Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Nudi

Nudi

L’autoscatto di Anastasia Chernyavsky

L'autoscatto di Anastasia  Chernyavsky

Anastasia: “Sono abituata al pensiero distorto della massa sulle foto di nudo con donne e bambini. Io credo che se qualcuno ci vede qualcosa di sporco nelle mie foto lo è la sua percezione, non la mia fotografia. Se non si riconosce ciò che è arte da ciò che non lo è, non è certo colpa mia”.

Fonte Link: http://www.robadagrafici.net/la-foto-censurata-da-facebook-che-fa-il-giro-del-web/

La provocazione di Fischer

La provocazione di Fischer

Una modella completamente nuda: questa la trovata dell'eclettico Urs Fischer, per l'inaugurazione della mostra personale a Palazzo Grassi a Venezia "Madame Fisscher" (Afp)

GIORNALISMO E STORIA - IL NUDO MASCHILE NELLA FOTOGRAFIA

Brevissima storia del nudo maschile nella fotografia
(Giovannidallorto.com)
di: Giovanni Dall'Orto [1].

Wilhelm von Gloeden, Caino (ca. 1900).

(Nota: Wikipedia Commons contiene una galleria di foto di nudo antiche (almeno 70 anni) liberamente scaricabili).

Il nudo maschile ha fatto molta fatica ad essere accettato come forma legittima di espressione artistica nella storia della fotografia. Quando iniziò la prima fioritura della fotografia, tra il 1830 e il 1840, la sua funzione principale era considerata la produzione di ritratti degli individui: ciò che fino ad allora era stato possibile solo ai nobili, divenne alla portata di tutte le classi sociali.

I fotografi percepirono però l'esistenza di un mercato emergente al di fuori del ritratto. Nacque così il commercio di fotografie che ritraevano oggetti, case, strade, paesaggi e, finalmente, nudi.

Secondo David Leddick, curatore del libro The male nude (1999), la società impose inizialmente la commercializzazione esclusiva della fotografia di nudi femminili, anche con fini erotici per quanto camuffati sotto una patina "artistica".

Spencer Tunick, il nudo senza sensualità

Le sue non sono semplici fotografie in posa, ma complesse installazioni con cui vuole celebrare la bellezza artistica della pura nudità

Pubblicato il 03/05/10 in Cronaca|spencer tunick, fotografia, nudo, opera d'arte, persone

(notizie.virgilio.it)

Corpi nudi, natura e libertà by Charles Nevols

pubblicato: giovedì 29 aprile 2010 da Rekla


Quando la nudità femminile, la bellezza di un corpo perfetto si fonde con la nuda roccia, con la natura libera e selvaggia ma soprattutto con la maestria di un gran fotografo, il risultato è questo splendido photoshoot esattamente sulla linea di confine che separa l'artistico dall'erotico. Si tratta di Charles Nevols, americano, originario di San Francisco: l'erotismo è la sua passione, l'arte una sua filosofia di vità.

L'ennesimo topless di Vikki blows per Loaded

pubblicato: mercoledì 28 aprile 2010 da Rekla 


(softblog.it/post) Vikki Blows la conosciamo più che bene(mai vista vestita...) e la sua tattica del "vendere" le sue forme per le riviste inglesi in cambio di tanto denaro pare non si sia ancora arrestata. Eccola infatti per Loaded in forma come sempre nelle foto che continuano dopo il salto!

Michelle Hunziker super sexy in copertina per GQ Germania

Spettacolo,DonneGossip,Moda
(
asylumitalia.it) "Mi piace essere seguita per la mia simpatia" ha dichiarato Michelle Hunziker di recente in un'intervista. E non c'è che dire, la biondina elvetica ci è davvero molto simpatica... soprattutto quando si spoglia per posare in copertina su Gq.

Sensuale e intrigante come da molto non la vedevamo, eccola coperta solo da un candido lenzuolo bianco in stile Tic Tac, ma anche seminuda in vasca da bagno (trovate la foto nella galleria qui sotto... e diteci se non vi ricorda un altra bella donna di nostra conoscenza).

Purtroppo a godersi questo bendidìo non siamo noi direttamente, ma i nostri cugini di Crande Cermania che, oltre a vederla nella trasmissione Wetten, Das...?, troveranno Michelle in copertina nell'edizione tedesca della rivista. E si beccano pure un mezzo complimento dall'ex moglie di Eros Ramazzotti: "Gli uomini tedeschi? Li trovo super". Non sa quello che dice. Consolatevi guardando qui sotto alcune immagini hot dal servizio per GQ e pensando che in fondo, fosse stata l'edizione francese, avrebbe detto lo stesso di quei formaggioni dei parigini.

Anna Falchi come Bar, su Maxim in copertina vestita di... parole

Donne, StileMaxim quasi come Esquire, Anna Falchi quasi come Bar Refaeli.

(asylumitalia.it) Vi ricordate quella sventola della fidanzata di Leonardo Di Caprio in copertina con niente altro addosso se non qualche frase dell'ultimo romanzo di Stephen King - Morality - scritta sul corpo? Il libro più sexy che abbiamo mai letto, come dimenticarlo.

Ecco allora che, dopo Melissa Satta su Sports Illustrated, il bodypainting sbarca anche sulle copertine nostrane e in particolare su Maxim, dove a vestirsi di inchiostro e poesia è la nordica bellezza di Anna Falchi.

Se vi concentrate bene sulle parole tralasciando per un momento gli elementi più interessanti dell'immagine, riuscirete a leggere "Il profumo della mia vita è il profumo della libertà", mentre sul retro abbiamo un "Io sono mia e anche di chi mi ama". Eccovi qui sotto alcune immagini della bionda soubrette finlandese (ora anche produttrice), buona lettura!

Melissa Satta posa tutta nuda, bodypainting su Sport Illustrated

Spettacolo, Donne, Gossip, Moda
(asylumitalia.it)
Non c'è solo quella sventola di Brooklyn Dereck a mostrare le sue grazie sulle pagine di Sports Illustrated Swimsuit Edition 2010. C'è anche una bellezza nostrana, che sarà stata pure scartata come angelo di Victoria's Secret, ma ha fatto bingo sulla rivista "sportiva" più sexy dell'universo. Melissa Satta!

L'ex velina sta facendo girare la testa agli americani (e non solo!), ai quali si mostra completamente nuda in pose ammicanti vestita solo di bodypainting. E di colore non ne hanno sprecato troppo, dipinta addosso alla fidanzata di Bobo Vieri solo una micromaglietta... naturalmente azzurra.

E anche l'inno di Mameli, che apre il video del backstage, ci fa sentire molto, molto patriottici... Eccolo qui sotto, insieme a qualche scatto interessante.

Ecco "The New Burlesque", arte e seduzione in mostra a Milano

10 - 03 - 2010
Scritto da Carlo Rame (asylumitalia.it)

 Spettacolo, Donne, Stile

Per voi amanti dell'arte ma soprattutto delle donne discinte e ammiccanti, avete ancora pochi giorni per visitare la mostra "The New Burlesque" del fotografo Cesare Cicardini dedicata alle stelle dello spogliarello "teatrale".

Per una volta, infatti, la seduzione del burlesque non è appannaggio dei nostri colleghi americani. Alla Mc2 Gallery di Milano troverete fino al 13 marzo una in fila all'altra le stelle della nuova scena americana del neo-burlesque, che abbiamo apprezzato addirittura sul palco di Sanremo con Dita Von Teese.

"Lo spettacolo della seduzione - racconta l'artista - dove il successo non è dettato dalla bellezza, ma dalla capacità di affascinare, di creare il gioco, l'atmosfera, la sorpresa. Le burlesque dancers si mettono in gioco in prima persona, nulla è seriale, finto o scontato, tutto è originale e personale". E soprattutto... sexy! Eccovi dunque un piccolo seducente assaggio delle immagini di queste adorabili fanciulle, immortalate giusto pochi istanti prima di salire sul palco per le loro performance.

Non solo donne nude per Peta: contro le pellicce si spoglia il rocker Dave Navarro

pubblicato: venerdì 05 marzo 2010 da missunderstanding in: Animali Persone

dave navarro peta

(ecoblog.it) Dopo aver deliziato gli occhi dei nostri lettori con le donne nude di Peta, famose testimonial che si sono spogliate contro i maltrattamenti sugli animali, oggi deliziamo le nostre lettrici. Il rocker Dave Navarro aderisce alla causa e si spoglia anche lui contro l'uso delle pellicce.

Navarro, chitarrista dei Jane's Addiction ha dichiarato di aver usato in passato pellicce per alcuni dei suoi costumi di scena, ma di aver smesso di portare una pelliccia per lavoro o per vezzo personale dopo aver visto un video in cui animali da pelliccia venivano spellati vivi.

Per il rocker, intervistato da Peta, ognuno può dare il proprio contributo per proteggere e difendere gli animali: basta non indossare pellicce e rifiutarsi di acquistare qualsiasi prodotto che sia stato testato sugli animali o la cui produzione abbia comportato torture o trattamenti brutali sugli animali.

L'erotismo del corpo maschile. Gli scatti di Giovanni Fersen

pubblicato: venerdì 22 gennaio 2010 da Robo in: Arte e cultura Hot but soft

L'erotismo del corpo maschile. Gli scatti di Giovanni Fersen

(queerblog.it) Il corpo maschile racchiude in sé le più svariate forme della natura, ma queste forme necessitano di un occhio curioso e attento per poter essere svelate nel loro mistero. Il mix vincente credo sia il suo impatto a livello erotico non propriamente fine a se stesso, ma inteso come mezzo di una comunicazione che può essere estetica o basarsi su altre forme espressive.

Così ci dice Giovanni Fersen che, tramite le immagini, sta compiendo un percorso di approfondimento della bellezza del corpo maschile e, al contempo, di se stesso:

Attiviste sexy, si spogliano per salvare gli animali

per salvare gli animali

clicca e vedi le foto:

Go vegetarian

Go vegetarian

(asylumitalia.it) Due attiviste del gruppo People For the Ethical Treatment of Animals (Peta) mostrano il loro completino vegetale davanti a Taipei 101, il più grande grattacielo del mondo, invitando la gente a diventare vegetariana. "Gira una nuova foglia" è l'invito, se sono quelle del tuo costumino molto volentieri.

Melita Toniolo si spoglia sull'edizione inglese di Fhm

Spettacolo, Donne, Gallerie

(asylumitalia.it  7/01/2010
) "Bellissima!", l'aggettivo made in Italy campeggia sulle pagine del numero di febbraio dell'edizione inglese di Fhm, scorrendo sinuoso lungo i fianchi di... Melita Toniolo!

La bella ex gieffina, infatti, è sbarcata oltremanica e i sudditi di sua Maestà si sono imparati anche i superlativi per descrivere le procaci virtù della Diavolita. Lingerie nera e trucco pesante, mettono in risalto i suoi occhioni da cerbiatta, le labbra carnose e le poppe strabordanti che ben conosciamo.

Ma Melita ai maschioni d'Albione non fa mancare un topless velato e qualche dichiarazione piccante. "In Italia una donna come me è più pericolosa di un'arma da fuoco". Spara, Melita! (Se non visualizzate la galleria qui sotto cliccate qui)

Ars Homo Erotica: mostra di arte omoerotica al Museo Nazionale di Varsavia

pubblicato: venerdì 08 gennaio 2010 da Robo in: Arte e cultura Mondo

Ars Homo Erotica: mostra di arte omoerotica al Museo Nazionale di Varsavia(queerblog.it) Il prossimo mese di giugno si terrà in Polonia, presso il Museo Nazionale di Varsavia, la prima mostra d'arte omoerotica in territorio polacco. L'idea è quella di stimolare la società al dibattito sui diritti dei gay. Titolo della mostra sarà Ars Homo Erotica e vedrà esposte circa duecento opere dai vasi greci con scene omosessuali fino ai lavori delle avanguardie. Già solo l'annuncio della mostra ha provocato dei malumori e molti polacchi si sono chiesti se sia il caso di ospitare una mostra del genere in un museo nazionale; per Pawel Leszkowicz:

"Non si tratta di una provocazione, ma di una mostra storica e tutto l'interesse mostrato fin da ora è la migliore promozione che si possa fare, anche se quanti invocano la censura si stanno dando da fare. Purtroppo, sebbene il tema dell'omosessualità sia ricorrente nell'arte e nella cultura dagli anni ‘70 del secolo scorso, in Polonia ancora ci sono molte proteste in merito".

È fonte di speranza, comunque, vedere come ci siano persone che si adoperino per far conoscere la realtà omosessuale in contesti fortemente omofobici.

Foto | Giovanni Dall'Orto

 

Il nudo maschile di Stefano Campitelli

pubblicato: nel 2009 da Robo in: Arte e cultura

Il nudo maschile di Stefano Campitelli

(qeeerblog.it) Diverse volte su Queerblog abbiamo intervistato artisti che trattano il nudo maschile. Il nudo maschile occupa un posto di rilievo nell'opera di Stefano Campitelli che dipinge utilizzando diverse tecniche (pittura ad olio, acquarello, disegno e anche acquaforte, acquatinta e cera molle) con il quale oggi ci intratteniamo un po'.

Da dove nasce la tua passione per il nudo maschile?
La mia passione per il nudo nasce prima di tutto dalla passione per il disegno e la pittura in generale. La rappresentazione del nudo forse per me è un modo per sondare l'essere umano, il mistero della vita, l'energia, la bellezza.

Quale parte del corpo maschile ti piace rappresentare di più e perché
Non c'è in realtà una parte del corpo che mi piace rappresentare di più, nelle mie opere, come per esempio la serie dei Frammenti, ho scomposto e ricomposto molte parti del corpo in diverse posizioni e movimenti.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti