Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

EOLIEFORYOU

EOLIEFORYOU: news, immagini, video, soggiorno, sulle isole Eolie di Vulcano, Salina, Lipari, Panarea, Alicudi, Filicudi, Stromboli con Ginostra

Alicudi, 7mila libri per 70 abitanti: benvenuti nella biblioteca "Tra cielo e mare Franco Scaglia"

Eolie, nell'isola estrema occidentale un'oasi di cultura. Inaugurata il 26 agosto 2017, è diventata operativa quest'estate. I volumi del giornalista e scrittore, morto nel 2015, sono stati donati all'isola dalla moglie: l'attrice Mascia Musy

Ad Alicudi gli indirizzi si trovano contando i gradini di una mulattiera fiancheggiata da ginestre e fichi d'india. Si sale su abbandonando il mare per abbracciare il cielo. E poi ci si ferma a metà, tra cielo e mare. Scalino 357, benvenuti nella biblioteca Franco Scaglia. Circa 7mila libri, tra cui edizioni rare e preziose, che appartenevano alla collezione del giornalista, scrittore, morto nel 2015. E adesso sono a disposizione di tutti. Si possono consultare, prendere in prestito, amare. Un regalo con cui la moglie, l'attrice Mascia Musy, ha scelto di omaggiare quest'isola che ha appena 70 abitanti d'inverno, 500 turisti d'estate, e nessuna strada.
 
"Franco e i libri si muovevano insieme - spiega Musy -. Ogni volta che dovevamo traslocare, la scelta della nuova casa doveva passare un test. Misuravo le pareti delle stanze sia in verticale che in orizzontale e solo se la libreria entrava, la prendevamo. Quando mi sono ritrovata con quest'enorme patrimonio, ho pensato: non mi basterà una vita per leggerli tutti, non volevo diventassero soprammobili". Da qui l'idea di donarli ad Alicudi, la "più tranquilla dell'arcipelago eoliano" direbbe il cormorano Carmelo, alter ego pennuto di Scaglia che proprio su quest'isola vide lo scoglio più bello della sua vita e decise di prendere quella che noi, "bipedi senza ali, chiamiamo pausa di riflessione".

ISOLE EOLIE… etimologia

Eolo dio dei venti

Le isole prendono nome dal dio Eolo, re dei venti. Secondo la mitologia greca, Eolo riparò su queste isole e diede loro nome, grazie alla sua fama di domatore dei venti. Viveva a Lipari, e riusciva a prevedere le condizioni del tempo osservando la forma delle nubi sbuffate da un vulcano attivo, probabilmente lo Stromboli. Grazie a questa abilità, determinante per gli isolani che erano in gran parte pescatori e necessitavano di conoscere gli eventi meteorologici che sarebbero avvenuti, Eolo si guadagnò grande popolarità nell’arcipelago, e secondo una teoria, fu da questi fatti che un semplice principe greco, abile nel prevedere il tempo dalle nubi, alimentò il mito del dio Eolo in grado invece di controllarle.

Il nome di isole Lipari viene invece dal re Liparo, successore di Eolo. Secondo Plinio, venivano queste isole chiamate, dai greci Efestiadi (Hephaestiades, Ἡφαιστιάδες) e perciò, dai romani, assieme a Aeoliae e LipariVolcaniae (Plin. III, 92.)

Fonte Link: https://girolama.wordpress.com/2010/01/29/isole-eolie-etimologia/

Terremoto eolie: 4 feriti a Lipari e molti crolli. Non c'è pericolo Tsunami

pubblicato: lunedì 16 agosto 2010 da Marina

Crolli e 4 feriti per il terremoto alle Eolie

(ecoblog.it) Secondo l'INGV la scossa di terremoto magnitudo 4.5 della scala Richter si è verificata alle 14,54 di oggi a 19.1 Km di profondità.
Riferisce RaiNews 24 che solo 4 persone al momento si sarebbero presentate in Guardia Medica. I medici, infatti hanno raccontato che:

Fino a questo momento sono arrivate quattro persone che al momento della scossa si trovavano nella zona di Cala Valle Muria - riferisce un sanitario -. E' probabile che si sia staccato un costone di roccia in quella zona molto frequentata dai turisti. Le condizioni dei quattro che sono arrivati qui non destano particolare preoccupazione.

A Vulcano e Salina sono crollati alcuni costoni. Escluso per ora la possibilità che si verifichi lo Tsunami.

Foto | INGV

Forte scossa alle Eolie, 7 feriti e crolli a Lipari

Magnitudo 4.6 gradi della scala Richter

(ansa.it) 16 agosto - ROMA - Una forte scossa di terremoto e' stata registrata poco fa alle isole Eolie. La scossa e' stata nettamente avvertita dalla popolazione. Il terremoto risulta aver avuto una magnitudo 4.6 ed e' stato abbastanza superficiale. Secondo le analisi in corso nella sala sismica dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) il sisma e' avvenuto alla profondita' di 13 chilometri, contrariamente ai terremoti piuttosto profondi tipici della zona, tradizionalmente sismica. ''E' stato un evento superficiale che si e' sentito molto forte ed e' stato avvertito in modo significativo anche sulla costa'', ha detto il funzionario della sala sismica Luca Malagnini.

I feriti che fino ad ora sono stati accompagnati presso la Guardia Medica di Lipari sarebbero sette, tutti con lievi escoriazioni.

Una quarantina di bagnanti che si trovavano sulla spiaggia di Valle Muria, dove e' avvenuto lo smottamento di un costone roccioso in seguito alla scossa di terremoto, sarebbero stati prelevati da una motovedetta della Capitaneria di Porto di Lipari. Tra di loro, secondo quanto riferito dalla centrale operativa della Protezione Civile regionale, non vi sarebbero feriti.

Secondo quanto si apprende da fonti dei soccorritori sull'isola ci sarebbero state alcune frane che avrebbero investito delle persone. Sono ancora in corso le verifiche dei vigili del fuoco e delle autorita' per accertare l'effettivo numero di persone coinvolte e ulteriori danni.

 

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti