Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Bangaru

Bangaru

GENTILONI RICEVE SOROS ( CERCANDO DI NON FARLO SAPERE).

 Maurizio Blondet

Soros si è fatto ricevere da Gentiloni,   a Palazzo Chigi. Nei giorni della polemica sulle ONG scafiste,  alcune ampiamente finanziate dal miliardario speculatore, Palazzo Chigi ha cercato di far passare la cosa sotto silenzio, non diffondendo alcun comunicato ufficiale, non confermando la   visita ai giornalisti del Tg7 che  hanno chiesto informazioni. “Gentiloni conosce Soros da tempo”, ha detto Mentana nel suo tg.

“Elvira Savino di Forza Italia annuncia addirittura un’interrogazione parlamentare sui motivi della visita di Soros a Palazzo Chigi”, ha scritto Huffington Post, “ Roberto Calderoli chiede a Gentiloni di spiegare perché abbia ricevuto “il miliardario che, attraverso le sue associazioni, è sospettato di finanziare l’immigrazione di massa dai Paesi africani verso l’Europa utilizzando l’Italia come porta di accesso”. Mi sembra il minimo dovuto: questa losca visita è uno scandalo intollerabile. Uno in più di questo Gentiloni che, non essendo eletto da nessuno, sta posizionando la politica  estera dell’Italia estremamente discutibili e contrarie all’interesse nazionale: basti ricordare il “caso Regeni” per cui ha rotto i rapporti con l’Egitto – dove non ha ancora rimandato l’ambasciatore.   Che giochi gioca Gentiloni?  Da agente straniero?  Che cosa si sono detti con Soros? Ha assicurato il miliardario che le indagini  sulle sue ONG-scafiste saranno insabbiate? Dopotutto il ministro della ‘giustizia’  Orlando aveva cercato di mettere sotto inchiesta il magistrato Zuccaro, quindi la domanda è lecita.. Tocca ancora una volta dar ragione a Salvini al Cara di Mineo:

”Gentiloni tace e per me è complice, pronti a chiederne le dimissioni’‘

“Gentiloni tace sui dossier dei servizi segreti relativi al business dello scafismo di Stato, per me quindi è complice. Trovo allucinante questo silenzio del Presidente del consiglio“.

MACRON ; LE GRAND MERDE (in TV stronzate a go go )

Macron con la moglie Brigitt

Per fare questo lavoro, soprattutto quando si ha a che fare con eventi importanti come il voto francese, occorre non limitarsi a leggere le analisi dotte, la stampa autorevole, i commentatori più illuminati. Bisogna scavare e guardare come reagisce la pancia del Paese a certe situazioni ma, soprattutto, è necessario capire come l’informazione dell’uomo qualunque – leggi i talk-show – raccontano l’esistente e tratteggiano il futuro. L’ho fatto e, tra molte atrocità che ho dovuto ascoltare pressoché a reti unificate, voglio estrapolare alcune perle assolute emersa da quelle trasmissioni di nicchia che non sono il talk classico, quelli li guardano in dodici e sanno a cosa vanno incontro ma nemmeno il cazzeggio puro. Insomma, si passa dalla Siria alla dieta detox senza soluzione di continuità: le più pericolose in assoluto, perché viste da gente che, tendenzialmente, non ha gli strumenti per capire la quantità di stronzate che gli vengono propinate.

Mario Giordano :”E’ una strage di italiani”.Ecco che cosa ci uccide come in guerra

 Mario Giordano per liberoquotidiano.it

In 8 mesi 46mila mila morti in più. Ogni mese, dunque, 5mila in più. Ogni giorno 166 in più. Significa che ogni ora in Italia muoiono 7 persone in più rispetto all’ anno scorso. È un’ enormità. Tanto più che per trovare una simile impennata nella mortalità bisogna risalire al 1943, in piena Seconda Guerra Mondiale. E prima di allora al 1918, con la Prima Guerra Mondiale e l’ aggiunta dell’ influenza spagnola. Ma che cos’ è che sta sterminando gli italiani come se fossimo in guerra? Nessuno ha la risposta giusta, i demografi s’ interrogano, guardando i dati con stupore e preoccupazione. Ma è inevitabile che tutti pensino ad un’ unica grande causa. Il suo nome è: crisi. Purtroppo eravamo stati facili profeti: ogni generazione ha la sua guerra.

La profezia di Craxi: L' Europa sarà un inferno. Dovevamo rinegoziare Maastricht

la profezia di Bettino Craxi: "Dietro la longa manus della cosiddetta globalizzazione si avverte il respiro di nuovi imperialismi, sofisticati e violenti, di natura essenzialmente finanziaria e militare". Estratti dal libro “Io parlo, e continuerò a parlare”
Benedetto Craxi, detto Bettino (Milano, 24 febbraio 1934 – Hammamet, 19 gennaio 2000), è stato un politico italiano, Presidente del Consiglio dei Ministri dal 4 agosto 1983 al 17 aprile 1987 e Segretario del Partito Socialista Italiano dal 1976 al 1993. È stato uno degli uomini politici più rilevanti della cosiddetta Prima Repubblica: intraprese un'azione di rinnovamento del PSI e della sinistra italiana che lo portò a scontrarsi, anche duramente, con le resistenze al cambiamento da parte del Partito Comunista Italiano e all'interno del suo stesso partito. È stato il primo socialista ad aver rivestito l'incarico di Presidente del Consiglio dei Ministri: la sua attività di governo portò il Paese al di fuori della grave situazione economica e finanziaria dovuta alla "crisi del petrolio" e all'inserimento dell'Italia nel ristretto novero delle nazioni del G7.

Non andare al tempio per mettere i fiori ai piedi di Dio

Non andare al tempio per mettere i fiori ai piedi di Dio,
Prima riempi la tua casa con la Fragranza dell’Amore.
non andare al tempio per accendere le candele davanti all’altare di Dio,
Prima rimuovi l’oscurità del peccato dal tuo cuore.
non andare al tempio per inchinare la tua testa in preghiera,
Prima inchina la tua testa in umiltà davanti al tuo prossimo.
non andare al tempio per pregare piegato sulle ginocchia,
Prima piegati per offrire sostegno agli oppressi.
non andare al tempio per chiedere perdono per i tuoi peccati,
Prima perdona dal cuore coloro che hanno peccato contro di te. 
Rabindranath Tagore

FITOPLANCTON

Fitoplancton sotto l'Artico
altera le catene alimentari

Fitoplacton (fonte: Wikipedia)

GEOTERMIA

GEOTERMIA
Un maggiore sviluppo della geotermia, la risorsa energetica rinnovabile che sfrutta fonti geologiche di calore, potrebbe portare risparmi per 10 mld di euro alla bolletta petrolifera italiana. Di questi, circa la meta’ andrebbero alla produzione di elettricita’. Uno scenario0 cui si potrebbe arrivare spingendo di piu’ su nuove tecnologie per lo sfruttamento delle risorse geotermiche ad alta temperatura. E l’obiettivo non e’ visionario. Nel nostro Paese, infatti, la geotermia conta risorse per 500 Mtep (milioni tonnellate equivalenti petrolio), pari a 2,5 volte i consumi annui nazionali di eletricita’, che amontano a 185 Mtep, eppure di questa fonte rinnovabile ne usiamo appena il 3%, coprendo solo il 7% dei consumi annuali. I dati sono emersi nel corso del brain storm “Possibile contributo della geotermia di alta temperatura per la produzione di energia elettrica in Italia, fino al 2050, con l’uso di tecnologie alternative”, promosso oggi a Rona, nella sede del Cnr, da Sigea (Societa’ Italiana di geologia Ambientale) e Ugi (Unione Geotermica Italiana). “Con la geotermia il nostro Paese potrebbe davvero aprire scenari energetici importanti, perche’ e’ tra le risorse rinnovabili la sola che presenta caratteristiche di continuita’ assoluta e che ha un potenziale enorme in Italia” afferma all’Adnkronos Giancarlo Passaleva dell’Ugi che, insieme ai ricercatori ed esperti intervenuti al convegno, lancia un appello al Governo: “Basterebbero 400 mln di euro per sviluppare nuove tecnologie e far decollare la geotermia come fonte di produzione di elettricita’”.

PARAMAHANSA YOGANANDA

YOGANANDAIl magnetismo è un potere innato dell'anima

"Perché quando alcuni parlano tutti ne sono affascinati, mentre altri possono trattare lo stesso argomento senza suscitare il minimo interesse? Con tutti i loro ovvi difetti, i dittatori esercitano un'influenza enorme. Qual' è il segreto di questo potere? E' il magnetismo. Siamo tutti divinamente dotati di un magnetismo personale. Perché, dunque,in alcuni è così evidente, mentre altri sembrano esserne privi? Perché pochissimi conoscono il modo di sviluppare il magnetismo, che nella maggior parte dei casi rimane allo stato latente. Molte delle facoltà di cui il Signore ci ha dotati rimangono nascoste dentro di noi poiché non ne facciamo uso. Alcuni di voi sono vissuti senza coltivare il proprio potenziale di salute attraverso un'adeguato esercizio fisico. Con quali risultati? Malattie e vecchiaia precoce. Quando pensate allo sviluppo del corpo, non intendete certo rafforzare soltanto un braccio e trascurare il resto. Un uomo con una testa piccola come una noce e un corpo molto grande apparirebbe sproporzionato. Altrettanto sproporzionato sarà il vostro sviluppo interiore se vi limiterete a coltivare soltanto alcune delle facoltà mentali di cui Dio vi ha dotati trascurando le altre. [...]

SCIENZA DELL'EVOLUZIONE COSCIENTE

Ridestiamoci adesso! Non aspettiamo più. Ritroviamo la nostra umanità e usciamo da questa falsità! Dipende da noi e non dai governanti. Il campo di Coscienza è carico di energia rotatoria (Vita), la magnetosfera che ci rinchiude nella finzione è sempre più debole, l'illusione più manifesta. Non è più possibile vivere nell'ipocrisia! La Coscienza, evolvendosi, crea il paradigma "essere umano": l'essere umano è uno stato di Coscienza. Scoprendo la nostra umanità, liberiamo il nostro infinito potenziale. I Maya eterni lo hanno detto e inscritto ed ora lo vivono. Tutti gli esseri autenticamente umani lo hanno affermato con il loro esempio. Le forze del cambiamento, ovunque si trovino, possono - convergendo - intervenire se e solo se esiste un sufficiente movimento di massa orientato al risveglio verso la Verità, basato sulla consapevolezza che siamo Co-Creatori Coscienti dell'Universo.

Fornero: "Se riforma non passa, andremo via". E poi: "Gli esodati li creano le imprese"

Il ministro del Welfare: "C'è una varietà di stime, ma non è colpa del ministero". "Dopo i 65mila esodati ora cercheremo soluzioni per altri". Confindustria: "Sorpresa e sgomento per parole ministro"

(repubblica.it) REGGIO CALABRIA - "Finora abbiamo ricevuto critiche per 'troppa incisività' o 'troppo poca incisività', ma su una cosa siamo decisi: andremo in Parlamento e se la riforma del lavoro non dovesse passare andremo a casa". Da Reggio Calabria dove si trova per partecipare a un convegno della Fondazione Bellisario sull'occupazionale giovanile il ministro del Welfare, Elsa Fornero, torna  a parlare della riforma del lavoro, ma anche di pensioni e di esodati. "Gli esodati li creano le imprese che mandano fuori i dipendenti, sul tema pensionistico pubblico, a carico della collettività", ha detto Fornero. Su questa tematica, ha ribadito, "bisogna trovare un equilibrio". Dura la reazione di Confindustria che  esprime "sorpresa e sgomento" per l'intervento del ministro: "Queste parole -

IL GRANDE SPRECO

La bufera della nuova tangentopoli ha trascinato nel suo vortice molti leader di partiti politici tra cui  Lega, dirigenti della ex Margherita e una decina di esponenti della Regione Lombardia.

Lo Stato ha erogato due miliardi e 254 milioni di euro di rimborsi dal 1994 al 2008, arrivati oggi a 2 miliardi e 700 milioni, e secondo l'indagine della Corte dei Conti, le forze politiche hanno speso solo 579 milioni di euro. I partiti ci hanno quindi guadagnato 1.miliardo e 600 milioni. "Quello che viene normalmente definito contributo per il rimborso  delle spese elettorali è, in realtà, un vero e proprio finanziamento" sottolinea la Corte dei Conti.

Le elezioni del 2008 sono costate allo Stato oltre 503 milioni di euro, mentre i partiti hanno sostenuto spese accertate di poco più di un quinto, circa 110 milioni. La differenza è rimasta nelle loro casse per finanziare gli interessi personali e familiari dei leader dei partiti con il compiacimento e il silenzio dei tesorieri.

L'ormai ex tesoriere dell'ex Margherita è accusato di appropriazione indebita e illecito reimpiego di capitali per aver utilizzato a fini personali circa 23 milioni di euro provenienti dai rimborsi elettorali.

Solo per le politiche del 2006 di rimborsi elettorali la ex Margherita incassò in Senato 30.769.000 milioni di euro a fronte di spese dichiarate di 10.441.000. E per la Camera, insieme ai Ds, 80.665.000 a fronte di 7.633.000 di spese.

La lega per la legislatura del 2008 ha ricevuto complessivi 41.484.550 milioni di euro di rimborsi, a fronte di spese accertate di 2.939.987 milioni.

In questa legislatura il Pdl otterrà 206 milioni di euro, il Pd 180, la Lega 41 e l'Udc 26. Soldi ai quali bisogna aggiungere i fondi per le ultime elezioni regionali ed europee (68 milioni di euro per il Pdl, 58 per il Pd, 18 per la Lega e 11 per Udc e Idv).

MONTI D'ITALIA

Il governo Monti dice bugie, diffondono dati falsi. Sta iniziando la pericolosa deriva di un governo autoritario.

di Sergio Di Cori ModiglianiUna giornata all'insegna di una totale ubriacatura di falsi. E di falsificazioni.

In termini di Teoria dei Mass Media, sintetizzata, sarebbe questa la fase due dell'attuale governo italiano, quella succeduta al "decreto salva-Italia" (?????????? Si sono dimenticati di spiegare chi ha salvato chi, come, dove, quando e per quanto) e che il nostro baldo ragionier Mario Monti, a metà gennaio, ebbe la sfrontatezza di definire "la fase della crescita e dello sviluppo".

Stanno lanciando la moda della "sistematica produzione di falsi".

Avendo capito di non essere assolutamente in grado né di gestire l'attuale travaglio del paese, né tantomeno sviluppare delle idee creative per il bene comune della nazione, dando fiato all'economia, rilanciando gli investimenti e allargando l'occupazione aprendo il mercato del lavoro, il governo si dedica ormai sistematicamente alla produzione di falsi. Dimostrati e dimostrabili anche da un bambino.

Da questo punto di vista, il governo Monti segna e segnala un grado di perversione dittatoriale più estremo di quello berlusconiano. Il sultano di Arcore, infatti, pur coagulando su di sé consensi e applausi collettivi, non aveva mai avuto né la supponenza né l'arroganza di presentare il proprio governo come una compagine di individui pensanti, responsabili, lungimiranti e competenti. Anzi. Mafiosi, faccendieri, furbastri e belle gnocche erano la consueta rappresentazione della classe politica dirigente italiota. Esibita ed esaltata sfacciatamente, senza nascondersi: il trionfo dei parvenu piccolo-borghesi.

FACCENDE DI CASA/COSA NOSTRA

Tragicomico scoop del corriere della sera: un benzinaio napoletano si ritrova 42.000 euro sul proprio conto corrente "a sua insaputa". Glie li ha versati Silvio Berlusconi.

di Sergio Di Cori ModiglianiEnzo de Vivo è un campione. Record assoluto. Non ho dubbi in proposito.

Il suo record, infatti, vale molto ma molto di più di quello di Scajola (non so chi abbia pagato la mia casa) di Rutelli (io non ero al corrente di ciò che faceva il mio tesoriere) di Mario Monti (non ho la minima idea di che cosa sia la massoneria che mi sembra una specie di nebulosa, io non sono massone, io sono una persona banale) di Umberto Bossi (non sapevo che cosa facesse mio figlio).

Questo tanto per rinfrescare la memoria a proposito dei partecipanti alla gara italiota dell'anno. Chi batterà il record di "a mia insaputa?".

Non vi sono dubbi: vince Enzo.

Enzo è un napoletano che per professione fa il benzinaio. Si prende cura di una pompa sistemata sulla vesuviana.

Ecco la notizia "ufficiale" che lo fa balzare in testa alla classifica:

"in data 1 luglio 2011 riceve sul suo conto corrente personale presso l'agenzia napoletana della Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza la cifra di 42.000 euro. Causale –per Legge deve essere definita- del versamento: "regalìa".

Fine della notizia.

Interrogato dal magistrato Ilda Bocassini a Milano, alla presenza del suo avvocato, ha risposto esattamente nel seguente modo: "Lì per lì mi sono stupito, non lo nego, non càpita tutti i giorni che sul proprio conto corrente arrivino 42 mila euro piovuti dal nulla. Siccome il benefattore era anonimo, mi sono chiesto per qualche giorno chi potesse essere, poi ho smesso di chiedermelo. Dopo un po' ho pensato che fosse stata la Vergine Maria che ha voluto mandarmi un segnale".

Non è un coccolone adorabile il nostro Enzo benzinaio?

Siamo franchi, cari lettori, non merita la medaglia d'oro al valore tra quelli "a mia insaputa"?

BUONA PASQUA .........DA ALDA MERINI

Al tempo in cui prenderò

in mano il mio sogno

e vorrò aprirlo

come una lunga sorpresa

a corpo e a spirito,

voglio immaginare in quel giorno

che nessuno mi abbia mai visto

e nessuno conosca

il mio linguaggio.

Ci sono cose dette tra me e te

che non avevo nessuna colpa,

forse senza pensare.

Qui e oggi Pasqua di Resurrezione

nel senso che si presume

che un cadavere qualsiasi,

forse quello di Dio,

ci voglia portare lontano

insieme ad altri morti.

Ma il giorno che noi ci ameremo

noi entrambi ci daremo morti,

ognuno per conto dell'altro.

PERICLE - DISCORSO AGLI ATENIESI 461 a.c.

Pericle - Discorso agli Ateniesi, 461 a.C.

Pericle - Discorso agli Ateniesi, 461 a.C.Qui ad Atene noi facciamo così. Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia. Qui ad Atene noi facciamo così. Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza. Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento. Qui ad Atene noi facciamo così.

Esiste un punto di non ritorno nella diffusione delle idee e finalmente è arrivato

(altrogiornale.org) Esiste un punto di non ritorno oltre il quale la convinzione di una minoranza viene adottata dalla maggioranza. Questo punto è il 10% della popolazione ed è stato raggiunto. Stiamo per vedere una diffusione e crescita incredibile della verità che divamperà come un incendio ed incrementerà esponenzialmente tramite la rete, frantumando il motore dell'inganno che è stato costruito con cura per creare la nostra falsa realtà.
E' questione di tempo vero? Quelli tra noi che hanno lavorato a favore della verità, stanno accogliendo il cambiamento. Abbiamo dormito per molto tempo e ora il gioco si ribalta. L'intero pianeta è arrivato ad un punto di svolta e il livello di plateau emotivo è stato raggiunto. Quello che vedrete sarà una massiccia polarizzazione dovuta alle forze distruttive sul pianeta che vedranno la propria fine affrontando il risveglio in massa. Sono disperati e lo mostrano. Coincidentalmente, molti suggeriscono che l'apice della polarizzazione sarà toccato entro Dicembre 2012. Malcom Gladwell che ha scritto The Tipping Point: How Little Things Can Make a Big Difference , ha definito il punto di non ritorno come "il momento della massa critica, il limite, il punto di ebollizione". La sua ricerca attinge dalla psicologia, dalla sociologia e dall'epidemiologia.

TI AUGURO

Non ti auguro un dono qualsiasi
Ti auguro soltanto quello che i più non hanno.
Ti auguro tempo per divertirti e ridere,
se lo impiegherai bene potrai ricavarne qualcosa.
Ti auguro tempo per il tuo Fare e per il tuo Pensare,
non solo per te stesso, ma anche per donarlo agli altri.
Ti auguro tempo non per affrettarti e correre,
ma tempo PER ESSERE CONTENTO.
Ti auguro tempo non soltanto per trascorrerlo.
Ti auguro tempo perchè non te ne resti:
tempo per stupirti e tempo per fidarti
e non soltanto per guardarlo all'orologio.
Ti auguro tempo per toccare le stelle
e tempo per crescere, per maturare.
Ti auguro tempo per sperare nuovamente e per amare.
Non ha più senso rimandare.
TI AUGURO TEMPO PER TROVARE TE STESSO,
per vivere ogni giorno, ogni tua ora come un dono.
Ti auguro tempo anche per perdonare.
Ti auguro di avere tempo, TEMPO PER LA VITA!

 Poesia indiana

I 7 PECCATI SECONDO Mohandas Karamchand Gandhi

Quelli che seguono sono i sette peccati sociali secondo Mohandas Karamchand Gandhi, così come li elencò sul settimanale «Young India», da lui fondato, il 22 ottobre 1925. Anche se normalmente il termine «peccato» viene associato a un contesto religioso, Gandhi lo adopera qui nell'accezione più ampia di «offesa alla fondamentale dignità umana». Anche se hanno ottant'anni, mi pare che non li dimostrino affatto ...

1) politica senza principi;

2) affari senza moralità;

3) scienza senza umanità;

4) conoscenza senza carattere;

5) ricchezza senza lavoro;

6) divertimento senza coscienza;

7) religione senza sacrificio.

(A questi sette, Arun Gandhi, nipote del Mahatma e fondatore dell'Istituto Gandhi per la noviolenza, ne aggiunse un ottavo):

8) diritti senza responsabilità.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti