Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Parmademocratica

Parmademocratica.it: raccolta di informazioni, news, politica di Parma e Provincia

Debito Pubblico Comune di Parma e sue Partecipate

Palazzo Comune di Parma

- il debito bancario delle Società partecipate è aumentato di 12.751.000 euro;

- il patrimonio netto delle partecipate ha subito una perdita di quasi 14.900.000 euro;

-il Comune ha trasferito alle Partecipate tra il 2012 e il 2015 ben 162 milioni di euro, pari al 27% delle tasse versate dai cittadini;

-Il Comune di Parma nel quadriennio 2012-2015 ha incassato in tutto 597,5 milioni di euro attraverso tasse e imposte comunali: nel 2014 ogni cittadino ha corrisposto ben 941 euro di tasse, la leva fiscale più alta in assoluto di tutti i Comuni dell’Emilia-Romagna fra i 50.000 e i 200.000 abitanti e ben al di sopra della media nazionale (650 euro pro capite). Nel 2011, con 474 euro pro capite, erano invece i meno tassati in assoluto fra i cittadini dei Comuni equiparabili in Regione.

- il Comune di Parma ha ceduto patrimonio immobiliare e soprattutto azioni IREN 18 milioni di azioni sono passate dalle mani pubbliche a quelle delle grandi banche che, per pubblica ammissione dell’amministratore delegato di STT, «non ci hanno rimesso quasi nulla». Bella ristrutturazione del debito! Le tasse dei cittadini sono invece aumentate in quattro anni del 100%.

-La Commissione Audit sul debito pubblico di Parma chiede che venga istituita una COMMISSIONE DI INCHIESTA pubblica e popolare sul debito

La Commissione Elettorale Comunale ha scelto gli scrutatori per le Elezioni Amministrative del 11 giugno 2017

"La Commissione Elettorale Comunale ha scelto gli scrutatori per le Elezioni Amministrative del 11 giugno 2017"

Parma, 18 Maggio 2017. Mercoledì 17 maggio, la Commissione Elettorale Comunale, ha scelto gli scrutatori, tra gli iscritti all'Albo apposito e nel rispetto della Legge di riforma elettorale n. 270 del 21 dicembre 2005, per le elezioni del 11 giugno. Quest’anno sono pervenute al Comune 1280 dichiarazioni di disponibilità da parte di cittadini per il ruolo di scrutatore e tra questi la Commissione Elettorale ha scelto quelli necessari a comporre i seggi.

SEZIONI ELETTORALI

Le sezioni sono 207, più 9 sezioni speciali.

Paolo Scarpa SU CANILE E GATTILE di Parma

Cane in canile

Quando mai da Presidente del Borgo, Scarpa ha fatto qualcosa a favore degli animali? Perché non ha mai chiamato a un incontro con il suo Borgolab l'ex parlamentare europeo Andrea Zanoni ? L'unico politico Italiano in Europa che si è adoperato per i diritti degli animali e dell'ambiente.

Roberto Ghiretti sull'utilizzo improprio del Wopa da parte di Effetto Parma

Foto di Roberto Ghiretti:Wopa utilizzato da Effetto Parma Foto di Roberto Ghiretti:Wopa utilizzato da Effetto Parma

Che la commistione pubblico-privato nella gestione del Wopa potesse generare qualche confusione nell'immaginario del candidato sindaco Pizzarotti lo avevo messo in preventivo, ma mai mi sarei aspettato di veder utilizzato uno spazio pubblico di fatto come sede elettorale per la campagna elettorale di Effetto Parma.

Le foto che allego sono state scattate ieri sera al Wopa nel corso di una manifestazione e testimoniano come una struttura pubblica data in concessione all'ordine degli architetti e in gestione ad una associazione, viene usata come ripostiglio per mezzi che di sicuro saranno utilizzati nei prossimi giorni per promuovere la rielezione di un sindaco che evidentemente non ha le idee chiare sul confine tra pubblico e privato.

Una confusione di ruoli e competenze certo non semplificata dal fatto che il presidente dell'Ordine degli Architetti, nonché membro del consiglio dell'associazione “Workout Pasubio” che ha in gestione il Wopa, è uno dei 32 candidati che compongono la lista di Pizzarotti.

Su questa faccenda nei prossimi giorni chiederemo tutti i chiarimenti del caso a chi di dovere, per il momento lascio ai cittadini la libertà di valutare se questa spregiudicata gestione di beni che sono pur sempre pubblici sia o meno accettabile. 

Roberto Ghiretti

Parma, chiusura ricezione liste elettorali 2017

Parma, 13 Maggio 2017- Alle ore 12.00 si sono conclusi i lavori di ricezione delle liste elettorali che parteciperanno alle Elezioni del Sindaco e del Consiglio Comunale di Parma previste per il giorno 11 giugno 2017, con eventuale turno di ballottaggio il giorno 25 giugno. 
Elenco PDF delle liste presentate presso questo Comune. Le liste verranno ora rimesse alla Commissione Elettorale Circondariale per la verifica e la definitiva approvazione che consente l'ammissione al voto. Al termine dei lavori, verrà effettuato il sorteggio dell’ordine in base al quale saranno riprodotti, sul manifesto e sulle schede, i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e, accanto ad essi, l’ordine con cui saranno riportati i contrassegni delle liste collegate.

Elezioni 2017 a Parma: la lista del PD

I nomi della lista - Lavagetto Lorenzo avvocato; Bonetti Caterina lavoratrice dipendente; Alimadhi Gentian avvocato; Cacciani Silvia insegnante; Arcidiacono Marco Alfredo infermiere; Cagnolati Anna casalinga; Bertozzi Paolo ingegnere; Cordero Irene impiegata; Broso Matteo studente; Corsaro Gabriella musicista; Campanini Sandro funzionario pubblico; Carmela Fago edicolante; D’Alessandro Lucido artigiano alimentare; Gironi Donatella web editor; D’Ippolito Raffaele dirigente medico; Ilari Raffaella libera professionista; Di Santo Marino consulente aziendale; Iovino Emma imprenditrice; Gennari Alain formatore; Jacopozzi Daria insegnante; Greci Paolo pensionato; Luceri Beatrice professore universitario; Negri Giuseppe avvocato; Maggio Aureliana avvocato; Pezzani Luca fotografo; Oluboyo Victoria Inioluwa studentessa; Rivaldi Gianluca lavoratore dipendente Iren; Reverberi Rossella impiegata; Scarpino Pierpaolo funzionario pubblico; Rossi Silvia musicista; Zanichelli Daniele funzionario pubblico; Tambini Cristina insegnante.

Parma elezioni 2017: prersentazione liste elettorali e successivo sorteggio

Parma, 12 Maggio 2017- Sono iniziati stamattina i lavori di ricezione delle liste elettorali che parteciperanno alle Elezioni del Sindaco e del Consiglio Comunale previste per il giorno 11 giugno, con eventuale turno di ballottaggio il giorno 25 giugno. Le liste potranno essere presentate presso la Segreteria Generale del Comune di Parma - Residenza Municipale, strada della Repubblica 1 - nella giornata di oggi fino alle 20.00 e nella giornata di domani, sabato 13 maggio, dalle 8.00 alle 12.00.

Una volta ricevute dal Segretario Generale, le liste verranno rimesse alla Commissione Elettorale Circondariale per la verifica e la definitiva approvazione che consente l'ammissione al voto. Al termine dei lavori, verrà effettuato il sorteggio dell’ordine in base al quale saranno riprodotti, sul manifesto e sulle schede, i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e, accanto ad essi, l’ordine con cui saranno riportati i contrassegni delle liste collegate.

Parma Elezioni 2017: LISTA PARMA UNITA – CENTRISTI in appoggio a Scarpa

Presentata La LISTA PARMA UNITA – CENTRISTI
Pezzuto Fabrizio; Alberici Marco; Baroni Giovanni; Bassi Claudio; Bianchi Stefano;Bonoldi Elvira; Caltabiano Alfredo; Carattini Benedetta; Catalano Fabio; Davoli Claudio; Del Tufo Vittorio; Ferri Gian Marco; Fochi Massimo; Galasso Ettore; Ghini Luca; Guarini Matteucci Federica; Innocente Carla detta They; Lazzari Nicola; Mansanti Corrado; Morestori Valentina; Poli Stefania; Ponzi Barbara; Pugnana Valentina; Raposio Edoardo; Rizzi Sandro; Romanini Erica; Taccardi Giovanni; Ugolotti Serventi Maria Cristina; Zambrelli Cristian; Zerbini Barbara; Pellacini Giuseppe; Ghiretti Roberto.

Paolo Scarpa: SUPPORTI SOCIALI SUL TERRITORIO E STRATEGIE CONDIVISE PER LA SANITÀ CITTADINA

A Parma c’è carenza di supporti sociali efficaci sul territorio, soprattutto di strutture socio-sanitarie adeguate per seguire la post-degenza dei pazienti più anziani, in un’ottica di integrazione tra le competenze ospedaliere e i servizi territoriali. Tra le mie proposte c’è il recupero edilizio e funzionale del Romanini-Stuard, che può essere in parte destinato all’assistenza post degenza. Esiste inoltre la necessità di creare una reale sinergia tra sindaco e le direzioni generali di Usl e Azienda Ospedaliera, per elaborare una strategia assistenziale adeguata alle esigenze della cittadinanza e garantire una migliore difesa dei nostri servizi in sede regionale. Compito quest’ultimo mai svolto dall’attuale primo cittadino di Parma, peraltro presidente della Conferenza sociosanitaria, che non ha saputo costruire il necessario clima di collaborazione operativa con le autorità sanitarie della città. E questo in vista della unificazione dell’Usl con l’Azienda Ospedaliera Universitaria, processo che deve essere seguito e vigilato. Ritengo che tocchi proprio al sindaco il compito di affiancare, anche in sede propositiva, un sistema sanitario che denuncia uno stato di crisi evidente, aggravato dalla grave carenza di ricambio generazionale tra il personale medico. La salute è l’obiettivo di una intera comunità, da qui il progetto di politiche attive di prevenzione (educazione, scuola, sport) di cui il Comune deve farsi protagonista.

Elezioni 2017 a Parma, la lista del Prc a sostegno di Manno

"Saremo in contrapposizione alle destre ma anche alternativi al centrosinistra di Scarpa e alla proposta politica di Pizzarotti"

Amadei Mario, Azzolini Remo, Bastoni Giovanni, Bocchia Mauro, Catelli Adolfo, Cordani Guglielmo, Cutaia Lodovico, Durante Chiara, Ferrari Alessandro, Ferrari Franco, Gabbi Orietta, Garulli Valter, Munck Karin, Partesotti Simone, Piro Pietro Paolo, Pracella Giuseppe, Proietto Angela, Spocchi Rossana, Stella Elena, Terzoni Renzo, Varatta Antonio, Varesi Paola, Zanza Amalia, Amadei Giuliano.

Questi i candidati di Rifondazione comunista in Consiglio comunale in vista del voto dell'11 giugno. Rifondazione sarà in coalizione con il Pci a sostegno della candidatura a sindaco di Ettore Manno "non solo in contrapposizione alle destre ma anche in alternativa al centrosinistra di Scarpa e alla proposta politica di Pizzarotti".

"Anche a Parma si devono mettere finalmente al centro delle scelte amministrative gli interessi dei lavoratori e delle fasce sociali più deboli, dare risposte concrete ai bisogni delle classi popolari colpite da politiche di austerità, garantire i diritti costituzionali al lavoro, alla casa, alla salute e all’assistenza, all’accoglienza e al libero accesso ai beni comuni".

Prc ritiene che il Comune debba "provare a costruire risposte per il rilancio dell’occupazione a livello locale, rispettare i diritti del lavoratori nei servizi di sua diretta competenza e superare il criterio del massimo ribasso nell’affidamento degli appalti; riaffermare con forza il diritto di tutti alla casa, ad una sistemazione dignitosa e a vivere in una città solidale e accogliente".

Pizzarotti-Scarpa su TV Parma: tensione altissima al primo duello

Dal welfare alla sicurezza: il confronto tra i due candidati. Senza esclusione di colpi

Francesco Bandini

05 Maggio 2017 - 05:00 C'è il fair play iniziale, quando ciascuno dei due riconosce all’avversario onestà da una parte e pacatezza dall’altra; ma c’è anche lo scontro duro, quando Pizzarotti accusa Scarpa di fare «battute di bassissimo livello» e Scarpa contesta a Pizzarotti il «tradimento» del proprio mandato elettorale. È stata un’ora di dibattito serrato quella andata in onda ieri sera su Tv Parma: la trasmissione «Lettere al direttore» ha infatti ospitato il primo di una serie di confronti fra i candidati sindaci in lizza per le comunali del prossimo 11 giugno (dopo quello di ieri, i dibattiti si ripeteranno ogni mercoledì e giovedì con tutti gli altri aspiranti sindaci, sempre alle 21.15). Ieri Federico Pizzarotti, candidato di Effetto Parma, e Paolo Scarpa, espressione del centrosinistra, hanno risposto alle domande dei giornalisti Giuseppe Milano e Giulia Viviani, spaziando sui temi più disparati. Ecco una sintesi dei vari argomenti trattati.

Bilancio degli ultimi 5 anni

Ovviamente opposta la visione dei due candidati sui cinque anni della giunta ex cinquestelle. Se per Pizzarotti «la città è uscita dal disastro del quasi fallimento ed è arrivata ad avere importanti riconoscimenti, come quello Unesco», secondo Scarpa «Parma è oggi una città rassegnata e spenta, in fase di crisi, una crisi che deriva da tante cose, compresa la navigazione a vista che c'è stata finora: una situazione che esige un cambio di velocità».

Politica, Giuseppe Bizzi a fine mandato: "Scelta sofferta, non sarò alle elezioni"

Esternalizzazioni, cultura, welfare: il bilancio del consigliere comunale di Possibile

Il consigliere comunale di Possibile, Giuseppe Bizzi, ha tracciato un bilancio di fine mandato e ufficializzato che il movimento a cui ha aderito dopo l'uscita dal Pd nel 2015 non sarà presente alle elezioni Comunali di Parma l'11 giugno.

"Non ho trovato una collocazione aderente all'interno del quadro politico che si è costituito. Non nascondo che avrei ancora voglia di fare e di mettere a disposizione le competenze che ho maturato in questi 5 anni ma non c'è stata la possibilità; la mia è quindi una scelta sofferta ma convinta".

La visita mesi fa a Parma di Giuseppe Civati aveva fatto intravedere possibili intese con Federico Pizzarotti: "Un dialogo che si è sviluppato a livello nazionale dopo l'uscita del sindaco dal M5s con l'obiettivo di intraprendere un percorso alternativo al renzismo e al grillismo". Esempi in questa direzione si sono concretizzati a Genova e La Spezia tra fuoriusciti pentastellati e civatiani alle amministrative.

Assemblea Nazionale Pd, Pagliari tra i rappresentanti dei senatori

Sarà il Sen. Giorgio Pagliari a rappresentare, insieme ad altri 24 colleghi, il gruppo di senatori del Partito Democratico all'interno della assemblea nazionale del partito, chiamata ad eleggere i nuovi organismi dirigenti. L'assemblea, seguente alle primarie svoltesi domenica scorsa e che hanno visto l'affermazione di Matteo Renzi, eleggerà anche i rappresentanti all'interno della Direzione Nazionale, eleggerà anche i propri rappresentanti all'interno della Direzione Nazionale Pd. In tutto divengono così otto i rappresentanti del Pd di Parma presenti in assemblea nazionale.

UDP: “L’oro politico” di Parma, in gita col PD, la miseria di una campagna elettorale

Parma Piazza Duomo votare

Come promesso pubblichiamo le nostre riflessioni e idee sulle Amministrative 2017 a Parma
UDP: “L’oro politico” di Parma in gita col PD: “Parma protagonista”(!), dentro Scarpa suoni l’arpa e mangi la carpa macerata in carpione.

L’assenza purtroppo di vere alternative hanno posto Scarpa, a sua insaputa, come l’ultima chance contro Pizzarotti. Non per meriti, né per il progetto politico (per ora inesistente), solo per la sua faccia che risulterebbe una immagine positiva e di fiducia... anche se decade nello scontro dialettico. Se Scarpa perderà le elezioni, come possibile che sia, dovrà imputare solo a se stesso la responsabilità. Si avvia ad essere anche nel 2017 un’altra sconfitta elettorale consecutiva per il PD (1998; 2002; 2007; 2012, 2017).

PAOLO SCARPA: PRIMARIE PROVA DI DEMOCRAZIA E PARTECIPAZIONE

Paolo Scarpa
Ingegner Scarpa, la sua "ingenuità politica" in questo testo sarebbe preoccupante per un Amministratore, se non fosse che è frutto di una dovuta comunicazione di servizio dei suoi gostwriter, seppur da lei, evidentemente, approvata. Le Primarie sono una istituzione che da anni sostengo, forse, prima ancora di lei, la perplessità è per come si svolgono senza essere inserite organicamente nella legge elettorale (anche se non è questo il caso, essendo una elezione all'interno del partito). Non sono poi da confondere con le elezioni vere, in cui l'astensione è crescente. Il caso delle regionali 2014 lo ricordiamo tutti con la partecipazione del 37% degli aventi diritto. I votanti in Italia sono circa 57 milioni. Il calo rispetto alle precedenti non è cosa da sottovalutare. 1.000.000 di voti persi che, forse, non vuole vedere.  

Trasporto pubblico a Parma, aggiudicazione definitiva a Busitalia

Busitalia

Finisce ufficialmente l’era Tep. Smtp ha assegnato il servizio per i prossimi nove anni all’ati d’imprese formata da Busitalia Sita Nord e Autoguidovie

Il servizio di trasporto pubblico locale non sarà più nelle mani di Tep. Smtp ha segnato in via definitiva la gara a Busitalia Sita Nord e Autoguidovie. La determina dirigenziale è stata pubblicata sul sito web della Società per la mobilità e il trasporto pubblico. 

Dunque si chiude a Parma l’era Tep. Il servizio per i prossimi nove anni sarà in mano alla società del gruppo Ferrovie dello Stato. A questo punto, per l’azienda locale potrebbe restare in campo solo l’ipotesi di un eventuale ricorso al Tar. Tep, già in fase di aggiudicazione provvisoria della gara, aveva evidenziato possibili anomalie nell’offerta economica dei concorrenti. 

La perdita del servizio pubblico da parte di Tep, che aveva innescato numerose polemiche politiche, tornerà ora inevitabilmente al centro della campagna elettorale per il Comune, in vista del voto dell’11 giugno. 

Elezioni 2017 a Parma: Fdi-An, la lista a sostegno di Cavandoli

Capolista sarà Priamo Bocchi, già candidato sindaco alle elezioni del 2012

Fratelli d'Italia-An scende in campo nella corsa alle elezioni amministrative di Parma con una propria lista di candidati a sostegno di Laura Cavandoli. Capolista è Priamo Bocchi, da anni militante nella destra ed ex candidato sindaco nel 2012.

Tra gli altri nomi, cui si annunciano già nuove adesioni, compaiono Antonio Rozzi, Polo Bertazzo, Stefano Bosi. Graziano Medici, Yilenia Rossi, Nicola Scillitani, Michele Andreoli, Giuseppe Degiacomi, Giacomo Manzini, Adriana Tommasino, Carmelo Di Falco, Giorgio Rossi, Luca Gaglio, Rino Cirone, Monia Bartoli.

Il portavoce provinciale Massimo De Matteis ha presentato la lista nella sede del partito in via Mazzini 6, in presenza di numerosi militanti e simpatizzanti raggiunti anche dalla candidata sindaco del centrodestra Laura Cavandoli: "Presentiamo donne e uomini che si sono messi a disposizione della cittadinanza per un progetto di cambiamento e di alternativa all'attuale amministrazione - ha dichiarato - sosteniamo Laura Cavandoli a capo di una coalizione di controdestra coesa, portatrice di una progettualità importante e aperta al contributo del mondo civico, che ha sempre dimostrato interesse e attenzione ai problemi della città. I civici della coalizione sono persone di gran caratura. Fratelli d'Italia porta il proprio patrimonio ideale e d'impegno, contribuirà in modo determinante all'affermazione e alla vittoria della coalizione".

L'ipotesi di un ballottaggio tra Scarpa, candidato del centrosinistra, e il sindaco uscente Pizzarotti non è per il momento contemplata: "Vincerà Cavandoli, in caso diverso non daremmo indicazioni verso l'uno o verso l'altro" concluda De Matteis. 

Fonte Link parma.repubblica.it 

Elezioni 2017, corsa unitaria pro Scarpa per Ghiretti e Pellacini. Effetto Parma di Pizzarotti attacca: "Un Vignali bis"

Si riduce il numero dei candidati a sindaco. La lista "La città che unisce" sarà presentata il sei maggio. Pizzarottiani: "Un Vignali bis"

Convergenza di Giuseppe Pellacini nella lista Parma Unita che sosterrà Paolo Scarpa alle elezioni Comunali dell'11 giugno 2017.

La lista sarà presentata ufficialmente sabato sei maggio. "Faccio un passio indietro - ha detto Pellacini, fino a oggi in corsa per il ruolo di primo cittadino con Centristi per Parma - per appoggiare Scarpa. Il bene della città è superiore agli interessi personali. In questi cinque anni, insieme a Ghiretti, siamo stati all'opposizione, accumunati da tante idee. Per non rendere vana questa vicinanza ideale e programmatica, è doveroso creare una forza unitaria, per liberare la città da Pizzarotti".

Il nuovo simbolo - presentato venerdì mattina al bar San Pietro in piazza Garibaldi - reca i nomi dei due movimenti, accompagnato da sette stelle, a simboleggiare la dimensione europea di Parma. Lo slogan scelto è "La città che unisce".

"La decisione - ha commentato Roberto Ghiretti - nasce da cinque anni d'impegno in Consiglio comunale. In questi mesi abbiamo visto troppe ambizioni personali, che hanno generato micro o macrocosmi. La nostra è un'alleanza variegata - riconosce il civico - ma è proprio questa la sua bellezza. Una coalizione in cui il Pd è una delle componenti. Paolo Scarpa è una persona competente e di carattere, rappresenta un'alternativa possibile a Pizzarotti".

La scandalosa vendita delle azioni di Fiere di Parma

Nicola Dall'Olio

Cronache dal consiglio comunale di Parma

Mercoledì 26 nell’ultimo punto all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio comunale dell’amministrazione Pizzarotti verrà portata al voto una delibera per la cessione di parte delle azioni di Fiere di Parma S.p.A. detenute dal Comune e dalla Provincia di Parma

Comune e Provincia di Parma detengono ciascuno il 28,08% delle azioni di Fiere, ovvero la maggioranza assoluta (56%) del capitale. Altri soci pubblici sono la Camera di Commercio (10,28%) e la Regione (5,08%). I principali soci privati sono Crédit Agricole (18,85%) e Unione Parmense Industriali (6,73%).

Con questa delibera inserita all’ultimo momento con un integrativo di urgenza, il Comune mette in vendita, anche per conto anche della Provincia, il 17% del capitale sociale in quote paritetiche dell’8,5%. Per rendere possibile questa vendita la delibera modifica anche un patto parasociale sottoscritto nel 2000 e vigente fino al 2020 con il quale i due enti si impegnavano a mantenere una quota di partecipazione non inferiore al 26% ciascuno, patto che aveva il fine di garantire sempre il controllo della maggioranza dell’azionariato.

Nella delibera si stabilisce inoltre che parte dei proventi derivanti dalla vendita delle azioni di Fiere saranno utilizzati per il piano di risanamento e sviluppo di SOGEAP, la società di gestione dell’aeroporto a larga maggioranza privata, in cui il Comune detiene una quota di minoranza del 5,91%. SOGEAP presenta infatti una perdita strutturale di più di 2 milioni di euro all’anno ed è in cerca di nuova finanza per andare avanti.

Rendiconto di fine mandato, Pizzarotti: "Raggiunto il 73 per cento degli obiettivi"

Dal 2012 a oggi la giunta Pizzarotti ha realizzato il 73 per cento degli obiettivi prefissati nel corso del mandato. E' un dato che emerge dal documento "Dire, fare, contare", il rendiconto di fine mandato stampato in duemila copie per istituzioni, associazioni e cittadini e disponibile in pdf da giovedì da questo sito web.

Il sindaco Federico Pizzarotti ha presentato il documento in mattinata all'oratorio San Tiburzio, ricordando che l'idea di "misurare" con metodo matematico lo stato di avanzamento dell'attività amministrativa è innovativa e forse unica in Italia: "Su 234 linee programmatiche definite nel 2012 in seguito alle elezioni, 148 sono state realizzate, 94 sono in corso di realizzazione e 32 non sono state compiute. Il valore in percentuale è del 73%. Abbiamo voluto rendicontare l'impegno concreto e realizzare uno strumento che faccia comprendere ai cittadini com'è cambiata Parma in questi cinque anni. Si può vedere quali sono i progetti, importanti, portati a termine e quelli ancora in corso. Non credo poi a quelli che dicono di avere ottenuto il 100 per cento perché è impossibile, ma il nostro è sempre un grande risultato vista la situazione economica con cui ci siamo dovuti confrontare ad inizio mandato"".

Il rendiconto è un documento di sintesi previsto dalla legge e destinato a vari enti. La versione per i cittadini è un libro di 180 pagine ricco di immagini e di schemi, di facile consultazione. L'attività amministrativa è stata suddivisa in quattro settori, gli aggettivi attribuiti alla città di Parma: "Attrattiva", "Sostenibile", "Inclusiva", "Equilibrata".

UDP: “Cuperlo, il sì al referendum è stato Alto tradimento alla Costituzione”

Gianni Cuperlo

Cuperlo a Parma per sostenere Andrea Orlando ed è cosa giusta, pur nell'ardua riuscita.

Finito il suo animato e raffinato intervento di propaganda dove ha parlato pure del SI al referendum confermativo, dell’impoverimento della borghesia… avvicinavo il dottor Cuperlo e stringendo la mano che mi porgeva gli riferivo che il SI era stato un tentativo di alto tradimento alla Costituzione italiana a cui gli Italiani hanno risposto in modo deciso e inequivocabile (60% si è espresso per il NO LINK). Avrei voluto dirgli altre cose, ma non mi aspettavo di incontrarlo essendo per caso alla "trattoria dei Servi in Ghiaia" dove teneva il suo comizio a mia insaputa. Sull'appoggio a Scarpa solo un passaggio insignificante, "Non conoscendo nel profondo e dall'interno la città. Penso sia un candidato serio, autorevole. Ora tocca la città decidere... Il PD da solo non ce la potrebbe fare".  
Avrei voluto fargli alcune domande anche sulla moneta a debito, causa del vero impoverimento italiano e di tutti gli Stati in cui vige questo sistema; sulle Privatizzazioni operate per realizzare il piano concordato sul Britannia. Opera voluta dal PD con vari esponenti del vertice a partire da Prodi, Bersani, Ciampi, Amato, Letta, Andreatta, Draghi, D’Alema, Renzi.  

Pizzarotti: "Indebitamento del Comune ridotto del 60%, missione compiuta"

L’assessore al Bilancio Ferretti: "A dicembre scenderanno a 325 milioni". Il 22 aprile la presentazione del programma di Effetto Parma

Il debito del gruppo Parma (Comune più società partecipate) si attesterà a fine anno attorno ai 325 milioni di euro. Questa la stima dell’assessore al Bilancio Marco Ferretti, dopo che nei giorni scorsi il Consiglio comunale ha dato il via libera al piano per la chiusura delle società Alfa, Casadesso, MetroParma e la controllante Stt.

"Missione compiuta" commentano all’unisono il sindaco Federico Pizzarotti e il delegato nella conferenza stampa che si è svolta in municipio, per presentare i risultati ottenuti per contenere l’indebitamento

"Arrivare a un calo del 60% - ha detto il primo cittadino - questo è Effetto Parma. Ci siamo trovati di fronte a una situazione difficile, tanto che si parlava di predissesto dell’ente e l’abbiamo gestita in modo corretto, senza tagliare i servizi. Se nell’attuale campagna elettorale non si discuterà di default lo si deve al nostro lavoro. Siamo riusciti a ridare credibilità e stabilità economica alla città".

Ferretti ha illustrato la situazione del gruppo Parma. Nel 2011, secondo i dati del bilancio consolidato, l’indebitamento era di 807 milioni di euro. "Nel 2015 abbiamo registrato una riduzione del 50%, con una cifra intorno ai 400 milioni di euro. Al 31 dicembre 2017, una volta concluse le azioni legate al piano di Stt, contiamo di arrivare a 325 milioni di euro. A fine 2018 la stima è di scendere sotto i 300 milioni di euro".

In pratica, da una situazione di partenza di 807.832 milioni di euro nel 2011, il debito consolidato del Gruppo Parma, al netto delle elisioni infragruppo, è sceso a 400.874 milioni al 31 dicembre 2015, ridotto esattamente del 50,38%. E nel 2017 calerà ulteriormente al 60% dell’indebitamento ereditato a inizio mandato.

Ghirarduzzi, candidato sindaco M5S: "Noi siamo movimento di proposta"

Daniele Ghirarduzzi si presenta come candidato sindaco del Movimento 5 Stelle e, allo stesso tempo, rende noto il contenuto del programma e i nomi che compongono la sua lista.
"Aspettiamo il certificato ufficiale da parte del blog di Beppe Grillo, che arriverà a ore, comunque il via libera all'uso del simbolo è arrivato dallo stesso Grillo, durante una telefonata", assicura Ghirarduzzi, nel corso dell'incontro con i sostenitori organizzato oggi pomeriggio all'hotel Tre Ville, dopo che il Comune ha negato l'uso della sala stampa del municipio per la presentazione delle candidature in vista delle elezioni amministrative. 
"Abbiamo la responsabilità di dimostrare che non siamo un movimento solo di protesta, ma anche di proposta", dice il candidato, prima di criticare Federico Pizzarotti per non aver rispettato le promesse elettorali. 
Al fianco di Ghirarduzzi c'era anche Max Bugani, responsabile della piattaforma "Rousseau".
Ecco i nomi della lista: Cinzia Ferraroni, Alessandro Guardamagna, Renzo Minari, Roberto Oliver Zubani, Patrizia Adorni, Juri Armani, Alessio Sani, Antonella Gianferrari, Giovanni Coruzzi, Felice Niro, Laura Greco, Daniele Mazzotti, Dario Dimarcobernardino, Claudio Armani, Maria Cristina Chiesa, Luigi Corda, Danila Adorni, Maria Amarù, Marzio Minari, Andrea Vietti, Lorenzo Tanzi. P.Dall. 22/04/2017

Fonte Linik gazzettadiparma.it 

Articoli correlati

ELEZIONI 2017 A PARMA, ECCO I GRILLINI CHE SFIDANO PIZZAROTTI

 

Elezioni 2017 a Parma, ecco i grillini che sfidano Pizzarotti

Il candidato sindaco Ghiraduzzi con Nuzzo, Savani e Bugani presentano la lista M5s. "Esserci è già una vittoria"

"Trasparenza, partecipazione e coerenza: questi sono i valori del Movimento 5 stelle. Adesso chiediamo ai cittadini, che già nel 2012 hanno dato fiducia al nostro Movimento, di credere veramente in questi valori perché stavolta li porteremo avanti davvero".

Così Daniele Ghirarduzzi, il candidato sindaco del Movimento 5 stelle a Parma - scelto da Beppe Grillo che ha garantito il suo appoggio e quello di tutto il Movimento  - ha aperto la conferenza stampa di presentazione della lista e del programma elettorale.

L'intervento del consigliere bolognese Max Bugani a sostegno del candidato sindaco parmigiano del M5s: "Quello che Daniele e la sua squadra stanno facendo è un grande sacrificio: candidarsi a Parma non era scontato. Non si riparte da zero a Parma: si riparte da meno dieci. Il fatto che ci sia questa lista e un candidato sindaco è già una vittoria. Il M5s stelle grazie a voi a Parma ha già vinto", ha aggiunto Bugani che ha ringraziato anche i consiglieri comunali del M5s Parma Mauro Nuzzo e Fabrizio Savani, tra i banchi dell'opposizione nel Consiglio comunale parmigiano, che comunque non figurano in lista.

"Negli anni passati abbiamo visto come in Consiglio comunale, purtroppo, è possibile che qualcuno che si presenti in un modo poi cambi faccia - ha commentato Nuzzo - la nostra non è una battaglia contro Pizzarotti, ma è una battaglia contro quella politica che fa dell'incoerenza il viatico del proprio agire politico".

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti