Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Photo

Photo

Dall'Eco Modulo all'Ecomostro in piazzale della Pace a Parma

Foto Luigi Boschi: Ecomostro in piazzale della Pace a Parma

Quali sono i criteri che hanno indotto l’ex Sindaco 5 stelle di Parma, ora Effetto Parma Federico Pizzarotti a concedere la realizzazione di questo ecomostro, ennesimo scempio di Piazzale della Pace, antistante e parte del complesso della Pilotta? Un’area monumentale trattata come se fosse uno spazio fieristico. Lo scempio dell’ignoranza di Pizzarotti alla città non ha fine. Siamo tutti in attesa che se ne vada, lui, e tutta la sua banda di incapaci e venduti. Han fatto fin da subito un uso improprio dei luoghi storici, abbandonati e deturpati. Sono riusciti a ridicolizzare anche Verdi con poster da pagliacciata con una rielaborazione priva di qualità. Un “Verdi off” già un insulto nel nome, ridicolizzato nella grafica dalla loro sottocultura, un vero vandalismo propagato per la città. E l'incuria è presente ovunque. (Parma, 01/11/2016)
Luigi Boschi
 

Articoli correlati

Modulo Eco, il nuovo stupro collettivo di imprese nel piazzale monumentale della Pace

VERDI OFF

Retrospettiva: pensare è competere col delirio

Foto e elaborazione digitale: Luigi Boschi - Retrospettiva, pensare è competere col delirio

Colui che sa non crede più a tutte le fandonie generate dal desiderio e dal pensiero, esce dalla corrente, non acconsente più all'inganno. Pensare partecipa della inesauribile illusione che genera a divora se stessa, avida di perpetuarsi e distruggersi, pensare è competere col delirio. In tanta febbre, di sensato ci sono soltanto le pause in cui tiriamo il fiato, i momenti di sosta in cui dominiamo il nostro affanno: l'esperienza del vuoto - che si confonde con la totalità di queste pause, di questi intervalli del delirio - implica l'eliminazione momentanea del desiderio, perché il desiderio che ci immerge nel non-sapere, ci fa divagare, e ci spinge a proiettare l'essere in ogni direzione, intorno a noi.
Il vuoto ci consente di mandare in rovina l'idea di essere: ma non è trascinato esso stesso in questa rovina; sopravvive a un attacco che per qualunque altra idea sarebbe autodistruttore. Vero è che il vuoto non è una idea, bensì ciò che ci aiuta a disfarci di tutte le idee. Ogni idea rappresenta un vincolo in più; bisogna sbarazzarne la mente...
Ci riusciremo solo innalzandoci al di sopra delle operazioni del pensiero: infatti, fin quando agisce e si impone, il pensiero ci impedisce di sceverare la profondità del vuoto, percettibili soltanto quando declina la febbre dell'intelligenza e del desiderio....
Le nostre frontiere, se ce n'è rimasta ancora qualcuna, si allontanano. Il vuoto -io senza io- è la liquidazione dell'avventura dell'"ego", è l'essere senza alcuna traccia d'essere , inghiottimento beato, disastro incomparabile.
Per debellare i nostri vincoli , dobbiamo imparare a non aderire più a niente, fuorché al niente della libertà...

1966 -2016: 50 anni di calcio GS Industrie Felino e 40 anni di ciclismo Veloclub Felino

foto Luigi Boschi: Guido Gerboni tra gli organizzatori dell'incontro

foto Luigi Boschi: romano Carretta (a sinidtra) ex Presidente con Francesco Trevisi (giocatore del Felino di allora)

Foto Luigi Boschi: Bertoli detto Ciomo (maschera comica del dialetto parmigiano) ospite della serata

Calcio e Ciclismo si sono ritrovati venerdì 05 agosto 2016 per festeggiare insieme con dirigenti, giocatori e tifosi i 50 anni della fondazione di GS Calcio Industrie Felino (squadra che dalla terza categoria arrivò alla serie D); e i 40 anni di ciclismo del Veloclub Felino

Fondatore e 1° Presidente GS Calcio Industrie Felino
Luigi Boschi
(pergamena a ricordo per il figlio Domiziano), Segretario generale Giuliano Gardoni che ha seguito tutte le successive presidenze;
in successione
Franco Branchi

Nando Lori
Sergio Pellacini
Erminio Cantarelli
Romano Carretta
Ermes Grossi
Rossano Cavalieri
Paolo Aschieri

Roberto Gardoni
Ettore Scapuzzi
Ermes Sani
Dante Bola

Successo di Ute Lemper al Paganini di Parma

foto Luigi Boschi: Ute Lemper al Paganini di Parma 04/08/2016

Un concerto viaggio tra Berlino, Parigi per poi passare negli Stati Uniti.

Programma eseguito:

1 Milord

2 Moritat

3 Song of Mendeley

4 J'attends un Navire

5  Lilli Marleen

6 Avec Le Temps

7  Saga of Jenny

8 Nana's Lied

9 Amsterdam

10 Ne me quitte pas

11Yo Soy Maria

12 La vie en Rose

foto Luigi Boschi: Ute Lemper al Paganini di Parma 04/08/2016

foto Luigi Boschi: Ute Lemper al Paganini di Parma 04/08/2016

GALLERY

Musica in Mostra: Concerto della Toscanini allo CSAC di Parma con Mihaela Costea, Carla They, Antonio Mercurio

Nell'esecuzione di Lebertango il Trio si è concesso vituosismi individuali e corali, molto coinvolgenti  che hanno riscosso grandi applausi e richiesta di bis, concesso, alla fine del concerto. LB 

Foto Luigi Boschi: Mihaela Costea

Gallery del concerto allo CSAC di Parma

In Pilotta arriva Gola Gola: ennesima banale mortifera provocazione al complesso monumentale di Parma, divenuto cimitero degli eventi culturali. La bulimia da cibo ubriaca la città

Cena allo CSAC da "Caduta degli dei" di Visconti, in versione volgare, priva dell'eleganza del grande regista. Qui è la caduta di una città nel ridicolo suicidario, in nome della gastronomia UNESCO.
Foto Marco Vasini: Cesare Azzali con Elisabetta Gregoracci

Foto Luigi Boschi: Gola Gola in Pilotta

La gastronomia UNESCO tra golosi, ipocriti e disastri parmigiani lasciati in eredità. Dalla cena di gala allo CSAC allo streetfood per il pueblo.

Stu Pasubio e WOPA (work out Pasubio) un deserto cementificato privo di vita sociale

La rigenerazione urbana non esiste. Un luogo d'angoscia non idoneo alla vita sociale. Un labirinto di cemento senza nemmeno una piazza, privo di orizzonte, solo il cemento e la linea ferroviaria. Il Wopa non può mutare con i consumi suicidari e mercatini dell'inutilità, né rigenerare questo agglomerato concentrazionario. Una struttura per ora funzionale agli interessi di bottega di pochi. Un progetto privo di qualità urbanistica e una speculazione immobiliare sbagliata che ha fallito il suo obiettivo. Direbbe Giovanni Sartori: "in marcia verso lo sfascio", andando avanti con la fumisteria, con la stravaganza costosa, senza un'idea di come andare avanti; un cavalcare il nulla senza finalità. La politica e l'urbanistica non possono basarsi sulla estemporaneità emozionale senza un programma dettagliato con finalità precise. Questa, inece, è la corsa verso il nulla.  LB  

Il Travaglio della Stu Pasubio (dossier insieme a SPIP E STT) 

Gazzetta di Parma del 2 febbraio 2016, pag. 37 - Doc. PDF

Incontro sotto i portici dell'Ospedale Vecchio di Parma per dire no alla chiusura del Centro Cinema Lino Ventura

Foto Luigi Boschi: Andrea Mora alias Laura Maria Ferraris contro la chiusura del Centro Cinema Lino Ventura di Parma

Foto Luigi Boschi: Andrea Mora alias Laura Maria Ferraris con il prof.Michele Guerra

Foto Luigi Boschi: Andrea Mora alias Laura Maria Ferraris sotto i portici dell'Ospedale Vecchio di Parma davanti al Centro Cinema Lino Ventura

Un incontro informativo, condotto da Enrico Calzolari e Andrea Mora nei panni dell'Assessore Laura Maria Ferraris per scongiurare la chiusura del Centro cinema Lino Ventura di Parma. LB

foto Luigi Boschi: Enrico Calzolari informa sulla situazione del Centro Cinema Lino Ventura di Parma

GALLERY

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti