Una collaborazione italo-tedesca studia gli effetti della sincronizzazione nel mondo quantistico