Giornata per la vita. La neurologa: «Irreversibile? Parola vietata»