pubblico non era possibile effettuare interventi di questo tipo, ma vero è anche che l'azienda da un paio d'anni sembra essere orientata a fare cassa per i suoi soci, Comune e Provincia.

Due anni fa ci fu il milionario dividendo che davvero parve improvvido nei tempi e nel merito, e anche il bilancio 2016 si è chiuso con utili che a mio parere stonano con la mission di un'azienda che deve fornire un servizio pubblico e, anche nell’ultimo Consiglio Comunale, abbiamo sentito l’Assessore Ferretti preannunciare per conto del Comune di Parma la richiesta di distribuzione di ulteriori dividendi.

Sia chiaro, avere utili non è un delitto in sé e certamente è preferibile ad avere un bilancio in perdita, ma, a mio parere, la corretta gestione della Tep dovrebbe mirare al pareggio di bilancio o poco più, impostando politiche di investimenti che migliorino la qualità complessiva del servizio sia sotto il profilo del numero e della frequenza delle tratte, sia sotto quello della qualità complessiva del parco mezzi e, non ultimo, sotto il profilo della sicurezza per gli operatori e per gli utenti.

Proprio questi aspetti, al di là delle tensioni sindacali di questi giorni, mi pare che da tempo siano usciti dal mirino di un management che a tratti sembra aver smarrito la consapevolezza del proprio ruolo strategico nei confronti di un territorio che sul tema dei trasporti tanto potrebbe ancora fare.

Presentato “PARMA. La Pallavolo, la sua Storia” di Carlo Alberto Cova e Alessandro Freschi

Parma la pallavolo la sua storia

Presentato “PARMA. La Pallavolo, la sua Storia” di Carlo Alberto Cova e Alessandro Freschi 

Parma, 23 ottobre 2017 – Questa mattina alla presenza del vicesindaco Marco Bosi con delega allo Sport è stato presentato il volume ”PARMA. La Pallavolo, la sua Storia” (Kriss editore)  che ripercorre le conquiste ed i successi di tante società e campioni che hanno fatto la storia della pallavolo nazionale partendo o passando da Parma.

Il vicesindaco ha introdotto la conferenza stampa: “Questo testo è un’opera importante perché racchiude  tanti anni di storia di una disciplina sportiva che ha celebrato Parma. Oggi stiamo attraversando un momento meno felice a livello professionistico ma lo sport ha la forza di coinvolgere i ragazzi ed il ricordare quanto è stato fatto in passato sarà motore di nuove energie”.

Carlo Alberto Cova, uno degli autori: “Abbiamo voluto ripercorrere uno sport che ha visto Parma protagonista per molti anni;  nei nostri palazzetti sono stati forgiati giocatori che hanno avuto grande successo professionale. Ancora oggi nelle nostre società ci sono squadre che fanno la differenza”.

La prima semifinale del Concorso Toscanini tra Ciarán Mcauley e Vincenzo Milletarì

Ciaran Mcauley Vincenzo Milletarì

MERCOLEDÍ la prima semifinale del Concorso Toscanini tra Ciarán Mcauley e Vincenzo Milletarì i primi a dirigere la Filarmonica Toscanini

Mercoledì 25 ottobre 2017 alle 20.30 inizia all’Auditorium Paganini, con il primo concerto di semifinale aperto al pubblico, la fase conclusiva della decima edizione del Concorso di Direzione d’Orchestra intitolato al Arturo Toscanini, che la Fondazione organizza sin dal 1985 a cadenza triennale e che quest’anno assume una valenza particolare, sia per il decennale sia per la coincidenza con il 150. Anniversario della nascita dello stesso Arturo Toscanini

Parma, Bilancio del Festival Verdi 2017

Foto Roberto Ricci/Teatro Regio: Falstaff, atto II, Giorgio Caoduro (Ford) Foto Roberto Ricci/Teatro Regio: Falstaff, atto II,

Carlo Vitali

Parma, Bilancio del Festival Verdi 2017

Il 28 settembre, un paio d’ore prima dell’inaugurazione ufficiale, la direzione del Festival Verdi annunciava che lo sbigliettamento in prevendita aveva superato un milione di euro. Risultato non da poco per un vascello operistico che verso la fine del 2015 correva il rischio di arenarsi nelle secche dell’irrilevanza, ossia nella degradazione a sagra di rilievo locale, più o meno come la Festa del culatello. Quest’anno, con quattro nuovi allestimenti – Jérusalem, Traviata, Stiffelio, Falstaff – più una ventina di eventi collaterali per un totale di circa cento appuntamenti, la verdimanìa ha dilagato per un mese intero fra Parma, Busseto e dintorni. Merito di un potenziato modello gestionale e di marketing cui hanno contribuito, oltre a Comune, Regione e Mibact, vari partner pubblici e privati come imprese, banche e perfino un importante media group a forma di Biscione. Tale sinergia pare capace di garantire un confortevole futuro anche alla prossima edizione, [...]

ATTIVITA’ AUTUNNO - INVERNO - PRIMAVERA 2017/2018 FONDAZIONE TEATRO DUE DI PARMA

ATTIVITA’ AUTUNNO -  INVERNO - PRIMAVERA 2017/2018 FONDAZIONE TEATRO DUE DI PARMA


Autunno, inverno e primavera 2017/2018. 16 fra nuove produzioni e riprese, 20 spettacoli, 24 interviste impossibili, molti progetti di collaborazione con grandi Istituzioni: saranno mesi molto intensi, spinti dal bisogno di nutrire e di nutrirsi, nella consapevolezza della funzione pubblica del teatro, ma anche nella fiducia di poter costruire dei percorsi che corrispondano ai bisogni delle persone: il teatro è rimasto uno dei pochi luoghi in cui si comincia in silenzio e si torna al silenzio, dove è possibile vivere una sospensione del tempo e riappropriarsi della concentrazione che sembra mancare a questi tempi rumorosi, del raccoglimento necessario per riflettere ed emozionarsi delle storie piccole e grandi, della vita e della morte.

Sono proprio i grandi temi universali il punto di partenza per la programmazione che Fondazione Teatro Due propone oggi, un programma che si arricchirà di altre proposte e che proseguirà nell’estate 2018 nella nuova agorà dell’ Arena Shakespeare.

Sarà un viaggio guidato da chi ci ha preceduto, da grandi poeti, intellettuali e autori, che possano rappresentare un confronto per gli artisti contemporanei che ci accompagnano in questo percorso, nel tentativo di creare le condizioni perché possa nascere quello che manca, nell’idea che l’accadimento teatrale non debba limitarsi a un’effimera animazione di spazi.

 

Teatro Due di Parma: Programma stagione 2017-2018

LE INTERVISTE IMPOSSIBILI

produzione Fondazione Teatro Due

dal 21 ottobre al 21 novembre 2017 

 

LITTORAL

di Wajdi Mouawad

regia Vincenzo Picone

produzione Fondazione Teatro Due

dal 4 al 12 novembre 2017 

 

IL BORGHESE GENTILUOMO

di Molière

regia Filippo Dini

produzione Fondazione Teatro Due

dal 15 al 19 novembre 2017 

 

IL MALATO IMMAGINARIO

di Molière

regia Walter Le Moli

produzione Fondazione Teatro Due

dal 25 novembre al 3 dicembre 2017 

 

Leonard Bernstein

I HATE MUSIC!

Canzoni lettere, ricordi.

con Joana Estebanell Milian

pianoforte Mauro Arbusti

a cura di Massimiliano Farau

produzione Fondazione Teatro Due

dal 13 al 17 dicembre 2017

 

 

LA LOCANDIERA

di Carlo Goldoni

regia Walter Le Moli

produzione Fondazione Teatro Due

16 e 17 dicembre 2017

 

 

ODISSEA

di Nikos Katzanzakis

traduzione di Nicola Crocetti

con Tommaso Ragno

musiche originali composte ed eseguite al pianoforte da Orazio Sciortino

produzione Fondazione Teatro Due

dal 15 al 17 dicembre 2017

 

 

 

 

I POETI SULLE MINE -MAJAKOVSKIJ PASTICHE

Reggio Parma Festival

2 dicembre 2017

 

 

JEDERMANN - Il dramma della morte del ricco

di Hugo von Hofmannstahl

a cura di Walter Le Moli

produzione Fondazione Teatro Due

7 dicembre 2017

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti