Sulla 'Carmen' assassina di Firenze