Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Perugia

Perugia

LA REPUBBLICA CECA protagonista della 51esima edizione del FESTIVAL DELLE NAZIONI di Città di Castello dal 25 agosto al 7 settembre 2018

LA REPUBBLICA CECA 
protagonista della 51a edizione del FESTIVAL DELLE NAZIONI 

Città di Castello, dal 25 agosto al 7 settembre 2018


La Repubblica Ceca è il Paese protagonista del 51° Festival delle Nazioni di Città di Castello. 
L'edizione 2018, che si svolgerà da martedì 25 agosto a venerdì 7 settembre, chiude il cerchio dell'ampio progetto dedicato alla Grande Guerra, inaugurato nel 2014 con l'omaggio all'Armenia e sviluppato nell'ultimo triennio con i focus su Austria, Francia e Germania. 

A Perugia torna il Festival internazionale del giornalismo, dalle fake news alla censura online

A Perugia dal 5 al 9 aprile l'undicesima edizione con le fonti più autorevoli e i nuovi fermenti dal mondo dell’informazione per discutere di fact checking, social, informazione e disinformazione

di LEONARDO MALA'

PERUGIA - E venne il tempo, a lungo profetizzato, in cui ciascuno diventò per davvero editore, direttore e lettore del proprio giornale. Un giornale a propria immagine e somiglianza, diverso da qualsiasi altro, fatto di notizie pescate nella rete, scelte e commentate in totale autonomia, nel segno del libero accesso alle fonti di informazione. Per poi scoprire che il lettore, da solo, è spesso più debole, fragile e influenzabile delle vituperate vecchie redazioni, dove la notizia viene ancora assunta, e soprattutto elaborata, in comunità.

Sono tante le problematiche poste dall’undicesimo Festival Internazionale del Giornalismo, presentato a Perugia, e sempre meno il tempo per poterle affrontare e risolvere, tra le censure sfacciate di Erdogan e l’attacco senza precedenti dell’uomo più potente della Terra, il presidente degli Stati Uniti. Trump che se ne frega delle inchieste a suo carico e dei fact checking che lo smentiscono, delegittimando il giornalismo all'origine, bollandolo come fazioso e menzognero a prescindere. Quasi un punto di non ritorno, una forzatura che lascerà segni profondi anche dopo Trump e con la quale si faranno i conti nei festival a venire. 10 marzo 2017

Fonte Link repubblica.it 

In Umbria, un festival internazionale delle nazioni, dove una vale l'altra

Pietro Acquafredda

Ci siamo sempre chiesti che senso ha annunciare, al festival delle nazioni in Umbria, una nazione 'ospite' ogni anno, sempre diversa, se poi la lettura del programma ci fa venire il dubbio che il festival di un anno  potrebbe farsi l'anno appresso o in quello seguente ancora, pur cambiando ogni anno - a parole - la nazione ospite. Ad esempio quest'anno, edizione intitolata all'Austria,  si ascolteranno musiche di Mozart - finalmente! - o degli Strauss - Capodanno a quelle latitudini arriva subito dopo ferragosto - altrimenti chissà quanti altri anni avremmo dovuto aspettare per ascoltare Mozart, ma è solo un esempio.

A Città di Castello al Festival delle Nazioni 2015 straordinario Jörg Demus in concerto

Joerg Demus (foto Monica Ramaccioni/ Festival delle Nazioni 2015)

A Città di Castello il Festival delle Nazioni rende omaggio a Vienna e dintorni

Straordinario Jörg Demus in concerto

di CARLO VITALI 

"Omaggio all'Austria": da Mozart a Mahler e dalla valzereggiante famiglia Strauss fino alla presunta entartete Musik di Korngold e Krenek sullo sfondo dei corrosivi paradossi di Karl Kraus recitati da un attore. Il fervore culturale che accompagnò la disgregazione politica dell'impero austro-ungarico accostato a un doppio centenario glocal: la Grande Guerra e la nascita, in questo angolo di Umbria ai confini con la Toscana, di un caposcuola dell'arte moderna come Alberto Burri, anche lui omaggiato dal concittadino adottivo Salvatore Sciarrino con la prima mondiale di un quintetto per flauto e archi. Senza scordare le tragedie recenti dei Balcani non più austroungarici: sfacciata allegria di massacri con le fanfare gitane e le voci bulgare di Goran Bregovic nel giardino barocco di Palazzo Vitelli a Sant'Egidio. Solo alcune delle molteplici prospettive che hanno animato la 48ma edizione del Festival delle Nazioni nei quindici eventi del cartellone in programma dal 25 agosto al 5 settembre a Città di Castello e in altri ameni luoghi dell'alta Valle Tiberina.

Festival delle Nazioni 2015 omaggia Aleksandr Skrjabin nel centenario della morte

L’OMAGGIO AD ALEKSANDR SKRJABIN 
NEL CENTENARIO DELLA MORTE
La pianista Ilia Kim esegue musiche di Skrjabin e Chopin
con l’introduzione all’ascolto di Piero Rattalino 
Citerna, Chiesa di San Francesco
29 agosto 2015, ore 21 
Il 2015 è il centenario della morte di Aleksandr Skrjabin: il Festival delle Nazioni gli renderà omaggio con un concerto della pianista Ilia Kim in programma sabato 29 agosto alle ore 21 nella Chiesa di San Francesco a Citerna. Il concerto metterà in luce lo stretto rapporto tra alcune delle più belle pagine per pianoforte del compositore russo con la musica di Chopin. La serata sarà impreziosita dall’introduzione all’ascolto di Piero Rattalino, musicologo tra i massimi esperti della storia della musica per questo strumento.
Aleksandr Skrjabin è stato il più visionario dei compositori russi e il più mistico tra i filosofi. Per rendergli omaggio nel centenario della morte, la pianista Ilia Kim propone un programma di brani per pianoforte dai primissimi esperimenti tardo-romantici fino alle composizioni del Novecento nelle quali sperimenta soluzioni armoniche al limite dell’atonalità. Sarà interessante ascoltare in un’unica serata le pagine di Skrjabin e quelle di Chopin, l’autore dal quale trassero la più forte ispirazione, per arrivare a comprendere fino in fondo in che modo l’arte creativa del compositore russo si evolse in uno stile originalissimo, pur mantenendo una profonda affinità con l’opera del polacco. 
Tra i brani in programma ci sono Sonate, Mazurche e studi di Skrjabin ma anche composizioni degli ultimi anni di vita del russo nelle quali spesso musica e concezione filosofica coincidono.

Al via la 48ma edizione del Festival delle Nazioni con la SFK Euro Symphony (Città di Castello -PG-, 25 agosto ore 21)


AL VIA LA 48A EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLE NAZIONI 
OMAGGIO ALL’AUSTRIA

Ernest Hoetzl direttore

musiche di Mozart, Schubert, Brahms, Johann Strauss Jr., Beethoven e Lehár
Città di Castello, Chiesa di San Domenico 
25 agosto 2015, ore 21

Umbria 2/4 Ottobre 2015: Fa’ la cosa giusta e VeganOK

Fa la cosa giusta

Dal 2 al 4 ottobre 2015 la seconda edizione di Fa’ la cosa giusta! Umbria ospita il primo VeganOK EXPO del cuore verde d’Italia

Torna in Umbria Fa’ la cosa giusta!, e lo fa con una grande novità dedicata al mondo vegan.

La seconda edizione della fiera del consumo consapevole e degli stili di vita sostenibili – che si terrà il 2-3-4 ottobre 2015, presso il centro espositivo di Umbriafiere a Bastia Umbra (PG)- ospiterà al suo interno il VeganOK EXPO, un’area dedicata esclusivamente ai migliori prodotti vegan. Un’iniziativa realizzata dagli organizzatori della fiera in collaborazione con il team della Certificazione Etica VeganOK, con VeganOK TG News, primo telegiornale vegan d’Italia, e con il patrocinio di Assovegan – Associazione Vegani Italiani Onlus. Un’area pensata da persone che hanno fatto la scelta vegan e che hanno a cuore la diffusione di questa esperienza etica e di tutto ciò che riguarda il rispetto della vita di ogni essere vivente. Abbigliamento, alimentazione, cosmesi e igiene, ma anche integratori e prodotti per la salute, tutti rigorosamente vegani, saranno presenti all’interno dell’area VeganOK EXPO, uno spazio pensato per le esigenze di chi, oggi sempre più numerosi, fa dello stile vegan il proprio stile di vita. La fiera ospiterà anche un ricco programma di eventi, workshop e attività curato da Assovegan. Le aziende e le realtà vegan che vogliono partecipare possono trovare tutte le informazioni sul sito www.falacosagiustaumbria.it

UMBRIA: Fiera del mondo naturale e Vegan!

Da venerdì 2 a domenica 4 Ottobre 2015 nel cuore verde d’Italia, l’Umbria, apre i battenti “FA' LA COSA GIUSTA UMBRIA”, alla sua seconda edizione nel centro fieristico di Bastia Umbra (PG).

Dalla collaborazione tra VeganOK Network, Associazione Vegani Italiani Onlus e Fa’ la cosa giusta, la fiera del consumo consapevole e degli stili di vita sostenibili, giunta alla seconda edizione, torna a svolgersi il VeganOK EXPO, un evento già alla sua ottava edizione, un’area pensata da persone vegan che hanno a cuore la diffusione di questa scelta etica e di tutto ciò che riguarda il rispetto della vita di ogni essere vivente.

Il 2-3-4 Ottobre 2015, presso il centro espositivo di Umbriafiere a Bastia Umbra (PG) ci sarà un’altra grande occasione per sensibilizzare, informare e indirizzare verso una scelta di vita Vegan.

Un’importante iniziativa realizzata dagli organizzatori della fiera in collaborazione con il team della Certificazione Etica VeganOK, con VeganOK TG News, primo telegiornale Vegan d’Italia, e con il patrocinio di Associazione Vegani Italiani Onlus. Un grande spazio pensato per chi ha uno stile di vita Vegan e per chi si vuole avvicinare ad esso: abbigliamento, alimentazione, cosmesi, igiene, ma anche integratori e prodotti per la salute, tutti rigorosamente vegani, saranno presenti all’interno dell’area VeganOK EXPO.

VeganOK EXPO avrà anche un ricco programma di eventi, workshop e attività curato dai volontari di Associazione Vegani Italiani Onlus.

I volontari di Associazione Vegani Italiani Onlus e il team di VeganOK Network saranno a disposizione dei visitatori per rispondere alle domande e fare chiarezza e corretta informazione su tutto ciò che riguarda la scelta Vegan da un punto di vista etico e nutrizionale, sui corsi in programma e su tutte le novità rilevanti di questo mondo in così forte evoluzione.

Città Di Castello: FESTIVAL DELLE NAZIONI 48ma edizione, OMAGGIO ALL’AUSTRIA, il programma

 

FESTIVAL DELLE NAZIONI

48ma edizione

OMAGGIO ALL’AUSTRIA

Città di Castello (Perugia)

dal 25 agosto al 5 settembre 2015

La musica austriaca da Mozart agli Strauss; il fervore culturale che accompagnò la disgregazione politica dell’Impero austro-ungarico; il primo conflitto mondiale, a cento anni dall’entrata in guerra dell’Italia, nella dimensione europea ma anche in quella vicina dell’Umbria, una delle Regioni più ricche d’Italia per storia e cultura. Sono solo alcune delle molteplici prospettive culturali che animeranno la 48ma edizione del Festival delle Nazioni nei quindici concerti ed eventi del cartellone principale in programma dal 25 agosto al 5 settembre a Città di Castello e nell’Alta Valle del Tevere.

Sotto il segno dell’Austria, la nazione ospite del 2015, il Festival conferma l’attenzione per il repertorio ma anche per la più stringente contemporaneità con nuove produzioni, prime esecuzioni assolute e con la presenza di giovani talenti accanto agli artisti di prestigio internazionale.

E se da sempre il Festival si distingue nel dialogo tra musica e arte, programmando i concerti nei luoghi artistici più affascinanti del territorio, nel 2015 questo dialogo si farà ancora più intenso con l’omaggio all’arte di Alberto Burri, nel centenario della nascita, da parte di due grandi maestri dei nostri giorni, Salvatore Sciarrino e Virgilio Sieni.

 

Spoleto Arte incontra Venezia: si apre la grande mostra presentata da Sgarbi sabato 8 ottobre 2016 a Palazzo Giustinian Faccanon

Spoleto Arte incontra Venezia

Spoleto Arte incontra Venezia: si apre la grande mostra presentata da Sgarbi

Spoleto Arte incontra Venezia: imminente inaugurazione della mostra presentata dal Prof. Sgarbi . Spoleto Arte incontra Venezia: grande attesa per la mostra presentata da Sgarbi

È ormai imminente l'apertura ufficiale della grande mostra di "Spoleto Arte incontra Venezia" presentata dal noto critico Vittorio Sgarbi, con l'organizzazione di Salvo Nugnes, manager della cultura e agente di nomi di spicco. L'atteso appuntamento inaugurale, che si rinnova ogni anno con successo di pubblico e forte risonanza mediatica, è previsto per sabato 8 ottobre, alle ore 18.00, presso il secolare Palazzo Giustinian Faccanon a Venezia, nella Zona di Rialto, conosciuto come la prima sede storica del famoso giornale "Il Gazzettino". L'allestimento resterà in loco fino al 7 novembre 2016 ed è visitabile con ingresso libero. 

Nello spiegare e commentare l'importante evento, l'organizzatore Salvo Nugnes dice: "Anche l'edizione 2016 di -Spoleto Arte incontra Venezia- vede l'autorevole presenza di Sgarbi, garantendo un valore aggiunto e dando lustro all'intera iniziativa, che ormai è diventata una tappa fissa, a cui teniamo con particolare premura. Venezia è un luogo speciale, che tutto il mondo ammira con stupore per la sua bellezza misteriosa e il fascino coinvolgente. È dunque, un contesto adattissimo per accogliere e ospitare questa mostra". 

IL FESTIVAL DELLE NAZIONI CHIUDE ANCORA IN CRESCITA

IL FESTIVAL DELLE NAZIONI  CHIUDE ANCORA IN CRESCITA

Si è svolta questa mattina la conferenza stampa di chiusura della 49a edizione del Festival delle Nazioni di Città di Castello, alla quale sono intervenuti Fernanda Cecchini Assessore alla cultura della Regione Umbria, Luciano Bacchetta Sindaco di Città di Castello, Michele Bettarelli Vicesindaco Assessore alle politiche culturali del Comune di Città di Castello, Giuliano Giubilei Presidente del Festival delle Nazioni, Aldo Sisillo Direttore artistico del Festival delle Nazioni, Roberto De Lellis Direttore organizzativo del Festival delle Nazioni.

L’IMPEGNO DEL FESTIVAL DELLE NAZIONI IN SOSTEGNO DEI TERREMOTATI DEL CENTRO ITALIA

Terremoto, ancora paura nel centro Italia: scosse in provincia di Perugia e Ancona

Due scosse, la più forte di 4.3, sono state avvertite nella notte e all'alba anche a Rieti e Macerata. Il sindaco di Norcia: "Piccoli crolli sulle mura antiche della città". Nella notte arrestati due sciacalli all'opera nel campo Rio di Acquasanta Terme (Ascoli Piceno)

ROMA - La terra continua a tremare nel Centro Italia. Una scossa di terremoto di magnitudo 4.3 è stata registrata alle 3:34 di questa notte in provincia di Perugia, ad una profondità di 11 chilometri. Il sisma è stato avvertito anche a Rieti e Macerata oltre che Foligno e nella zona del Perugino. Una seconda scossa da 3.0 è stata registrata sempre a Perugia alle 5.19, profondità 8 km. Poi, una nuova scossa piuttosto forte, di 4.5, è stata avvertita poco dopo le 12:15 nelle Marche, nella zona di Macerata, tra Pontegallo e Castelmonaco sul Nera. È stata avvertita anche ad Ancona. Sono in corso controlli. Numerose le telefonate giunte ai vigili del fuoco del capoluogo.

Il sisma è stato avvertito anche ad Accumoli, proprio mentre sotto il tendone del campo sfollati il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, il commissario VascocErrani e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti stavano dando comunicazioni alla popolazione.

Paura a Norcia. La scossa delle 3:34 di questa notte è stata chiaramente avvertita dalla popolazione nella zona di Norcia, in provincia di Perugia, e molte persone sono scese in strada per la paura, ma al momento non risultano feriti. Lo riferisce il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, precisando che vi sarebbero stati dei piccoli crolli sulle mura antiche della città e in altri punti già danneggiati dalle precedenti scosse. Verifiche più approfondite saranno svolte nella mattinata. Altre scosse di minore intesità sono poi state registrate sempre nella zona di Perugia e Ascoli Piceno.

Joachim Jousse dirige ORT in concerto di chiusura del Festival delle Nazioni Città di Castello, Chiesa di San Domenico

JOACHIM JOUSSE DIRIGE IL CONCERTO DI CHIUSURA DELLA 49A EDIZIONE DEL FESTIVAL DELLE NAZIONI

Città di Castello, Chiesa di San Domenico sabato 3 settembre 2016 ore 21

Joachim Jousse dirigerà il concerto finale della 49a edizione del Festival delle Nazioni dedicata alla Francia. Il maestro francese, riconosciuto come uno dei direttori più brillanti della sua generazione, sarà alla testa dell’Orchestra della Toscana nell’evento conclusivo della rassegna, che avrà luogo sabato 3 settembre ore 21 nella Chiesa di San Domenico di Città di Castello. Il programma è ricco e prevede una carrellata di musiche operistiche che testimoniano la fascinazione che anche i compositori di musica ‘colta’ della madrepatria subirono nei confronti di quelle sonorità orientali ed esotiche giunte dalle colonie, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. Il concerto si aprirà con il Bacchanale da Samson et Dalila di Camille Saint-Saëns, seguito da l’Invitation à la danse e Entracte da Lakmé di Léo Delibes, Le Festin de l’araignée op. 17 di Albert Roussel e l’Ouverture da Benvenuto Cellini di Hector Berlioz. Nella seconda parte, l’Ouverture dall’Aida di Giuseppe Verdi, la Méditation dalla Thaïs di Jules Massenet e una selezione di estratti dalle Suite n. 1 e n. 2 della Carmen di Georges Bizet.

ANIMALI, PROPOSTA SHOCK DEL CONSIGLIERE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA, CAROCCI

ANIMALI, PROPOSTA SHOCK DEL CONSIGLIERE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA, CAROCCI: “SOPPRESSIONI AGEVOLATE SE FIDO È DI TROPPO”.

LAV: “ILLEGALE E RIPROVEVOLE, CONTINUEREMO A PERSEGUIRE NEI TRIBUNALI SIMILI EFFERATEZZE”

La LAV ha dato mandato al proprio Ufficio legale di valutare le azioni da intraprendere nei confronti del consigliere della Provincia di Perugia Giancarlo Carocci che, illustrando la sua personale ricetta per contrastare abbandono e randagismo, ha affermato che “bisognerebbe dare la possibilità a un proprietario di sopprimere il cane in modo legale, per esempio con una puntura”.

Tale “metodo” secondo Carocci, contribuirebbe a limitare, quando non a annullare, abbandoni e maltrattamenti da parte di chi, stanco del proprio animale, volesse disfarsene e che oggi si vedrebbe “costretto” ad agire in modo illegale, abbandonando, uccidendo o facendo uccidere il cane o il gatto che non vuole più tenere.

Al di là delle risposte su questa proposta, va sottolineato un argomento risolutivo che deve essere inteso come scoraggiamento per chiunque abbia l'infelice idea di seguire proposte di questo tipo: due dirigenti veterinari in Abruzzo sono stati condannati in primo e secondo grado a due mesi e dieci giorni di reclusione per aver ucciso senza necessità con una iniezione nove cuccioli trovati per strada”, dichiara Maurizio Santoloci, Direttore dell’Ufficio legale della LAV.

FRANCESCANI: AD ASSISI CAPITOLO E CONFRONTO

(ansa.it) ASSISI (PERUGIA) - "C'é l'aspetto della festa e quello del sentimento", come ha sottolineato il direttore della sala stampa del Sacro convento, padre Enzo Fortunato, ma è soprattutto un momento di confronto e di "profondo rinnovamento", a partire dalla Regola di San Francesco, che celebra quest'anno il suo ottavo centenario: le quattro famiglie francescane, con 2.000 frati a rappresentarle, si riuniscono fino a sabato prossimo ad Assisi, nel Capitolo internazionale delle stuoie.

E' il primo evento del genere nella storia del francescanesimo, da quando, nel 1221, lo stesso san Francesco convocò 5.000 frati, che dormirono sulle stuoie. Da stamani stanno arrivando ad Assisi delegati da tutto il mondo, anche da Vietnam, Corea del Nord e Nuova Guinea. Saranno complessivamente 65 le nazioni rappresentate. Sono anche presenti rappresentanti del francescanesimo delle altre confessioni cristiane.

A tutti i frati presenti sarà concessa l'indulgenza plenaria. Per l'occasione, il Comune ha allestito una grande tensostruttura accanto alla Basilica di Santa Maria degli Angeli. Quattro le lingue ufficiali del Capitolo: italiano, inglese, spagnolo e polacco. Ad aprire il meeting, oggi pomeriggio, è stato padre Raniero Cantalamessa, predicatore apostolico della Santa sede, preceduto dai saluti di padre José Rodriguez Carballo, presidente di turno della Conferenza dei ministri generali del Primo Ordine francescano e del Terzo Ordine Regolare.

Urbino: festival dei blog

Internet: Giochi Olimpici dei Blogger a Urbino Dal 10 al 12 ottobre, nell'ambito del Festival dei Blog 2008

(ANSA) - URBINO, 3 OTT - Urbino ospitera' dal 10 al 12 ottobre la prima edizione dei Giochi Olimpici dei Blogger, nell'ambito del Festival dei Blog 'Conversazioni dal Basso '08'. Protagonisti dell'olimpiade tecnologica gli appassionati della blogosfera, alle prese con specialita' che richiedono capacita' di fare rete sociale e di muoversi nello spazio urbano. Divisi in dieci squadre da quattro giocatori, i blogger si sfideranno nel triathlon blogger, microblogging on/off line e nella corsa al post(-it). Informazioni su www.festivaldeiblog.it.

CARLO CEGO A SPOLETO

Carlo Cego

Alla Galleria Civica d'arte moderna di Spoleto

Carlo Cego
astrazione geometrica e dimensione poetica

 

E' stata inaugurata sabato 31 maggio 2008 alle ore 18 e sarà visitabile fino al 29 giugno nelle sale espositive della Galleria Civica d'Arte Moderna di Spoleto (Palazzo Collicola), la mostra Carlo Cego (1939 - 2003): circa cento opere nella più completa retrospettiva mai dedicata all'artista, a cura di Martina Corgnati. L'evento, è promosso dal Comune di Spoleto in collaborazione con la Galleria Civica d'Arte Moderna.

Astrazione geometrica e dimensione poetica si coniugano nella pittura di Carlo Cego artista nato a Valdagno il 10 luglio 1939 ma vissuto a Roma dal 1947 al 1966.

250 euro a chi adotta un cane

Spello (PG): Proposta dalla campagna "Adotta un cane" per incentivare le adozioni

(lastampa.it) Spello (Perugia) Un contributo di 250 euro per chi adotta un cane. Lo elargirà l'ammistrazione comunale di Spello che ha lanciato la campagna «Adotta un cane», contraddistinta dallo slogan 'Non più soli come canì. Protagonisti cani di varia taglia, accolti nel canile convenzionato con l'amministrazione, sani e vaccinati. Chi deciderà di prenderne in affidamento uno (qualunque informazione in merito viene fornita dalla polizia municipale) avrà un incentivo una tantum di 250 euro quale contributo per l'acquisto di alimenti o assistenza veterinaria (corrisposto dopo 60 giorni dall'adozione, e dopo che l'organo competente avrà valutato e verificato lo stato di salute e di benessere dell'animale).

«Questa iniziativa riveste un importante valore sociale ed umano - spiega l'amministrazione comunale - in quanto gli animali sono desiderosi di esprimere affetto e protezione ad un nuovo padrone e la loro compagnia giova al benessere ed all'umore dell'uomo, inoltre si genererà un risparmio sulle spese che dobbiamo sostenere sovvenzionando il canile, notevolmente superiori rispetto alla quota una tantum che verseremo nel caso delle adozioni. In caso di esito positivo dell'iniziativa anche il bilancio comunale avrebbe un evidente sgravio».

PERUGIA ASSISI IL GIORNO DOPO - UNA MARCIA LUNGA AMPIA E POPLARE

In 200 mila in marcia da Perugia ad Assisi
UNA MARCIA LUNGA AMPIA E POPOLARE

Il commento del giorno dopo di Flavio Lotti e Grazia Bellini

8 ottobre 2007 - I coordinatori della Tavola della pace hanno commentato su www.perlapace.it la marcia per la pace Perugia-Assisi svolta ieri con la partecipazione di 200 mila persone.

"I primi ad essere stati sorpresi siamo stati noi che l´abbiamo organizzata. E´ vero che le adesioni raccolte dalla Tavola della pace e dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani avevano battuto ogni record. Ma alcune potevano essere solo adesioni di carta. E invece di gente ne è venuta davvero tanta. Forse più dell´ultima volta. Nonostante il maltempo e le previsioni che annunciavano una domenica di pioggia.

Qualcuno ha scritto che la marcia di domenica è stata la più bella di tutte le Perugia-Assisi. Difficile dirlo. E´ stata una marcia popolare. Un fiume di gente che si è ingrossato lungo la strada fino a riempirne un tratto di quindici chilometri. Moltissimi giovani e giovanissimi, molte famiglie, molte mamme con i loro figli in braccio. Poche bandiere di partito e di organizzazione. Ma tanta, tanta gente, sparsa un po´ lungo tutto il tragitto fin su alla Rocca Maggiore di Assisi.

MARCIA PACE, DA PERUGIA AD ASSISI PER DIRITTI A TUTTI

Claudio Sebastiani

(ansa.it) ASSISI (PERUGIA) - In marcia per i diritti dei monaci nella ex Birmania e per quello alla legalità rivendicato dai parenti delle vittime della mafia, per ricordare la giornalista Anna Politkovskaia e per riportare alla ribalta storie locali come quella della discarica di Acerra: in 200 mila - la stima è degli organizzatori - hanno marciato domenica da Perugia ad Assisi per chiedere "Tutti i diritti umani per tutti".

Uno slogan che ciascuno ha interpretato a modo suo. Portando quasi tutti un segno rosso come segno di vicinanza alla lotta condotta nella ex Birmania dal premio Nobel Aung San Suu Kyi e dai monaci. Con indosso una maglietta realizzata per l'occasione da un gruppo organizzato proveniente da Marsala o dedicando al sindacato e al governo clandestino del Myanmar la sua presenza, come ha fatto il leader della Cisl Raffaele Bonanni.

ASSISI MANIFESTAZIONE DEI DIRITTI UMANI PER TUTTI

ASSISI LA MANIFESTAZIONE DEI DIRITTI UMANI PER TUTTI

Nella giornata dei diritti umani per tutti, che si celebra oggi ad Assisi, con la partecipazione di decine di migliaia di persone, se vuoi prendere consapevolezza dei diritti umani tuoi, nostri e di tutti, puoi farlo cliccando sulla stringa del diritto che scegli. Fallo e dillo ai tuoi amici di fare altrettanto.

Gianluca Albertini
- Movimento Antispecista

Diritti Umani: 5° - Nessuna Tortura
La Gioventù per i Diritti Umani Internazionali.
Durata: 01:03 Diritti Umani: 5° - Nessuna Tortura

Diritti Umani: 24° - Il Diritto di Giocare
La Gioventù per i Diritti Umani Internazionali.
Durata: 00:33 Diritti Umani: 24° - Il Diritto di Giocare

MARCIA DELLA PACE: IN MIGLIAIA PER DIRITTI UMANI

(ansa.it) PERUGIA - Una Perugia fredda e nuvolosa ha salutato la partenza della marcia della pace per Assisi. Qualche decina di migliaia di persone ha preso il via come da tradizione dall'arco di San Girolamo, per imboccare la lunga discesa verso Ponte San Giovanni e la pianura che porta alla città di San Francesco. Ventiquattro chilometri seguendo il percorso tracciato da Aldo Capitini per testimoniare la volontà di pace e, quest'anno, anche la necessità di difendere "tutti i diritti umani per tutti". Quasi in perfetto orario, poco dopo le nove, mentre le nubi cominciavano ad aprirsi a sprazzi di sereno, il mitico pulmino verde simbolo ambulante del pacifismo umbro ha aperto il corteo, seguito dai gonfaloni delle istituzioni italiane in ordine sparso, a rappresentare una geografia della buona volontà che trascende importanza e dimensioni. Fianco a fianco, i drappi della città di Ripatransone e della Regione Lombardia, di San Miniato e di Napoli, di Vallata e dell' Emilia Romagna. Più indietro, ma vistoso con il suo elegantissimo e famoso giglio, il gonfalone fiorentino. E fianco a fianco si avviano anche le fasce tricolori dei sindaci e gli scout in pantaloni corti, il ministro Pollastrini in scarpe da jogging e zainetto e una band di percussionisti africani. Pochi slogan, alla partenza, e forse meno che in passato le bandiere dei partiti, mentre tante sono quelle dei sindacati e dell'associazionismo.

Condividi contenuti